ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 min

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
10 min

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
30 min

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
36 min

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
Mendrisiotto
49 min

Concerto inaugurale per l’organo Serassi-Bernasconi

Una serie di momenti musicali e liturgici sottolineano la riapertura della chiesa di Sant’Eusebio a Castel San Pietro
Luganese
54 min

Umberto Bottazzini ospite alla biblioteca del Liceo Lugano 2

L’esperto di storia e fondamenti della matematica farà il suo intervento martedì 13 dicembre alle 18.15
Mendrisiotto
55 min

Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito

Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
Bellinzonese
56 min

Egidia Bruno in scena con ‘Rossella’ al teatro Tan di Biasca

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 20.30
Bellinzonese
1 ora

A Bellinzona torna la ‘Notte dei Pupazzi’

L’iniziativa proposta da BiblioBaobab che promuove la lettura e l’amore per i libri si terrà tra venerdì 2 e sabato 3 dicembre
11.12.2017 - 17:53
Aggiornamento: 18:33

L'Ostello dei Capuccini conferma di aver negato ospitalità a Bosia Mirra: teneteci fuori dalla politica

a cura de laRegione
l-ostello-dei-capuccini-conferma-di-aver-negato-ospitalita-a-bosia-mirra-teneteci-fuori-dalla-politica
Pablo Gianinazzi

Replica dei frati dopo l'articolo di oggi pubblicato dalla Regione che ha rivelato come il Convento abbia negato l'ospitalità a Lisa Bosia Mirra. Ecco la ricostruzione dei frati contenuta in un comunicato stampa. “Tempo fa, forse un mese o poco più – il Guardiano (Superiore) del Convento di Faido, nonché Direttore dell’Ostello dei Cappuccini, riceveva una telefonata dall’Autorità comunale, che chiedeva la disponibilità dell’Ostello ad ospitare i partecipanti alla marcia per i Diritti umani con la partecipazione di una nota gran consigliera già finita alla sbarra e condannata per aver introdotto illegalmente un certo numero di “migranti clandestini” sul territorio ticinese. Fra’ Edy superiore del convento, ha subito chiarito la sua posizione personale, condivisa dalla comunità residente a Faido. La decisione di non ospitare l’evento è stata dettata dalla volontà ben chiara di non prendere parte a manifestazioni che possano avere anche connotazioni politico-partitiche, come sembrerebbero dimostrare le reazioni odierne sui Media (soprattutto quelli in rete)”.

Ma non è tutto. “Inoltre – prosegue il Convento –  pur riconoscendo il delicato problema umanitario della migrazione, l’importanza del rispetto dei Diritti umani, si ritiene che a volte l’ambito “migranti” funga da vetrina per politici, religiosi ed ecclesiastici di tutti i tipi. Senza dimenticare gli approfittatori che appaiono o vogliono fungere da generosi ospitanti. I frati di Faido preferiscono aiutare nel silenzio e nella discrezione evangelica: “Quando invece tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti segreta; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.” (Evangelo secondo Matteo, cap. 6, v. 3). La politica nel senso di appartenenza partitica o di area, proprio non c’entra. Pensando alla ricompensa di cui parla il Vangelo oggi manteniamo un certo distacco rispetto alla marea di espressioni di sostegno, come pure di qualche disappunto. Ringraziamo comunque gli uni e gli altri per aver espresso la loro posizione”. Proseguono i frati:  “Una cosa è certa in Ticino, c’è un certo malcontento in merito a taluni argomenti e a qualche desiderio di protagonismo personale.  Un episodio come questo lo dimostra assai bene. Da parte nostra riconosciamo in sé un errore di valutazione: abbiamo sopravalutato la portata dell’avvenimento. Il passaggio si è limitato al cammino di uno sparuto gruppetto di persone. La fermata a Faido non ha affatto suscitato grandi entusiasmi tra la gente. Anzi si è vista soltanto una bandierina infilata senza autorizzazione alcuna (da parte del Consiglio Parrocchiale) in uno degli appositi supporti sul portale della chiesa parrocchiale di S. Andrea: invadenza? Provocazione? , ... poco importa infine.  Ci auguriamo   che gli ospiti si siano trovati bene pranzando in casa parrocchiale...” - chiosano i frati, concludendo il comunicato stampa a firma di P. Edy Rossi-Pedruzzi OFM Cap. Guardiano del convento.

© Regiopress, All rights reserved