ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
2 ore

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
2 ore

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
3 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
3 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
4 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
4 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
4 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
4 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
Mendrisiotto
5 ore

Concerto inaugurale per l’organo Serassi-Bernasconi

Una serie di momenti musicali e liturgici sottolineano la riapertura della chiesa di Sant’Eusebio a Castel San Pietro
Luganese
5 ore

Umberto Bottazzini ospite alla biblioteca del Liceo Lugano 2

L’esperto di storia e fondamenti della matematica farà il suo intervento martedì 13 dicembre alle 18.15
Mendrisiotto
5 ore

Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito

Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
Bellinzonese
5 ore

Egidia Bruno in scena con ‘Rossella’ al teatro Tan di Biasca

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 20.30
Bellinzonese
5 ore

A Bellinzona torna la ‘Notte dei Pupazzi’

L’iniziativa proposta da BiblioBaobab che promuove la lettura e l’amore per i libri si terrà tra venerdì 2 e sabato 3 dicembre
Bellinzonese
5 ore

Concerto del coro femminile ‘La Coralina di Gnosca’ a Bellinzona

Appuntamento per sabato 10 dicembre alle 20 nella chiesa evangelica. Ospite della serata il ‘Christmas Swing Quartet’
Locarnese
6 ore

‘MYNUSIO’, luci e suoni per il sottopasso ritrovato

Inaugurata l’opera – che cambia continuamente – concepita dai giovani artisti locarnesi Saul Savarino e Nicholas Andina
Bellinzonese
6 ore

Cade col quad nel fiume a Traversa: morto 29enne bleniese

La vittima ha fatto un volo di dieci metri nel greto del torrente Fruda: stava facendo lavori di giardinaggio accanto alla casa di famiglia
03.07.2020 - 22:49
Aggiornamento: 23:24

'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'

La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo

prima-o-poi-le-direzioni-delle-case-anziani-dovranno-chiedere-scusa
L'introduzione del granconsigliere Matteo Pronzini (foto Ti-Press/Gianinazzi)
+1

Sala gremita all'Antico convento delle Agostiniane di Monte Carasso in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo (Mps). L'obiettivo dell'incontro di questa sera era quello di discutere in merito alla gestione del coronavirus all'interno della case anziani ticinesi, che non ha mancato di alimentare polemiche e discussioni alla luce dei pesanti bilanci di contagi e decessi registrati in alcune strutture. Una questione che ha visto in prima linea l'Mps, autore di numerose interpellanze all'indirizzo di Municipio di Bellinzona (per l'eclatante caso di Sementina) e Consiglio di Stato. 

Dopo un minuto di silenzio in memoria delle vittime della pandemia, la serata è cominciata con l’introduzione della Consigliera comunale Mps a Bellinzona Monica Soldini, che ha ricordato la significativa frase pronunciata l'11 giugno dal dottor Franco Tanzi ai microfoni della Rsi: “È tempo di cercare la verità”, aveva detto il geriatria e coordinatore del gruppo di lavoro case anziani in seno allo Stato maggiore cantonale di condotta, sottolineando l'importanza di imparare dagli errori commessi. 

Soldini ha poi passato in rassegna gli aspetti che secondo l'Mps potrebbero essere la chiave di lettura di una presa a carico lacunosa: il divieto d'ospedalizzare gli ospiti; non aver attrezzato il personale con sufficiente materiale di protezione; non aver tempestivamente sottoposto ai test gli ospiti e il personale; non aver diviso per tempo gli ospiti positivi da quelli negativi; non aver rafforzato e potenziato il personale infermieristico; essere intervenuti con notevole ritardo nell'adottare le necessarie misure di prevenzione. Una serie di misure - è stato sottolineato - di carattere organizzativo e direttivo «la cui decisione di messa in pratica sarebbe spettata alle direzioni delle case per anziani e ai responsabili politici di questi istituti e la cui vigilanza competeva al medico cantonale». 

Le testimonianze

È poi giunto il momento più delicato della serata, quando a prendere la parola sono state le persone accorse in sala, molte delle quali toccate da un lutto familiare dovuto al decesso della madre o del padre all'interno dei ricoveri. Persone che, oltre all’impossibilità di stare vicino ai propri cari, lamentano gravi lacune di comunicazione. Particolarmente toccante lo sfogo della figlia di un padre deceduto poiché contagiato da personale asintomatico, al quale è seguita la rabbia di una signora che ha perso la madre degente presso la struttura di Sementina: «mi hanno nascosto moltissime cose», ha esclamato, sottolineando la mancanza di informazione sul peggioramento della condizioni cliniche e sui medicinali somministrati alla mamma (in particolare morfina). «Quando si ha a un genitore di una certa età, si è consapevoli che prima o poi potrebbe arrivare quel giorno, ma mai avrei immaginato di perdere mia madre in questo modo, senza poterle stare vicino in nessun modo».

«Una telefonata fredda, senza nemmeno porgere le condoglianze», ha aggiunto un'altra donna presente in sala, riferendosi al momento in cui - dopo 18 giorni senza vederlo - la struttura di Sementina le ha comunicato il decesso del marito. La stessa signora ha poi sostenuto di essere entrata nella casa per anziani il 9 e l'11 maggio (in pieno periodo di chiusura) senza che nessuno le abbia impedito l'accesso. Si è poi parlato della struttura di Cadro, pure criticata in sala per mancanza di comunicazione, lacune nell'approvvigionamento di materiale sanitario monouso e dal punto di vista della tempestiva chiusura della casa. «Prima o poi, le direzioni dovranno metterci la faccia e chiedere scusa», è stato sottolineato. 

Presenti in sala anche il sindaco di Bellinzona Mario Branda e il municipale Roberto Malacrida, nonché il capodicastero Servizi sociali Giorgio Soldini, finito sotto il tiro del Movimento per il socialismo insieme al direttore della casa per anziani di Sementina Silvano Morisoli. Per loro, i consiglieri comunali Mps di Bellinzona avevano infatti chiesto la sospensione dai rispettivi incarichi. Un provvedimento che non si rende necessario per l’esecutivo cittadino, che ha tuttavia aperto un’inchiesta amministrativa nel corso della quale sono già stati interrogati tutti i collaboratori dei due piani Covid della struttura, dove i decessi per Covid sono risultati ben 21. Gli esiti, una volta noti, saranno messi a disposizione delle autorità penali e amministrative cantonali che lo richiedessero, ha reso noto Branda durante l'ultima seduta del Consiglio comunale. 

Tornando alla serata di questa sera, per voce del deputato Matteo Pronzini, in ottica futura l’Mps ha auspicato in particolare una gestione cantonale delle strutture (e non più affidata a Comuni o enti privati), favorendo una maggiore voce in capitolo per i parenti degli ospiti e in generale più risorse per quanto riguarda l'organico del personale. «Bisogna uscire dalla logica molto economica con cui vengono gestite queste strutture» - ha chiosato Pronzini - Dobbiamo chiederci che tipo di case per anziani vogliamo», ha aggiunto il deputato, esponendo la tesi secondo cui le cifre più elevate si sono verificate nelle strutture che già presentavano problematiche di natura organizzativa e di gestione. «Un muro di gomma», ha poi affermato il deputato, alludendo alle dichiarazioni (apparse anche su questo giornale) delle direzioni delle case per anziani toccate in maniera rilevante dal virus. «Non basta affermare di aver applicato in maniere rigorosa le misure indicate dall’Ufficio del medico cantonale».

Una pandemia che per l'Mps si poteva prevedere in maniera più tempestiva, permettendo una reazione più adeguata e di consegunza una presa a carico più accurata all’interno delle case per anziani. Mps che aveva chiesto al Consiglio di Stato di istituire una Commissione parlamentare d'inchiesta per fare luce sull'agire delle case per anziani durante la fase d'emergenza. Una richiesta giudicata tuttavia prematura dagli altri partiti. Su questa ipotesi il parlamento dovrà però esprimersi nel mese di settembre. 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved