laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
+6
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore
Lugano, tre ore per approvare il consuntivo 2019
Il Consiglio comunale dopo lunghe discussioni dà luce verde ai conti della Città che hanno chiuso con un utile d'esercizio di 6,7 milioni.
Mendrisiotto
5 ore
Mendrisio: La Città odierna? In futuro potrebbe essere un lusso
Nel presente l''operazione risparmio' premia i consuntivi 2019, in rosso ma meno del previsto. Al lavoro per rivedere Piano finanziario e priorità
Bellinzonese
9 ore
Grande affluenza alla Piumogna, ma nessuna irregolarità
L'area svago di Faido presa d'assalto nel weeekend: la polizia ha appioppato diverse multe per posteggio ma non per questioni legate al Covid
Gallery
Locarnese
10 ore
Intragna, frontaliere si scontra con un camion
Ferite leggere per l'uomo, che nell'affrontare una curva ha centrato il grosso automezzo che procedeva in direzione opposta
Ticino
10 ore
Escursioni in montagna, ma senza sopravvalutarsi
Studio e raccomandazioni dell'Ufficio prevenzione infortuni. Un sito online per testare la propria preparazione
Ticino
10 ore
'Per aiutare gli allievi, corsi di recupero durante le vacanze'
Li chiede il Partito Socialista al Dipartimento educazione e cultura per sostenere chi ha avuto particolari difficoltà con l'insegnamento a distanza
GALLERY
Mendrisiotto
11 ore
Ramo si stacca e cade sulla strada a Morbio Inferiore
Si è staccato da una pianta secolare che si trova in un giardino vicino alla cantonale. Non ha causato danni
Ticino
11 ore
Il pp Andrea Minesso ritira la propria candidatura
Era anche lui in corsa per un nuovo mandato. A fine anno lascerà la magistratura. 'Ho nel frattempo deciso per un diverso futuro professionale'
Locarnese
11 ore
Summer Camp per bambini e adolescenti a Cevio, posti disponibili
È una colonia diurna per ragazzi fra gli 8 e i 15 anni, con attività ricreative, sportive e educative
Locarnese
12 ore
Lavizzara, due crediti per gli alpi di Menzonio, Bolla e Froda
Entrambe le richieste sono di 50mila franchi a favore dei Patriziati di Menzonio e Peccia, verranno sottoposte al legislativo il prossimo 13 luglio
Bellinzonese
12 ore
La scrittura al femminile con Monica Piffaretti
Nuovo appuntamento l'8 luglio alla Biblioteca cantonale di Bellinzona con l'iniziativa 'Incontra uno scrittore al parco'
Luganese
12 ore
Lugano mette sotto la lente il settore musicale
La Divisione cultura lancia un questionario per capire le necessità, le aspettative presenti e future e gli effetti della pandemia
Locarnese
13 ore
Resort sul Monte Brè, Aedartis Ag non desiste
Nonostante la domanda di costruzione non sia ricevibile perché il comparto si trova in Zona di pianificazione, la società zurighese si fa avanti
Grigioni
13 ore
Grigioni, parapendista precipita e muore
La vittima è un 52enne che si è schiantato ieri sullo Schollberg dopo essere entrato in una turbolenza
Bellinzonese
10.09.2019 - 09:560
Aggiornamento : 18:52

Ex Petrolchimica di Preonzo, risanamento da 20-25 milioni

Lo ha rivelato il Municipio incontrando la popolazione del quartiere: l'80% a carico di Cantone e Confederazione, il 20 di Città e Patriziato (preoccupato)

Novità in vista per i 26mila metri quadrati del terreno ex Petrolchimica all’entrata sud di Preonzo. Il Municipio di Bellinzona incontrando ieri sera la popolazione nell’ambito della visita ai quartieri aggregati ha rivelato che entrerà a breve nella fase esecutiva lo smantellamento delle infrastrutture superficiali ancora presenti dopo quelle eliminate nell'estate 2007 dalla proprietaria del sedime Gerre Sa che fa capo al gruppo Piero Ferrari di Locarno, società che nel 2005 aveva acquistato il sedime all'asta per 120mila franchi (stima ufficiale 2,83 milioni) per farne un'area di deposito inerti. Quanto alle strutture industriali ancora presenti, sono state usate per quattro decenni nell’attività di raffineria sfociata – era l'estate 1996 – nella chiusura per fallimento della Petrolchimica Sa di proprietà del gruppo Tamoil.

Un’eredità scomoda che fa di quel comparto uno scempio soprattutto ambientale. «I servizi cantonali coinvolti nella procedura – ha spiegato il sindaco Mario Branda rispondendo alle domande – hanno stabilito la necessità di avviare un progetto di bonifica del terreno, operazione il cui costo è attualmente stimato in 20-25 milioni di franchi. L’onere andrà per l’80% a carico di Confederazione e Cantone, per il 20% del Comune di Bellinzona, mentre non è escluso che una piccola parte possa ricadere sul Patriziato». La notizia è stata presa bene dalla sala (una cinquantina i presenti), meno da alcuni patrizi che hanno respinto l’ipotesi – circolata negli ultimi mesi – secondo cui il loro ente verrebbe chiamato alla cassa per il 10%, ossia 2-2,5 milioni. «Personalmente – ha detto un patrizio – sono contrario a questa ipotesi. Cosa ne può il Patriziato di quanto accaduto per decenni in un terreno che non era più suo? Non ha colpe! Faremo tutto il possibile per evitare di dover pagare. Semmai è al proprietario che bisogna rivolgersi». In sala è circolato il nome della Gerre Sa, che tuttavia non ha svolto attività di raffineria, mentre nessuno ha citato la Tamoil. Quanto al Patriziato, aveva venduto quei 26mila metri quadrati negli anni 50 e oggi è proprietario di alcune aree confinanti sotto le quali potrebbe essersi esteso l’inquinamento; solo in quel caso dovrebbe quindi partecipare ai costi di bonifica.

L’inquinamento si muove

Dal profilo ambientale la situazione, ha specificato il municipale Christian Paglia, «è costantemente monitorata. Per ora non abbiamo notizie di inquinamento della falda freatica, ma le analisi svolte indicano che col passare del tempo le sostanze si sono spinte in profondità». Il sindaco lo ha confermato («si muovono») e ha poi aggiunto che per l’aspetto finanziario «siamo di fronte a un preventivo di massima. Per noi e per il Cantone è importante ora concretizzare l’avvio del lungo iter di risanamento. Per quanto ci compete, utilizzeremo il contributo di delocalizzazione stanziato nel 2013 dal Gran Consiglio a favore delle ditte presenti (e alcune già partite, ndr) ai piedi della frana del Valegion per anzitutto smantellare le infrastrutture superficiali». Quanti ai timori dei patrizi, Branda ha suggerito di non fasciarsi la testa prima che sia rotta: «Certo, il cosiddetto ‘perturbatore per comportamento’, ossia chi ha inquinato, è uscito di scena da un bel po’ di tempo. Tuttavia non escludo che si possa riuscire a recuperare da lui ‘qualcosa’. Non lesineremo sforzi nel mettere i responsabili davanti alle loro colpe». Il Municipio ha quindi escluso l’ipotesi, portata in sala dallo stesso patrizio, che taluni oneri possano ricadere anche su due ditte vicine, le floride Betra ed Ecotechnology.

 

Campo sportivo, la palla è nel campo del Patriziato

A tenere banco durante la serata è stato anche il previsto ammodernamento del campo sportivo. A suo tempo il Patriziato, proprietario, aveva stanziato 560mila franchi per rifare il manto in erba naturale e aggiungere un campetto in sintetico accanto alla scuola. Un inserimento, quest'ultimo, ritenuto non ideale, ciò che ha indotto il Municipio cittadino ha suggerire un miglioramento del progetto orientandolo verso l'inserimento di nuovi spogliatoi senza l'aggiunta del campetto ma con la posa di erba sintetica su quello principale. A sua volta il confinante Tennis Club ha caldeggiato il rifacimento del fondo dei due campi (ormai datati) e l'aggiunta di un terzo. Ciò che non ha convinto molto il Patriziato, nonostante il Municipio abbia indicato la possibilità di stanziare un contributo comunale di 250mila franchi. A questo punto il Tc ha riscritto al Patriziato suggerendo di procrastinare il rifacimento dei due campi caldeggiando però la realizzazione del terzo in virtù dell'accresciuta attività tennistica registrata negli ultimi anni. La palla si trova quindi ora nel campo del Patriziato da cui si attende una presa di posizione sul progetto complessivo.

Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved