ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Da officina a postribolo: a Balerna fa discutere una richiesta

Alla domanda per cambio di destinazione d’uso, sono già state presentate delle opposizioni. Un residente: ‘Non è coerente con lo sviluppo del quartiere’
Mendrisiotto
9 ore

Al Campus Supsi a Mendrisio si parla di zanzare e altro

In programma per venerdì una conferenza della Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino
11 ore

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
11 ore

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
12 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
13 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
13 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
28.09.2020 - 22:23

Casa Marta incassa l'ulteriore aiuto di Bellinzona

Struttura per senzatetto: sì del Cc al nuovo credito di 450mila franchi che si aggiunge al precedente di 200mila e al diritto di superficie

casa-marta-incassa-l-ulteriore-aiuto-di-bellinzona
La proprietà ex Ostini (Ti-Pess)

Forse è la volta buona per il centro d’accoglienza per senza tetto che la Fondazione Casa Marta intende realizzare a Bellinzona ristrutturando l’edificio protetto ex Ostini situato accanto a BancaStato con una spesa prevista di 4,5 milioni, superiore del 50% rispetto al primo preventivo corretto al rialzo. Aumento sul quale mettono ora la proverbiale toppa Città e Cantone, destinando rispettivamente ulteriori 450mila e 400mila franchi in grado di trarre la fondazione d’impiccio. Questa sera il Legislativo cittadino, riunito a Palazzo civico, con 48 sì, 3 no e 2 contrari ha stanziato il credito facendo proprio l’appello della maggioranza della Commissione Gestione, secondo cui – citando anche il parere municipale – l’operazione non potrà beneficiare di altri aiuti comunali dopo il diritto di superficie per 50 anni e un primo contributo di 200mila franchi già concessi negli anni scorsi. Eventuali contributi aggiuntivi (sia nella ristrutturazione che nella gestione futura dell’attività) dovranno essere reperiti direttamente dalla Fondazione. La quale, presieduta da Luca Buzzi, nei mesi scorsi ha avviato un'ulteriore campagna di raccolta fondi volta a rimpolpare il prestito ipotecario a sua volta garantito da precedenti donazioni private. Attualmente la fondazione dispone di un capitale di 800'000 franchi, cui si aggiungono i 200'000 già stanziati nel 2015 dalla Città di Bellinzona, 250'000 messi a disposizione dalla Fondazione Göhner di Zugo, 180'000 tramite promesse di versamento fatte da altre fondazioni, 320'000 di donazioni varie (fondazioni o privati). Considerando il credito ipotecario massimo di 1,9 milioni, si arriva a un totale di 3,65 milioni. Mancano all'appello 850mila franchi, quelli appunto di Città e Cantone.

Il dibattito

Nel dibattito pieno sostegno di Plr, Ppd, Sinistra e Verdi. Ma non dalla destra. La capogruppo Lega/Udc/Ind. Lelia Guscio teme che la vicenda dei fondi necessari alla ristrutturazione non avrà mai fine: «Non misconosciamo l’esistenza del bisogno sociale, né l’esigenza di un centro di prima accoglienza. Tuttavia ci opponiamo nuovamente, perché l’impegno finanziario appare sproporzionato e nemmeno sono state valutate alternative nei 13 quartieri. Temiamo poi altre sorprese nell’evoluzione dei costi, dopo il primo scellerato preventivo mal calcolato cinque anni fa, e troppi pochi letti a disposizione». Tiziano Zanetti (Plr) ha rimarcato l’iter problematico del progetto, nonché le garanzie date nel 2015 sul fatto che la Città non avrebbe messo un solo franco di più.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved