Ti-Press
BELLINZONA
11.06.2019 - 21:560

Villa Bonetti 'per matrimoni e seminari, ma troppi 7 milioni'

Il Municipio chiede al Cc di accordare con clausola d'urgenza la possibilità di partecipare all'asta o di trattare direttamente col proprietario

Villa Bonetti all'asta per oltre 7-8 milioni di franchi? Altolà del Municipio di Bellinzona che in un messaggio con clausola d'urgenza chiede al Consiglio comunale – riunito il 17 giugno – di partecipare all'asta pubblica in agenda il 9 luglio o, in alternativa, di trattare direttamente col proprietario, un ingegnere trovatosi in difficoltà dopo il fallimento della propria ditta di Biasca. Un acquisto ritenuto “doveroso”, ma non da farsi a tutti i costi. Lo scorso 27 maggio il Legislativo cittadino a larga maggioranza ha infatti bocciato la risoluzione presentata dall'Mps ritenendola troppo vincolante laddove chiedeva al Municipio di “fare tutti i passi necessari per assicurarsi l’acquisto di Villa Bonetti”. L'interesse c'è – aveva detto il sindaco Mario Branda – ma vuole essere libero da vincoli. Troppi insomma i 7,6 milioni indicati dalla stima peritale fatta eseguire dall'Ufficio esecuzione e fallimenti.

'Stima eccessiva'

Ora nel messaggio il Municipio indica una possibile linea d'azione: “Stabilire un’offerta d’acquisto massima, che per evidenti ragioni non può essere esplicitata in un documento pubblico, ragionevole ed equilibrata in rapporto al valore della villa e all’impatto sulle finanze comunali”. Se l’acquisto dovesse andare a buon fine, “verrà sottoposto al Legislativo un nuovo messaggio per la ratifica del credito”. Il Municipio ha incaricato un proprio perito per avere un’indicazione, oltre a un valore di stima reale dell’immobile, anche di una stima del valore commerciale dello stesso: “In ogni caso il valore di stima della perizia commissionata dall’Ufficio esecuzione e fallimenti è eccessivo per rapporto alle attuali possibilità della Città e ai progetti che intende realizzare nel prossimo futuro”.

Un piccolo parco urbano e spazi per seminari e uffici

Che farne? “La Villa e il giardino sono sottoposti a tutela locale e cantonale”, ricorda l'esecutivo: “Di conseguenza il futuro proprietario non potrà che utilizzarla allo stato attuale, preservandola e intervenendo unicamente per una sua conservazione”. Un’acquisizione da parte della Città “a condizioni ragionevoli entrerebbe in linea di conto per destinarla a funzione pubblica e, appena possibile, per renderla fruibile direttamente o indirettamente alla cittadinanza”. Si potrebbe immaginare che il giardino “venga aperto e fruito come piccolo parco urbano, attrezzandolo con un parco giochi per bambini e con delle panchine per la sosta. Si potrebbe inoltre immaginare di realizzare al suo interno un orto e/o un giardino botanico a scopo didattico”. Per la Villa “si potrebbe invece ipotizzare che il piano terreno (grande salone) venga utilizzato per ricevimenti istituzionali, per seminari o riunioni o per esposizioni particolari. Si potrebbero inoltre organizzare conferenze, concerti, letture aperti al pubblico (50-100 persone). Lo stesso grande salone, con l’adiacente giardino, potrebbe  essere affittato per matrimoni, ricevimenti, seminari, eventi aziendali o di enti e associazioni”. Gli spazi ai piani superiori “potrebbero invece essere utilizzati per uffici dell’Amministrazione o del Municipio”. Il parco, il piano terreno e il primo piano sono utilizzabili da subito; il secondo piano e il piano seminterrato andrebbero invece ancora completati: “Un investimento, non indifferente, di cui occorre tenere conto, ma che non necessariamente dovrà essere realizzato nell’immediato”.

Chi dice no?

Gli scettici avranno pane per i loro denti. Già 'mantenere' il Museo civico Villa dei Cedri costa quasi un milione all'anno, e già si prospetta l'acquisto anche dell'ex ospedale di Ravecchia, grande edificio di proprietà di Armasuisse. Se da una parte è vero che il Dicastero opere pubbliche (Dop) è destinato a spostarsi a seguito del previsto esproprio della sua sede per far posto al terzo binario e alla fermata TiLo dietro piazza Indipendenza, e che per questo motivo potrebbe entrare in linea di conto l'ex ospedale di Ravecchia, troppi acquisti non rischiano di pesare troppo sulle finanze turrite?

Potrebbe interessarti anche
Tags
villa
municipio
seminari
piano
stima
acquisto
giardino
villa bonetti
bonetti
parco
© Regiopress, All rights reserved