laRegione
bellinzona-bagno-pubblico-verso-l-apertura-a-fine-giugno
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
14 min

Banda di giovani rinviata a giudizio per rapina a Lugano

Quartetto rischia fino a 5 anni di carcere per aver intimato con le minacce ad altrettanti coetanei di farsi consegnare il denaro in loro possesso
Locarnese
18 min

Locarno, tornano i prestiti di giochi e libri per ragazzi

Di nuovo a disposizione la Ludoteca e la Biblioteca per i più giovani. Appuntamento da prendere online e divieto di fermarsi a fare attività
Ticino
21 min

Pensioni dei Consiglieri di Stato, non luogo a procedere

Per il pg Andrea Pagani, dalle segnalazioni di Matteo Pronzini (mps) sul versamento del supplemento Avs ai ministri, non emergono elementi di rilevanza penale
Bellinzonese
34 min

Rumori molesti a Bellinzona: le ore in più saranno 2 e non 7

Il Municipio corregge un errore di battitura presente nella prima versione della sua Ordinanza e la ripubblica
Luganese
1 ora

Mezzo milione a favore di progetti medio-piccoli

L'Ente regionale per lo sviluppo del luganese apre il bando di concorso 2021. Contributi a fondo perso o sotto forma di prestito.
Luganese
1 ora

Stemma di Lugano, 'si eviti un uso improprio'

Il Municipio ha avvisato di nuovo la Lega e gli altri partiti prospettando pure le conseguenze giuridiche in caso di un'azione legale
Bellinzonese
1 ora

Bni di Belllinzona, fatturato di quasi 3 milioni di franchi

Nel 2020 gli imprenditori Tre Castelli di Business Network International hanno realizzato ricavi per 2'841'589 franchi
Bellinzonese
1 ora

Classe in quarantena alle Elementari Nord di Bellinzona

L'Ufficio del medico cantonale lo ha deciso dopo la terza positività. Iniziata nell'aula magna la vaccinazione degli over 80
Bellinzonese
2 ore

Arbedo, sospese le celebrazioni per la festa di San Paolo

A causa dell'emergenza sanitaria legata al coronavirus la benedizione del pane e la tombola parrocchiale non avranno luogo
Ticino
2 ore

Truffe crediti Covid, arrestati due residenti nel Sottoceneri

Due imprenditori accusati di aver fornito false informazioni per ottenere crediti Covid-19 per oltre un milione e mezzo di franchi poi usati per altri scopi
Bellinzonese
2 ore

Arbedo-Castione, biblioteca chiusa fino al 28 febbraio

La decisione è stata presa in seguito alle nuove disposizioni legate al coronavirus. Si potrà comunque continuare a riconsegnare libri e chiedere prestiti.
Ticino
4 ore

Bus regionali affollati, in arrivo corse supplementari

Sono 16 le tratte extraurbane, gestite da Autopostale, soggette a sovraffollamento nelle ore di punta. Il Dt auspica correttivi già dalla prossima settimana
Mendrisiotto
4 ore

Per la sindaca di Castel San Pietro saluti augurali online

Il messaggio, casa pandemia, si potrà vedere da sabato, 23 gennaio, sul sito internet dell'amministrazione comunale www.castelsanpietro.ch
Mendrisiotto
4 ore

Chiuso per lavori un tratto di via S. Martino a Mendrisio

Il cantiere interessa la zona dalla chiesetta al parcheggio delle piscine. All'origine c'è un danno alle canalizzazioni
Bellinzonese
5 ore

Vaccino ad Arbedo-Castione: necessario il certificato medico

Da oggi si fissano gli appuntamenti per gli over 80, iniezioni al via dal 1° febbraio al Centro sociale
Luganese
5 ore

Angelo Bernasconi il settimo Ppd per Lugano

Completata la lista per il Municipio, il 29 gennaio la ratifica dell'Assemblea (on line)
Locarnese
5 ore

Locarno, è partita la campagna vaccinale

Compatibilmente con la disponibilità delle dosi, in questi giorni si procederà con le iniezioni a tutti i 470 ultraottantenni che si sono annunciati
Ticino
7 ore

Covid, calano ancora gli ospedalizzati. 74 i nuovi casi

Continua a scendere la pressione sul sistema sanitario: 215 persone sono ricoverate, 28 in cure intense. Purtroppo si contano altri 4 decessi
Bellinzonese
7 ore

Fermato con 1'400 kg di generi alimentari non dichiarati

L'Amministrazione federale delle dogane ha controllato l'uomo martedì sull'A2 a Monte Carasso, proveniva dall'Italia ed era diretto in Liechtenstein
Bellinzonese
09.05.2020 - 06:000

Bellinzona: Bagno pubblico verso l'apertura a fine giugno

L'Ente Sport sta elaborando il concetto di protezione per le strutture pubbliche. Poche per ora le società che riprendono subito gli allenamenti

Spogliatoi off limits, orari da rispettare rigorosamente e allenamenti all’aria aperta, ma soprattutto delle procedure precise sulla modalità di richiesta di autorizzazione per potersi allenare nelle strutture sportive comunali. La Città di Bellinzona si è attivata attraverso il suo Ente Sport per iniziare la fase di ripresa di alcune attività sportive che le società e i club hanno dovuto interrompere per rispettare le disposizioni emanate a livello federale. Ma da lunedì 11 maggio cosa cambierà in Svizzera per chi pratica sport a livello agonistico? Berna ha stabilito che gli allenamenti possono riprendere, ma solo da parte delle società iscritte a una Federazione sportiva che ha ricevuto il via libera dal Consiglio federale. Partendo da questo concetto l’Ente Sport ha dunque elaborato, in collaborazione con l’Ufficio sport cantonale, una procedura condivisa con tutte le società attive che fanno capo alle strutture comunali: se vogliono riprendere l'attività devono elaborare un concetto di allenamento nel rispetto delle misure igieniche previste, da sottoporre per approvazione all'Ente stesso. Dal canto suo quest'ultimo elabora un concetto di protezione per le varie infrastrutture sportive. Sono di vario genere quelle presenti sul territorio della città aggregata: si va dal centro sportivo con pista di ghiaccio, piscina coperta e campi da tennis, alle palestre delle scuole comunali, senza dimenticare i numerosi campi da calcio (22) di cui normalmente usufruiscono una quindicina di società calcistiche.

Alcune società sportive riprendono l'attività

“Al momento - spiega da noi contattato il direttore Andrea Laffranchini - abbiamo ricevuto richieste da parte del Tennis club Bellinzona, delle due società atletiche di Bellinzona (Gab e Sab) e del settore giovanile dell’Acb”. Altre compagini hanno per contro fatto sapere che non intendono riprendere gli allenamenti, vuoi perché le gare o le competizioni previste sono state annullate, vuoi perché le misure da prendere sarebbero troppo limitanti. “Ad esempio per il Gab abbiamo stabilito che si possono allenare solo nella pista di atletica presente allo stadio comunale rispettando determinati criteri di sicurezza. Non verranno resi accessibili gli spogliatoi, saranno aperti solo i servizi igienici adiacenti alla pista, potranno essere presenti in pista al massimo settanta tra atleti ed allenatori e altre misure atte a minimizzare i rischi di contagio”, spiega Laffranchini. Uno degli aspetti in comune tra chi ha chiesto di riprendere gli allenamenti è poi la gestione del tempo: per evitare assembramenti prima e dopo l’attività sportiva gli atleti devono presentarsi sul posto pochi minuti prima dell’inizio e andare via subito dopo la conclusione.

In piscina non prima di fine giugno

Ma lo sport non è fatto solo di allenamenti o di club agonistici. L’attività fisica può essere una passione da svolgere individualmente e può anche andare a braccetto con la socializzazione, come nel caso del Bagno pubblico di Bellinzona. “Come Ente Sport sentiamo la responsabilità sociale nei confronti dei nostri cittadini che frequentano questa infrastruttura anche per motivi di svago e di incontro”. Da qui la volontà di aprire non appena possibile il Bagno pubblico, anche se per la data precisa bisognerà attendere ancora un paio di settimane. Il Consiglio federale si esprimerà verosimilmente il 27 maggio sulle riaperture delle infrastrutture balneari che si potrebbe ipotizzare verso la fine del mese di giugno. Laffranchini spiega che attraverso l’Associazione piscine romande e ticinesi (Aprt) è nato un dialogo tra i vari Comuni proprietari di strutture di questo genere. “C’è la volontà di trovare una data comune di apertura e collaboriamo nella preparazione di una serie di misure atte a limitare il rischio di contagio”, aggiunge Laffranchini. Tale concetto è ancora in fase di elaborazione e prenderà in considerazione sia il numero di persone presenti all’interno del Bagno pubblico, sia i bagnanti presenti in vasca a dipendenza della sua dimensione e del numero di nuotatori in corsia (non più di 8). Ma anche il rispetto delle distanze all’entrata, in cassa e sul prato, nonché la messa a disposizioni e a quali condizioni dei vari servizi presenti (dagli spogliatoi alla ristorazione). Per il rispetto delle regole il personale attivo al Bagno pubblico dovrà essere formato adeguatamente. E l’appello va anche alla responsabilità individuale delle persone: “Abbiamo bisogno il contributo di ognuno. Per far funzionare le cose servono comprensione, pazienza ed educazione”.

La vasca della piscina olimpionica si presenterà peraltro rinnovata. Sono infatti stati avviati prima dell'emergenza coronavirus gli importanti lavori di manutenzione, poi sospesi a causa delle disposizioni federali e cantonali per contenere il contagio. "I lavori che sono nel frattempo ripresi prevedono la sabbiatura e la riverniciatura della vasca. È inoltre previsto un nuovo impianto per il cloro e il tutto dovrebbe essere portato a termine entro l'apertura ipotizzata", spiega Laffranchini.

Corsi di nuoto posticipati o annullati

Un discorso a parte lo meritano i tradizionali corsi organizzati in collaborazione con la Turrita Nuoto. Quel che è certo è che questa volta non si potranno svolgere a fine giugno come capita normalmente: al momento è stato ipotizzato il loro posticipo al mese di luglio, ma una decisione ufficiale sull’effettivo svolgimento o meno verrà presa entro settimana prossima, spiega il direttore dell’Ente Sport.

Acque sicure

Quel che è certo è che per l’estate 2020 andare in piscina sarà un’esperienza diversa da quella a cui siamo abituati. Nessun timore dovrebbe però sorgere per quanto riguarda la presenza del virus in acqua. Come comunicato dalla Sezione della protezione dell'aria dell'acqua e del suolo e dal Laboratorio cantonale, se gli attuali trattamenti in vigore nelle strutture pubbliche vengono messi in pratica correttamente, il rischio di venire contagiati da virus in generale e dal Sars-CoV-2 viene definito trascurabile.

Nuovo concetto social

Intanto l’Ente Sport per stare vicino ai suoi atleti e per promuovere l’attività fisica nel rispetto delle normative in atto, oltre ad aver rinnovato la propria pagina internet, ha deciso di promuovere la comunicazione grazie a una nuova pagina Facebook e Instagram, dove dove verranno pubblicati anche alcuni video che illustrano come le società sportive stanno affrontando questo periodo particolare. 

© Regiopress, All rights reserved