Culture

23.3.2017, 15:192017-03-23 15:19:28
@laRegione

È morto a Milano Cino Tortorel...

È morto a Milano Cino Tortorella, l'ex mago Zurlì che per tanti anni ha legato il proprio volto e la propria attività allo Zecchino d'oro. A giugno avrebbe compiuto 90 anni.

È morto a Milano Cino Tortorella, l'ex mago Zurlì che per tanti anni ha legato il proprio volto e la propria attività allo Zecchino d'oro. A giugno avrebbe compiuto 90 anni.

22.3.2017, 13:442017-03-22 13:44:21
@laRegione

Applausi per le bestie di Emma Dante

All’inizio qualche risatina di disagio – per la nudità integrale degli attori sulla scena, ma anche per le luci che illuminano la platea solitamente "isolata" dal palco dall'...

All’inizio qualche risatina di disagio – per la nudità integrale degli attori sulla scena, ma anche per le luci che illuminano la platea solitamente "isolata" dal palco dall'oscurità. Poi, si rimane in silenzio catturati dalle vicende delle “bestie umane”, fino ai convinti applausi finali.

È piaciuto, Bestie di scena, lo spettacolo di Emma Dante arrivato al Lac ieri e questa sera dopo il debutto al Piccolo di Milano. Debutto accompagnato da qualche polemica: non tanto per il nudo – basta avere un minimo di maturità per rendersi conto che si è agli antipodi sia della provocazione goliardica sia della pornografia, e se a qualcuno manca quel minimo di maturità, il problema è suo – ma per l’idea di teatro corporale che anima lo spettacolo. Gli attori, infatti, non parlano: si muovono sul palco reagendo in maniera istintiva, primitiva e a volte animalesca, agli stimoli che arrivano da fuori scena: un bidone d’acqua da bere, palloni, una spada, del cibo, una bambola parlante, persino dei petardi… Una sorta di “danza senza coreografia” che alcuni hanno criticato in quanto umiliazione del ruolo dell’attore.

In realtà, ha spiegato Emma Dante, ‘Bestie di scena’ vuole essere una riflessione sulla nascita della collettività, con gli individui che insieme superano le difficoltà ma che a volte si dividono e lottano. Non si corresse il rischio di tirare in ballo troppa filosofia, si potrebbero citare i ‘bestioni’ di Giambattista Vico che a causa del terrore dei fulmini si riuniscono e fondano la civiltà. Significativa, in ogni caso, la reazione degli attori alla loro stessa nudità: all’inizio, con pudore, si coprono con le mani il pube; poi durante lo spettacolo, smettono di provare vergogna per il proprio corpo.

21.3.2017, 16:172017-03-21 16:17:23
@laRegione

Per il 70esimo il Festival chiede al pubblico di raccontare il proprio film della vita

«#movieofmylife nasce dal desiderio di condividere delle esperienze di cinema, delle storie – che sono poi il motivo per...

«#movieofmylife nasce dal desiderio di condividere delle esperienze di cinema, delle storie – che sono poi il motivo per cui amiamo, chi alla follia chi con più ragione, il cinema – dando la parola a tutti: al pubblico, agli amanti del cinema, ma anche a quelli che al cinema ci vanno di rado, chiedendo di riassumere in un’istantanea la visione del film che più ci ha colpito, stravolto, toccato». 

Ecco, per il 70esimo anniversario il Festival del film Locarno invita al pubblico a condividere la sua passione è per il cinema. Come? Con un concorso digitale, cioè un “film” in cui raccontare il film che ci ha “cambiato la vita”, o almeno che ha avuto un effetto tangibile su di essa.

Come si legge nel comunicato del Festival, «si fare in qualunque lingua, con un semplice smartphone, tablet, oppure trovando soluzioni più originali»… Unico limite, il video non deve superare i 70 secondi. 

Tra i primi contributi quello del regista Dario Argento, del direttore del Festival Carlo Chatrian, di Marco Solari, degli ex direttori Marco Müller e Frédéric Maire e della produttrice Tiziana Soudani. Il concorso si apre oggi e proseguirà fino all'11 agosto sulla piattaforma www.movieofmylife.ch. Una selezione di filmati ritenuti più originali verrà proiettata in Piazza Grande durante il Festival. 

20.3.2017, 16:262017-03-20 16:26:46
@laRegione

Lifting digitale per Johnny Depp

Un Jack Sparrow/Johnny Depp 'ringiovanito' via effetti digitali è al centro del lungo flashback nel nuovo trailer di I pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar dei registi...

Un Jack Sparrow/Johnny Depp 'ringiovanito' via effetti digitali è al centro del lungo flashback nel nuovo trailer di I pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar dei registi norvegesi Joachim Ronning e Espen Sandberg, quinto capitolo (costato oltre 320 milioni di dollari) della saga firmata Disney, in arrivo a maggio.

Rispetto ai precedenti film, che complessivamente hanno incassato nel mondo circa 3 miliardi e 730 milioni di dollari, l'arrivo di questa nuova avventura è stato più tormentato, visti i problemi personali e gli scandali che hanno coinvolto Johnny Depp, dagli incidenti sul set alla rottura con la moglie Amber Heard, che nei mesi pre-divorzio (poi finalizzato con un accordo da 7 milioni di dollari) l'ha anche accusato di violenza domestica. Per il divo, il ritorno a Jack Sparrow potrebbe segnare quel nuovo successo popolare di cui ha bisogno, visto che i suoi ultimi film oltre ad essere stati spesso bersagliati dalla critica hanno deluso al botteghino. Una crisi riflessa dal fatto che l'attore è in testa da due anni alla classifica di Forbes delle star più strapagate e meno redditizie di Hollywood.

La Disney, comunque, ce l'ha messa tutta per dare smalto a questa avventura fantasy/piratesca, affidando la regia ai due cineasti norvegesi, candidati nel 2013 all'Oscar per il miglior film straniero, con un'altra storia d'ambientazione marina, Kon-tiki, e riportando nel cast Goeffrey Rush e Orlando Bloom (con una possibile sorpresa finale), insieme a new entry come Javier Bardem, Brenton Thwaites e Kaya Scodelario. Per un sequel di una saga come questa ''è difficile creare nuovi elementi e non calpestare regole e miti acquisiti - ha detto Joachim Ronning a Cinemablend -. È stato bello, sono convinto che abbiamo creato un grande nuovo meccanismo''.

20.3.2017, 03:502017-03-20 03:50:00
@laRegione

Goodbye Mr. Chuck Berry

“Caro Chuck Berry, quando le dicono che la sua musica vivrà per sempre, lei può stare sicuro che stanno esagerando. Ma ‘Johnny B. Goode’ è sulla navicella spaziale Nasa Voyager, ora a due...

“Caro Chuck Berry, quando le dicono che la sua musica vivrà per sempre, lei può stare sicuro che stanno esagerando. Ma ‘Johnny B. Goode’ è sulla navicella spaziale Nasa Voyager, ora a due miliardi di miglia dalla terra e diretta verso le stelle. Questo brano durerà un miliardo di anni o più. Buon 60esimo compleanno, con la nostra ammirazione per la musica che ha dato a questo mondo (...)”. Questo stralcio di lettera, datata 15 ottobre 1986, era indirizzata al mito del rock Berry e firmata dall’astronomo Carl Sagan e da sua moglie Ann Druyan.
Alle parole di Sagan e Druyan, si potrebbe forse rispondere che la fortuna della musica di Berry, intramontabile negli anni, non era proprio un’esagerazione. Re dei jukebox con brani celeberrimi, dal grande classico ‘Johnny B. Goode” a “...

19.3.2017, 08:562017-03-19 08:56:59
@laRegione

Grande chitarrista, interprete...

Grande chitarrista, interprete e autore, primo cantore della rivoluzione sociale rock: è morto ieri Chuck Berry, ispiratore di tanti rocker venuti dopo di lui.

Grande chitarrista, interprete e autore, primo cantore della rivoluzione sociale rock: è morto ieri Chuck Berry, ispiratore di tanti rocker venuti dopo di lui. 

17.3.2017, 17:532017-03-17 17:53:50
@laRegione

Le corde vocali non reggono, Ligabue interrompe il tour

Alla fine Luciano Ligabue ha dovuto cedere. Le sue corde vocali non hanno retto alla prova dei concerti del Made in Italy tour nei palasport, partito poco...

Alla fine Luciano Ligabue ha dovuto cedere. Le sue corde vocali non hanno retto alla prova dei concerti del Made in Italy tour nei palasport, partito poco più di un mese fa da Acireale e con davanti ancora più di 30 date (fra cui quella luganese il 12 maggio). Già allora il debutto era stato rimandato di una decina di giorni: colpa di un edema che sembrava risolto. E invece no. Ora, un mese e 17 concerti dopo, l'annuncio via social di un lungo stop.

«Mi hanno diagnosticato la malattia professionale di chi canta», spiega il rocker ai fan, aggiungendo che dovrà sottoporsi a un intervento chirurgico e fermarsi per diversi mesi, a causa di un polipo intracordale alla corda vocale sinistra. Le avvisaglie di un peggioramento si erano avute già tre giorni fa, al concerto al Mediolanum Forum di Assago a Milano durante il quale si era scusato con il pubblico per non essere al top della forma.

«Durante il giorno - racconta rammaricato nel video postato oggi su Facebook - avevo sentito proprio che la voce non usciva. Dopo 3-4 pezzi del concerto ero quasi afono. Così ho avuto bisogno di farmi visitare il giorno dopo e mi hanno detto una cosa che avrei preferito non sentirmi dire e cioè che ho un polipo alla corda vocale sinistra. Il polipo non ti permette di poter cantare e quindi io adesso non posso cantare. Devo fare un intervento che mi dicono essere abbastanza semplice, che però richiede qualche mese di recupero per la piena funzionalità delle corde vocali».

Stop immediato, dunque, ai live che però non saranno cancellati ma recuperati a partire dal 4 settembre. «In realtà non fermiamo il tour perché come vi ho promesso, io quest'anno vi vengo a trovare 'casa per casa', ve l'avevo promesso a Monza e lo faremo», cerca di tranquillizzare il Liga, apparso decisamente rammaricato.

«Questo tour si svolgerà a settembre e ottobre esattamente negli stessi palazzetti, nelle stesse città dove avete già preso i biglietti e quindi io potrò mantenere questa promessa ma soprattutto potrò continuare a godere di quello di cui ho goduto purtroppo per un breve tempo. Abbiamo fatto in tempo a fare diciassette concerti. Vi ho visti bellissimi, vi ho visti gioiosi, entusiasti, vi ho visti più giovani del solito, cosa che mi ha fatto oltre a un po' di sorpresa, anche molto piacere. Ecco, io voglio ripartire da quest'idea, ho bisogno di un po' di mesi per rimettermi in sella ma lo farò. E quindi ci vediamo a settembre».

17.3.2017, 17:192017-03-17 17:19:56
@laRegione

Il mercato della musica dopo 16 anni frena la sua picchiata

Per la prima volta dal 2000, il mercato della musica elvetico lo scorso anno si è stabilizzato. La discesa si è interrotta e il segmento digitalizzato ha...

Per la prima volta dal 2000, il mercato della musica elvetico lo scorso anno si è stabilizzato. La discesa si è interrotta e il segmento digitalizzato ha superato per la prima volta quello dei supporti fisici (cd, vinile ecc.).

La quarantina di marchi di musica membri dell'IFPI Svizzera hanno realizzato un fatturato complessivo di 84,6 milioni di franchi nel 2016, in crescita dell'1% su base annua, ha indicato oggi la sezione elvetica della Federazione internazionale dell'industria fonografica in un comunicato.

La stabilizzazione si spiega con la progressione delle vendite della musica digitale (+11%) a 44,6 milioni di franchi, a sua volta dovuta al balzo in avanti dello streaming (+50% a 23 milioni di franchi). Il fatturato del digitale rappresenta il 53% del totale e, come detto, supera per la prima volta quello dei supporti fisici (47%). Quest'ultimo su base annua è calato del 9%, a 40 milioni di franchi. In netta controtendenza il segmento del vinile, che ha fatto segnare una progressione del 50% delle vendite, a 3,7 milioni di franchi (il livello più alto dal 1991).

15.3.2017, 08:362017-03-15 08:36:47
@laRegione

Fra le cose da fare stasera, c...

Fra le cose da fare stasera, c'è anche la rassegna dedicata al cinema di Paul T. Anderson. A Mendrisio, sala Ciak alle 20.45, si potrà vedere "The Master" (2012).

Fra le cose da fare stasera, c'è anche la rassegna dedicata al cinema di Paul T. Anderson. A Mendrisio, sala Ciak alle 20.45, si potrà vedere "The Master" (2012). 

13.3.2017, 15:302017-03-13 15:30:44
@laRegione

Sarà David Grossman ad anticip...

Sarà David Grossman ad anticipare ChiassoLetteraria, in programma fra il 4 e il 7 maggio. Lo scrittore israeliano, lunedì 24 aprile alle 20.30 al Cinema Teatro, sarà protagonista di una discussione con Matteo Bellinelli.

Sarà David Grossman ad anticipare ChiassoLetteraria, in programma fra il 4 e il 7 maggio. Lo scrittore israeliano, lunedì 24 aprile alle 20.30 al Cinema Teatro, sarà protagonista di una discussione con Matteo Bellinelli.

7.3.2017, 17:352017-03-07 17:35:51
@laRegione

George Michael è morto per cau...

George Michael è morto per cause naturali, punto. Lo ha stabilito il medico legale, Darren Salter, escludendo altre cause. Il cantante deceduto il giorno di Natale soffriva di una malattia cardiaca e di problemi epatici.

George Michael è morto per cause naturali, punto. Lo ha stabilito il medico legale, Darren Salter, escludendo altre cause. Il cantante deceduto il giorno di Natale soffriva di una malattia cardiaca e di problemi epatici.

6.3.2017, 18:232017-03-06 18:23:55
@laRegione

Una sentinella per proteggere il nostro pianeta: questa notte un lancio in orbita che conviene

È in programma per questa notte a bordo di un razzo Vega il lancio della nuova sentinella spaziale del pianeta,...

È in programma per questa notte a bordo di un razzo Vega il lancio della nuova sentinella spaziale del pianeta, il satellite europeo Sentinel 2B, ideato per fornire immagini e dati sulle aree verdi della Terra. Il satellite, che partirà alle 2.49 (ora svizzera) dalla base europea di Kourou (Guyana Francese), è il quinto tassello della grande infrastruttura spaziale europea Copernicus, nata dalla collaborazione tra Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Commissione Europea.

 «La sentinella che lanceremo questa notte sarà la quinta della costellazione Copernicus e la seconda della famiglia Sentinel 2 dedicata in particolare all'osservazione delle aree verdi del nostro pianeta», ha detto Josef Aschbacher, direttore dell'Osservazione della Terra dell'Esa. Una volta operativo, Sentinel 2B monitorerà costantemente la superficie del pianeta grazie a una potente fotocamera capace di fare scatti su 13 differenti bande con un dettaglio senza precedenti. I dati in arrivo da Sentinel 2B e dal satellite gemello Sentinel 2A, lanciato nel giugno 2015, combinati con quelli in arrivo dalle altre sentinelle, forniranno informazioni sfruttabili in moltissimi settori.

 A portare in orbita Sentinel 2B alla quota di 786 chilometri sarà Vega, il lanciatore europeo. Al momento tutte le procedure di controllo indicano luce verde. Il rilascio in orbita del satellite è previsto in poco meno di un'ora dal lancio. A quel punto Sentinel 2B dispiegherà i pannelli solari, attiverà le comunicazioni con la Terra e subito dopo inizierà il suo viaggio per inserirsi nell'orbita definitiva. «La mole che i satelliti di Copernicus invieranno a Terra è superiore ai dati gestiti da Google o Amazon», ha detto Philippe Brunet, responsabile del programma Copernicus per l'Unione Europea.

 Con il lancio di Sentinel 2B salgono così a 5 le sentinelle europee del pianeta, i satelliti ideati per studiare e proteggere l'ambiente. I dati in arrivo dalla costellazione Copernicus sono anche una miniera d'oro per lo sviluppo della space economy. I dati già in arrivo sono però considerati anche una miniera di risorse messa a disposizione per stimolare la nascita di nuove applicazioni anche imprenditoriali di servizi spaziali per i cittadini.

 «I numeri di utilizzo sono già impressionanti – ha commentato il presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana Roberto Battiston –. Per ogni euro investito si registra un ritorno economico moltiplicato per 10».

Finanziato complessivamente con 2,3 miliardi di euro, l'ambizioso progetto Copernicus prevede di realizzare una rete di satelliti dedicati allo studio del nostro pianeta. Il programma prevede tre famiglie di sentinelle spaziali: Sentinel 1A e 1B (seguite in futuro da 1C e 1D) con una vista radar; Sentinel 2A e 2B specializzate in osservazioni nell'infrarosso; Sentinel 3A e 3B, nell'ottico.

 Ultima in ordine di tempo è appunto Sentinel 2B, specializzata nel vedere le aree verdi in 13 differenti lunghezze d'onda. Da questi dati si possono avere preziose informazioni sui cambiamenti climatici, per l'agricoltura o la sicurezza ambientale.

Ad essere già operative sono le due Sentinel 1, dotate di una vista radar, e la prima Sentinel 3, lanciata a febbraio 2016 per lo studio degli oceani. In futuro è previsto l'arrivo delle Sentinelle 4, 5 e 6, ideate per monitorare la qualità dell'aria, analizzare la chimica dell'atmosfera e fare una mappa super-dettagliata dei mari e delle profondità oceaniche.

6.3.2017, 06:202017-03-06 06:20:00
@laRegione

Corto al femminile come simbolo

La rassegna biennale internazionale di cortometraggi declinata al femminile prende avvio mercoledì 8 marzo, dalle 19, al Palazzo dei Congressi di Muralto. Trentatré cortometraggi...

La rassegna biennale internazionale di cortometraggi declinata al femminile prende avvio mercoledì 8 marzo, dalle 19, al Palazzo dei Congressi di Muralto. Trentatré cortometraggi scandiscono le serate di mercoledì sera, venerdì 10 e sabato 11, che si chiude con la cerimonia di premiazione e un intrattenimento musicale. Le opere dei registi (sia donne che uomini) sono state selezionate fra le 400 giunte da più di 15 Paesi; fra i criteri di scelta, soprattutto qualità artistica e messaggio trasmesso, così come l’imprescindibile centralità della figura femminile, nel bene e nel male.
L’iniziativa è promossa da tre donne: Pilar Koller (direttrice artistica), Camila Koller (assistente) e Irene Pugliese (consulente). Alla direttrice artistica, nonché regista, abbiamo posto un paio di...

6.3.2017, 06:102017-03-06 06:10:00
@laRegione

Sotto il segno di Antonello Venditti

“(...) Si accendono le luci qui sul palco ma quanti amici intorno che viene voglia di cantare,/ forse cambiati, certo un po’ diversi/ ma con la voglia ancora di cambiare (…)”....

“(...) Si accendono le luci qui sul palco ma quanti amici intorno che viene voglia di cantare,/ forse cambiati, certo un po’ diversi/ ma con la voglia ancora di cambiare (…)”.
Questi i versi da “Notte prima degli esami”, uno dei brani più conosciuti del cantautore romano Antonello Venditti che, il 28 luglio (dalle 20.30), sarà l’ospite d’apertura della quarta edizione di Castel on Air (28-30 luglio a Castel Grande, Bellinzona).
In anteprima l’annuncio della partecipazione di Venditti alla manifestazione organizzata dalla Gc Events nella corte interna del castello bellinzonese, per il quarto anno consecutivo, di cui si saprà di più su ospiti e appuntamenti nelle prossime settimane. (...)

6.3.2017, 06:002017-03-06 06:00:00
Ivo Silvestro @laRegione

Rock per palati fini

Un cantastorie, più che un semplice cantante: la discografia di Edoardo Bennato – da ‘Non farti cadere le braccia’ a ‘Le ragazze fanno grandi sogni’, dal ‘Paese dei balocchi’ a ‘Le vie del rock sono...

Un cantastorie, più che un semplice cantante: la discografia di Edoardo Bennato – da ‘Non farti cadere le braccia’ a ‘Le ragazze fanno grandi sogni’, dal ‘Paese dei balocchi’ a ‘Le vie del rock sono infinite’, giusto per fare qualche titolo – è un viaggio nel tempo dell’umanità. Incluso il suo ultimo disco, il diciottesimo in studio, uscito nell’ottobre del 2015: ‘Pronti a salpare’, per andare “via da quei luoghi comuni, verso luoghi eccezionali”. Forse La Fabrique di Castione non è uno di questi “luoghi eccezionali”, ma certo vale la pena andarci, giovedì prossimo 9 marzo alle 20.30, per il concerto di Bennato. Prevendita nei punti Ticketcorner, su www.biglietteria.ch e su www.ticketcorner.ch.
Lo scorso luglio ha festeggiato i 70 anni… ancora voglia di rock e di concerti?
La...