ex-petrolchimica-di-preonzo-tutti-d-accordo-sulla-bonifica
(Ti-Press)
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 min

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
15 min

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
9 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
11 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
12 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
18 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
19 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
15.02.2020 - 05:50
Aggiornamento: 12:07

Ex Petrolchimica di Preonzo, tutti d’accordo sulla bonifica

Municipio di Bellinzona, Patriziato locale, società proprietaria del terreno contaminato e la confinante Ecotechnology aderiscono alla convenzione cantonale

Dai 700’000 franchi inizialmente stimati nei mesi scorsi, sale a un milione il costo calcolato per rimuovere le infrastrutture superficiali presenti nel comparto dell’ex Petrolchimica di Preonzo da oltre due decenni abbandonato a se stesso dopo il fallimento della raffineria risalente al 1996. La cifra – spiega alla ‘Regione’ il municipale Christian Paglia, capodicastero Opere pubbliche e Ambiente – emerge dal progetto consegnato nei giorni scorsi dallo studio d’ingegneria Evolve di Bellinzona all’esecutivo cittadino che lo aveva incaricato di calcolare i costi indicando procedura e fasi di smantellamento. Il Municipio ora inserirà questi dettagli in un messaggio che sottoporrà prossimamente al Consiglio comunale, cui compete la decisione. Successivamente la Città compenserà la spesa beneficiando del contributo di delocalizzazione attribuito dal Cantone alle attività situate sotto la frana del Valegion. È, questa, la prima fase operativa del complesso iter avviato da Città e Cantone (Dipartimento del territorio) per bonificare il vasto mappale che risulta contaminato e non soltanto inquinato; questo considerate le sostanze riferite a idrocarburi scoperte nella falda freatica presente a valle. Quanto sia esattamente grave la situazione lo diranno le analisi approfondite del sottosuolo che potranno essere effettuate non appena smantellati i capannoni presenti; pure da considerare che si trovano ancora sul posto alcuni tank interrati, mentre altri che si ergevano per vari metri sono stati eliminati nei decenni passati.

Delega al Cantone che anticiperà i costi

La procedura di bonifica è coordinata dalla Sezione protezione aria, acqua e suolo (Spaas) del Dipartimento del territorio (Dt): fattasi parte attiva, l’ha condivisa con gli attori presenti nel e attorno al comparto sottoponendo loro di recente una convenzione contenente una delega esecutiva a favore del Cantone che anticiperà tutti i costi di risanamento. Si tratta della Gerre Sa (fa capo al gruppo Piero Ferrari Sa di Locarno) che aveva comprato il mappale all’asta nel 2005 per farne probabilmente un deposito d’inerti; nonché della Città di Bellinzona e del Patriziato di Preonzo proprietari di alcuni mappali confinanti, i quali in parte ospitano in diritto di superficie la ditta Ecotechnology situata a nord, pure coinvolta nella procedura di bonifica.

Si scava nel vecchio azionariato

Sebbene i confinanti non abbiano responsabilità nell’inquinamento, il loro coinvolgimento è richiesto per due motivi: da una parte perché il problema potrebbe aver facilmente sconfinato verso loro; dall’altra perché la bonifica centrale ed eventualmente laterale potrebbe comportare benefici anche per le vicine proprietà/attività. Tutto ciò – spiega alla ‘Regione’ il capo Spaas Giovanni Bernasconi – richiede, come detto, una delega a favore del Dt che le parti hanno ora preavvisato positivamente, suggerendo e ottenendo alcune puntualizzazioni nel testo; chiara, ad esempio, l’adesione del Patriziato la cui assemblea giovedì si è espressa all’unanimità. Convenzione – specifica Bernasconi – nella quale non viene indicata la chiave di riparto della spesa stimata in 20-25 milioni di franchi. Chi pagherà e quanto, sarà stabilito tramite una procedura parallela che non frenerà quella operativa stimata in 5 anni. «Il governo cantonale – aveva spiegato lo scorso ottobre il consigliere di Stato Claudio Zali rispondendo in Gran Consiglio a un’interpellanza – farà il possibile per evitare che l’ente pubblico si sobbarchi i costi di risanamento». Il ministro citava la Legge per la protezione dell’ambiente, sottolineando che l’ente pubblico si assume i costi qualora i cosiddetti ‘perturbatori per comportamento’ non siano rintracciabili o siano insolventi. In tal caso può chiedere alla Confederazione una partecipazione alla spesa fino a un massimo del 40%. Si ‘scaverà’ quindi anche nell’azionariato della fallita Petrolchimica Sa, per capire chi ne teneva le redini nel periodo di attività. Fra i possibili nomi emersi negli ultimi mesi, ricordiamo, c’è quello del gruppo petrolifero Tamoil attivo anche in Ticino. Ma non sarebbe il solo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved