chiggiogna-luce-verde-al-risanamento-delle-infrastrutture
Il paese di Chiggiogna, frazione del Comune di Faido (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
2 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Mendrisiotto
2 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Ticino
9 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
12 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
12 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
12 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
12 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
31.03.2021 - 16:460
Aggiornamento : 01.04.2021 - 19:07

Chiggiogna, luce verde al risanamento delle infrastrutture

Approvato il credito di 2,5 milioni che oltre alla ristrutturazione di strade e canalizzazioni vuole valorizzare gli elementi storici e culturali del nucleo

Luce verde al credito di due milioni e mezzo di franchi per il risanamento delle infrastrutture del nucleo di Chiggiogna, frazione di Faido. La necessità di intervento, si legge nel messaggio municipale approvato dal Consiglio comunale, è legata allo stato precario del manto stradale, delle canalizzazioni e dell’acquedotto che non rispondono più alle attuali necessità. L’obiettivo è quello di sostituire tutte le infrastrutture che si trovano in cattivo stato e sistemare la zona d’intervento in modo decorso e funzionale al fine di garantire la viabilità e migliorare la vivibilità del comparto originario di Chiggiogna. Il progetto si sviluppa lungo il tracciato originale della prima strada cantonale (oggi chiamata Stradone vecchio) che attraversa il nucleo antico, dalla zona del ristorante “La Conca” fino alla cappella votiva nei pressi dell’ex passaggio a livello. Sullo stradone vecchio si prevede di ridurre il calibro della superficie destinata al traffico a 5,5 metri, tramite la posa di una fascia di cubotti posati ad arco lungo le fasce laterali della strada (cubotti che saranno posati anche nelle due piazze). Il comparto in questione, orientato prevalentemente all’insediamento, sarà marcato da due dossi di moderazione della velocità del traffico. Lungo la strada sono poi previsti altri due rialzamenti situati in corrispondenza della piazza di fronte alla Casa patriziale (dove sono ubicate le due fermate dei bus e l’isola ecologica) e della piazza di accesso alla chiesa di Santa Maria Assunta. Saranno toccate dai lavori anche le due vite laterali che salgono verso Fusnengo, fino al riale Froda. Dedotti i sussidi cantonali e della Confederazione, il costo totale a carico del Comune sarà di 1,72 milioni. 

L’intervento previsto dal Municipio va anche nella direzione di mantenere e valorizzare il più possibile gli elementi storici e culturali che nonostante la forte cesura creata dalla linea ferroviaria sono ancora presenti, in buono stato di conservazione. Il nucleo originario di Chiggiogna racchiude infatti elementi risalenti all'età del ferro, all'età romana e all'alto Medioevo barbarico. Vengono citati l'antica torre (costruzione ipotizzata nel 1'400) che sorgeva a ridosso della chiesa di Santa Maria Assunta, prima che venisse separata dalla linea ferroviaria del Gottardo nel 1882; la 'Casa dei Pagani', presunta fortezza risalente al XII o XII secolo; il toponimo di Taverna; un'antica cappella e alcune ville ottocentesche con giardini e muri di cinta protetti a livello pianificatorio. 

Approvate anche le altre trattante 

Il Consiglio comunale di Faido ha pure concesso 764mila franchi per l'attuazione di un Piano generale di smaltimento delle acque in zona Chinchengo, 1,5 milioni sotto forma di fideiussione a favore della Cooperativa elettrica di Faido e 112mila franchi per l'ammodernamento del sistema di automazione delle sottocentrali di riscaldamento degli edifici comunali allacciati alla rete di teleriscaldamento. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved