ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
11 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
13 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
14 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
15 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
18 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
20 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
23 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
1 gior

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
1 gior

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
1 gior

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
1 gior

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
1 gior

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
1 gior

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
1 gior

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
1 gior

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
1 gior

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
09.05.2020 - 06:00

Bellinzona: Bagno pubblico verso l'apertura a fine giugno

L'Ente Sport sta elaborando il concetto di protezione per le strutture pubbliche. Poche per ora le società che riprendono subito gli allenamenti

di Samantha Ghisla
bellinzona-bagno-pubblico-verso-l-apertura-a-fine-giugno
Ti-Press

Spogliatoi off limits, orari da rispettare rigorosamente e allenamenti all’aria aperta, ma soprattutto delle procedure precise sulla modalità di richiesta di autorizzazione per potersi allenare nelle strutture sportive comunali. La Città di Bellinzona si è attivata attraverso il suo Ente Sport per iniziare la fase di ripresa di alcune attività sportive che le società e i club hanno dovuto interrompere per rispettare le disposizioni emanate a livello federale. Ma da lunedì 11 maggio cosa cambierà in Svizzera per chi pratica sport a livello agonistico? Berna ha stabilito che gli allenamenti possono riprendere, ma solo da parte delle società iscritte a una Federazione sportiva che ha ricevuto il via libera dal Consiglio federale. Partendo da questo concetto l’Ente Sport ha dunque elaborato, in collaborazione con l’Ufficio sport cantonale, una procedura condivisa con tutte le società attive che fanno capo alle strutture comunali: se vogliono riprendere l'attività devono elaborare un concetto di allenamento nel rispetto delle misure igieniche previste, da sottoporre per approvazione all'Ente stesso. Dal canto suo quest'ultimo elabora un concetto di protezione per le varie infrastrutture sportive. Sono di vario genere quelle presenti sul territorio della città aggregata: si va dal centro sportivo con pista di ghiaccio, piscina coperta e campi da tennis, alle palestre delle scuole comunali, senza dimenticare i numerosi campi da calcio (22) di cui normalmente usufruiscono una quindicina di società calcistiche.

Alcune società sportive riprendono l'attività

“Al momento - spiega da noi contattato il direttore Andrea Laffranchini - abbiamo ricevuto richieste da parte del Tennis club Bellinzona, delle due società atletiche di Bellinzona (Gab e Sab) e del settore giovanile dell’Acb”. Altre compagini hanno per contro fatto sapere che non intendono riprendere gli allenamenti, vuoi perché le gare o le competizioni previste sono state annullate, vuoi perché le misure da prendere sarebbero troppo limitanti. “Ad esempio per il Gab abbiamo stabilito che si possono allenare solo nella pista di atletica presente allo stadio comunale rispettando determinati criteri di sicurezza. Non verranno resi accessibili gli spogliatoi, saranno aperti solo i servizi igienici adiacenti alla pista, potranno essere presenti in pista al massimo settanta tra atleti ed allenatori e altre misure atte a minimizzare i rischi di contagio”, spiega Laffranchini. Uno degli aspetti in comune tra chi ha chiesto di riprendere gli allenamenti è poi la gestione del tempo: per evitare assembramenti prima e dopo l’attività sportiva gli atleti devono presentarsi sul posto pochi minuti prima dell’inizio e andare via subito dopo la conclusione.

In piscina non prima di fine giugno

Ma lo sport non è fatto solo di allenamenti o di club agonistici. L’attività fisica può essere una passione da svolgere individualmente e può anche andare a braccetto con la socializzazione, come nel caso del Bagno pubblico di Bellinzona. “Come Ente Sport sentiamo la responsabilità sociale nei confronti dei nostri cittadini che frequentano questa infrastruttura anche per motivi di svago e di incontro”. Da qui la volontà di aprire non appena possibile il Bagno pubblico, anche se per la data precisa bisognerà attendere ancora un paio di settimane. Il Consiglio federale si esprimerà verosimilmente il 27 maggio sulle riaperture delle infrastrutture balneari che si potrebbe ipotizzare verso la fine del mese di giugno. Laffranchini spiega che attraverso l’Associazione piscine romande e ticinesi (Aprt) è nato un dialogo tra i vari Comuni proprietari di strutture di questo genere. “C’è la volontà di trovare una data comune di apertura e collaboriamo nella preparazione di una serie di misure atte a limitare il rischio di contagio”, aggiunge Laffranchini. Tale concetto è ancora in fase di elaborazione e prenderà in considerazione sia il numero di persone presenti all’interno del Bagno pubblico, sia i bagnanti presenti in vasca a dipendenza della sua dimensione e del numero di nuotatori in corsia (non più di 8). Ma anche il rispetto delle distanze all’entrata, in cassa e sul prato, nonché la messa a disposizioni e a quali condizioni dei vari servizi presenti (dagli spogliatoi alla ristorazione). Per il rispetto delle regole il personale attivo al Bagno pubblico dovrà essere formato adeguatamente. E l’appello va anche alla responsabilità individuale delle persone: “Abbiamo bisogno il contributo di ognuno. Per far funzionare le cose servono comprensione, pazienza ed educazione”.

La vasca della piscina olimpionica si presenterà peraltro rinnovata. Sono infatti stati avviati prima dell'emergenza coronavirus gli importanti lavori di manutenzione, poi sospesi a causa delle disposizioni federali e cantonali per contenere il contagio. "I lavori che sono nel frattempo ripresi prevedono la sabbiatura e la riverniciatura della vasca. È inoltre previsto un nuovo impianto per il cloro e il tutto dovrebbe essere portato a termine entro l'apertura ipotizzata", spiega Laffranchini.

Corsi di nuoto posticipati o annullati

Un discorso a parte lo meritano i tradizionali corsi organizzati in collaborazione con la Turrita Nuoto. Quel che è certo è che questa volta non si potranno svolgere a fine giugno come capita normalmente: al momento è stato ipotizzato il loro posticipo al mese di luglio, ma una decisione ufficiale sull’effettivo svolgimento o meno verrà presa entro settimana prossima, spiega il direttore dell’Ente Sport.

Acque sicure

Quel che è certo è che per l’estate 2020 andare in piscina sarà un’esperienza diversa da quella a cui siamo abituati. Nessun timore dovrebbe però sorgere per quanto riguarda la presenza del virus in acqua. Come comunicato dalla Sezione della protezione dell'aria dell'acqua e del suolo e dal Laboratorio cantonale, se gli attuali trattamenti in vigore nelle strutture pubbliche vengono messi in pratica correttamente, il rischio di venire contagiati da virus in generale e dal Sars-CoV-2 viene definito trascurabile.

Nuovo concetto social

Intanto l’Ente Sport per stare vicino ai suoi atleti e per promuovere l’attività fisica nel rispetto delle normative in atto, oltre ad aver rinnovato la propria pagina internet, ha deciso di promuovere la comunicazione grazie a una nuova pagina Facebook e Instagram, dove dove verranno pubblicati anche alcuni video che illustrano come le società sportive stanno affrontando questo periodo particolare. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved