Indecisione sulla sorte della Riforma III

Svizzera
6.1.2017, 17:302017-01-06 17:30:52
@laRegione
@laRegione

Indecisione sulla sorte della Riforma III

Allegati

Terza riforma dell’imposizione delle imprese (Rie III), naturalizzazione facilitata per gli stranieri di terza generazione, Fondo per le strade nazionali e il traffico d’agglomerato (Fostra): a poche settimane dalle votazioni federali del 12 febbraio appare ancora più che mai indecisa la sorte dei tre oggetti sottoposti al popolo. Due sondaggi pubblicati oggi, uno da gfs.bern per la Ssr, l’altro da Tamedia, forniscono risultati contrastanti.

I due sondaggi sono stati realizzati con metodologie diverse e presentano esiti in parte assai discordanti. Secondo quello realizzato dall’istituto gfs.bern, se gli svizzeri avessero votato nella seconda metà di dicembre avrebbero accettato “certamente o piuttosto certamente” in una proporzione complessiva del 50% la Rie III, mentre solo il 35% avrebbe detto ‘no’. Un 15% ancora non sapeva.

Del tutto diverso l’esito del sondaggio Tamedia: la Rie III sarebbe attualmente respinta dal 43% dei votanti e accolta dal 40%, mentre gli indecisi sono il 17%. Più in dettaglio, il 31% degli interpellati voterebbe ‘no’, il 12% ‘tendenzialmente no’, mentre sull’altro fronte i ‘sì’ decisi arriverebbero al 22%; coloro che voterebbero ‘tendenzialmente sì’ sono il 18%.

Esiti divergenti dei due sondaggi anche riguardo alla naturalizzazione agevolata per gli stranieri di terza generazione. Per il gfs.bern essa è sostenuta addirittura dal 74%, contro un 21% che si dice contrario e un 5% di indecisi. Secondo Tamedia invece i favorevoli sono il 50% (39% di ‘sì’ e 11% di ‘tendenzialmente sì’), mentre i ‘no’ incalzano al 48% (39% di ‘no’ e 9% di ‘tendenzialmente no’). Gli indecisi sono il 2% soltanto.

Anche sul terzo oggetto, il fondo stradale Fostra i due sondaggi divergono parecchio, ma sembrano delineare entrambi un ‘sì’ alle urne. Secondo il gfs.bern Fostra è sostenuto dal 60% e avversato dal 32%. Il rilevamento di Tamedia dà un 44% di favorevoli contro un 33% di contrari (il 13% sono ‘no’ decisi, il 20% tendenziali). Ben il 23% gli indecisi. (ats/red)

Il giornale digitale, con te già dalle prime ore del mattino

Scopri tutte le funzionalità de laRegione in digitale. Visita la versione Web oppure scarica l'app per il tuo dispositivo.