ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino

Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
2 ore

Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo

Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
2 ore

Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’

Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Ticino
11 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
11 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
11 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
11 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
12 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
12 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
13 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
13 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
25.07.2019 - 06:10

‘Quell’antenna è proprio un pugno in un occhio’

Parla l’inquilino della casa a Pasquerio dov’è previsto l’impianto di telefonia: ‘Preoccupato per i figli’. Il proprietario: 'Ho ricevuto rassicurazioni'

di Samantha Ghisla
quell-antenna-e-proprio-un-pugno-in-un-occhio

«A livello architettonico è un pugno in un occhio. È impressionante». E, in effetti, avendo visto di persona l’altezza della modina posata in un terreno privato di Pasquerio, non si può negare che la grandezza sia considerevole. A esprimersi è chi abita nell’abitazione nel cui giardino dovrebbe sorgere un’antenna di telefonia mobile. Si tratta di un affittuario trasferitosi qui con la famiglia circa un anno fa. Contattato dalla ‘Regione’, non nega la sua contrarietà per la decisione del proprietario di accogliere l’antenna. In cambio, ricordiamo, il padrone di casa incasserà un lauto compenso pecuniario: stando a nostre informazioni, alcuni abitanti del Bellinzonese che hanno ricevuto la proposta da parte di Swisscom di ospitare un’antenna 5G riferiscono di compensi fino a 200mila franchi per un impianto alto 10 o 15 metri in centro paese. Ed è proprio il proprietario dell’abitazione (il cui nome è noto alla redazione), che abbiamo interpellato. Conferma di aver dato il proprio consenso alla compagnia telefonica e rimanda a essa o all’Ufficio federale dell’ambiente (Ufam) per conoscere eventuali effetti delle frequenze di telefonia mobile. Aggiunge inoltre che saranno molti i luoghi in Ticino in cui sorgeranno questi nuovi impianti. A dare maggiore evidenza a questo caso è stato l’insorgere dei vicini. «Prima di accettare mi sono informato, ho chiesto delle spiegazioni a Swisscom e Ufam, dai quali ho ricevuto rassicurazioni», aggiunge il proprietario.

Allo stato attuale, la domanda di costruzione che era stata mandata indietro dal Comune di Pollegio perché incompleta (vedi edizione del 22 luglio), non è ancora tornata in cancelleria. L’affittuario attende ora i prossimi sviluppi e se l’antenna dovesse effettivamente venire costruita l’intenzione sarebbe quella di trasferirsi altrove. «Non si conoscono ancora con precisione quali effetti hanno queste antenne sulle persone – sottolinea –. È un rischio che uno può accettare di correre oppure no. Personalmente avendo due bambini piccoli non me la sento di correrlo. C’è in ballo il loro futuro. Dicono che entro un certo raggio si gode di una sorta di campana di protezione dalle frequenze. Ma se esiste una campana di protezione, significa dunque che dei rischi ci sono?». L’Associazione inquilini interpellata sul tema non rilascia alcuna dichiarazione, mentre Swisscom spiega di non poter confermare che si tratta effettivamente di un’antenna 5G. Il motivo? Non far sapere alla concorrenza dove vengono creati nuovi siti e dove sono in corso ampliamenti di quelli già esistenti.

Quell’impianto sull’hotel Morobbia … che c’era già

Negli ultimi giorni sono fioccati sui social fotografie e commenti che esprimono la preoccupazione per un’antenna a detta di alcuni appena apparsa in cima allo stabile che ospita l’hotel Morobbia a Camorino. A incutere timore è in particolare il fatto che si tratti di un’antenna 5G e che nessuno sia stato informato della sua installazione. Ma è effettivamente un nuovo impianto? Da una nostra verifica presso l’amministrazione comunale, emerge che Swisscom ha seguito l’iter previsto inoltrando lo scorso autunno una domanda di costruzione per l’“aggiornamento tecnico” dell’impianto presente sull’edificio. A ciò ha fatto seguito il preavviso favorevole da parte del Cantone e dunque il rilascio della licenza edilizia (sempre nel corso dell’autunno) da parte del Comune di Bellinzona il quale, ricordiamo, non ha le competenze per opporsi essendo le antenne regolate da un’ordinanza federale. Negli scorsi giorni è stato dunque aggiornato l’impianto presente da anni, verosimilmente per adattarlo alla nuova rete 5G. Da noi interpellata, la gerente che ha in affitto hotel e ristorante non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved