laRegione
al-rabadan-arriva-il-bicchiere-ecologico-con-microchip
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Ndrangheta, al maxi processo di Lamezia c’è pure Pulice

Killer giovanissimo, il collaboratore di giustizia ha trascorsi anche in Ticino dove avrebbe riciclato denaro per conto del clan Mancuso
Luganese
1 ora

Ponte Marca a Gola di lago, si ristruttura

Il Consorzio prevede lavori di manutenzione e un ristoro
Luganese
1 ora

Edilizia privata a Lugano, serve più personale

Ghisletta chiede alla Città di incrementare il personale, altrimenti si rischiano problemi di varia natura, come la disparità di trattamento
Grigioni
1 ora

Mesocco, 2020 positivo per la centralina Nan Ros

L'anno scorso l'impianto ha prodotto 1,4 milioni di kWh. Si tratta del 2,9% in più rispetto alla media decennale
Ticino
1 ora

I Verdi: ‘Test rapidi a tappeto nelle scuole’

Con un'interpellanza di Marco Noi gli ecologisti chiedono anche di inserire i docenti nella categoria prioritaria per il vaccino
Ticino
2 ore

Circolazione, Camorino aperta solo su appuntamento

La misura è legata all'emergenza coronavirus. Esami di guida e collaudi si svolgeranno regolarmente
Bellinzonese
2 ore

Covid-19, servizi comunali a domicilio

Arbedo-Castione, consegna della spesa, di farmaci urgenti e ritiro della spazzatura per persone in quarantena, in isolamento o vulnerabili
Mendrisiotto
2 ore

Delitto di via Valdani a Chiasso, in aula dal 15 marzo

Davanti alla Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Marco Villa compariranno padre e figlio per rispondere del delitto di Angelo Falconi
Luganese
2 ore

Alto Malcantone, petizione contro la chiusura della Posta

Preoccupa la decisione de La Posta che quando pose fine all'attività di Breno, promise il mantenimento del servizio ad Arosio-Mugena
Luganese
3 ore

Campione d'Italia, 51enne arrestato e incarcerato

I carabinieri lo hanno rintracciato nella sua casa. L'uomo deve scontare 5 anni e otto mesi per furto, possesso di armi, minaccia, calunnia e diffamazione
Locarnese
3 ore

Locarno, strumenti gratuiti con l'Atm

Aperte le iscrizioni per il secondo semestre dei corsi di musica
Bellinzonese
16.12.2019 - 15:490
Aggiornamento : 16:36

Al Rabadan arriva il bicchiere ecologico con microchip

L'obiettivo è di evitare il consumo di 300mila bicchieri monouso durante il carnevale. Un chip permetterà di quantificare il risparmio di plastica

Un bicchiere non è per sempre, ma almeno per tutto il Rabadan. Per la prossima edizione del carnevale bellinzonese entra in scena il bicchiere ecologico in silicone alimentare che potrà essere riutilizzato durante tutti i giorni di festa. Ogni partecipante che acquisterà il pass settimanale di 60 franchi, riceverà un suo personale bicchiere gratuitamente, mentre chi acquisterà il biglietto per una singola entrata, potrà acquistarlo a un costo di 5 franchi. Tutte le tendine e gli ambulanti gestiti dalla Società Rabadan, riceveranno il bicchiere ufficiale e lo proporranno al prezzo di 5 franchi. L’iniziativa rientra nel progetto RabaGreen 2020, che intende ridurre al minimo la produzione di rifiuti, che durante i sei giorni di bagordi sono parecchi. Se ne stimano infatti circa 40 tonnellate, di cui buona parte proprio costituita da bicchieri, generati in Città durante l'evento.

Un microchip e un'app da abbinare

Il bicchiere ecologico, realizzato da una start up di Genova (Pcup), sarà anche dotato di un microchip, posizionato sul fondo, che consentirà di abbinarlo a un’applicazione creata ad hoc per la manifestazione. L’app permetterà di ricevere informazioni legate alle evento in tempo reale, come il programma della manifestazione; calcolerà in tempo reale il risparmio di plastica, con un contatore singolo e collettivo. I dati relativi al risparmio di plastica dell’intera manifestazione verranno indicati sullo schermo all’interno del capannone di piazza del Sole. L’obiettivo generale è di evitare il consumo di 300mila bicchieri di plastica monouso. L’app potrà anche essere collegata a Facebook e attivare la funzione ‘trova amici’ in modo che ci si possa trovare più facilmente all’interno del perimetro della festa.

Silicone naturale, estratto dalla sabbia e non dal petrolio

Il bicchiere è certificato per oltre duemila lavaggi, è flessibile, pieghevole e infrangibile ed è stato realizzato in materiale non inquinante, ovvero silicone platinico, che è estratto dalla sabbia e non dal petrolio. Per chi non volesse acquistarlo, Rabadan si impegna a offrire a ogni punto di mescita un bicchiere totalmente biodegradabile soggetto a un’ecotassa (50 centesimi per ogni bevanda). È pure possibile acquistare il bicchiere in silicone e non scaricare l’applicazione. Il bicchiere rientra in un progetto pilota «ma è possibile che nel 2021 anche altri carnevali lo utilizzeranno», ha rilevato Mauro Bissolotti, responsabile logistica Rabadan.

Raccolta differenziata e stoviglie lavabili

Oltre al bicchiere, il progetto prevede anche un potenziamento importante della raccolta differenziata durante la manifestazione, l’uso di stoviglie lavabili per i pranzi offerti (pranzo del cuore il giovedì, pranzo anziani il venerdì e risotto il martedì), la messa a disposizione di un raccogli mozziconi e l’ingaggio di ragazzi per la raccolta di rifiuti durante la manifestazione. L’investimento per l’intero progetto RabaGreen 2020 è stimato in circa 80mila franchi, di cui 10mila è il contributo della Città di Bellinzona, 15mila il contributo del Cantone. A sostegno del progetto vi è anche il Wwf e alcuni sponsor interessati alla novità ecologica. «Come Città salutiamo molto positivamente questo progetto», ha affermato Mario Branda, sindaco di Bellinzona, ricordando che il Rabadan attira fino a 150mila visitatori e che l’operazione potrà funzionare solo se ci si coordinerà bene, anche con il sostegno degli esercenti che vi vorranno aderire.

Il presidente della Società, Flavio Petraglio, dal canto suo ha sottolineato come già da anni Rabadan si impegni per la salvaguardia dell’ambiente, organizzando trasporti pubblici offerti compresi nei prezzi di entrata. «Sul totale delle persone che raggiungono la città del carnevale, circa la metà ci si reca con il trasporto pubblico», ha fatto presente.

© Regiopress, All rights reserved