il-municipio-di-bellinzona-sulle-antenne-5g-intenzioni-da-chiarire
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
6 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
6 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
7 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
7 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
7 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
7 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
7 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
7 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
28.05.2020 - 14:20

Il Municipio di Bellinzona sulle antenne 5G: 'intenzioni da chiarire'

L'esecutivo chiederà agli operatori di telefonia di specificare nell'incarto della domande di costruzione la tecnologia che si intende utilizzare

Anche il Municipio di Bellinzona intende sollecitare gli operatori di telefonia mobile al fine di specificare, nell'incarto oggetto delle domande di costruzione e ammodernamento di antenne, il tipo di tecnologia che s'intende utilizzare. È quanto emerge dalla risposta fornita all'interpellanza inoltrata dal gruppo Ppd-Gg in Consiglio comunale, che domandava all'esecutivo se quest'ultimo ritenesse corretta una forma di licenza edilizia che indica con con un generico 'aggiornamento tecnico con cambio antenne' l'introduzione della tecnologia 5G. Il Municipio informa che il Cantone, in una lettera del marzo scorso trasmessa ai Comuni, ha indicato di avere richiesto di specificare il tipo di tecnologia adottata in fase di domanda di costruzione. Una richiesta che è stata tuttavia respinta dagli operatori di telefonia mobile. Malgrado ciò, l'esecutivo intende ora riformulare la medesima domanda. Il Municipio spiega inoltre che vi è stato un incontro con una delle compagnie, "dov’è stato illustrato come i cambiamenti di abitudini della popolazione hanno portato ad un rapido sviluppo tecnologico nell’ambito della trasmissione mobile dei dati e come la nuova rete potrebbe rispondere ai nuovi bisogni limitando le emissioni".

Due ricorsi pendenti

L'esecutivo informa poi che sul territorio comunale vi sono attualmente 10 installazioni potenzialmente autorizzate per tecnologia 5G. Entrambe le licenze edilizie per l'antenne nel quartiere di Bellinzona (via San Gottardo e via dei Gaggini) sono state rilasciate lo scorso novembre. In entrambi i casi pende un ricorso collettivo al Consiglio di Stato. 

Il Ppd aveva inoltre chiesto al Municipio se avesse già valutato la possibilità di utilizzare la propria competenza residua in materia di prevenzione ai sensi della LPAmb e adottare una norma limitante di Piano regolatore (o una zona di pianificazione), perlomeno nei comparti più sensibili laddove sono presenti scuole, asili, strutture sanitarie, case anziani e siti a grande densità di popolazione. A questo proposito il Municipio informa che si è già "deciso di estendere a tutto il comprensorio comunale l’articolo dell’ora quartiere di Bellinzona con una specifica variante pianificatoria, al fine di tutelare il carattere, la qualità e l’attrattività in particolare delle zone destinate all’abitazione mediante la protezione dalle immissioni immateriali e garantire il loro adeguato inserimento nel contesto territoriale, in particolare a salvaguardia del patrimonio naturale, culturale e del paesaggio". La norma definisce in particolare un ordine di priorità, che privilegia la collocazione degli impianti di telefonia nelle ubicazioni percepite come meno sensibili. 

Il 4 marzo i servizi cantonali si sono espressi favorevolmente nell’evasione dell’Esame preliminare, per cui si è già proceduto con la necessaria (in base alla Legge sullo sviluppo territoriale) fase di informazione e partecipazione, che è in corso. "Rispettivamente si procederà, poi, con il licenziamento del messaggio municipale per l’adozione delle modifiche pianificatorie da parte del Consiglio comunale, che dovranno poi ancora essere approvate da parte del Consiglio di Stato". 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved