laRegione
altro-regolamento-di-conti-sul-viale
Il 17enne tuttora in stato di fermo era già noto alla Magistratura dei minorenni
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 ore

Scuole medie di Lodrino: ampliamento e un sogno (la piscina)

Dal Municipio di Riviera due messaggi per la variante di Piano regolatore e per la permuta dei terreni privati necessari al Cantone
Mendrisiotto
9 ore

Casa anziani Soave di Chiasso, nove residenti positivi

Lo comunica il Dipartimento della sanità e socialità, precisando che per i nove ospiti è stato disposto l'isolamento in camera
Luganese
10 ore

Mortale di Sigirino, la difesa ricorre in Appello

Contro la condanna a 10 anni di carcere per omicidio intenzionale l'avvocato Yasar Ravi impugnerà la sentenza pronunciata dalle Assise criminali
Mendrisiotto
10 ore

Delitto di via Valdani, a processo 5 anni dopo

Rinviati a giudizio padre e figlio, accusati dell'assassinio di un 73enne in un parcheggio sotterraneo di Chiasso
Ticino
10 ore

In Ticino rimandate cresime e prime comunioni

Lo comunica il vescovo di Lugano in una lettera ai ticinesi dopo che Berna ha fissato a 50 il tetto massimo di fedeli ammissibili negli edifici di culto
Locarnese
11 ore

Minusio, preventivo 2021 con disavanzo di quasi due milioni

A pesare sul bilancio sono la pandemia e i suoi strascichi. Moltiplicatore invariato al 78%, una scelta 'politica': ‘È una situazione straordinaria’
Luganese
12 ore

Il colpo di Monteggio, chieste massicce riduzioni di pena

Gli avvocati Galliani e Bordignon avanzano in via principale l'assoluzione per il 40enne e il 63enne. Domani la sentenza.
Gallery
Locarnese
12 ore

Lionza, per Palazzo Tondü già una trentina d'interessati

Numerosi coloro che hanno risposto all'invito della Fondazione. Prolungata, nel frattempo, la durata del concorso che scadrà il 31 gennaio
Mendrisiotto
12 ore

Delitto di via Valdani a Chiasso, in aula per assassinio

La Procuratrice pubblica Marisa Alfier ha rinviato a giudizio padre e figlio. I fatti risalgono al 27 novembre 2015
Locarnese
13 ore

Rusca e Saleggi a Locarno, contro l'antenna oltre 900 firme

Significativo successo per la petizione che accompagna un'opposizione al progetto. ‘Vicino c'è la Scuola dell'infanzia: mamme preoccupatissime’
Bellinzona
30.08.2020 - 16:580
Aggiornamento : 20:38

Altro regolamento di conti sul viale

Due fazioni di giovani sono venute alle mani venerdì sera. Tensioni anche sabato.

Appare come un altro regolamento di conti la rissa scoppiata sul viale Stazione di Bellinzona nella notte tra venerdì e sabato. Ancora una volta due fazioni di giovani si sono scontrate al Bar Viale, teatro lo scorso giugno di simile episodio di violenza sempre tra due gruppi di ragazzi. Questa volta, però, i fatti si sono svolti all’esterno dell’esercizio pubblico, dove poco dopo la mezzanotte sono volati calci e pugni. Ad avere la peggio un 21enne croato residente del Bellinzonese, il quale ha riportato ferite che hanno richiesto cure ospedaliere, venendo poi dimesso sabato ieri mattina. Le manette sono invece scattate ai polsi di un 17enne svizzero, pure residente nel Bellinzonese, già noto alla Magistratura dei minorenni per altri fatti di violenza e tuttora in stato di fermo. La maggior parte dei giovani coinvolti ha meno di 18 anni. 

Un episodio che come detto riporta alla mente quanto avvenuto a inizio giugno all’interno del bar, quando sei persone (tra cui quattro minorenni) erano finite in manette a causa di una rissa che aveva coinvolto una ventina di ragazzi. In quell’occasione i disordini erano scoppiati tra un gruppo di Bellinzona e uno di Cadenazzo, dopo che già in passato queste due fazioni erano venute alle mani. Gruppo di Bellinzona che è coinvolto anche nella scazzottata di venerdì, quando si è scontrato con a una compagnia proveniente da Locarno. Stando alle informazioni da noi raccolte, quella andata in scena nel weekend non si tratta della prima rissa tra questi due gruppi, che già in occasione del Carnevale del 2019 si erano scambiati qualche cortesia. I ragazzi del gruppo di Bellinzona coinvolti venerdì, ci viene indicato dalla Magistratura dei minorenni, non sono tuttavia gli stessi che avevano preso parte ai disordini d’inizio giugno, quando erano state utilizzate anche bottiglie e bicchieri di vetro.

‘Il messaggio non passa’

Da noi contattato, il sostituto procuratore generale Nicola Respini (coordinatore dell’inchiesta insieme alla Magistratura dei minorenni) parla di un episodio «preoccupante, soprattutto considerando i fatti di giugno, ai quali sono seguiti numerosi interrogatori con alcune persone che sono pure finite in prigione per un periodo. Anche se i giovani coinvolti non sono gli stessi, quanto avvenuto venerdì sera è la testimonianza che il messaggio non passa. Preoccupa osservare questi giovani che pensano di poter fare quello che vogliono e regolare i propri conti a modo loro, senza nessun rispetto. Molto preoccupante – aggiunge Respini − è inoltre il fatto che i ragazzi coinvolti in questo genere di episodi siano sempre più giovani». Starà ora all’inchiesta determinare nel dettaglio i motivi che hanno generato la rissa. 

Un altro pungo il giorno seguente

Ma non finisce qui: sabato sera, sempre fuori dal Bar Viale, è andato in scena un altro confronto accesso tra giovani che ha reso nuovamente necessario un intervento di polizia per placare gli animi. La notizia, anticipata dalla Rsi, ci viene confermata dal comandante della polizia comunale di Bellinzona Ivano Beltraminelli. «Siamo intervenuti a causa di un altro diverbio accesosi tra due gruppi di minorenni. Ma rispetto a venerdì sera, è volato solo un pugno. Nei prossimi giorni ci attiveremo per capire il da farsi, sentendo inoltre il gerente e gli addetti alla sicurezza (assunti dopo i fatti di giugno, ndr). Non è accettabile che questi episodi succedano con una simile frequenza». 

© Regiopress, All rights reserved