Bellinzonese
23.08.2019 - 11:260
Aggiornamento : 13:59

In ascensore al Ponte Tibetano?

Il progetto della Fondazione Curzutt-San Bernard è in fase embrionale ma costituirebbe una valida alternativa alla funivia di Mornera, nei momenti di forte afflusso

 Un’alternativa alla funivia Monte-Carasso Mornera per raggiungere il punto di partenza del sentiero che conduce al ponte tibetano  potrebbe essere quella di dotare l'area di un ascensore. Meta ambita dei turisti (70mila visitatori all'anno) , il ponte sospeso è una vera attrattiva della regione. Come anticipato dal CdT, la Fondazione Curzútt-San Barnàrd starebbe valutando l'ipotesi di realizzare un lift inclinato per collegare la zona del Pairolo a Curzútt. Secondo Riccardoo Calastri, membro della Fondazione, il progetto sarebbe solo allo stato embrionale e non intenderebbe in alcun caso creare concorrenza alla teleferica. Si tratterebbe di una soluzione alternativa e complementare alla risalita con l’impianto a fune che, dopo l’inaugurazione del ponte tibetano, in alcuni periodi e in determinati giorni della settimana raggiunge il limite della sua capacità . «In quei momenti di punta, oppure quando la teleferica è fuori servizio per manutenzione o per qualche inconveniente che può sempre capitare, il lift inclinato potrebbe rappresentare una validissima alternativa» ha spiegato Calastri al CdT, per il quale la via d’accesso migliore dal fondovalle al ponte tibetano rimane in ogni caso quella pedestre. Il lift inclinato, o mini-funicolare potrebbe anche risultare molto utile in occasione di cene organizzate all’ostello di Curzútt per le comitive.  Per ovviare alle lunghe code che si formano alla partenza dell’impianto a fune, da qualche anno è stato istituito un servizio di bus navetta. Non entra al momento in considerazione un potenziamento della piccola teleferica. L'intenzione è quella di incrementare  il servizio di bus navetta quale alternative all’impianto a fune o la possibilità di prenotare online i biglietti della teleferica. Lavoro, questo, che continua con l’individuazione di nuovi percorsi pedonali per raggiungere da diversi punti di partenza la zona di Curzútt e del ponte tibetano. 

Potrebbe interessarti anche
Tags
ponte tibetano
alternativa
tibetano
ponte
funivia
ascensore
fondazione
teleferica
progetto
momenti
© Regiopress, All rights reserved