ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
3 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
3 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
3 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
4 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
4 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
5 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
5 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
5 ore

Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport

A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
20.11.2019 - 18:22
Aggiornamento: 20:45

5G a Bellinzona: respinte 37 opposizioni contro l'antenna

Luce verde del Municipio alla richiesta di Swisscom per l'impianto da aggiornare sul tetto del Business Center

a cura de laRegione
5g-a-bellinzona-respinte-37-opposizioni-contro-l-antenna
Ti-Press

Un passo avanti nell’aggiornamento 5G degli impianti di telefonia mobile in città. Lo ha compiuto questo lunedì il Municipio di Bellinzona concedendo la licenza edilizia alla richiedente Swisscom per il proprio impianto già presente sul tetto del Business Center di proprietà del Credit Suisse in via dei Gaggini 3. Respinte quindi le 37 opposizioni inoltrate lo scorso maggio da abitanti della zona e da tre granconsiglieri del Movimento per il socialismo. Altre 54 opposizioni sottoscritte da 200 abitanti del quartiere Gerretta, ricordiamo, concernono un secondo analogo impianto previsto sempre da Swisscom in via San Gottardo 23 e sulla cui domanda di costruzione il Municipio non si è ancora espresso.

Sulla carta rispetta i valori limite ammessi

I lavori sul Business Center – avverte l’esecutivo cittadino – non potranno essere iniziati prima che la licenza edilizia sia cresciuta in giudicato; gli opponenti hanno infatti 30 giorni di tempo per appellarsi con un ricorso al Consiglio di Stato. Una delle obiezioni sollevate è che l’autorità, per motivi precauzionali, non dovrebbe rilasciare licenze edilizie fintanto che studi scientifici non avranno stabilito che la nuova tipologia di antenne è innocua per la salute della popolazione che vive e va a scuola nelle immediate vicinanze dei previsti impianti. Gli aspetti sollevati nelle opposizioni e concernenti la salute e la protezione da radiazioni non ionizzanti – rammenta il Municipio nella sua decisione – sono di esclusiva competenza federale e/o cantonale. Nel caso specifico il preavviso cantonale, riportato nella licenza edilizia, piazza alcuni paletti. “Secondo la legislazione federale – scrive il Cantone – la protezione della salute è garantita dal rispetto dei valori limite dell’impianto che sono preventivi e cautelativi, con lo scopo di proteggere la salute della popolazione da possibili effetti, non ancora conosciuti e dimostrati scientificamente, dovuti alle esposizioni alle radiazioni non ionizzanti a bassa intensità e su un lungo periodo”. L’impianto in questione, scrive il Cantone, “rispetta i valori limite, pertanto il principio di prevenzione generale è garantito”. I luoghi sensibili più esposti citati nelle opposizioni “sono stati calcolati e i valori ottenuti non raggiungono il valore limite dell’impianto, pertanto l’Ordinanza sulle radiazioni è rispettata”.

La condizione posta: il collaudo

Tuttavia, l’impianto viene preavvisato positivamente “a condizione, fra le altre, che si effettui una misura di collaudo per controllare la bontà dei calcoli e il rispetto dei limiti federali”. Quanto all’ubicazione, è data dalla preesistenza: “Inoltre si tratta di una zona intensiva B che corrisponde alla priorità 4 di ammissibilità, su una scala da 1 (zone di lavoro) a 8 (particolarmente sensibili)”.

Leggi anche:

Valanga di opposizioni contro due antenne 5G a Bellinzona

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved