Verona
2
Bologna
1
fine
(1-1)
Bienne
2
Zurigo
3
fine
(1-0 : 0-1 : 1-1 : 0-0 : 0-1)
leonardi-lascia-airolo-necessari-massicci-investimenti
Giovanni Leonardi, da cinque anni e mezzo presidente del Cda della Valbianca Sa (Ti-Press)
+8
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
3 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
4 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
4 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
5 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
5 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
5 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
6 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
6 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
6 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
6 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
6 ore

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
7 ore

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
7 ore

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
7 ore

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
Luganese
7 ore

Lugano, Ignazio Cassis in visita ai pazienti Covid-19

Il presidente della Confederazione si è recato all’Ospedale regionale dove ha ringraziato tutto il personale sanitario per l’enorme impegno
Luganese
8 ore

In leggera flessione gli abitanti di Capriasca

Il 31 dicembre scorso il Comune contava 6’829 abitanti, ossia 26 in meno di un anno prima. Il quartiere più popolato resta Tesserete, seguito da Lugaggia
Mendrisiotto
8 ore

Chiasso, ‘la mascherina a ricreazione è necessaria’

Il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd. ‘Creati momenti ad hoc dove è possibile abbassarla in sicurezza’
Ticino
8 ore

‘6mila franchi per gli infermieri e più imposte per i ricchi’

Il Movimento per il socialismo presenta 14 emendamenti al Preventivo 2022. Sergi: ‘La nostra visione opposta a quella neoliberale di tutto il parlamento’
Bellinzonese
9 ore

‘Re dei ponteggi’, scendono da 15 a uno i milioni malversati

Permessi falsi, il caso si sgonfia: il terzo atto d’accusa cancella e derubrica vari reati della prima ora. La difesa chiede di annullare il procedimento
Grigioni
9 ore

Abbattuto un lupo in Surselva: ‘Era un pericolo per l’uomo’

La misura estrema è stata adottata dall’Ufficio caccia e pesca grigionese a seguito di ripetuti incontri ravvicinati tra l’esemplare e gli abitanti
 
14.04.2021 - 05:300
Aggiornamento : 17:25

Leonardi lascia Airolo: ‘Necessari massicci investimenti’

Appello del presidente (partente) della Valbianca Sa: ‘Per un vero salto di qualità, entro 15 anni rinnovare tutti gli impianti e potenziare gli hotel’

«Fase uno e fase due superate. Ora è giunto il momento di gettare le basi per la fase tre. Che è quella di pensare ad Airolo come la principale meta turistica invernale ed estiva dell’Alto Ticino, favorita dall’essere facilmente raggiungibile in auto, treno e bus e dal trovarsi ai piedi delle Alpi in un contesto geografico e paesaggistico invidiabile ma finora non sufficientemente apprezzato. Per riuscirci bisognerà lavorare su due assi principali fra loro comunicanti: il potenziamento delle infrastrutture alberghiere nell’Alta Leventina e il rinnovo e ampliamento degli impianti di risalita, la cui concessione federale scade nel 2037. Quindici anni di tempo. Tanti? È un lasso di tempo adeguato che va sfruttato adeguatamente dalla politica e dall’imprenditoria. Pena, lasciare l’Alta Leventina dov’è oggi, con un potenziale turistico inespresso. Sarebbe un peccato per le generazioni future». In una manciata di minuti al telefono l’industriale Giovanni Leonardi, presidente del Consiglio di amministrazione della Valbianca Sa che gestisce la stazione di Airolo-Pesciüm, i cui azionisti sono per l’80% il Comune di Airolo e per il 20% quello di Quinto, tratteggia la strada da seguire. «Reputiamo – dettaglia – che occorra impostare una strategia a lungo raggio e sufficientemente coraggiosa sfruttando le sinergie previste con il risanamento ambientale del fondovalle airolese che deriverà dalla parziale copertura del sedime autostradale nell’ambito dell’imminente realizzazione del secondo tunnel». 

‘Lascio il timone a nuove forze’

La strategia futura di Airolo-Pesciüm dovrà essere portata avanti dai vertici della Valbianca Sa che risulteranno massicciamente rinnovati in occasione della prossima assemblea annuale in agenda a giugno, quando i Legislativi di Airolo e Quinto usciti dalle urne il 18 aprile avranno designato i loro rappresentanti comunali (rispettivamente tre e due) per il canonico incarico quadriennale che segue la legislatura politica. Leonardi, presidente della Sa da cinque anni e mezzo, ritiene sia giunto il momento di lasciare il timone «a nuove forze che vorranno portare in questa bella realtà la necessaria dose di energia ed entusiasmo». Con lui di sicuro lascerà anche l’ex sindaco di Lugano Giorgio Giudici. Altre partenze dipenderanno dalle valutazioni che matureranno insieme alle autorità locali dopo le elezioni. Lo stesso direttore, Mauro Pini, sembra in attesa di presupposti concreti per venire a capo della sfida affidatagli dal Cda nel dicembre 2018: «Professionalmente parlando sono orientato alla progettualità – spiega brevemente alla ‘Regione’ – e non a dirigere una realtà che non miri a crescere e a raggiungere nuovi obiettivi. Penso ad Airolo-Pesciüm come a una struttura turistica che guarda da subito al domani, andando oltre alla pur necessaria manutenzione ricorrente degli impianti».

’La sola manutenzione regolale non basta’

La Valbianca Sa, creata nel 2009 dai due Comuni col sostegno finanziario della Città di Lugano che aveva messo metà del capitale iniziale, è passata dalla fase uno – aggiudicazione all’asta degli impianti che erano di Giovanni Frapolli per la vantaggiosissima cifra di 70mila franchi mentre erano stimati 7,73 milioni – alla fase due di consolidamento della stazione invernale con l’aggiunta di nuove piste per lo sci alpino e del centro nazionale di frestyle, il tutto completato da percorsi estivi per le mountain bike. «Ma il tempo passa – avverte Giovanni Leonardi – e la sola manutenzione regolare di funivia, seggiovie, ski-lift e delle infrastrutture d’accoglienza in generale, non può rappresentare il futuro di questo comprensorio. Con lungimiranza bisogna cogliere la sfida del rinnovo della concessione federale degli impianti a fune per sostituirli completamente e potenziarli. C’è spazio per aumentare l’attuale dislivello pari a circa 1300/1500 metri, magari guardando anche verso la Val Bedretto, e per collegare adeguatamente le piste alla stazione ferroviaria. Se penso in modo avveniristico ma concreto, immagino un impianto completo d’innevamento artificiale e un collegamento a fune con gondole che raggiunga le piste sia in inverno, sia in estate, partendo direttamente dalla stazione ferroviaria». 

‘Ci vorrebbero più imprenditori coraggiosi’

Una dotazione infrastrutturale che dovrebbe crescere di pari passo con quella alberghiera: «D’estate l’offerta di letti è già oggi satura. Perciò dico che nell’Alta Leventina ci vorrebbe una decina d'imprenditori ticinesi coraggiosi come quelli che nei tempi recenti hanno ritirato e ristrutturato l’hotel Forni di Airolo e alcuni B&B situati in paese. Sappiamo che la loro offerta è di qualità ed è gradita alla clientela estiva e invernale. Ma oltre ad essi e a poche altre piccole realtà già presenti, siamo sprovvisti di letti alberghieri accessibili a chi vorrebbe trascorrere qui le vacanze». Una mano ‘istituzionale’ arriverà dalla ‘ricucitura’ territoriale sopra l’autostrada, dove su una parte dei 200’000 nuovi metri quadrati che saranno ricavati il Comune intende pianificare l’insediamento di un albergo con ampia zona relax e wellness; inoltre, a cantiere concluso, l’hotel Alpina che ospiterà per dieci anni gli operai dovrebbe poter tornare al suo ruolo originale. «Se l’Alta Valle vuole restare sul mercato, se vuole giocare un ruolo di primo piano nell’offerta turistica ticinese, confido che vada in questa direzione, perché sappiamo bene cosa desiderano i turisti al giorno d’oggi e qual è l’offerta della concorrenza elvetica ed estera», annota Giovanni Leonardi citando anche il forte potenziale rappresentato da chi pratica lo sci-escursionismo, il ciclismo, la mountain bike, le ciaspole e mettiamoci pure lo sci nordico visto che sopra la ‘ricucitura’ è prevista un’apposita pista. «In estate e inverno abbiamo le montagne piene di gente. D’accordo, parliamo di una situazione favorita dalla pandemia che ha bloccato i viaggi all’estero – annota Leonardi – ma che ha avvicinato tantissime persone per la prima volta ad attività all’aria aperta svolte a stretto contatto col territorio locale. Invito a ragionare su questo dato di fatto».

Quanti milioni? ‘10 pochi, 100 forse troppi’

Il discorso è ovviamente politico, sottolinea il presidente della Valbianca Sa: «Qui la politica locale, leventinese e cantonale deve riuscire a fare quadrato, senza ovviamente dimenticare le piccole e le medie stazioni molto apprezzate e che completano l'offerta. Gli investimenti prevedibili per i soli impianti a fune di Pesciüm sono nell’ordine di svariate decine di milioni di franchi. Con 10 milioni non si va da nessuna parte e con 100 si farebbe addirittura concorrenza ad Andermatt. A ogni modo tutto dev’essere concatenato: non può esserci una potenziata offerta alberghiera senza una rinnovata offerta d'impianti, piste, sentieri pedestri e per mountain-bike; e il privato non può essere lasciato da solo sul mercato, senza un ente pubblico comunale e cantonale pronto a giocare il proprio ruolo fino in fondo». Le idee non mancano, molto dipenderà dalla volontà e dalla possibilità di investire ingenti risorse in grado di produrre ricadute non indifferenti per l’intera regione.

Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved