laRegione
prima-i-nostri-e-dicastero-uguaglianza-due-no-a-bellinzona
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 ore

Brissago, 12 anziani positivi alla Casa San Giorgio

Risultano inoltre contagiati dal coronavirus quattro collaboratori. Le visite sono state sospese e gli ospiti sono in isolamento
Mendrisiotto
8 ore

Chiasso, 'dopo le tessere sconto pensiamo a buoni acquisto'

La proposta, con un'interrogazione al Municipio, è stata formulata da quattro consiglieri comunali del Plr
Bellinzonese
9 ore

Mezzi pubblici: Valle di Blenio più connessa a Biasca

In arrivo due cambiamenti di orario, a dicembre e ad aprile, che garantiranno un servizio migliorato. Ma secondo il direttore delle Autolinee ancora non basta
Luganese
11 ore

Lugano, mense per tutti dopo ben 16 anni

La lunga e travagliata gestazione della mozione raccontata da Cristina Zanini Barzaghi che ricorda la richiesta presentata da tutte le donne del Cc
Bellinzonese
15 ore

Eco-belli, per una Bellinzona più pulita

I dettagli del progetto elaborato da un cittadino e ripreso in una mozione dal consigliere Bang. Obiettivo: contrastare l’abbandono di rifiuti
grafici
Ticino
15 ore

Coronavirus, in Ticino 33 ulteriori ricoveri e un morto

Cresce anche il numero di nuove infezioni: tra ieri e oggi se ne sono registrate 404. Stabile il numero di persone in cure intense
Luganese
20 ore

Una testata come scusa della disobbedienza

Un raduno ‘antagonista’ contro le misure di contenimento del Covid diventa un brutto ricordo per una giovane giornalista
Luganese
20 ore

Pvp di Lugano: fluidificazione riuscita solo in parte

Un anno di sperimentazione delle modifiche al traffico. Col Coronavirus di mezzo
Bellinzonese
20 ore

Nuovo Quartiere Officine, ‘manca una vera progettualità’

Bellinzona: dopo il geografo Torricelli, che sollecita una dibattito sul tema, anche il verde Ronnie David critica i contenuti e teme la speculazione edilizia
Bellinzonese
18.09.2020 - 19:080
Aggiornamento : 20.09.2020 - 13:56

‘Prima i nostri’ e dicastero uguaglianza: due no a Bellinzona

Il Consiglio comunale si appresta a respingere la mozione Lega/Udc e a ritenere irricevibile quella dell'Mps

Introdurre il principio ‘Prima i nostri’ nell’assunzione del personale della Città di Bellinzona, suoi istituti e sue aziende comunali? E ancora, creare un dicastero per l’uguaglianza e la parità di genere, con tanto di servizi e campagna contro la discriminazione, nonché strutture pubbliche dedicate alle donne per consulenza professionale, giuridica, sociale e psicologica? Entrambe le mozioni sono destinate alla bocciatura durante la seduta di Legislativo in agenda lunedì 28 settembre. Almeno così emerge dalle relazioni commissionali e dalle osservazioni municipali che aiuteranno il plenum a decidere. 

Pareri opposti in Gestione

Nel primo caso, ricordiamo, Manuel Donati a nome del gruppo Lega/Udc chiede d’inserire nel Regolamento organico dei dipendenti la preferenza indigena per le assunzioni (a parità di requisiti e qualifiche), in linea con la decisione del Gran Consiglio, risalente al 2018, relativa alle aziende parastatali. Il Municipio nelle proprie osservazioni rivolte al Consiglio comunale segnala che “la prassi attualmente applicata già corrisponde all’obiettivo della mozione”; perciò ritiene che non vi sia la necessità di modificare il Rod. “Non va inoltre dimenticato – aggiunge l'Esecutivo – che gli Accordi di libera circolazione sottoscritti dalla Svizzera delimitano la portata pratica” del principio ‘Prima i nostri’ “rendendola, per la mozione Donati, molto limitata”. In definitiva il margine di cui godono Cantoni e Comuni nell’adottare norme sulla preferenza indigena “risulta molto limitato”. Senza contare che “non vi è alcun problema legato al frontalierato nell’Amministrazione comunale”. E che le decisioni, introducendo la nuova disposizione, risulterebbero ulteriormente impugnabili “con conseguenti costi e implicazioni burocratiche e legali”. Sulla stessa lunghezza d’onda si pone la maggioranza della Commissione della gestione, che invita quindi il Cc a respingere la mozione. Di parere opposto la relazione di minoranza della Gestione: i consiglieri Giulio Deraita (indipendente) e Lelia Guscio (Lega) chiedono che il principio non solo venga condiviso ma anche ancorato nel Rod. Non da ultimo considerate alcune situazioni recenti nella gestione di concorsi d'assunzione, “non siamo sicuri che al principio della preferenza indigena venga sempre data l’importanza auspicata dalla mozione”. E quanto al frontalierato che non rappresenterebbe un problema nell’Amministrazione comunale, l’auspicio della minoranza è che si adotti la misura a titolo preventivo, come fatto dagli enti cantonali.

Decisione di competenza municipale

Più secco, infine, il parere espresso da Municipio e Commissione della legislazione sulla mozione delle consigliere comunali Mps Monica Soldini e Angelica Lepori: pur comprendendo le migliori intenzioni delle mozionanti, la proposta è ritenuta irricevibile perché la decisione di creare un dicastero con relativi servizi non compete al Consiglio comunale ma semmai all’Esecutivo.

© Regiopress, All rights reserved