Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
fine
(0-0)
Aarau
1
Xamax
1
fine
(0-1)
Langnau
4
Lugano
7
fine
(1-3 : 2-3 : 1-1)
Ginevra
3
Zurigo
0
fine
(2-0 : 0-0 : 1-0)
Friborgo
5
Bienne
3
fine
(2-0 : 2-2 : 1-1)
Zugo
11
Ajoie
0
fine
(2-0 : 3-0 : 6-0)
Davos
4
Berna
3
3. tempo
(2-0 : 1-2 : 1-1)
Visp
2
Turgovia
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
Olten
2
Zugo Academy
0
fine
(1-0 : 0-0 : 1-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
3. tempo
(2-0 : 0-1 : 0-0)
Ticino Rockets
1
Langenthal
8
3. tempo
(0-3 : 1-2 : 0-3)
Sierre
4
GCK Lions
2
3. tempo
(2-1 : 1-1 : 1-0)
rinnovo-del-pretorio-di-bellinzona-un-progetto-storico
Ecco come dovrebbe apparire nel 2025 a lavori conclusi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
16 min

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
2 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
2 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
2 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
3 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
3 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
4 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
4 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
4 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
Locarnese
5 ore

Agarone, interruzione di corrente ma non per tutti

Il 2 febbraio dalle 8.15 alle 11.15 soltanto una parte degli stabili rimarrà senza elettricità per lavori sulla linea di trasporto bassa tensione
Bellinzonese
5 ore

Bellinzona, no a un Quartiere Officine ‘senz’anima’

Tuto Rossi chiede alle autorità di ‘lanciare un concorso internazionale su chiamata fra i migliori studi d’architettura e di urbanistica del mondo’
Locarnese
6 ore

Riazzino, il Vanilla riapre le sale del club

Prima serata dopo quattro mesi di chiusura forzata, domani sera sabato 29 gennaio, con Guè Pequeno, Tony Effe e Dj Matrix
Mendrisiotto
6 ore

Un Piano energetico comunale per Riva San Vitale

Una mozione chiede al Municipio di dotarsi dello strumento. Prima tappa la creazione di un gruppo di lavoro
Bellinzonese
6 ore

Restano ancora chiusi sette sportelli multifunzionali

Lo ha deciso il Municipio considerato il protrarsi della situazione sanitaria
02.03.2021 - 13:340
Aggiornamento : 19:43

Rinnovo del Pretorio di Bellinzona, un progetto 'storico'

Il Consiglio di Stato ha richiesto al parlamento cantonale lo stanziamento di 43,42 milioni di franchi per la ristrutturazione dell'edificio

a cura de laRegione

«L’ultimo tassello di una scelta storica». Secondo Norman Gobbi con la ristrutturazione del Pretorio di Bellinzona, i cui lavori dovrebbero terminare nel 2025, si andrà a completare «un progetto iniziato vent'anni fa» che nel frattempo ha portato a Bellinzona il Tribunale penale federale (Tpf), ha affermato oggi ai media il presidente del Consiglio di Stato. Lo stabile, situato in cima a viale Franscini, una volta rinnovato accoglierà nuovi spazi per il Tpf (in particolare la Corte d’Appello indipendente), la Pretura civile del distretto di Bellinzona e la Polizia cantonale (Gendarmeria, Polizia giudiziaria, celle e altri servizi). In realtà per il via libera definitivo bisognerà attendere ancora l'approvazione del Gran Consiglio: nella sua ultima seduta il governo ticinese ha infatti approvato il messaggio con il quale chiede al parlamento cantonale un credito di 43 milioni e 420 mila franchi. Messaggio che deve dunque ancora essere approvato. 

Il progetto di ristrutturazione e ampliamento del Pretorio prevedeva inizialmente d'inserire nell’edificio le sedi della Pretura penale, del Tribunale penale cantonale oltre che della Pretura civile di Bellinzona. Tuttavia le nuove esigenze del Tpf (la necessità di spazi è passata da circa 150 m2 a quasi 1'500 m2) hanno portato il Consiglio di Stato a cambiare rotta, centralizzando a Lugano le sedi del Tribunale d’appello cantonale, del Ministero pubblico unificato, della Corte di appello e di revisione penale, della Pretura penale e del Tribunale penale cantonale. E questo grazie all’acquisto dell’ex Banca del Gottardo e la ristrutturazione completa dell’attuale Palazzo di giustizia di via Bossi che devono però ancora essere avallati dal Gran Consiglio.

La facciata sarà conservata

Ciò non toglie, però, che il risanamento del Pretorio è «un passo importante» che, assieme alla vicina sede principale del Tpf, «valorizza la capitale del nostro Cantone», dando seguito «agli indirizzi strategici cantonali in materia giudiziaria e di polizia», ha da parte sua affermato il consigliere di Stato Christian Vitta. Infatti il progetto – che comporta un costo complessivo di oltre 50 milioni di franchi, dei quali però ne vanno dedotti tre assicurati dalla Confederazione per esigenze particolari specifiche e il credito di progettazione di 3 milioni e 830mila franchi già approvati dal Gran Consiglio – “si inserisce in un concetto urbano che fa di viale Franscini un elemento essenziale nella trasformazione della città medievale in capitale permanente” del Ticino, viene sottolineato in un comunicato. Gli edifici del Pretorio e del Tpf (per decenni già sede della prima Scuola cantonale di commercio) “sono strettamente legati alla storia e alla memoria collettiva della città e sono considerati beni culturali d’importanza comunale”. E per questo i volumi principali e le facciate “saranno integralmente conservati, ciò che ben s’inserisce nella strategia, legata ai beni storici, del Cantone e della Sezione della logistica”.

Nell'ottica della sostenibilità

Christian Vitta ha poi sottolineato che questi «investimenti importanti rappresentano un sostegno al settore dell’edilizia, confrontato con le ripercussioni negative originate dalla pandemia di coronavirus. L'impegno previsto contribuirà infatti ad aumentare gli investimenti pubblici in modo anticiclico, anche in previsione di un possibile rallentamento nel campo dell’edilizia privata e dei settori ad essa collegati». La ristrutturazione del Pretorio è poi «un esempio di intervento nell’ottica della sostenibilità». In particolare «l’edificio sarà collegato alla rete di teleriscaldamento e verrà aggiunto un impianto fotovoltaico sul tetto», ha precisato Giovanni Realini, capo della Sezione della logistica cantonale.

Concretamente, lo stabile ristrutturato sarà composto da sei piani, ossia due interrati e tre sopraelevati più il pianterreno. Nei due livelli interrati saranno inseriti parcheggi, depositi, locali tecnici, spazi dedicati alla polizia e così via. Al piano terreno sono previsti una grande sala per le udienze e uffici sia per il Tpf, sia per la Polizia cantonale. Il primo piano sarà occupato completamente da uffici e sale della Corte di appello del Tpf, mentre gli spazi al secondo e al terzo piano saranno dedicati alla Pretura civile e alla Polizia cantonale. Inoltre, il progetto prevede anche uno spazio pubblico tra il Pretorio e il Tpf che sarà adeguatamente arredato. 

Alla conferenza stampa era anche presente l’architetto Pia Durisch, dello studio Durisch + Nolli, che ha spiegato come il progetto del Pretorio sarà molto simile a quello del Tpf (ristrutturato dallo stesso studio di architettura): ad esempio, anche la facciata del Pretorio rivolta su viale Franscini sarà conservata e il colore sarà chiaro come quello del Tpf.

Ricordiamo infine che la Confederazione sarebbe alla ricerca di spazi provvisori (fino a quando il lavori di ristrutturazione del Pretorio non saranno terminati, verosimilmente nel 2025) per la Corte di appello del Tpf. Era stato ipotizzato l'utilizzo dell'ex ospedale di Ravecchia (di proprietà della Confederazione), tanto che il Comune di Bellinzona aveva rinunciato ad acquistarlo. Tuttavia, oggi non sono giunte conferme in questo senso.

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved