acquarossa-il-sun-village-per-dare-linfa-al-nara
Si punta a un'offerta sempre più orientata sulle quattro stagioni (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
9 min

Orari Fart, anche l’Astuti chiede il ritorno alla carta

Locarnese, stando all’associazione utenti dei trasporti pubblici sarebbe stata opportuna una transizione a tappe
Luganese
24 min

Caslano, ristrutturato l’ufficio postale

Creati nuovi spazi funzionali a riunire le prestazioni fisiche e quelle digitali rivolte alla consulenza e all’accompagnamento della clientela
Gallery
Bellinzonese
2 ore

Faido, riuscita la festa sportiva sul ghiaccio

Un successo la prima edizione del quadrangolare di hockey amatoriale voluto per animare un cartellone invernale orfano di carnevali e (per ora) di neve
Ticino
3 ore

Telefonate dai falsi poliziotti: una vittima nel Mendrisiotto

La Polizia cantonale riporta numerose segnalazioni di tentate truffe telefoniche volte a estorcere o sottrarre con l’inganno grosse somme alle vittime
Locarnese
4 ore

L’ambasciatrice di Polonia in visita a Losone

Le autorità comunali hanno accolto Iwona Kozłowska, per discutere delle celebrazioni degli 80 anni dalla costruzione della Strada dei polacchi
Locarnese
4 ore

Il semaforo del CO2: col rosso ‘scatta’ la ventilazione

In tutte le aule delle scuole comunali di Locarno posati i sensori che registrano il tenore dell’anidride carbonica
Locarnese
4 ore

Premio Dalcol 2021 all’associazione ‘Nella Casa del Padre mio’

L’associazione opera a favore della gioventù bisognosa in Ghana. A ritirare il riconoscimento è stato il medico dentista Luca Cheda con la moglie Adelia
Ticino
4 ore

In Ticino +14 pazienti Covid e nessun decesso. Contagi in calo

Continua per il quinto giorno di fila la diminuzione dei casi giornalieri. Due persone in meno in cure intense. 25 i positivi in casa anziani in 72 ore
Mendrisiotto
5 ore

Ente turistico e Football club Chiasso assieme per la regione

Collaborazione tra Ort Mendrisiotto e Basso Ceresio e la squadra di calcio per incrementare la promozione del territorio
Locarnese
9 ore

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Mendrisiotto
9 ore

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
9 ore

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
Ticino
17 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
19 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
20 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
20 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
Luganese
20 ore

Lugano, scazzottata tra due ventenni in piazza Dante

Dopo la lite nelle prime ore di oggi, un giovane finisce all’Ospedale Civico per un possibile trauma cranico. La polizia avvia accertamenti
Locarnese
20 ore

Locarno, conferenza su Francesco Chiesa e identità culturale

A proporla è il Lyceum Club Locarno, giovedì 27 gennaio alla Biblioteca cantonale, con la partecipazione del professor Ariele Morinini
Luganese
20 ore

Lugano, si adotti il label ‘VilleVerte Suisse’

Mozione dei Verdi chiede passi avanti: la certificazione avrebbe effetti benefici sul necessario aumento della biodiversità in città
 
23.03.2021 - 18:230

Acquarossa, il Sun Village per dare linfa al Nara

Sulla spinta del previsto centro turistico il Municipio intende avviare una studio per rilanciare il comprensorio e ampliare così l'offerta turistica

Il Municipio di Acquarossa crede fortemente nel centro turistico-alberghiero Sun Village. E sull'onda dell'entusiasmo di questo importante progetto intende darsi da fare per sviluppare altre offerte turistiche complementari e rendere così il territorio più attrattivo, permettendo così a una cerchia di turisti che si prevede sarà più ampia di godere di una vasta e variata scelta per quanto riguarda le attività di svago. Come prevedibile si è deciso di puntare sul Nara, tassello chiave di un'offerta che dovrà essere capace di estendersi in maniera più marcata sulle quattro stagioni (da questa sfida dipenderà anche la sopravvivenza degli impianti di risalita).

Diversi piani di rilancio mai messi in atto

Negli ultimi 30 anni si sono susseguiti diversi studi che hanno cercato di identificare tutte le potenzialità del comprensorio, fornendo spunti di riflessione interessanti ma che tuttavia non sono mai stati condensati in una proposta concreta. Ma ora, scrive il Municipio nel messaggio licenziato all'attenzione del Consiglio comunale, “lo sviluppo del progetto Sun Village infonde nuova fiducia e la sua realizzazione non può vederci impreparati”. Intravedendo il potenziale per un vero rilancio del Nara, in accordo con l’Ente regionale di sviluppo l'Esecutivo ha quindi previsto di affidare uno mandato di progettazione e consulenza (piano di indirizzo) allo studio Comal.ch di Arbedo-Bellinzona. “Un partner − viene sottolineato – che può vantare la giusta esperienza e conoscenza in ambito di nuove offerte di sviluppo socioeconomico, turistiche e sportive”. Per procedere con l'elaborazione del piano di indirizzo, l'Esecutivo chiede al Legislativo (seduta aggiornata il 13 aprile) di concedere un credito di 112mila franchi. 

Due fasi di lavoro

Dopo alcuni incontri con il Municipio – la cui visione è stata condivisa dalle commissioni Gestione e Nara del Consiglio comunale − i responsabili di Comal hanno allestito un’offerta di prestazioni suddivisa in due fasi. Se il Cc darà il via libera al credito, si inizierà con una prima fase dedicata all'elaborazione del piano d'indirizzo. Tra i vari passi che porteranno alla stesura del dossier vengono citati l'analisi tecnica e territoriale, le verifiche di fattibilità, il coinvolgimento degli attori privati e di ulteriori portatori d’interesse, l'elaborazione della visione di sviluppo e la sua condivisione con i principali partner (servizi comunali e cantonali, portatori d’interesse), l'identificazione e la quantificazione delle misure da attuare e la verifica della sostenibilità finanziaria (businessplan). A questa prima fase seguirà quella che andrà a elaborare il progetto definitivo, sempre coinvolgendo i portatori d'interessi così come il Centro di competenza mountain bike per l'identificazione dei percorsi ciclabili da realizzare a breve termine e in sinergia con altri progetti regionali e cantonali. Complessivamente le due fasi prevedono 790 ore di lavoro. L’Ente regionale di sviluppo sottoporrà la richiesta di finanziamento all’Ufficio cantonale dello sviluppo economico con l’obiettivo di ottenere il finanziamento massimo che la legge stabilisce nel 90% dei costi computabili.

'Mai un progetto di rilancio economico era giunto a questo stadio'

“Mai un progetto di rilancio economico era giunto a questo stadio, tanto che i contatti regolari con i promotori e la loro assunzione diretta del diritto di compera e delle consistenti spese di progettazione infondono molta fiducia sulla concretizzazione”, afferma l'Esecutivo a proposito del Sun Village. Lo scorso novembre, ricordiamo, gli investitori hanno inoltrato la domanda di costruzione per il piano di quartiere. Entro metà anno dovranno inoltrare la domanda di costruzione vera e propria per tutto il comparto. Imprevisti permettendo, la licenza edilizia dovrebbe arrivare entro il prossimo anno. L’inizio del cantiere sarebbe presumibilmente previsto nel 2023. Al momento il Municipio, sostenuto dalla commissione Terme, sta approfondendo con i promotori e con i Comuni di Blenio e Serravalle anche la possibilità di realizzare anche una piscina aperta al pubblico e alle scuole; la decisione di merito dovrebbe essere adottata entro la fine dell’anno. 

800mila franchi per un nuovo sistema di distacco artificiale delle valanghe 

Ma la valorizzazione del comprensorio del Nara passa anche dalla sicurezza. Ed è con un progetto che dovrà concretizzarsi in maniera più rapida rispetto al piano d'indirizzo che il Comune di Acquarossa - proprietario degli impianti di risalita - intende far fronte alla necessità di sostituire il sistema di distacco artificiale delle valanghe. Il metodo in funzione dal 1995 − che prevede il distacco artificiale con sistema fisso di lanciamine da 12 centimetri – non sarà infatti più autorizzato. Grazie allo studio all’ingegnere Conceprio, che si è avvalso della collaborazione dell’Istituto svizzero per lo studio della neve e delle valanghe (Slf) di Davos, si è giunti alla conclusione che il futuro sistema sarà composto da un sistema di distacco artificiale costituito da pali di sgancio dell’esplosivo comandati a distanza, al quale andrebbe aggiunto anche un sistema di monitoraggio in grado di verificare l’efficacia della detonazione. Il sistema proposto, spiega il Municipio, è un radar inferometrico in grado di registrare 24h/24 e con qualsiasi condizione meteo e in tempo reale tutti i movimenti del manto nevoso in un determinato raggio di azione. Per quanto riguarda invece la raccolta dati meteo e nivologici, verranno mantenute la stazione Imis della Bassa di Nara e la stazione vento posta sul Motto Crostel. 

Per questo intervento l'Esecutivo chiede al Consiglio comunale di concedere un credito di 820mila franchi. “La necessità di dover realizzare il tutto entro la fine di quest’anno ci impone di poter disporre del credito basandoci sul progetto di massima (+/- 20%)”, evidenzia l'Esecutivo, aggiungendo che al momento non sembrano esserci presupposti per un sostegno cantonale visto che ci si riferisce, oltre alla tutela di una struttura sportiva, alla salvaguardia di abitazioni secondarie. Le zona soggetta a potenziali pericoli di valanghe si estende dal monte Pascolo a sud fino al monte di Cassin Bèr a nord e scendono fino alle località tra il monte di Ör e Pusced. In questo comprensorio si trovano, oltre alle strutture della stazione invernale, 197 stabili composti da 172 rustici abitabili (situati in zona di pericolo oppure raggiungibili solo tramite accessi veicolari che attraversano la zona di pericolo) e 25 rustici non abitabili. 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved