ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 min

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
15 min

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
5 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
7 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
7 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
9 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
9 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
08.09.2020 - 12:40

'Ai suoi psicoterapeuti racconti tutta la verità'

L'imputato ammette i tre soprusi sessuali ai danni della figlia ma fatica a ricostruirli nel dettaglio. La Corte mette in dubbio il reale numero degli episodi

ai-suoi-psicoterapeuti-racconti-tutta-la-verita

Si cela una situazione familiare complicata dietro gli abusi e le botte ai danni dei figli del 55enne comparso questa mattina di fronte alla Corte delle Assise criminali di Leventina. Dall’istruttoria è emerso il profilo di una padre violento, solito a sferrare sberle, calci e colpire i bambini con oggetti (mestoli e ciabatte). In alcune occasioni ha provocato segni ed ematomi. «Erano molto attivi e difficili da gestire. A volte si picchiavano, gli dicevo di smetterla, ma non funzionava. E allora picchiavo anch'io». Complicato era anche il rapporto con la moglie, incrinatosi in maniera particolare nei due anni precedenti all’arresto, quando sono avvenuti anche i soprusi sessuali ai danni della bambina. «Avrei dovuto chiedere aiuto, ma ero in vortice dal quale non sono riuscito ad uscire - ha affermato in aula l’imputato, che riconosce i fatti così come descritti nell'atto d'accusa -. So di avere sbagliato: me ne rendo conto, ogni giorno. Chiedo ancora scusa ai miei figli. È una croce che porterò per tutta la vita». 

Il giudice Mauro Ermani si è tuttavia mostrato dubbioso sul numero dei soprusi sessuali perpetrati ai danni della figlia: «ai suoi psicoterapeuti racconti tutta la verità», ha detto il giudice all’imputato. In aula l'uomo ha infatti fatto fatica a ricostruire nel dettaglio quanto accaduto in quelle occasioni. «Sono tre episodi, non cento: è difficile non ricordarli», ha aggiunto Ermani. «Gli episodi sono tre, non di più», ha ribadito il 55enne, contestando che il fatto di non rammendare i dettagli faccia presumere che gli episodi siano stati molti di più. «È stata una mia mancanza, forse di affetto. Non so cosa mi sia passato per la testa». 

Da quando è stato scarcerato, l'uomo sta seguendo una terapia per lavorare sulle sue fantasie sessuali. Quale misura sostituiva, è stato inoltre disposto il divieto di avvicinarsi o di contattare, anche tramite terzi, i suoi figli. 

Nel pomeriggio parola alle parti

Nel pomeriggio la parola passerà alle parti, rappresentate dal procuratore pubblico Pablo Fäh e dall'avvocato difensore Marco Cocchi. Presente in aula anche l'avvocata Maria Galliani, rappresentante dell'accusa privata. 

 

 

Leggi anche:

Alla sbarra per i presunti abusi sulla figlia

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved