verdi-ratificati-i-sette-candidati-al-municipio-di-bellinzona
Da sin: Ronny Bianchi, Erika Franc, Alessandro Robertini, Giulia Petralli, Kevin Simao Ograbek, Lorenza Giorla e Marco Noi
19.01.2020 - 20:16

Verdi, ratificati i sette candidati al Municipio di Bellinzona

Nessuna sorpresa all'assemblea tenutasi questa sera: la lista di ecologisti, Forum Alternativo e Indipendenti è definitiva

Nessuna sorpresa all’assemblea elettorale dei Verdi del Bellinzonese conclusasi poco fa: per acclamazione sono stati ratificati i sette candidati al Municipio di Bellinzona. Sono dunque definitivi i nomi proposti dalla commissione elettorale che appariranno sulla lista conginuta insieme a Forum Alternativo e Indipendeti. Saranno dunque della partita Ronny Bianchi, Indipendente, residente nel quartiere di Bellinzona, classe 1957, economista e docente; Erika Franc, I Verdi, residente nel quartiere di Bellinzona, classe 1981, biologa indipendente; Lorenza Giorla, Forum Alternativo, residente a Giubiasco, classe 1993, docente; Marco Noi, I Verdi, residente nel quartiere di Bellinzona, classe 1968, psicologo sociale e psicoterapeuta, attuale consigliere comunale e granconsigliere; Giulia Petralli, I Verdi, residente a Camorino, classe 1993, economista; Alessandro Robertini, Forum Alternativo, residente a Sementina, classe 1959, docente e ricercatore Supsi; Kevin Simao Ograbek, I Verdi, residente nel quartiere di Gnosca, classe 1999, studente e attivista per il clima.

In 35 (per ora) in corsa per il Cc

Approvati dall’assemblea anche i 35 candidati (18 donne e 17 uomini) al Consiglio comunale, che potrebbero però aumentare entro il 27 gennaio (ultimo termine per la presentazione delle liste). Sui banchi del legislativo il partito conta attualmente Marco Noi e Ronnie David, entrambi di nuovo in lizza. «L’obiettivo – rileva David – è aumentare la nostra presenza all’interno di Consiglio comunale e Municipio», dove attualmente i Verdi sono a quota zero seggi, «nonostante mi renda conto che per l’esecutivo la sfida non è certo di quelle facili. Vogliamo però porci come una vera alternativa per portare avanti una politica diversa», che punti in particolare a ridurre la speculazione edilizia, a lottare contro i cambiamenti climatici e i suoi effetti e a promuovere cultura e politiche giovanili. David, lo ricordiamo, non si è candidato per l'esecutivo in quanto ha preferito lasciare il posto a chi avrebbe effettivamente il tempo e la possibilità di assumere il ruolo di municipale. 

Ricordiamo che a differenza del 2017, per le elezioni comunali del prossimo 5 aprile i Verdi hanno deciso di non accettare l’invito del Partito socialista a ripetere l’esperienza di tre anni di correre insieme sotto il nome Unità di Sinistra. Rifiutata dagli ecologisti pure la proposta di alleanza avanza dal Movimento per il socialismo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved