ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
38 min

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
3 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
7 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
10 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
10 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
18 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
19 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
19 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
19 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
20 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
20 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
20 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
20 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
21 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
06.10.2020 - 12:52

Sorpassi a Bellinzona, l’onorario di Paglia ‘non si tocca’

Pollice verso del Municipio al gruppo Lega/Udc che chiedeva lumi sul carico di lavoro ridotto dopo la revoca della conduzione politica del Sop

sorpassi-a-bellinzona-l-onorario-di-paglia-non-si-tocca
Il municipale Christian Paglia col sindaco Mario Branda (Ti-Press)

Dapprima autosospesosi – e dal 23 settembre sospeso dal Municipio fino al termine della legislatura dalla conduzione del Settore opere pubbliche (Sop) a seguito della vicenda dei sorpassi di spesa per oltre 5 milioni in tre cantieri pubblici di Bellinzona – Christian Paglia si occupa ora unicamente dei Servizi urbani cittadini (Suc). Una delegittimazione pesante, originata dai risultati dei due audit interno ed esterno indicanti invero l’esistenza di un problema sistemico che dall’inizio dell’aggregazione nel 2017 investe il Sop a vari livelli coinvolgendo l’intera compagine municipale. Sulle singole responsabilità se ne saprà di più nelle prossime settimane, quando il Servizio giuridico della Città e il Controllo interno consegneranno al Municipio l’esito dell'inchiesta amministrativa e disciplinare. Ora, dato che la maggior parte delle mansioni affidate a Paglia viene definitivamente a cadere e che ciò nonostante come capodicastero dimezzato continua a percepire il medesimo onorario di prima pari a 65mila franchi all’anno, la doppia domanda si pone: è prevista una almeno parziale riorganizzazione dei compiti assegnati ai singoli municipali, con un travaso di carico lavorativo da un dicastero all’altro così da non lasciare Paglia con poco lavoro e sgravare magari altri colleghi? E in caso negativo, è prevista una decurtazione del suo onorario?

‘È rimasto municipale a tutti gli effetti’

In entrambi i casi il sindaco Mario Branda (cui è andata provvisoriamente la responsabilità del Sop) si esprime negativamente rispondendo all’interrogazione dei consiglieri comunali Tuto Rossi e Manuel Donati (Lega/Udc). Paglia, si legge, “è rimasto municipale a tutti gli effetti, continuando a svolgere il proprio ruolo di capodicastero per il settore Servizi urbani e ambiente”. L’iniziale autosospensione e la successiva decisione municipale di prolungare sino a fine legislatura l’esonero dalla conduzione politica sul Sop, “non riguarda la carica municipale”. La cui remunerazione “è definita dal Regolamento comunale e non può essere definita a discrezione del Municipio”. Fuor di politichese, non è per ora previsto un travaso di competenze fra un municipale all’altro su taluni uffici, anche perché sarebbe abbastanza complicato farlo adesso, a soli sei mesi dalle elezioni comunali 2021.

Cosa dice il Regolamento comunale

Quanto al Regolamento comunale, l’articolo 91 indica che viene richiesto a ciascun municipale un impegno minimo settimanale di 20 ore (corrispondente a circa o quasi il 50% di un normale carico lavorativo). Malgrado nel medesimo regolamento non siano indicate misure o conseguenze in presenza di revoche o diminuzioni di responsabilità e qualora il totale non raggiunga le 20 ore, l’attuale onorario di Paglia a mente degli interroganti è eccessivo. E si spingono a ritenere che sia il Plr a impedirgli di dimissionare anzitempo, così da non fargli subentrare “qualcuno nel frattempo divenuto scomodo” (non fanno nomi, ma il primo subentrante è l’ex vicesindaco Felice Zanetti che alla luce dei risultati delle elezioni 2017 si era tolto qualche sassolino criticando il proprio partito). A questo riguardo l’Esecutivo non si esprime e ritiene che la domanda andrebbe semmai posta al Plr.

Gli è rimasto molto da fare

Quanto all’impegno di municipale dimezzato, intervistato sabato 3 ottobre dalla ‘Regione’ Paglia ha rispedito al mittente alcune critiche mossegli dagli audit interno ed esterno, ribadendo così la decisione di non dimettersi dalla carica. Quanto all’eventualità di restituire parte dell’onorario percepito di 5’500 franchi mensili, ha pure risposto picche: “Negli ultimi dieci anni – ha detto nell’intervista – sono stato il responsabile politico di un dicastero formato da 330 persone, il secondo dicastero più importante in termini di risorse e uno dei più operativi. Ciò nonostante non ho mai percepito un onorario maggiore dei miei colleghi. Peraltro in qualità di municipale mi occupo anche di temi che esulano dal mio dicastero. Ora, la mia competenza diretta si riduce ai soli Servizi urbani? D’accordo, ma quello della nuova Bellinzona è un servizio che gestisce uno dei più vasti territori urbani del Ticino e anche della Svizzera”. Un’opinione condivisa dal sindaco, interpellato dal nostro giornale: «Il settore che rimane di sua competenza è importante. Inoltre è chiamato a svolgere la sua funzione di municipale all’interno del nostro gremio esecutivo, quindi il lavoro non gli manca».

Leggi anche:

Sorpassi a Bellinzona: tutte le carenze tecniche e politiche

Paglia non ci sta: ‘Contesto alcune conclusioni degli audit’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved