ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano

La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
3 ore

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
4 ore

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
5 ore

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
5 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
6 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
6 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
6 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
7 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
7 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
15.09.2018 - 06:00

Cani a rischio rabbia, numero record alla Spab

Bellinzona, l'appello del presidente della Società protezione animali: 'Il problema ci impegna parecchio, chi compra all'estero segua le vie ufficiali!'

di Marino Molinaro
cani-a-rischio-rabbia-numero-record-alla-spab
Ti-Press

Cinque cani privi di microchip in un solo mese e mezzo. Sono i nuovi ospiti della Società protezione animali di Bellinzona attiva col proprio rifugio a Gorduno-Gnosca. Normale amministrazione, verrebbe da pensare. Se non fosse che dietro l’assenza di microchip «può celarsi un nemico invisibile e letale per l’uomo. La rabbia». Il presidente della Spab ha messo nero su bianco la propria preoccupazione nella cedola di versamento per il calendario 2019 recapitata nei giorni scorsi alle migliaia di soci sostenitori: “La situazione di importazione di animali dall’estero è in costante crescita e sta mettendo a dura prove le nostre infrastrutture”. Il rischio di importare malattie, anche mortali per l’uomo oltre che per i cani, fa temere per le infrastrutture, prosegue lo scritto: “Aiutare animali all’estero è giusto, fatelo però con coscienza e nel rispetto delle regole”.

Interpellato dalla ‘Regione’, Besomi chiarisce che da quest’estate il numero di cani privi di microchip raccolti sulla strada o assegnati al rifugio Spab dall’Ufficio del veterinario cantonale è in aumento. «Ognuno di questi esemplari rappresenta per noi un grande punto interrogativo. Qual è la sua storia? È stato vaccinato contro la rabbia? E se non lo è stato, ce l’ha?». Domande cui la Spab è tenuta a rispondere con un protocollo complicato e oneroso: «Dobbiamo mettere in atto le condizioni necessarie per procedere con la quarantena. Questo significa – elenca Besomi – che occorre usare gabbie particolari separate dalle altre. Inoltre chi, fra di noi, entra in contatto con questi cani sospetti deve usare indumenti protettivi particolari e prendere tutte le precauzioni per evitare aggressioni e morsicature. Le quali, qualora avvengano, generano apprensione, perché di rabbia si può morire se non si affronta immediatamente la giusta profilassi. Non da ultimo, proprio per questo motivo, i nostri operatori hanno dovuto sottoporsi alla vaccinazione. Misure impegnative, sul piano infrastrutturale come su quello personale».

Per la sicurezza di tutti

Misure che la Spab è in grado di adottare, perché attiva tutti i giorni in questo ambito. «Non sono veterinario – specifica Besomi – ma so quali sono i rischi del mestiere. Quello che mi preoccupa è che questo rischio può facilmente essere sottovalutato da chi per i motivi più disparati, anche solo casualmente, o perché mosso da compassione, entra in contatto con un trovatello con la rabbia contratta lungo il suo percorso d’importazione illegale. Un fenomeno che tocca soprattutto i paesi dell’Est». Un altro capitolo è quello dei ticinesi che, desiderosi di adottare o comprare un amico a quattro zampe, anziché rivolgersi alla Spab o ad allevatori e importatori ufficiali, scegli vie meno convenzionali: «Ci sono persone dal cuore d’oro – evidenzia Besomi – che hanno messo in piedi attività perfettamente legali con cui dare una seconda vita ai trovatelli. Uno dei maggiori paesi di raccolta è la Romania e il canale ufficiale prevede che prima di partire verso il Ticino vengano visitati da un veterinario, vaccinati, dotati di microchip e tenuti in quarantena 21 giorni; una volta partiti, all’arrivo vengono di nuovo ispezionati da un veterinario». Senza questi passi – conclude il presidente della Spab – qualsiasi cane bisognoso di attenzioni «è per noi una bomba a orologeria. Ecco perché rivolgiamo a tutti l’accorato appello affinché si rispettino le pratiche per l’importazione, sebbene un po’ più onerose e caratterizzate da tempi più lunghi rispetto a chi lo fa solo per lucro».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved