laRegione
l-ex-oratorio-sia-un-primo-passo-per-la-casa-delle-culture
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso, ‘in Municipio ci sono troppe persone da ufficio’

Dopo 9 anni in Consiglio comunale, Carlo Coen (Plr) lascia la politica cittadina, non senza togliersi qualche sassolino dalle scarpe
Bellinzonese
5 ore

Commissioni di quartiere: Riviera e Bellinzona valutano

A nord in nessuno degli ex quattro Comuni si è sentita l'esigenza. Nella capitale in 9 casi su 13 la popolazione si è attivata istituendo le associazioni
Ticino
5 ore

Studenti bernesi per un anno liceali in Ticino

Per promuovere maggiormente l'italiano nel cantone svizzero tedesco
pandemia e lockdown
5 ore

Casi di rigore, così si aiuteranno le aziende colpite

Dopo le modifiche decise da Berna, il Dipartimento finanze ed economia illustra alla commissione parlamentare della Gestione le modalità di sostegno
Luganese
7 ore

Capriasca, il Ps giovedì presenta i candidati

Convocata l'assemblea in modalità online
Ticino
8 ore

Il Pc chiede un computer per ogni allievo delle Medie

La mozione di Ay e Ferrari spinge affinché venga combattuto il 'digital divide' acuito dalla recente pandemia
Luganese
8 ore

Videogiochi, a Lugano tre giorni di Global Game Jam

L'evento mondiale fa tappa nella città sul Ceresio in formato totalmente digitale
Luganese
8 ore

Lugano, travagliato l'esame del polo sportivo

Il Municipio dice no alla ricevibilità della mozione Plr, mentre le commissioni della Gestione e dell'Edilizia affrontano l'intricato messaggio
Ticino
8 ore

L'Udc: 'Le scuole sono pronte all'insegnamento ibrido?'

Con un'interrogazione si chiede al governo perché a fronte dei problemi della scuola in presenza e a distanza non sia implementato il secondo scenario
Ticino
8 ore

Agli sportelli del Dipartimento istituzioni solo su appuntamento

La decisione sarà in vigore da domani fino al 5 febbraio, e riguarda anche l'Ufficio dello stato civile
Luganese
8 ore

Massagno approva i Conti 2020 e accoglie 3 nuovi consiglieri

Luce verde dal Consiglio comunale al Preventivo e relativo moltiplicatore al 77%. Entrano in carica Maria D'Amelio, Karen Mangili ed Emilio Corti
Locarnese
8 ore

Locarno, spettacoli annullati al Teatro Paravento

La speranza è di poterli riproporre nel corso dell'anno
Ticino
8 ore

'Strade sicure subito', passi avanti a Berna

La Commissione trasporti del Nazionale dà il via libera all'iniziativa cantonale ticinese di Storni (Ps). Approderà in aula nella sessione di giugno
Mendrisiotto
8 ore

Morbio Inferiore apre gli sportelli su appuntamento

La misura è stata presa a tutela della salute di cittadini e dipendenti comunali. Il Comune sarà raggiungibile via telefono e posta
Locarnese
9 ore

L'annuario del Papio di Ascona si rifà il look

Pronta la più recente edizione del ‘Virtutis Palaestra’, con foto a colori e il racconto di un anno intero al collegio
Bellinzonese
9 ore

Comunali, ratifica delle liste online per il Plr Riviera

Il 29 gennaio la sezione si riunirà in assemblea sulla piattaforma Zoom. All'ordine del giorno la ratifica dei candidati per Municipio e Consiglio comunale
Bellinzonese
28.11.2020 - 14:300
Aggiornamento : 14:48

'L'ex oratorio sia un primo passo per la Casa delle culture'

Il Ps auspica che il Municipio non si limiti all'occupazione degli stabili di Giubiasco. Malacrida: 'per il momento ci concentriamo su questo progetto'

L’occupazione dell’ex oratorio di Giubiasco sia solo un primo passo. È quanto auspica il Partito socialista di Bellinzona, sezione che segue con molto interesse le riflessioni in corso volte a definire i contenuti dei locali dove il Municipio ha dato disponibilità a realizzare una Casa delle culture e delle associazioni. Un luogo d’incontro intergenerazionale – che ancora manca sul territorio comunale – dove troveranno spazio attività aggregative, sociali e culturali. Da metà settembre il gruppo di lavoro creato appositamente dall’Esecutivo sta definendo la propria idea per i due stabili che attualmente si presentano vuoti. L’ex oratorio di Giubiasco è suddiviso in tre edifici, uno dei quali – quello originale risalente al 1939 – già occupato dal centro diurno per anziani, disabili e persone sole gestito dalla Fondazione Vita serena.

'Dimensioni più ridotte rispetto all'ex ospedale'

Dopo l’approvazione della mozione presentata dai Verdi – appoggiata anche dall'Unità di sinistra – che ne chiedeva la realizzazione, la Casa delle culture era inizialmente prevista all’ex ospedale di Ravecchia. Lo scorso giugno questa opzione era però sfumata a causa dell’esigenza della Confederazione (proprietaria dello stabile) di realizzare la seconda sede della Corte d’appello del Tribunale federale. Il Municipio aveva quindi virato su Giubiasco. Pur sostenendo questa alternativa, «ci si rende conto che la dimensione dell'ex oratorio è molto più ridotta rispetto agli spazi che questo progetto avrebbe avuto all'ex ospedale – afferma interpellata dalla 'Regione' la presidente sezionale del Ps Martina Malacrida Nembrini –. Ci piacerebbe che il Municipio non si accontenti. A nostro parere il discorso rispetto alla Casa delle culture non deve infatti terminare con l'occupazione di questi stabili, che non possono ospitare tutti i contenuti che inizialmente si ipotizzavano all'ex ospedale, come ad esempio la presenza di un centro giovanile. A Giubiasco anche la superficie destinate alle associazioni è molto più ridotta». 

'Occasione da non perdere, poi si vedrà'

Ovviamente anche il Dicastero educazione e cultura segue con interesse le riflessioni sui futuri contenuti. «Ci sarà bisogno di altri spazi? Immaginarlo è più che legittimo – risponde interpellato dalla 'Regione' il capodicastero Roberto Malacrida, che sull'eventualità di un progetto in rete risponde: «Di principio, non sarei contrario all’idea che un domani si possano immaginare altri luoghi. Ma per il momento vogliamo essere pragmatici e concentrarci sull'occupazione ottimale di questi stabili. Come sappiamo, è purtroppo sfumata la soluzione più idonea che avevamo immaginato all’ex ospedale. Ora, mi sembra però importante, così come per tutti gli aspetti della vita, cominciare a seminare e realizzare un progetto culturale della nuova Bellinzona, che possa essere concretizzato al più presto almeno nei suoi contenuti più importanti. L’ex oratorio di Giubiasco è infatti una bellissima opportunità. Sarà una struttura nuovissima, ubicata in un luogo non lontano dal centro e che presenta anche il vantaggio di avere al suo interno gli ospiti di Vita serena. Una presenza che va proprio nella direzione di un centro intergenerazionale». 

L'esempio de La Filanda

In attesa di conoscere il rapporto del gruppo di lavoro (che sarà consegnato al Municipio nei prossimi giorni), il capodicastero ci trasporta in quella che sarà la dimensione di fondo del progetto a Giubiasco, simile a quella del centro La Filanda di Mendrisio che, dalla sua inaugurazione nel 2018, ha avuto grande successo. «Ci sarà una bella biblioteca innovativa, con uno spazio di frequentazione aperto a giovani, anziani e anche agli allievi delle scuole. La sala del teatro potrebbe poi essere messa a disposizione di eventi scenici, conferenze, ma pure per la proiezione di documentari. Personalmente opterei per una sala duttile e adattabile a ogni esigenza, grazie a pedane mobili, previste a forcella idraulica o dotate di gambe di diverse altezze. Non si prevede invece una vera e propria sala per il Circolo del cinema, poiché le infrastrutture necessarie per garantire una buona qualità costerebbero troppo. Mi auguro che la sala possa essere utilizzata anche da parte del Teatro Sociale per le prove delle proprie produzioni, naturalmente in accordo con la Parrocchia per quanto riguarda la distribuzione dell’occupazione delle giornate/serate. Gli spazi potranno poi senz’altro ospitare alcune attività organizzate dalle associazioni interessate. Vita serena dispone inoltre di un bar che potrebbe essere frequentato anche dai visitatori della Casa delle culture con una modalità intergenerazionale». Quanto al centro giovanile, l'opinione personale di Malacrida è che possa essere collocato altrove, come luogo dedicato soltanto alle giovani generazioni. 

Oltre al capoprogetto, fanno parte del gruppo di lavoro la promotrice culturale della città e i rappresentanti di Commissione consultiva cultura, Commissione consultiva giovani, Parrocchia di Giubiasco, Fondazione Vita serena, Associazione di quartiere di Giubiasco, Commissione della gestione e Commissione edilizia. Sulla base del rapporto, il Municipio elaborerà un messaggio per la richiesta di un credito supplementare. Ciò che farà riprendere il cantiere, fermo dalla scorso aprile a seguito dei sorpassi di spesa. Il superamento previsto allo stato attuale rispetto al progetto iniziale è del 29% in più, da circa 8 milioni di franchi a 10,3. 

© Regiopress, All rights reserved