manette-in-centro-a-bellinzona-agenti-colpevoli-o-innocenti
Un intervento che il procuratore generale ritiene sproporzionato (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
47 min

Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’

Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
Locarnese
1 ora

Gordola, furgone in una scarpata: recuperato con l’elicottero

L’intervento dell’Heli Tv si è reso necessario dopo che il carro attrezzi non era riuscito a rimuovere il mezzo. Nessuno si trovava a bordo
Ticino
2 ore

Inflazione, il Ps: salari e aiuti più alti. Gli altri: sgravi

I socialisti presentano le loro proposte, a livello federale e cantonale, per contrastare il carovita. Durisch: oggi i colpiti sono soprattutto i fragili
Luganese
2 ore

Viadotto Brentino a Lugano, ‘perché la Città non fa nulla?’

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino&Lavoro) chiede al Municipio di attivarsi per una soluzione alla strada incompiuta
Luganese
2 ore

A2 Melide-Gentilino: concluso il grosso del risanamento fonico

Avviati nel 2019, agli sgoccioli i lavori sull’autostrada, L’Ustra: rispettata la tempistica e i costi preventivati
Locarnese
2 ore

Muralto Democratica fa le pulci ai conti (dopo la bocciatura)

Dieci domande al Municipio su temi che vanno dalle spese per il personale alla manutenzione riali, al rischio di non incassare le imposte arretrate
Locarnese
2 ore

‘Vento di vita vera’, la Bavona va sul grande schermo

Sabato sera in piazza a Moghegno la prima del film di Kurt Koller, realizzato in collaborazione con la Fondazione Valle Bavona
Luganese
2 ore

Sparatoria ad Agno, confermato l’arresto del padre del 22enne

Il 49enne di Rovio è accusato di tentato assassinio subordinatamente omicidio nonché infrazione alla Legge federale sulle armi
Luganese
3 ore

Casa Andreina alla scoperta dei fiori di Bach

Conferenza informativa il 16 agosto con la naturopata e floriterapeuta, Laura Neri
Luganese
3 ore

Lugano: figli maltrattati, condannati i genitori

Tredici mesi, interamente sospesi per lei e parzialmente da espiare per lui e divieto di contattare i bimbi per due anni. Madre espulsa dalla Svizzera.
Locarnese
3 ore

Locarno, stop alla musica a mezzanotte

In risposta a un’interrogazione il Municipio concede un’ora in più alle manifestazioni sonore negli esercizi pubblici tra aprile e ottobre
Mendrisiotto
3 ore

‘Ho perso la testa’, atelier fotografico al Museo Vela

Dal 22 al 26 agosto ragazze e ragazzi dai 10 anni lavoreranno con il fotografo e artista Matteo Fieni
Locarnese
4 ore

‘Anche dopo la variante il club continuerà (eccome) a vivere’

Terrre di Pedemonte, il Municipio tranquillizza l’Associazione sportiva Tegna, preoccupata per la nuova pianificazione ai Saleggi
Bellinzonese
4 ore

Letture animate in ucraino e italiano a Bellinzona

L’evento, organizzato dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab, si terrà mercoledì 17 agosto alle 10 in piazza Buffi
laR
 
20.10.2020 - 19:54

Manette in centro a Bellinzona: agenti colpevoli o innocenti?

Domani la sentenza in Pretura penale nei confronti di due agenti della Polcom accusati di abuso d'autorità e vie di fatto

Quanto può essere ritenuto corretto o al contrario sproporzionato un intervento di polizia? Il giudice della Pretura penale Siro Quadri si pronuncerà domani sulle accuse di abuso d’autorità e vie di fatto mosse dal procuratore generale Andrea Pagani verso due agenti della Polizia comunale di Bellinzona che la sera del 5 aprile 2018 hanno eseguito il fermo di uomo all’origine di una lite con minacce in un bar del centro. Entrambi si sono opposti ai decreti d’accusa con cui il pg proponeva una condanna pecuniaria rispettivamente di 2’700 e 1’350 franchi sospesa con la condizionale. I poliziotti respingono le accuse ritenendo di aver agito nel pieno rispetto delle regole. Non di questa opinione il fermato, che alcuni giorni dopo i fatti li aveva querelati rimpolpando la denuncia con fatti mai accaduti.

I fatti

Quella sera verso le 20 i due agenti udite delle urla provenire dal centro storico le ‘seguono’ per scoprire pochi istanti dopo che un uomo in stato alterato lancia insulti dalla strada minacciando di voler aggredire un altro cliente che si trova nel bar dov’era scoppiato l’alterco. Da qui e fino al momento in cui le fasi del successivo fermo sono state riprese dall’impianto video della Polcom in piazzetta Ex Mercato, le iniziali versioni divergono. Il denunciante ha scritto di essere stato subito ammanettato, preso a pedate, trascinato in centrale e deriso; i due imputati negano (idem alcuni testimoni oculari) spiegando che si è reso necessario accompagnarlo in centrale essendosi rifiutato di fornire le generalità; il breve tragitto è stato quindi affrontato dai tre con tranquillità e senza costrizioni. L’inchiesta stabilisce infine che le cose sono andate proprio in questo modo.

La spinta e le manette

E qui si apre la seconda fase dell’intervento, quella videofilmata e descritta nei due decreti d’accusa impugnati. Una volta giunti vicino all’entrata della Polcom, gli agenti indicano la necessità di condurlo dentro per verificare generalità e alcolemia; ma lui non ci sta, cambia direzione incamminandosi verso casa e li manda a quel paese. Uno dei due lo richiama, lo raggiunge, cerca di trattenerlo afferrandolo a un braccio, lui si divincola e sbiascicando le parole reagisce avvicinandosi con fare aggressivo al volto del poliziotto. Questi, ritenenendolo ubriaco e oltremodo pericoloso, mette in pratica le nozioni apprese alla Scuola di polizia e lo allontana spingendolo. L’uomo, esile e instabile sulle gambe, cade a terra dove gli agenti lo girano sulla pancia e lo ammanettano per poi condurlo dentro, procedere alle verifiche di rito per la durata di cinque minuti e infine togliergli le manette e rilasciarlo con l’invito a non tornare nel bar. Scopriranno poi che la Polcom aveva avuto a che fare con lui in precedenza una quindicina di volte per fattispecie diverse.

Le opinioni giuridiche divergono sulla proporzionalità della spinta e dell’ammanettamento. «Lo abbiamo ammanettato – hanno insistito gli agenti in aula – per riportare la situazione in sicurezza, vista la sua mancata collaborazione che è proseguita anche negli uffici fino a quando si è calmato e abbiamo potuto liberargli i polsi. Non avendo aperto ufficialmente un’inchiesta a suo carico, non abbiamo potuto imporgli l’esecuzione del test alcolemico». Nei giorni successivi, durante alcuni colloqui, i due agenti hanno ottenuto l’appoggio dei superiori riguardo alla corretta gestione del fermo provvisorio.

Accusa e difesa

Di parere opposto il pg che ritiene intollerabile quanto avvenuto davanti alla Polcom, a cominciare dallo spintone che, stando al Manuale di comportamento tattico usato per la formazione degli agenti in Svizzera, va fatto solo in caso di attacco frontale: «Mi preoccupa anche solo il fatto che un agente possa sentirsi in pericolo in una situazione del genere». Pure esagerato, secondo Pagani, l’uso delle manette per immobilizzarlo e anche all’interno alla presenza di ben cinque agenti. Che non rappresentasse una minaccia è la tesi difesa dalla patrocinatrice del denunciante, Margarita Timofejeva. L’avvocato Luigi Mattei, difensore di uno dei due agenti, ha invitato il giudice a considerare anche quanto successo nel bar e fuori, «una situazione di forte imprevedibilità che sin da subito indicava la necessità di tenere alta la guardia». Quanto alle manette, «servono a prevenire l’uso della forza. Uno scopo preventivo prima che coercitivo, ben conosciuto dagli agenti attivi sul terreno confrontati con le più disparate situazioni di messa in pericolo della sicurezza». L’altro difensore, avvocato Patrick Gianola, ha parlato di intervento «gestito con eleganza, tempestività, professionalità». Al contrario, il denunciante «ha scritto una querela fantasiosa e infamante, frutto di una mente contorta che ha infangato la buona reputazione dei due agenti. Avrebbe meritato una controdenuncia, che opportunamente gli agenti hanno evitato d'inoltrare confidando nel procuratore generale, purtroppo senza ottenere la fiducia che meritavano».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved