ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Le corde (distorte) dei The Heads

Nel ventennale di un disco tutto da riscoprire, ancora oggi il quartetto di Bristol rappresenta un illuminante esempio di neopsichedelia “evoluta”
Ticino7
1 gior

James Taylor che fermò il tempo in ‘Hourglass’

Venticinque anni fa, un american standard prima di ‘American standard’, un libro aperto premiato con due Grammy, uno dei quali al Miglior album pop.
Ticino7
2 gior

Chi li ascolta? I giovani, l’attivismo e certi ‘fastidi’

Per alcuni sono degli ‘sdraiati’ (titolo di un fortunato romanzo di Michela Serra). Per altri delle menti manipolate. Ma loro, i ragazzi, che ne pensano?
Ticino7
2 gior

Fabiano Bevilacqua e le strade dell’arte

"Ne demande pas ton parcour a quelqu’un qui le connaît: tu risquerais de ne pas te perdre" (Nachman di Breslov; 1772-1810)
Ticino7
2 gior

Michael Jackson. ‘Thriller’: 40 anni di un album killer

Impossibile in questo fine 2022 non celebrare l’album più venduto della storia. L’occasione per ricordare come nacque e in quale contesto musicale maturò
Ticino7
2 gior

Extraterrestre portami via (quarant’anni di E.T.)

Dal genio di Spielberg, figlio di separati, e dalle mani di Carlo Rambaldi, fabbricante di mostri. Storia dell’alieno buono amato da tutti (o quasi)
Ticino7
3 gior

Scisma. Rock italiano senza il rimmel (o altri trucchi)

Quanto tempo deve passare per poter emettere un giudizio minimamente obiettivo sulla qualità di un disco? Nel caso di ‘Rosemary Plexiglas’ 25 anni bastano
Ticino7
3 gior

Er Thrilleraro e l’artri ‘Immortacci’

Perché, se non vedete l’ora di rivedere gente famosa di cui (in qualche modo) si sono perse tracce e corpi, dovete solo andare a Roma, eh
Ticino7
1 sett

La pigna: simboli, significati, leggende e atmosfere natalizie

Con un po’ di fantasia e un pizzico di manualità questi elementi vegetali, raccolti per tempo nel sottobosco, possono dare vita a suggestive decorazioni
Ticino7
1 sett

Natale in giallo. E per le feste un bel caso da risolvere...

‘Ero andato a trovare il mio vecchio amico Sherlock Holmes due giorni dopo Natale, con l’intenzione di fargli gli auguri per le festività...’
Ticino7
1 sett

Il Natale visto da Milco Margaroli

"In una Svizzera sempre più secolarizzata" è importante riscoprire le radici cristiane. Che sono alla base di molti momenti di festa nei quali riflettere
Ticino7
1 sett

Quelli mai contenti (nemmeno sotto le feste)

"È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti..." (Charles Bukowski, 1920-1994)
Ticino7
2 sett

I “fiati" e i respiri di Giulia Genini

Un amore nato alle Elementari e che deve aver fatto felici i suoi, visto che a casa non faceva che soffiare e soffiare. Poi le cose si sono fatte serie...
Ticino7
2 sett

Pensiero magico. La vita e la potenza dei simboli

"Ci sono buoni motivi per pensare che, nell’evoluzione del pensiero, la religione sia successiva alla magia" (J.G. Frazer)
Ticino7
2 sett

Il vocabolario di Putin è al passato

Con l’Occidente satanista e la Russia storica si spiega la guerra. Partendo da un saggio di Bengt Jangfeldt, alcune riflessioni sulla tragedia ucraina
Ticino7
2 sett

Qatar 2022: due o tre cose sui Mondiali

Nel grande dilemma etico che grava sulla manifestazione sportiva, c’è davvero da sentirsi come il figlio di un dentista dentro un negozio di dolciumi
Ticino7
2 sett

La scaramanzia e altri gesti per sopravvivere (al peggio)

Ha scritto Alejandro Jodorowsky: ‘Essere razionali è bene, ma essere soltanto razionali è una lebbra, una peste, una malattia’. Uomo avvisato...
Ticino7
3 sett

I Modern Lovers nel tunnel del tempo

Un disco apparso nel 1976 ma scritto almeno mezzo secolo fa. Tanto elementare quanto “moderno”, diventato un classico da ascoltare (almeno una volta)
Ticino7
3 sett

L’orto di Gino La Rocca: una metafora sociale

Da oltre 40 anni coltiva un fazzoletto di terra che sovrasta la trincea, all’altezza del ponte tra Lugano e Massagno. Uno vero spazio di ‘resistenza’
05.11.2022 - 19:00
Aggiornamento: 14.11.2022 - 10:16

Daniela Baiardi, la libertà di creare

Artista, storica dell’arte, studentessa e nuova responsabile della comunicazione per Visarte-Ticino

di Keri Gonzato / in coll. con Visarte-Ticino
daniela-baiardi-la-liberta-di-creare
© Robin Bervini
Daniela Baiardi

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Classe 1997, con origini ticinesi e colombiane, sino all’adolescenza ha vissuto in Nigeria e Francia. Ha compiuto il suo Bachelor con una doppia licenza alla Franklin University Switzerland a Sorengo in Storia dell’arte e Cultura visiva e Comunicazione visiva. Al momento frequenta l’Accademia di Architettura di Mendrisio e sta seguendo il Master in Storia e teoria dell’arte e architettura. E a Radio Gwen, a Chiasso, la potete seguire col suo programma radio "Underground Galaxy"…

Di Bogotá adora l’architettura eclettica e la personalità forte dei quartieri che la compongono. "Vi ho trascorso tante vacanze in visita ai familiari, ho molti ricordi, sono cresciuta fra le opere d’arte create da mia madre e dalla nonna colombiana, la mia abuelita", racconta Daniela Baiardi. Nata nel 1997, è artista, storica dell’arte, studentessa e nuova responsabile della comunicazione per Visarte-Ticino. La sua cultura visiva è stata stimolata quando era molto piccola; la mamma che ha studiato psicologia ma dipinge l’ha sempre incoraggiata a esprimersi.

L’arte rappresenta libertà

"La libertà di esprimere sé stessi, una comunità o anche l’umanità: il potere di esprimersi con tutti i mezzi a disposizione è molto importante". Attraverso l’arte ha trovato la sua strada nel mondo e oggi si esprime attraverso pittura, fotografia, collage e video. È cresciuta in una famiglia stravagante e divertente dove la noia non esiste. "Non c’è un giorno dove non ci prendiamo in giro e ridiamo in italiano, spagnolo, francese, inglese e tedesco. I discorsi non sono mai uguali perché abbiamo studiato tutti discipline disparate, una diversità che crea unità". Un contesto umano ricco da cui ha ricevuto insegnamenti come "la resilienza di mai arrendersi nel muoversi verso uno scopo e la passione di fare le cose fino in fondo con il cuore". L’infanzia itinerante ha forgiato il suo sguardo sul mondo. Le sue case sono state a Caslano, Magliaso, Abuja in Nigeria, Berna e Strasburgo. "Ogni luogo ha rappresentato esperienze uniche che non scambierei per niente al mondo, ho faticato con i cambiamenti di scuola e di lingue ma sono diventata molto flessibile e inclusiva", racconta, "cerco sempre di fare sentire le persone a loro agio perché so cosa vuol dire essere nuovi o essere timidi. Sono aperta a scoprire e conoscere persone di altre culture e so che le amicizie vengono e vanno, ma la rete di divani che ti possono ospitare in giro per il mondo è grande".

Daniela, voglio sapere cosa porta dentro di lei di ogni paese in cui ha passato gli anni formativi della sua vita… "Troppe cose! In Colombia ho imparato il significato di famiglia, coesione e il fatto che prendersi in giro è un segno d’amore. La Nigeria mi ha cambiato la vita in un modo unico, lì ho imparato l’inglese e a ballare: non mi scorderò mai del canale televisivo African Magic, tutti i film di Nollywood sono incredibili. Invece in Francia ho perfezionato il mio francese, ho assorbito le finezze di una città internazionale e il valore dell’onestà. Strasburgo è stata molto importante perché ero adolescente e mi ha permesso di sperimentare con il mio stile". In Ticino si sente bene, ogni volta che dice ‘vado via’ trova sempre una ragione per rimanere. "L’adattamento dopo Strasburgo è stato lento e difficoltoso", ricorda, "ma ora accetto chi sono e mi trovo bene dove sono, anche se metà del mio cuore è sempre in Colombia e altre piccole parti sono sparpagliate nei luoghi dove ho vissuto".


© Robin Bervini

"Trovare un equilibrio"

Oggi vive a Magliaso e sta facendo un master in Storia e teoria dell’arte ed architettura all’Accademia di architettura di Mendrisio. Al contempo è stagista all’UNESCO Chair dell’USI (UNESCO Chair in ICT to develop and promote sustainable tourism in World Heritage Sites), dove sta collaborando a un progetto molto interessante. Ha dei lavori part-time come alla biblioteca dell’Accademia e quando c’è l’opportunità fa dj set per eventi culturali. "In parallelo curo il programma radiofonico ‘Underground Galaxy’ sul canale indipendente Radio Gwen, dove ho imparato a creare podcast, mettere musica e intervistare artisti". È convinta che le realtà culturali alternative debbano esistere come quelle mainstream perché la diversità crea ricchezza.

Dallo scorso aprile fa parte del comitato di Visarte-Ticino come manager della comunicazione. "Un passo molto importante nella mia vita", spiega. "Sono grata di lavorare con persone che sono del mestiere, sempre pronte ad ascoltare ed aiutare". Un comitato solido ed equilibrato formato da tre uomini e tre donne che sta lavorando per offrire cose nuove come i "Visarte Talk". Per staccare la spina e rilassarsi, Daniela ascolta Barry White e Andy Shauf, con una passione particolare per il brano "Begin Again", e legge poesia e libri di storia dell’arte… Il suo preferito è Representing Woman della storica dell’arte Linda Nochlin, che offre una riflessione sociologica su come le donne vengono rappresentate nel mondo dell’arte e sul perché sono state poche le artiste grandiose.

Oggi la sua strada è quella di storica dell’arte, ma sente che continuerà sempre a creare: "Credo e ritengo che un buono storico dell’arte debba almeno sapere disegnare, pitturare o fare scultura o fotografia", spiega. "La mia visione è di mantenere la multidisciplinarità, formando la mia identità mi sono resa conto che devo vivere di diverse cose". In futuro spera di poter dare il suo contributo nella protezione del patrimonio culturale, soprattutto quello architettonico, e le piacerebbe entrare nel mondo della diplomazia culturale dove usare la cultura come un ponte che unisce. La sua casa ideale è grande, un posto di ritrovo per tante persone da tanti mondi diversi. Un punto di riferimento per tutti. Uno spazio condiviso dove creare, scambiare idee e avere dialoghi e dibattiti. Se tutto va bene, per trovare soluzioni. "In futuro mi piacerebbe vivere fra la Svizzera e la Colombia, non so ancora come ma so cosa voglio: trovare il mio equilibrio, su misura".


© Daniela Baiardi
Painting#1

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved