ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
3 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
3 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
11 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
11 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
12 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
12 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
12 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
12 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
12 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
12 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
12 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Mendrisiotto
13 ore

Ligornetto, mattinata musicale al museo Vela

Domenica 4 dicembre le note del clarinetto, del violoncello e del pianoforte allieteranno gli spettatori della 44esima Stagione concertistica di musica
Mendrisiotto
13 ore

L’artista dei presepi in mostra a Morbio Inferiore

Giuseppe Bollini, sacrestano presso la chiesa San Giorgio, espone le sue opere alla Fondazione Casa San Rocco
Bellinzonese
13 ore

Biasca, alla Bibliomedia un ‘viaggio musicale trasversale’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 si terrà il concerto con i musicisti Mario Milani (fisarmonica) e Fausto Saredi (clarinetto)
Ticino
13 ore

Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza

Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
13 ore

Castel San Pietro, concerto di inaugurazione dell’organo

L’evento avrà luogo alle 20.30 presso la chiesa parrocchiale di Sant’Eusebio. Sarà il musicista Passuello a eseguire i brani
Bellinzonese
14 ore

A Bellinzona torna la giornata dedicata alla riparazione

La propone il Dipartimento del territorio sabato 3 dicembre presso la propria sede in via Franco Zorzi
Mendrisiotto
14 ore

Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti

Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
14 ore

PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici

Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
14 ore

Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto

La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
30.11.2019 - 08:00
Aggiornamento: 18:33

Il bimbo di nome 125 rinchiuso al von Mentlen negli anni 50

Bellinzona: Misure coercitive e violenze; pubblicato da Matteo Beltrami il primo libro in Svizzera scritto da un figlio di una delle vittime

il-bimbo-di-nome-125-rinchiuso-al-von-mentlen-negli-anni-50
L'autore Matteo Beltrami

«Come ho fatto a sopravvivere? Mi affacciavo alla finestra, respiravo gli odori e capivo che fuori c’era dell’altro e una vita ad attendermi». È la testimonianza di un bambino ferito, oggi uomo 73enne, raccontata decenni dopo di fronte allo sportello cantonale del Servizio per l’aiuto alle vittime di reati, creato per raccogliere le deposizioni di chi era stato collocato prima della fine degli anni Settanta tramite la Legge sulle misure coercitive. Questa storia, e indirettamente quella di tanti altri bambini cui è toccata la stessa sorte, è narrata nel libro “Il mio nome era 125” (edizioni Ulivo), pubblicato negli scorsi giorni. L’autore Matteo Beltrami queste vicende le conosce bene: «Storie che sono dentro di me», poiché udite fin da quando era bambino. Suo padre è infatti una delle vittime delle misure coercitive; dal 1954 (quando aveva sei anni) al 1959 fu collocato all’Istituto von Mentlen di Bellinzona.

'Mi sono sentito in dovere'

In Svizzera è il primo libro scritto da un figlio di una delle vittime delle misure coercitive. «Non è stato evidente, ma dopo tanti anni mi sono sentito di dover restituire qualcosa a mio papà e agli altri che hanno subìto la stessa sorte», spiega l’autore. Durante il periodo di internamento il bambino subisce ogni tipo di abuso. Il romanzo storico tratta di un tema drammatico, racconta di ciò che accadeva fra quelle mura, ma la chiave di lettura che l’autore ha voluto dargli è legata alla magia dell’infanzia, alla sopravvivenza e alla resilienza. «Vedere mio padre raccontare quelle vicende che già conoscevo, ma per la prima volta in maniera ufficiale, mi ha toccato molto. Soprattutto perché ho visto che il bambino ferito era ancora molto vivo dentro di lui», rileva Beltrami. Il padre dell’autore è stato il primo a leggere il romanzo: «È rimasto molto colpito, penso quindi che il tentativo di rielaborazione sia riuscito». Ma perché nel suo caso si era reso necessario il collocamento? Beltrami racconta che la mamma di suo padre era rimasta sola ed era dunque considerata una ‘ragazza madre’: in quel frangente storico veniva quindi delegittimata dal suo ruolo materno. I figli venivano considerati illegittimi e tacciati con appellativi anche pesanti, come ‘figli di nessuno’. Per il protagonista del libro, ma anche per tanti altri, entrare nell’istituto è stato come entrare in una zona d’ombra. «E in questa zona d’ombra all’epoca c’erano istitutrici suore che avevano una visione educativa in linea col pensiero del tempo». C’era molta violenza e sono stati messi in atto abusi di diverso tipo.

Identità annientate

Ciò che accadeva tra quelle mura è che le famiglie venivano divise; non solo fisicamente, ma venivano proprio recisi i legami. I bambini venivano continuamente presi di mira, sia con violenza fisica che con discorsi molto avvilenti. Le suore dicevano loro che erano dei ‘bastardi’ e che i genitori non c’erano più, che ora erano figli dello Stato e non meritavano di nascere. In pratica venivano annientati da un punto di vista identitario. E questo, in un’età così delicata, ha arrecato danni pesanti: spesso, quando i genitori o i parenti tornavano al von Mentlen a rendere visita ai figli, i legami famigliari erano compromessi. «Mio papà quando è uscito non si sentiva nessuno, non sapeva chi fosse. Quando era dentro diceva di non potersi esprimere, di avere paura di ogni movimento e si sentiva abbandonato». Una volta fuori dall’istituto, nell’adolescenza e fino ai 20 anni, è stato frate: era un ambiente che lo rassicurava e che gli ha dato speranza. Per molti di questi ragazzi che non avevano conosciuto i loro genitori, avere figli è stata una sfida molto grande perché non avevano esempi di riferimento. L’epoca delle misure coercitive ha avuto quindi ripercussioni a livello transgenerazionale, perché ha implicato uno stravolgimento degli equilibri all’interno delle famiglie che queste persone hanno avuto in seguito.

La metamorfosi

«Oggi il von Mentlen è un ente molto importante per quanto riguarda i collocamenti nel Cantone; lavora in modo efficiente e dà il massimo con le risorse a disposizione», osserva Beltrami. Dall’istituto questo libro è stato accolto in maniera molto umana e costruttiva. L’autore ha incontrato tutto il team di educatori e ha parlato del libro che è stato accolto con positività e con partecipazione. «Loro stessi ci tengono a sottolineare la distanza da quelle epoche», spiega. Il libro verrà presentato al pubblico nei prossimi giorni e la prima tappa è stata proprio l’Istituto von Mentlen. Nel libro – che è la prima opera di Beltrami, di professione educatore di Scuola media – sono presenti le prefazioni di Sergio Devecchi (principale promotore della tematica a livello nazionale), Vanessa Bignasca (storica e ricercatrice) e Vito Lo Russo (direttore del von Mentlen).

All’epoca c’erano 40 istituti simili

Il fenomeno dei collocamenti extrafamigliari dei minorenni, diffuso in passato anche in Ticino, faceva parte delle misure prese contro la volontà dell’individuo e giustificate allo scopo di assisterlo. Per la storica e ricercatrice Vanessa Bignasca, il libro di Matteo Beltrami permette di avvicinarci alla vita quotidiana e alle emozioni che hanno provato le decine di migliaia di bambini che, nel Ticino come in Svizzera, sono stati coinvolti da queste misure. In quelle strutture i bambini venivano sottoposti a severe punizioni disciplinari, che all’epoca erano una costante. Nel libro si solleva anche il tema del trattamento destinato alle donne non sposate che restavano incinte e desideravano crescere da sole i figli. «All’epoca della narrazione, gli anni 50, una gravidanza ‘illegittima’ era oggetto di riprovazione da parte di una società intrisa da valori borghesi e da una morale religiosa», fa presente la storica. Il principio dell’‘illegittimità’ non era soltanto il frutto di una concezione morale, «ma era iscritto nel Codice civile svizzero del 1907, che attribuiva alle autorità di tutela il compito di seguire i casi di ‘gravidanze illegittime’ e di nominare una figura maschile quale tutore», rileva. Il concetto, spiega la storica, fu abbandonato soltanto con la riforma del Codice nel 1976, quando fu parallelamente istituita la possibilità di assegnare l’autorità parentale alla madre non sposata. Aperto nel 1911 come orfanotrofio, il von Mentlen era un istituto privato diretto da una congregazione religiosa e ospitava negli anni 50 centinaia di bambini separati a seconda del sesso nelle diverse ali e alloggiati in grandi dormitori. L’istituto era gestito da personale religioso, in particolare da suore senza alcuna formazione pedagogica specifica. Un’indagine condotta nel 2015 ha permesso di recensire 40 istituti simili che erano attivi in quegli anni in tutto il Ticino e dove venivano collocati neonati, bambini e adolescenti. La maggior parte erano privati e gestiti da congregazioni religiose. L’intervento dello Stato nel finanziamento e nella sorveglianza delle strutture era praticamente nullo. Come dimostrano testimonianze e ricerche, tali istituti erano accomunati da un severo regime disciplinare, imposto tramite l’intimidazione e punizioni corporali molto dure.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved