laRegione
Nuovo abbonamento
5g-a-bellinzona-respinte-37-opposizioni-contro-l-antenna
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Centri sportivi momò in rete, al via la fase tre

L'obiettivo, entro la prossima legislatura, è quello di istituire un ente gestore e creare un portale web
Video
Locarnese
1 ora

#andràtuttobene: in 8 minuti il lockdown a Locarno

Selezionato da due festival internazionali di Hollywood e Madrid il cortometraggio di Christian Mancini e Giacomo Tanzarella
Bellinzonese
1 ora

Comparto Tatti a Bellinzona, botta e risposta sulla qualità

La sezione Centro del Ppd sollecita un impegno oltre alle soluzioni puramente tecniche. Il municipale Gianini conferma: ‘Si lavora in questa direzione’
Ticino
1 ora

‘Si gioca con il futuro di famiglie e aziende’

Coronavirus e luoghi di contagio, Suter (GastroTicino) dopo le rettifiche di Berna: ‘Non siamo untori’. Il governo: quota rilevante di casi importati dall’estero
Ticino
7 ore

Nubi grigie sull'antenna ticinese della Procura federale

Due dipendenti di lunga data denunciano il clima di lavoro insostenibile. E parlano di pubbliche umiliazioni e di mobbing
Ticino
12 ore

Posteggiare bene per la sicurezza stradale

Il Dipartimento istituzioni: 'Importante parcheggiare nelle zone adibite, affluenza straordinaria rispetto agli scorsi anni nelle zone turistiche'
Gallery (6 foto)
Locarnese
12 ore

Motoscafo distrutto dalle fiamme ad Ascona

I pompieri di Locarno in azione per spegnere le fiamme sviluppatesi a bordo del natante
Ticino
12 ore

Progetti Interreg, 7,2 milioni di finanziamenti straordinari

L'apertura del bando è stata decisa dal Comitato di sorveglianza del programma, composto da Ticino, Grigioni, Vallese e alcune regioni italiane
Mendrisiotto
12 ore

Gli InterCity non si fermeranno nel Mendrisiotto

Le Ferrovie rispondono (e respingono) le richieste sollevate da Mendrsio, Chiasso, Ers, Astuti e Crtm.
Bellinzonese
20.11.2019 - 18:220
Aggiornamento : 20:45

5G a Bellinzona: respinte 37 opposizioni contro l'antenna

Luce verde del Municipio alla richiesta di Swisscom per l'impianto da aggiornare sul tetto del Business Center

Un passo avanti nell’aggiornamento 5G degli impianti di telefonia mobile in città. Lo ha compiuto questo lunedì il Municipio di Bellinzona concedendo la licenza edilizia alla richiedente Swisscom per il proprio impianto già presente sul tetto del Business Center di proprietà del Credit Suisse in via dei Gaggini 3. Respinte quindi le 37 opposizioni inoltrate lo scorso maggio da abitanti della zona e da tre granconsiglieri del Movimento per il socialismo. Altre 54 opposizioni sottoscritte da 200 abitanti del quartiere Gerretta, ricordiamo, concernono un secondo analogo impianto previsto sempre da Swisscom in via San Gottardo 23 e sulla cui domanda di costruzione il Municipio non si è ancora espresso.

Sulla carta rispetta i valori limite ammessi

I lavori sul Business Center – avverte l’esecutivo cittadino – non potranno essere iniziati prima che la licenza edilizia sia cresciuta in giudicato; gli opponenti hanno infatti 30 giorni di tempo per appellarsi con un ricorso al Consiglio di Stato. Una delle obiezioni sollevate è che l’autorità, per motivi precauzionali, non dovrebbe rilasciare licenze edilizie fintanto che studi scientifici non avranno stabilito che la nuova tipologia di antenne è innocua per la salute della popolazione che vive e va a scuola nelle immediate vicinanze dei previsti impianti. Gli aspetti sollevati nelle opposizioni e concernenti la salute e la protezione da radiazioni non ionizzanti – rammenta il Municipio nella sua decisione – sono di esclusiva competenza federale e/o cantonale. Nel caso specifico il preavviso cantonale, riportato nella licenza edilizia, piazza alcuni paletti. “Secondo la legislazione federale – scrive il Cantone – la protezione della salute è garantita dal rispetto dei valori limite dell’impianto che sono preventivi e cautelativi, con lo scopo di proteggere la salute della popolazione da possibili effetti, non ancora conosciuti e dimostrati scientificamente, dovuti alle esposizioni alle radiazioni non ionizzanti a bassa intensità e su un lungo periodo”. L’impianto in questione, scrive il Cantone, “rispetta i valori limite, pertanto il principio di prevenzione generale è garantito”. I luoghi sensibili più esposti citati nelle opposizioni “sono stati calcolati e i valori ottenuti non raggiungono il valore limite dell’impianto, pertanto l’Ordinanza sulle radiazioni è rispettata”.

La condizione posta: il collaudo

Tuttavia, l’impianto viene preavvisato positivamente “a condizione, fra le altre, che si effettui una misura di collaudo per controllare la bontà dei calcoli e il rispetto dei limiti federali”. Quanto all’ubicazione, è data dalla preesistenza: “Inoltre si tratta di una zona intensiva B che corrisponde alla priorità 4 di ammissibilità, su una scala da 1 (zone di lavoro) a 8 (particolarmente sensibili)”.

© Regiopress, All rights reserved