laRegione
Nuovo abbonamento
cani-a-rischio-rabbia-numero-record-alla-spab
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
9 ore
Sottrasse quasi 15 milioni, ex consulente rinviato a giudizio
L'ex dipendente della Banca Raiffeisen di Lugano aveva quale obiettivo la fuga a Panama. Ora dovrà rispondere di truffa per mestiere
L'ospite
9 ore
La Foce è adatta anche agli eventi
Municipale luganese replica all'opinione della collega Ps sulla gestione di rive e Parco Ciani
Coronavirus
9 ore
Visiere poco utili, meglio le mascherine. Ma non basta
Protezione facciale in plastica insufficiente. Le priorità comunque restano distanze di sicurezza e igiene. Garzoni (Moncucco): ‘Troppi dimenticano le regole’.
Isone
10 ore
Dopo la morte del soldato sospesi i test più pesanti
In caserma attività alleggerita. La vicenda è ora oggetto di una indagine, affidata alla giustizia militare
Grigioni
10 ore
La Parrocchia di San Vittore si lancia nel grotto Matafontana
Da marzo del prossimo anno l'intento è di far diventare il ritrovo un luogo di aggregazione, offrire posti di lavoro e valorizzare prodotti del territorio
Locarnese
10 ore
Locarno, propone la festa per il Primo agosto in Città
Ospite in Piazza Grande quale relatore sarà Angelo Trotta, nuovo direttore di Ticino Turismo
Locarnese
12 ore
Mappo-Morettina bloccata da tamponamento. Ora riaperta
Il traffico nella galleria era rimasto bloccato in entrambe le direzioni. Non ci dovrebbero essere feriti né danni ingenti
Grigioni
12 ore
Cumbel, mezzo agricolo precipita in un burrone
Dall'autobotte privo di conducente sono fuoriusciti circa 100 litri di colaticcio
Ticino
12 ore
Spedizionieri, chiesta l'obbligatorietà del Contratto collettivo
Le Aziende ticinesi imprese di spedizione e logistica: 'Il coronavirus accentua le difficoltà, pubblicata sul Foglio ufficiale la richiesta'
Mendrisiotto
12 ore
Niente Festa della costina a Sagno
La situazione particolare ha convinto la Benefica locale a rinunciare. Nelle intenzioni un evento ridotto a fine estate
Bellinzonese
15.09.2018 - 06:000

Cani a rischio rabbia, numero record alla Spab

Bellinzona, l'appello del presidente della Società protezione animali: 'Il problema ci impegna parecchio, chi compra all'estero segua le vie ufficiali!'

Cinque cani privi di microchip in un solo mese e mezzo. Sono i nuovi ospiti della Società protezione animali di Bellinzona attiva col proprio rifugio a Gorduno-Gnosca. Normale amministrazione, verrebbe da pensare. Se non fosse che dietro l’assenza di microchip «può celarsi un nemico invisibile e letale per l’uomo. La rabbia». Il presidente della Spab ha messo nero su bianco la propria preoccupazione nella cedola di versamento per il calendario 2019 recapitata nei giorni scorsi alle migliaia di soci sostenitori: “La situazione di importazione di animali dall’estero è in costante crescita e sta mettendo a dura prove le nostre infrastrutture”. Il rischio di importare malattie, anche mortali per l’uomo oltre che per i cani, fa temere per le infrastrutture, prosegue lo scritto: “Aiutare animali all’estero è giusto, fatelo però con coscienza e nel rispetto delle regole”.

Interpellato dalla ‘Regione’, Besomi chiarisce che da quest’estate il numero di cani privi di microchip raccolti sulla strada o assegnati al rifugio Spab dall’Ufficio del veterinario cantonale è in aumento. «Ognuno di questi esemplari rappresenta per noi un grande punto interrogativo. Qual è la sua storia? È stato vaccinato contro la rabbia? E se non lo è stato, ce l’ha?». Domande cui la Spab è tenuta a rispondere con un protocollo complicato e oneroso: «Dobbiamo mettere in atto le condizioni necessarie per procedere con la quarantena. Questo significa – elenca Besomi – che occorre usare gabbie particolari separate dalle altre. Inoltre chi, fra di noi, entra in contatto con questi cani sospetti deve usare indumenti protettivi particolari e prendere tutte le precauzioni per evitare aggressioni e morsicature. Le quali, qualora avvengano, generano apprensione, perché di rabbia si può morire se non si affronta immediatamente la giusta profilassi. Non da ultimo, proprio per questo motivo, i nostri operatori hanno dovuto sottoporsi alla vaccinazione. Misure impegnative, sul piano infrastrutturale come su quello personale».

Per la sicurezza di tutti

Misure che la Spab è in grado di adottare, perché attiva tutti i giorni in questo ambito. «Non sono veterinario – specifica Besomi – ma so quali sono i rischi del mestiere. Quello che mi preoccupa è che questo rischio può facilmente essere sottovalutato da chi per i motivi più disparati, anche solo casualmente, o perché mosso da compassione, entra in contatto con un trovatello con la rabbia contratta lungo il suo percorso d’importazione illegale. Un fenomeno che tocca soprattutto i paesi dell’Est». Un altro capitolo è quello dei ticinesi che, desiderosi di adottare o comprare un amico a quattro zampe, anziché rivolgersi alla Spab o ad allevatori e importatori ufficiali, scegli vie meno convenzionali: «Ci sono persone dal cuore d’oro – evidenzia Besomi – che hanno messo in piedi attività perfettamente legali con cui dare una seconda vita ai trovatelli. Uno dei maggiori paesi di raccolta è la Romania e il canale ufficiale prevede che prima di partire verso il Ticino vengano visitati da un veterinario, vaccinati, dotati di microchip e tenuti in quarantena 21 giorni; una volta partiti, all’arrivo vengono di nuovo ispezionati da un veterinario». Senza questi passi – conclude il presidente della Spab – qualsiasi cane bisognoso di attenzioni «è per noi una bomba a orologeria. Ecco perché rivolgiamo a tutti l’accorato appello affinché si rispettino le pratiche per l’importazione, sebbene un po’ più onerose e caratterizzate da tempi più lunghi rispetto a chi lo fa solo per lucro».

© Regiopress, All rights reserved