Oggi, 06:202016-02-10 06:20:00
@laRegione

Una miss (earth) calciatrice (del Balerna)

La vacallese Francesca Ricci è la vincitrice dell’ultima edizione del concorso di bellezza tenutosi a Locarno. Studia alla Commercio e vuole diventare traduttrice....

La vacallese Francesca Ricci è la vincitrice dell’ultima edizione del concorso di bellezza tenutosi a Locarno. Studia alla Commercio e vuole diventare traduttrice. Francesca, quale è la tua occupazione attuale? Attualmente studio. Frequento la Scuola cantonale di commercio di Bellinzona. Sono al secondo anno. Cosa vorresti fare in seguito? Mi piacerebbe andare all’estero per perfezionare le lingue o altrimenti continuare gli studi. E dopo gli studi? Vorrei fare qualcosa con le lingue. Magari traduttrice o interprete. O altrimenti non disdegno neanche il settore alberghiero. Anche la moda potrebbe interessarmi, ma solo come attività secondaria, perché lavori come la modella non ti danno continuità. Come mai hai deciso di prendere parte a questo concorso? Perché ne avevo già sentito...

Oggi, 06:102016-02-10 06:10:00
Guido Grilli @laRegione

Bedigliora va ai supplementari

Si va ai supplemntari. A Bedigliora il Consiglio di Stato ha concesso un ulteriore termine – il 7 marzo – entro il quale presentare liste valide per formare la compagine municipale della...

Si va ai supplemntari. A Bedigliora il Consiglio di Stato ha concesso un ulteriore termine – il 7 marzo – entro il quale presentare liste valide per formare la compagine municipale della prossima legislatura. Finora, infatti, tutt’e cinque gli uscenti municipali non solleciteranno un nuovo mandato e se il disinteresse alla politica attiva dovesse persistere il Comune rischia il commissariamento. Spera che questa eventualità venga scongiurata il vicesindaco socialista, Dante Tettamanti, che osserva: «E se i partiti si mettessero d’accordo e a Bedigliora si formasse una sola lista civica? In comuni piccoli come il nostro (circa 600 abitanti, ndr.) conta soprattutto lavorare per la comunità». Oggi l’esecutivo è spartito tra il Ps, gli Indipendenti e il Ppd. Sarà ora compito di questi tre...

Oggi, 06:002016-02-10 06:00:00
Marzio Mellini @laRegione

'Rapp è preziosissimo'

Ê uno scontro diretto, e come tale riveste un’importanza capitale. Ma siccome il Thun all’esordio ha vinto (2-1 a San Gallo), mentre il Lugano è stato pesantemente battuto, ecco che Thun-Lugano...

Ê uno scontro diretto, e come tale riveste un’importanza capitale. Ma siccome il Thun all’esordio ha vinto (2-1 a San Gallo), mentre il Lugano è stato pesantemente battuto, ecco che Thun-Lugano di sabato è vitale soprattutto per i bianconeri, più che per l’undici di Jeff Saibene, che sabato ha assaporato il gusto della vittoria “un po’ così” sul campo della sua ex squadra che ha diretto per cinque stagioni.
Pressata dal Vaduz (salito a “meno 1”, la squadra di Zeman non può permettersi il lusso di lasciar scappare via il Thun, che in caso di successo salirebbe a +7. Una dote troppo bella per essere vera, dopo solo due partite. Ebbene, affinché tale scenario non si materializzi, il Lugano è chiamato al pronto riscatto. A fornire un’immediata reazione che releghi il ko di sabato a...

Oggi, 05:552016-02-10 05:55:41
@laRegione

Buongiorno! Ecco la Prima pagi...

Buongiorno! Ecco la Prima pagina di oggi

Buongiorno! Ecco la Prima pagina di oggi

Oggi, 05:452016-02-10 05:45:26
@laRegione

Il Leone cerca i suoi spazi...

Il Leone cerca i suoi spazi

Il Leone cerca i suoi spazi

Oggi, 05:402016-02-10 05:40:42
@laRegione

La vignetta di Lulo Tognola...

La vignetta di Lulo Tognola

La vignetta di Lulo Tognola

Oggi, 02:582016-02-10 02:58:00
Beppe Donadio

Sanremo 2016: pensieri e parole (prima serata)

1. Parole (ovvero cosa vi siete persi):

Interminabile, ma non pesante. Nella sigla sfilano i 66 vincitori di Sanremo, Jalisse inclusi, e il cuore batte per...

1. Parole (ovvero cosa vi siete persi):

Interminabile, ma non pesante. Nella sigla sfilano i 66 vincitori di Sanremo, Jalisse inclusi, e il cuore batte per Giorgia melodica, così bella no-soul. Sulle note di “Starman” sale sul palco il Conti (“vi porterò le stelle”) e in rappresentanza del talento sale Virginia Raffaele, nei panni di Sabrina Ferilli (la si attende Belen, e magari Bruzzone). Al Festival si canta anche durante la pubblicità: Penelope Cruz fa a pezzi “Tu si 'na cosa grande” per una nota casa di borse e borsette, e un tenero Fedez legge frasi d'amore per i baci (minuscolo, non è promozione). Di Gabriel Garko, meglio Donnie Darko, ma anche Donnie Brasco (in realtà, chiunque). Il Festival ringrazia Aldo, Giovanni e Giacomo, ma prima Laura Pausini con salivazione fantozziana (l'emozione è reale), che fa più di Natalie Cole con il padre Nat e Manuela Villa con il padre Claudio (duetta con se stessa in “La solitudine”).
Elton John lascia per strada qualche nota, ma per affetto si sorvola (è quello vero, non Crozza, e “Your song”, insieme al suo autore, sono patrimonio dell'umanità). Si ride, finalmente, ma in orario da tisana, con Rocco Tanica che chiude la prima puntata di Sanremo, “la risposta italiana a Tu si que vales” (ipse dixit). Al Dopofestival volano domande come “pensi di vincere?” e “come hai scelto il vestito?”, che sanno di post-partita calcistico. Alle 02:00, una consuetudine, appare Gigi Marzullo. Nel frattempo è mercoledì, il giorno degli Elio e le Storie Tese e quello di altri nove. Buonanotte (o buongiorno).

2. Pensieri (ovvero cosa abbiamo ascoltato):

Lorenzo Fragola - “Infinite volte”. Un Fragola mengonizzato canta per primo (tanto di cappello). Per un ventenne, “Far l'amore senza amore” suona anacronistico. “Sento come se hai paura” non è scusabile nemmeno fingendosi assidui lettori di Max Pezzali. Giudizio: sentiamo come se andrà lontano...

Noemi - “La borsa di una donna”. Masini per Noemi, come Ruggeri per Mannoia, anni fa. Canta di donne e di rispetto, la Rossa, in canzone che si rispetti, scritta da autore che si rispetti per interprete che si rispetti. Giudizio: ti diremo ancora un altro sì.

Dear Jack - “Mezzo respiro”. Un elefante (quattro autori) ha partorito una canzone topolino (o stereotipo). Sanremo ce li propone, così come ce li proponeva lo scorso anno. Un motivo ci sarà. Giudizio: asfissia.

Giovanni Caccamo e Deborah Iurato - “Via da qui”. Una ventata di aria vecchia, cui non basta la poetica del Sangiorgi autore, cantore di rapporti di coppia conflittuali. Così conflittuali che siamo in conflitto con noi stessi per quanto abbiamo visto e ascoltato. Giudizio: è già nel titolo.

Stadio - “Un giorno mi dirai”. Un pezzo di storia. Cori (da stadio) qua e là per un padre che parla ad una figlia, in canzone immediata ed onesta come un uomo che ha il coraggio di piangere. Giudizio: Stadio e le Storie Serie

Arisa - “Guardando il cielo”. Ogni donna vorrebbe un sarto personale. Anastasi, il sarto di Arisa, le cucì addosso una vittoria giusto due anni fa (“Controvento”). Quest'anno le regala altra polvere preziosa dalla quale la splendida ex-compagna fabbrica una stella. Giudizio: Via Lattea.

Enrico Ruggeri - “Il primo amore non si scorda mai”. L'Enrico sfodera il miglior Rrouge, tra synth, distorto, accelerazioni e melodia. Sicuro come un ABS, credibile come tutta la sua carriera, il titolo – se fans - glie lo si può dedicare. Giudizio: perché Ruggeri è Ruggeri.

Bluvertigo - “Semplicemente”. E' una poesia, quella scritta da Morgan. Tanto bella che la musica sarebbe elemento del tutto secondario. E siccome è bella pure la musica, allora bravo Castoldi, e bravi tutti. Giudizio: vertigini.

Rocco Hunt - “Wake up”. Quanto a denuncia, Rocco – nessuna allusione - non ha le misure dei 99 Posse. Ma non c'è nemmeno un “ti amo” e parlare di vita, di tanto in tanto, male non fa. Giudizio: chillo è nu buono guaglione.

Irene Fornaciari - “Blu”. C'è lo zampino di Beppe Dati, in “Blu”, uno che ha dato belle parole a Masini, Raf e mille altri, non ultima la Mimì di “Gli uomini non cambiano”. Il brano chiamava altra timbrica, e meritava altra/o interprete. Giudizio: grigio.

Ieri, 22:462016-02-09 22:46:48
Cristina Ferrari @laRegione

Due persone intossicate a Tesserete

Un incendio è stato segnalato questa sera verso le 21.30 in un’abitazione nel nucleo di Tesserete, in via Canonica. Sul posto sono intervenuti i pompieri della Capriasca che hanno...

Un incendio è stato segnalato questa sera verso le 21.30 in un’abitazione nel nucleo di Tesserete, in via Canonica. Sul posto sono intervenuti i pompieri della Capriasca che hanno domato il rogo che ha interessato un unico locale. Due persone che si trovavano all’interno dell’appartamento sono rimaste leggermente intossicate e sono state visitate e trasportate al Pronto soccorso dal personale della Croce Verde. La Polizia cantonale, in collaborazione con la Comunale, ha isolato la zona ed effettuato i rilievi del caso. Al momento – secondo quanto indicato da Rescue Media – non sono note le cause che hanno generato il rogo. I danni sarebbero limitati al singolo locale.

Ieri, 20:132016-02-09 20:13:00
@laRegione

Dieci morti nel frontale fra treni in Alta Baviera

Un binario unico e una curva, fra il fiume e il declivio di un monte, in Alta Baviera. È il luogo in cui due treni stamattina si sono scontrati frontalmente: nell'...

Un binario unico e una curva, fra il fiume e il declivio di un monte, in Alta Baviera. È il luogo in cui due treni stamattina si sono scontrati frontalmente: nell'incidente hanno perso la vita almeno dieci persone ma il bilancio resta ancora incerto. Alla fine di una lunga giornata di soccorsi, ci sono ancora un disperso - non si ha molta speranza di trovarlo in vita, spiega la polizia all'ANSA, fornendo il bollettino serale - 17 passeggeri in gravi e gravissime condizioni e 63 feriti lievi.

"È il più tragico incidente che si sia avuto da anni in Germania e segna ore difficilissime nella storia ferroviaria del Paese", è stato il commento del ministro dei Trasporti. In Baviera, dal 1975 non accadeva un dramma del genere. C'è una sola consolazione, mentre si indaga sulle cause, non ancora chiare: le festività per il Carnevale, che il Land ha in agenda in questi giorni, hanno evitato una tragedia ancora più grave. A bordo dei due convogli, appartenenti a una compagnia privata, la Meridian, e gestiti dalle ferrovie locali dell'Alta Baviera, non si trovavano né bambini né ragazzi, dal momento che le scuole sono tutte chiuse. E anche i pendolari erano meno del solito, in tutto 150 persone.

L'impatto è avvenuto alle 6.45. I due treni procedevano verosimilmente "ad alta velocità e si sono scontrati senza frenare. Vista la posizione, in una curva, i due macchinisti non hanno avuto alcun contatto visivo", ha spiegato il ministro Dobrindt in conferenza stampa. Restano però tanti dubbi: anche perché è stato sempre il politico della Csu del gabinetto di Angela Merkel a spiegare che le ferrovie tedesche sono interamente dotate, dal 2011, di un sistema automatico di sicurezza. Il PZB90 garantisce che convogli che si trovino nel posto sbagliato al momento sbagliato vengano frenati automaticamente. "Era operativo anche su quella tratta, dove l'ultimo controllo di routine risaliva a una settimana fa", ha aggiunto. Saranno le scatole nere adesso a chiarire se all'origine dell'accaduto "ci sia un errore umano, un guasto tecnico, o la combinazione di entrambi". Due su tre sono state ritrovate e messe in sicurezza dagli inquirenti. La terza è ancora in uno dei vagoni. Sul posto, situato sul canale di Mangall, il che non ha semplificato le operazioni di salvataggio, sono intervenuti circa 700 soccorritori e 15 elicotteri, oltre alle numerose ambulanze che hanno portato i feriti nei diversi presidi medici della zona.

Anche le guardie alpine sono state mobilitate. A bordo di uno dei due treni c'erano un insegnante di guida e un apprendista. Le vittime non sono state ancora identificate, hanno spiegato gli inquirenti, anche se secondo la compagnia di riferimento i conducenti dei treni sarebbero fra le vittime. I due convogli si trovavano sulla tratta fra Holzkirchen e Rosenheim, ma avrebbero dovuto trovarsi entrambi a Kolbermoor, ha spiegato poi il ministro dell'Interno bavarese Joachim Herrmann: "Perché vi fosse una divergenza rispetto al piano di marcia, sarà chiarito nelle indagini". I ritardi comunque, anche nelle ferrovie tedesche, non sono insoliti. "Ho fiducia che gli organi competenti faranno tutto il possibile per chiarire l'accaduto", ha commentato Angela Merkel, esprimendo il personale cordoglio ai familiari delle vittime. La Germania è a lutto, e tutti i partiti politici hanno disdetto per questo i tradizionali incontri del Mercoledì delle ceneri.

Ieri, 20:032016-02-09 20:03:23
Cristina Ferrari @laRegione

Ecco il Gruppo Svi-Vezia

Socialisti, Verdi eIndipendenti uniti a Vezia. Per il Municipio si presentano (da sinistra nella foto): Mauro Valli (già municipale - Socialista), Massimo Collura (Verde), Marco Zanetti (...

Socialisti, Verdi eIndipendenti uniti a Vezia. Per il Municipio si presentano (da sinistra nella foto): Mauro Valli (già municipale - Socialista), Massimo Collura (Verde), Marco Zanetti (municipale uscente - Socialista), Daniela Colloca (C. comunale uscente - Verde), Michela Bazzi Pedrazzini (Indipendente). Per il Legislativo oltre ai cinque summenzionati si candidano Lara Majek (C. comunale uscente - Socialista), Alessandra Motta (Socialista), Stefano Heubi (già C. comunale - Socialista), Roberto Colloca (Verde), Flavio Colloca (Verde), Christina Bucher (Indipendente), Katia Molone (Indipendente), Markus Wilke (Indipendente), Damiano Petralli (Indipendente). Tra i due gruppi locali Ps e Verdi – come si legge in un comunicato stampa – esiste unità di intenti sui temi prioritari da affrontare come pure una visione condivisa dei modi di far politica. Le porte sono state aperte agli Indipendenti che, pur non appartenendo ufficialmente ad alcun partito, condividono obbiettivi e visioni e sono portatori di idee innovative. L'attenzione e l'impegno degli aderenti a questo nuovo progetto politico saranno particolarmente rivolti alle qualità ambientali, all'aggiornamento del Pr, alla socialità (in particolare alla realizzazione in consorzio di una casa per anziani), alla formazione e a i suo edifici scolastici da ristrutturare, ad investimenti finanziari adeguati alle necessità di opere pubbliche e a una gestione del Comune partecipata e trasparente.

Ieri, 19:592016-02-09 19:59:49
Cristina Ferrari @laRegione

Capriasca, Lega-Udc-Indipendenti pronti al raddoppio

Il sorteggio in seduta pubblica di ieri in Capriasca per stabilire l’ordine di successione è stato favorevole alla Lega dei Ticinesi, Udc e Indipendenti che si...

Il sorteggio in seduta pubblica di ieri in Capriasca per stabilire l’ordine di successione è stato favorevole alla Lega dei Ticinesi, Udc e Indipendenti che si sono aggiudicato il numero 1. La lista si dice pronta a raddoppiare la propria presenza nell’Esecutivo e di rafforzare conseguentemente il gruppo in Consiglio comunale. I candidati in lista per l’Esecutivo sono: Gianantonio “Gianni” Baffelli, Remo Canonica, Oliver “Olly” Dani, Roberto Decarli, Alessandro Fontana, Arnoldo Storni e Piergiuseppe Vescovi. Per il Legislativo sono in lizza: Gianantonio “Gianni” Baffelli, Elisabetta Bianchi, Vittorio Bortone, Remo Canonica, Athos Capelli, Oliver “Olly” Dani, Roberto Decarli, Nicola Foletti, Alessandro Fontana, Alioscia Landis, Egon Longhi, Stefano Quadri, Arnoldo Storni, Moreno Vabanesi e Piergiuseppe Vescovi.

Ieri, 19:432016-02-09 19:43:15
@laRegione

Gli svedesi del Frölunda di Gö...

Gli svedesi del Frölunda di Göteborg, giustizieri del Davos in semifinale, si aggiudicano la seconda edizione della Champions League. Nella finale hanno battuto 2-1 il Karpat Oulu.

Gli svedesi del Frölunda di Göteborg, giustizieri del Davos in semifinale, si aggiudicano la seconda edizione della Champions League. Nella finale hanno battuto 2-1 il Karpat Oulu.

Ieri, 19:152016-02-09 19:15:41
Prisca Colombini @laRegione

Al Nebiopoli vince La Castello Bene

La Castello Bene tra i carri e I Ranat da Culdree tra i gruppi. Sono questi i verdetti della giuria chiamata a esaminare i 35 numeri che nel pomeriggio hanno animato la 56esima...

La Castello Bene tra i carri e I Ranat da Culdree tra i gruppi. Sono questi i verdetti della giuria chiamata a esaminare i 35 numeri che nel pomeriggio hanno animato la 56esima edizione del corteo mascherato Nebiopoli. Le premiazioni si sono svolte poco fa al NebioArena allestito sulla Piazza del Municipio di Chiasso. A essere premiati sono quindi stati 'Fi-Faraun che affarun, ma fas mia Quatar' e 'Caro Euro, se la balanscia ta vörat drizà, i scpinazz ta devat mangià'.

La classifica dei carri vede al secondo rango i Mistun da Mendriis e al terzo i Grezz di Bellinzona. Il secondo posto tra i gruppi è andato agli Ar'…Rancaa…ndo di Rancate, il terzo a Chi da Chiö.

Il primo bilancio di questa edizione è positivo. "Siamo soddisfatti - commenta il presidente Massimo Gambetta -. Anche oggi, nonostante le condizioni meteo poco favorevoli, il pubblico non è mancato”. Gli spettatori pagati per il corteo sono stati 2'500.

Ieri, 19:032016-02-09 19:03:26
Marco Marelli

Frontale in autostrada a pochi chilometri dal confine. A causarlo una vettura in contromano

È di quattro feriti, di cui una gravissima, il bilancio dell'incidente stradale che si è verificato attorno alle 18...

È di quattro feriti, di cui una gravissima, il bilancio dell'incidente stradale che si è verificato attorno alle 18 in A9, sulla carreggiata che da Chiasso porta a Milano, nel tratto tra l'ingresso di Como Centro e la barriera di Grandate. C'è stato uno scontro frontale fra due autovetture, una delle quali, con due persone a bordo si è ribaltata. Stando alle prime informazioni, a causare lo schianto sarebbe stata un'autovettura targata Ticino, con a borde le altre due persone ferite. Pochi istanti prima dello schianto, alla centrale operativa del 112 arrivava la segnalazione di una vettura che viaggiava verso la Svizzera ma sulla carreggiata sud, quella che porta a Milano. Sul posto diverse ambulanze, in codice rosso, due pattuglie della Polizia Stradale e i vigili del fuoco di Como, per estrarre dalle lamiere contorte uno dei feriti. Per consentire i soccorsi e i rilievi, una corsia della Chiasso-Grandate è stata chiusa al traffico, per cui si sono formate lunghe colonne.

Ieri, 19:022016-02-09 19:02:00
@laRegione

Pyongyang riattiva il reattore al plutonio

La Corea del Nord ha riacceso il reattore nucleare a plutonio nel sito di Yongbyon che potrebbe fornire combustibile per armi nucleari. Lo ha riferito, stando alla Bbc...

La Corea del Nord ha riacceso il reattore nucleare a plutonio nel sito di Yongbyon che potrebbe fornire combustibile per armi nucleari. Lo ha riferito, stando alla Bbc online, il direttore dell'intelligence Usa James Clapper, aggiungendo che Pyongyang sta avanzando nel suo sistema di missili balistici intercontinentali.

“Abbiamo anche valutato che la Corea del Nord ha mantenuto operativo il reattore abbastanza a lungo in modo da poter iniziare a recuperare il plutonio dal combustibile del reattore nel giro di settimane o mesi”, ha aggiunto Clapper, sottolineando che Pyongyang si è anche impegnata nello sviluppo di un missile a lungo raggio dotato di armi nucleari al punto “da essere una minaccia diretta per gli Stati Unit”.