ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
6 ore

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
6 ore

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
6 ore

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
6 ore

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
7 ore

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
7 ore

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
7 ore

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
7 ore

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
8 ore

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
8 ore

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
17.07.2019 - 17:37

'Bunker' di Camorino, le 16 domande

R-Esistiamo esorta le autorità e chiede la chiusura del centro per rifugiati

a cura de laRegione
bunker-di-camorino-le-16-domande
Ti-press

Torna alla carica il collettivo R-Esistiamo sulla questione riguardante il centro per rifugiati di Camorino, il 'bunker', che secondo il collettivo andrebbe semplicemente chiuso. In un lungo comunicato stampa, si deplorano nuovamente le pessime condizioni di alloggio cui sono costretti i rifugiati. “tutti quanti molto provati e moralizzati”. “La situazione non accenna a migliorare, anzi” si legge. Oltre al wi-fi, manca pure la luce in alcuni locali. Gli ospiti avevano protestato fermamente per la divieto di restare nel  centro durante le ore diurne, dovuto a motivi di 'aerazione' dello stesso, (è un centro della Protezione civile) inscenando pure uno sciopero della fame. R-Esistiamo lamenta i silenzi dei consiglieri di Stato Norman Gobbi e Raffaele De Rosa, e critica il consigliere agli Stati Filippo Lombardi “che, dicendosi d'accordo con le politiche migratorie di Gobbi, si dimentica di chinarsi sulle condizioni in cui giacciono delle persone in un bunker”.

Il comunicato contiene ben 16 domande rivolte alle autorità.

  • 1) Il bunker sarà immediatamente chiuso?
  • 2) Le persone lì rimaste saranno immediatamente trasferite?
  • 3) Nei vari centri d'accoglienza, sarà possibile far entrare quotidianamente i medici che seguono le

persone che vivono nelle strutture per verificare il loro stato di salute?

  • 4) Sarà possibile introdurre interpreti che almeno 4 volte alla settimana si rechino ai centri

d’accoglienza per raccogliere esigenze e bisogni di che è dentro?

  • 5) Sarà possibile richiedere agli infermieri dei centri comunicare i nomi dei farmaci che

somministrate? E possibilmente non solo essere informati ma anche scegliere quale terapia

farmacologica intraprendere?

  • 6) Sarà possibile consultare il mandato (anche quello rinnovati annualmente) affidato dal Cantone

alla Croce Rossa per la gestione dei centri di accoglienza, così da verificare i compiti loro

assegnati?

  • 7) Sarà possibile vedere com’è stata supervisionata la Croce Rossa in questi anni in tutti i centri

d’accoglienza?

  • 8) Sarà possibile verificare i regolamenti interni della Croce Rossa per comprendere perché è negato

l’accesso ai centri a persone amiche ivi alloggiate o almeno comprendere i criteri di «selezione» su

chi può entrare e chi no?

  • 9) Sarà possibile fornire un lavoro alle persone in richiesta d’asilo a condizioni più dignitose di

quelle attuali che rasentano lo sfruttamento?

  • 10) Sarà possibile vedere il documento che regolarizza tale tipologia di assegnazione di lavori

socialmente utili?

  • 11) Sarà possibile vedere il mandato assegnato al Soccorso Operaio per la gestione delle persone in

richiesta d’asilo nell’assegnazione dei lavori, degli appartamenti, delle casse malati, ecc.?

  • 12) Sarà possibile aumentare quanto è dato a chi si trova in aiuto d’emergenza?
  • 13) Sarà possibile vedere e verificare il mandato assegnato alle agenzie di sicurezza per i cosiddetti

centri di accoglienza?

  • 14) Sarà possibile verificare il regolamento e il documento di assegnazione dei compiti alla polizia

per i casi di rimpatri?

  • 15) Sarà possibile “un’amnistia” per le persone definite «Non Entrata in Materia» che vivono nel

limbo da anni, in quanto non hanno ricevuto lo status di «rifugiati» ma non possono tornare nel loro

paese d’origine?

  • 16) Chi è attualmente il responsabile della situazione del bunker di Camorino visto che la Croce

Rossa non lo è più? Il DSS, il Dipartimento Istituzioni, i Securitas, la polizia cantonale?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved