laRegione
tilo-preso-d-assalto-850-persone-non-previste-da-bellinzona-e-lugano-sulla-corsa-delle-12-per-milano
Tatiana Scolari
Archivio
14.04.2017 - 18:060
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:11

Tilo preso d'assalto: 850 persone non previste da Bellinzona e Lugano sulla corsa delle 12 per Milano

'Si è verificata una situazione eccezionale'. La portavoce delle Ffs ammette che l'afflusso di persone sul Tilo in partenza da Bellinzona per Milano alle 12.02 è stato sorprendente e inatteso, portando le Ffs a prendere provvedimenti. Nella capitale sono salite sul treno 450 persone 'assolutamente inattese', provenienti dagli EuroCity partiti da Zurigo e Basilea. Questo ha comportato l'aggiunta di una secondo Tilo e la creazione quindi di un treno a doppia composizione diretto a Sud e un conseguente ritardo di 15 minuti sulla tabella di marcia. Ma le sorprese non sono finite lì: altre 400 persone circa, anch'esse inaspettate, sono salite sul convoglio a Lugano. Il treno è stato così affollato che a Mezzovico e Balerna il personale è dovuto salire per chiudere manualmente le porte.

'Non è uno scenario indiano'

Il grande affollamento di passeggeri ha portato ai malumori di molti, tra cui quelli che – via social – hanno espresso il proprio malcontento, qualcuno ha persino parlato di 'scenario indiano'. 'Non è così – ha però spiegato la portavoce –, sia chiaro che se un treno supera la propria capienza non può circolare. Questa speciale corsa è stata sì affollata ma non sovraffollata'. I viaggiatori presenti sul treno diretto a Milano erano circa un migliaio, mentre un Tilo in doppia composizione può contenerne, fra posti seduti e a piedi, 1'200.

Sul Tilo perché non comporta la prenotazione

Il motivo di quanto successo oggi? 'La grande richiesta di posti per raggiungere il Ticino e l'Italia – ci dicono –, molti diretti a Milano sono scesi in Ticino per prendere il Tilo, che non comporta prenotazione. I treni supplementari ci sono (31 solo per il weekend di Pasqua), ma evidentemente non bastano, perlomeno per la tratta verso l'Italia. 'Purtroppo non è possibile aggiungere ulteriori treni con destinazione Milano, l'utilizzo della rete consentitoci è già massimale', aggiunge infine la portavoce.

© Regiopress, All rights reserved