biasca-passi-avanti-per-il-centro-intergenerazionale
Le scuole alla Bosciorina (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
54 min

Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’

Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
Locarnese
1 ora

Gordola, furgone in una scarpata: recuperato con l’elicottero

L’intervento dell’Heli Tv si è reso necessario dopo che il carro attrezzi non era riuscito a rimuovere il mezzo. Nessuno si trovava a bordo
Ticino
2 ore

Inflazione, il Ps: salari e aiuti più alti. Gli altri: sgravi

I socialisti presentano le loro proposte, a livello federale e cantonale, per contrastare il carovita. Durisch: oggi i colpiti sono soprattutto i fragili
Luganese
2 ore

Viadotto Brentino a Lugano, ‘perché la Città non fa nulla?’

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino&Lavoro) chiede al Municipio di attivarsi per una soluzione alla strada incompiuta
Luganese
2 ore

A2 Melide-Gentilino: concluso il grosso del risanamento fonico

Avviati nel 2019, agli sgoccioli i lavori sull’autostrada, L’Ustra: rispettata la tempistica e i costi preventivati
Locarnese
2 ore

Muralto Democratica fa le pulci ai conti (dopo la bocciatura)

Dieci domande al Municipio su temi che vanno dalle spese per il personale alla manutenzione riali, al rischio di non incassare le imposte arretrate
Locarnese
2 ore

‘Vento di vita vera’, la Bavona va sul grande schermo

Sabato sera in piazza a Moghegno la prima del film di Kurt Koller, realizzato in collaborazione con la Fondazione Valle Bavona
Luganese
3 ore

Sparatoria ad Agno, confermato l’arresto del padre del 22enne

Il 49enne di Rovio è accusato di tentato assassinio subordinatamente omicidio nonché infrazione alla Legge federale sulle armi
28.12.2019 - 14:45

Biasca, passi avanti per il Centro intergenerazionale

Il Municipio sottopone al legislativo il credito per dare inizio alla progettazione architettonica di nuove scuole elementari, nuovo asilo e nuova palestra

Poco più di 390mila franchi per organizzare un concorso di progettazione volto alla realizzazione di stabili scolastici nel comparto Bosciorina, dove si prevede la costruzione di una nuova scuola dell’infanzia, di una nuova scuola elementare e di una nuova palestra. Il tutto completato da un centro giovanile polivalente. È il credito che il Municipio di Biasca chiede di approvare al Consiglio comunale, al fine di concretizzare il primo tassello dello sviluppo del comparto che si completerà con una seconda fase comprendente la casa per anziani, pure prevista nel comparto Bosciorina che attualmente ospita le scuole elementari.

Forse anche la Protezione civile

La richiesta di credito giunge a seguito della proposta urbanistica elaborata dal team composto dallo studio Snozzi Groisman & Groisman di Locarno, Urbass fgm di Manno e Csd Ingegneri Sa di Lugano, scelto da una giuria di esperti e di rappresentanti del Comune e del Cantone quale soluzione migliore per le necessità future di Biasca. Una proposta concettuale, presentata dall’esecutivo nel dicembre del 2018, alla quale seguirà ora un concorso con procedura libera che andrà a proporre veri e propri progetti architettonici. L’analisi condotta dal Municipio nel corso del 2019 (fattibilità dell’impostazione urbanistica, dimensioni e affinamento del programma degli spazi, tappe di realizzazione e stima dei costi di massima) ha ipotizzato una spesa di circa 30 milioni. Lo studio di fattibilità, si legge nel messaggio allestito dal Municipio, ha inoltre rilevato una carenza di 400-500 posti protetti per la Protezione civile a favore della popolazione biaschese che potrebbero trovare posto nel comparto. Dove, a seguito della recente approvazione del credito da parte del Consiglio comunale, è pure previsto un centro giovanile, così da trasformare la zona in un Centro intergenerazionale di carattere comunale.

In zona Quinta verrà ampliato il Cpt

Parallelamente alla proposta urbanistica per il comparto Bosciorina, il Cantone ha elaborato uno studio strategico per la creazione di un centro di competenza formativo dell’auto in zona Quinta, da inserire nel Centro professionale tecnico (Cpt) che verrebbe dunque ampliato. Sempre su questo comparto il Cantone prevede pure l’edificazione di una nuova scuola media con relative strutture sportive. La scelta di avviare dei mandati di studio in parallelo, ricordiamo, è stata fatta per ottenere le indicazioni che permettessero al Municipio di decidere l’ubicazione delle strutture di sua competenza. Dopo la fase di concorso annunciata nel corso del 2020, per quanto riguarda le nuove costruzioni previste sul comparto Bosciarina l’esecutivo ipotizza di stilare un progetto di massima nel corso del 2022. Si prevede di concludere i lavori entro l’inizio dell’anno scolastico del 2026.

Leggi anche:

I giovani di Biasca avranno un centro per loro (e altri)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved