raccolta-plastica-bellinzona-ha-un-potenziale-quadruplo
Un aiuto per l'ambiente che può ulteriormente migliorare
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
10 min

Mendrisio, Alessandro Speziali alle Cantine Valsangiacomo

’Diglielo al presidente’ è un incontro con il vertice del partito, voluto del Plrt del Mendrisiotto, per parlare dei temi più rilevanti della regione
Luganese
17 min

Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula

Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Locarnese
48 min

Festa patronale a Brione s/Minusio

Lunedì si celebra Santa Maria Assunta. In programma la messa, seguita dalla processione e da un rinfresco
Luganese
59 min

Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna

Il padre avrebbe sparato accidentalmente un colpo alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino

La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
2 ore

Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese

Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
2 ore

Penuria di gas, le Ail Sa di Lugano scrivono a Berna

La rete ticinese è collegata e alimentata solo dall’Italia senza connessioni col resto della Svizzera. L’approvvigionamento invernale resta problematico
Grigioni
2 ore

Oltre 300 kg di rifiuti raccolti nel Moesano

Il 5 e il 6 agosto 62 volontari hanno partecipato al Clean up tour che si è svolto a San Bernardino e nel Parco Val Calanca
Luganese
2 ore

Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito

Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
3 ore

Nara, torna la gita enogastronomica ‘Ul gir di alp’

È ancora possibile iscriversi per la passeggiata di undici chilometri con sette tappe che si terrà domenica 14 agosto
Locarnese
3 ore

‘Castello incantato’, dalle rive lacustri alla montagna

La rassegna dedicata al teatro di burattini e marionette farà tappa nel Gambarogno e a Cardada nei prossimi giorni
Locarnese
4 ore

Moghegno, lunedì la festa patronale

Oltre alla funzione religiosa, vi sarà un pranzo in comune all’ombra dei faggi; nel pomeriggio lotteria e musica
Bellinzonese
4 ore

‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’

È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio, quell’edificio merita di essere tutelato

Interrogazione chiede lumi al Municipio sul lavoro della commissione preposta ad allestire la lista dei beni culturali di interesse locale
Bellinzonese
6 ore

Il cinema di Pieraccioni sotto le stelle di Dalpe

Giovedì 11 agosto alle 21.15 nei prati allo skilift Bedrina verrà proiettato il nuovo film del regista italiano. Entrata libera
Mendrisiotto
7 ore

Chiasso, torna in settembre Penz...iamo

Alla tradizionale corsa podistica di 10 chilometri, si aggiunge un percorso di due miglia per chi vuole divertirsi senza l’assillo della competizione
Locarnese
7 ore

Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali

Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Bellinzonese
8 ore

Alla scoperta della villa di Mèdra tra natura e cultura

L’omonima associazione domenica 21 agosto organizza una visita guidata per conoscere la storia e gli aspetti naturalistici del territorio
Bellinzonese
8 ore

Carì, serata jazz a 2’000 metri

Sabato 13 agosto a partire dalle 17 il clarinettista Marco Santilli si esibirà in un trio ad hoc sulla terrazza dell’osteria Belvedere
Luganese
9 ore

Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia

Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
Locarnese
10 ore

Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova

Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
Bellinzonese
13 ore

I turisti incolonnati tolgono segnale ai cellulari sui monti

Il problema si è acuito quest’estate. Swisscom evidenzia la grande difficoltà nel realizzare nuove antenne a causa delle contestazioni
Ticino
13 ore

Pensioni statali, c’è chi chiede di fare retromarcia

Mozione dell’Mps: ‘Assurdo affidare la cassa al mercato azionario, si torni almeno alla proposta iniziale del governo’. La Lega: ‘Sarà referendum’
01.12.2020 - 00:09
Aggiornamento: 10:22

Raccolta plastica, Bellinzona ha un potenziale quadruplo

Obiettivo: portare le odierne 160 tonnellate/anno a 600. La fase test iniziata nel 2019 proseguirà nel 2021. Il Cantone valuta una centrale di raccolta

Bellinzona nella raccolta separata della plastica è a metà del cammino e a un quarto dal suo potenziale. A metà perché il Municipio ha deciso di proseguire, estendendola a tutto il 2021, la fase test avviata nel marzo 2019 con una durata inizialmente ipotizzata di uno o due anni, che alla fine diventeranno quasi tre. A un quarto del suo potenziale perché i dati indicano un quantitativo annuo raccolto pari a 160 tonnellate, quando lo studio di fattibilità della società Eco Control indica per la Turrita aggregata un quantitativo ipotizzabile idealmente attorno alle 600 tonnellate annue.

Inizio col botto

L’estensione al 2021 – rileva il municipale Christian Paglia, capodicastero Ambiente – deriva principalmente da tre fattori. Primo, i dati sono un po’ falsati da un inizio col botto, quando cioè nella primavera 2019 la novità è stata recepita molto positivamente coinvolgendo una percentuale di bellinzonesi sensibilmente superiore rispetto a quanto avvenuto in talune località d’Oltralpe attivatesi in precedenza; un inizio materializzatosi con la vendita di 105mila sacchi soltanto da marzo a novembre 2019 (nove mesi), mentre la quantità annua poi registrata si è assestata sulle 55mila unità. Secondo fattore da considerare, la prima ondata pandemica quando l’utenza era stata invitata a gettare la plastica nel sacco ufficiale verde per i rifiuti solidi urbani, così da evitare il sovraccarico di presenze nei quattro centri di raccolta coinvolti. Terzo fattore, lo studio accompagnatorio avviato dal Dipartimento del territorio che oltre a sostenere la fase test di Bellinzona sta anche approfondendo l’ipotesi di realizzare in Ticino una centrale di raccolta e smistamento delle plastiche.

Ideale: più riciclaggio e meno imballaggi

Nel frattempo la Città proseguirà la raccolta dati utili a valutare l’evolvere del progetto mantenendo invariato il numero e la dislocazione delle piazze (ex Birreria di Carasso, Claro, Giubiasco e Sementina) poiché un loro potenziamento e/o spostamento rischierebbe di falsare le statistiche sui tre anni. Di sicuro – annota Paglia – emerge da una parte un’utenza sempre più sensibile sul tema della corretta separazione, considerando che a monte vi è il problema mondiale della microplastiche. Dall’altra, l’autorità cittadina confida che il progetto generi una sensibilizzazione ad ampio raggio coinvolgendo l’ambito degli acquisti, laddove produttori di alimenti, negozianti e consumatori possono giocare un ruolo nelle rispettive scelte. Lo scenario ideale sarebbe quindi una crescita del riciclaggio e una riduzione degli imballaggi plastici.

Venduti 55mila sacchi/anno

Dal profilo statistico, elenca Christian Paglia, risulta che a fronte del numero di sacchi venduto e della quantità di plastica raccolta, abbia aderito al progetto il 53% delle economie domestiche della nuova Bellinzona. Dopo il primo picco di vendite registrate a marzo-aprile, attualmente si assestano attorno ai 4-5mila sacchi mensili, pari a circa 55mila annui. Le attuali 160 tonnellate medie all’anno corrispondono a 3,65 kg/anno per abitante. «Si tratta di un buon punto di partenza – annota il municipale – che confidiamo possa migliorare col passare del tempo raggiungendo 10-14 kg a testa, pari a un potenziale realistico di 600 tonnellate annue. Restando con i piedi per terra, si può tuttavia ritenere che raddoppiare l’attuale quantitativo costituirebbe già un buon risultato».

Ma il santo vale la candela?

Guardando il proprio bel sacco pieno di plastiche pronte a subire il processo di trasformazione, si è tentati a credere che il contributo per l’ambiente sia elevato. Un dato rischia tuttavia di ridimensionare l’entusiasmo: «È stato calcolato – evidenzia Paglia – che il beneficio ecologico dato dal riciclare le plastiche rappresenti lo 0,01% dell’impatto totale generato da una persona sull’ambiente. Persona il cui carico ecologico annuo totale ammonta a 20,7 milioni di unità, mentre le 160 tonnellate di plastica raccolte a Bellinzona rappresentano 2’000 unità a testa». Ma allora il santo vale la candela? «Sapevamo sin dall’inizio – risponde Paglia – che separare la plastica non comporta un beneficio ecologico stratosferico, ma comunque c’è e, ribadisco, va a rafforzare anche la consapevolezza verso un problema mondiale». E se lo 0,01% è una cifra ridicola, lo è meno il calcolo riferito all’equivalente quantitativo di CO2 non immesso nell’aria indirizzando le plastiche verso una seconda vita senza così finire bruciate nei cementifici e nei termovalorizzatori: un quantitativo di anidride carbonica che per le 160 tonnellate corrisponde a 64’500 litri d’olio combustibile non bruciato, pari al consumo annuo di 15 abitazioni. Trasferire il trasporto dalla gomma (camion) alla rotaia (treno) permetterebbe un’ulteriore riduzione di CO2 pari al 2%. 

Il viaggio Oltralpe e in Austria

Lo studio in corso indica che il tasso di riciclaggio si assesta attorno al 60%. Il 40% non riciclabile viene bruciato per il 98% nei cementifici affamati di combustibile ad alto potenziale calorico e per il 2% in termovalorizzatori per rifiuti solidi urbani. Il tragitto compiuto dai container gestiti dalla Recupero Materiali Sa di Bironico prevede una prima tappa nel canton Turgovia, alla Inno Recycling di Aeschlikon che effettua una prima grossolana scernita del contenuto di sacchi. La fase successiva, a un’ora di strada, è affidata all’austriaca Loaker di Lustenau che separa quanto riciclabile da quanto non lo è, inviando così le varie tipologie alle rispettive destinazioni. Il 60% riciclabile torna ad Aeschlikon – un viaggio di andata e ritorno necessario mancando un analogo impianto su suolo elvetico – dove la ditta Innoplastick, del gruppo Inno Recycling, pulisce e trasforma la plastica in rigranulati di polietilene e polipropilene. Rigranulati poi rivenduti come materia prima in Svizzera, Italia, Francia, Germania e Austria per la produzione soprattutto di tubazioni per l’edilizia, nonché una parte esportata in altri paesi Ue e asiatici con destinazione al momento sconosciuta.

La Germania peggio della Turrita

Anche la Germania indirizza a Lustenau i propri sacchi colmi di plastiche d’uso domestico: ma rispetto a Bellinzona, essi contengono più rifiuti non riciclabili. Motivo: al consumatore tedesco il sacco per la plastica costa meno di quello per i rifiuti solidi urbani, i quali spesso e volentieri finiscono per prendere la via finanziariamente meno dispendiosa. Per contro a Bellinzona il sacco per la plastica di 60 litri ha lo stesso prezzo d’acquisto (2 franchi e 15 centesimi) di quello per gli Rsu con analoga capienza. Il sacco per la plastica fornito dalla Recupero Materiali ha in realtà un costo di 2 franchi e 50: la differenza di 35 centesimi viene coperta dalla Città. I rivenditori (edicole, farmacia, negozi, ecc.) versano dal canto loro alla Città 2.40 tenendo per loro 10 centesimi a sacco. Considerando i 55mila sacchi annui venduti, ne risulta una spesa a carico della Città pari a circa 20’000 franchi annui. Causando la ridotta vendita di sacchi verdi per Rsu una minor entrata di 70’000 franchi/anno nelle casse cittadine, l’onere annuo ammonta infine a 90’000 franchi.

Punti positivi e negativi

Fra i punti positivi, conclude Christian Paglia, vi è che la soluzione testata «accresce la consapevolezza dell’utenza e inizia a sensibilizzare anche i produttori degli imballaggi e i commerci, che in taluni casi stanno rivedendo le loro politiche in materia». Fra i punti migliorabili vengono indicati il non ancora ottimale sistema di cernita e riciclaggio, il costo a carico della città, la variabilità dei prezzi sul mercato delle plastiche che in taluni casi sfavorisce i prodotti riciclati, l’incertezza sulla destinazione Ue e Asia del rigranulato. Fra le opportunità vi sono il potenziale di raccolta non ancora raggiunto, l’ottimizzazione del sistema di trasporto e l’ipotesi, come detto al vaglio del Cantone, di realizzare un impianto ticinese di prima separazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona raccolta plastica rifiuti tonnellate
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved