ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Le corde (distorte) dei The Heads

Nel ventennale di un disco tutto da riscoprire, ancora oggi il quartetto di Bristol rappresenta un illuminante esempio di neopsichedelia “evoluta”
Ticino7
1 gior

James Taylor che fermò il tempo in ‘Hourglass’

Venticinque anni fa, un american standard prima di ‘American standard’, un libro aperto premiato con due Grammy, uno dei quali al Miglior album pop.
Ticino7
2 gior

Chi li ascolta? I giovani, l’attivismo e certi ‘fastidi’

Per alcuni sono degli ‘sdraiati’ (titolo di un fortunato romanzo di Michela Serra). Per altri delle menti manipolate. Ma loro, i ragazzi, che ne pensano?
Ticino7
2 gior

Fabiano Bevilacqua e le strade dell’arte

"Ne demande pas ton parcour a quelqu’un qui le connaît: tu risquerais de ne pas te perdre" (Nachman di Breslov; 1772-1810)
Ticino7
2 gior

Michael Jackson. ‘Thriller’: 40 anni di un album killer

Impossibile in questo fine 2022 non celebrare l’album più venduto della storia. L’occasione per ricordare come nacque e in quale contesto musicale maturò
Ticino7
2 gior

Extraterrestre portami via (quarant’anni di E.T.)

Dal genio di Spielberg, figlio di separati, e dalle mani di Carlo Rambaldi, fabbricante di mostri. Storia dell’alieno buono amato da tutti (o quasi)
Ticino7
3 gior

Scisma. Rock italiano senza il rimmel (o altri trucchi)

Quanto tempo deve passare per poter emettere un giudizio minimamente obiettivo sulla qualità di un disco? Nel caso di ‘Rosemary Plexiglas’ 25 anni bastano
Ticino7
3 gior

Er Thrilleraro e l’artri ‘Immortacci’

Perché, se non vedete l’ora di rivedere gente famosa di cui (in qualche modo) si sono perse tracce e corpi, dovete solo andare a Roma, eh
Ticino7
1 sett

La pigna: simboli, significati, leggende e atmosfere natalizie

Con un po’ di fantasia e un pizzico di manualità questi elementi vegetali, raccolti per tempo nel sottobosco, possono dare vita a suggestive decorazioni
Ticino7
1 sett

Natale in giallo. E per le feste un bel caso da risolvere...

‘Ero andato a trovare il mio vecchio amico Sherlock Holmes due giorni dopo Natale, con l’intenzione di fargli gli auguri per le festività...’
Ticino7
1 sett

Il Natale visto da Milco Margaroli

"In una Svizzera sempre più secolarizzata" è importante riscoprire le radici cristiane. Che sono alla base di molti momenti di festa nei quali riflettere
Ticino7
1 sett

Quelli mai contenti (nemmeno sotto le feste)

"È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti..." (Charles Bukowski, 1920-1994)
Ticino7
2 sett

I “fiati" e i respiri di Giulia Genini

Un amore nato alle Elementari e che deve aver fatto felici i suoi, visto che a casa non faceva che soffiare e soffiare. Poi le cose si sono fatte serie...
Ticino7
2 sett

Pensiero magico. La vita e la potenza dei simboli

"Ci sono buoni motivi per pensare che, nell’evoluzione del pensiero, la religione sia successiva alla magia" (J.G. Frazer)
Ticino7
2 sett

Il vocabolario di Putin è al passato

Con l’Occidente satanista e la Russia storica si spiega la guerra. Partendo da un saggio di Bengt Jangfeldt, alcune riflessioni sulla tragedia ucraina
Ticino7
2 sett

Qatar 2022: due o tre cose sui Mondiali

Nel grande dilemma etico che grava sulla manifestazione sportiva, c’è davvero da sentirsi come il figlio di un dentista dentro un negozio di dolciumi
05.11.2022 - 17:13

Ballenberg, metti una ‘festa delle feste’ in un museo vivente

Cronaca di una full immersion a 360 gradi nell’essenza stessa della cultura con la bandiera rossocrociata

di Moreno Invernizzi
ballenberg-metti-una-festa-delle-feste-in-un-museo-vivente
© Moreno Invernizzi

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Varcare i cancelli del Ballenberg è come varcare quelli che, a Melide, fanno da anticamera alla Swissminiatur. Ma il museo a cielo aperto più grande della Svizzera, di miniatura ha ben poco. E allora le emozioni che ti pervadono percorrendo quel viale che si snoda nel bosco appena lasciata alle spalle la biglietteria sono ancora più grandi. Qui, in questa porzione di terreno di 66 ettari nell’Oberland bernese, sorta di cuore della Svizzera, è come se il tanto decantato, ma pur sempre aleatorio, concetto di ‘svizzeritudine’ prendesse forma e corpo per davvero.

E quella forma e quel corpo si materializzano nelle sagome delle case smontate pezzo per pezzo in ciascuna delle regioni del nostro Paese per poi essere… traslocate sui prati del comune di Hofstetten bei Brienz. A contribuire ad amplificare quella marcata sensazione di appartenenza alla Confederazione, in questo autunno, è stata la Festa delle feste, sorta di ‘contenitore’ delle tradizioni, culinarie ma non solo, che il nostro Paese ha da offrire, proposta per la primissima volta quest’anno (sull’arco di due weekend) ma destinata a ripetersi nel tempo: una decisione in questo senso è attesa nelle prossime settimane.


© Moreno Invernizzi

Buona la prima

La prima edizione di questa immensa fiera, ribattezzata anche festa del raccolto, ad ogni buon conto, a bocce ferme si è rivelata un successone, chiamando all’adunata una folla di ventimila persone. Una passerella su cui far sfilare le principali regioni che costituiscono quell’enorme puzzle chiamato Svizzera. Ciascuna con le sue caratteristiche, le sue peculiarità. E così, quella scampagnata tra le case del Ballenberg - magari già visitato e visto con altri occhi nell’infanzia, lontana o più prossima che sia stata - si trasforma in una full immersion a 360 gradi nell’essenza stessa della cultura con la bandiera rossocrociata.

Come dice il nome stesso, la Festa delle feste è stata concepita allo scopo di presentare le sagre regionali e le tradizioni autunnali provenienti da ogni angolo del Paese e da tutte le regioni linguistiche della Svizzera, con particolare riferimento alle usanze contadine, alla produzione agricola e alla lavorazione artigianale in tutte le sue innumerevoli sfaccettature.

Un primo assaggio, e non solo metaforico, di questo grande ‘contenitore’ di usi e costumi regionali lo si ha già oltrepassando l’uscio della prima costruzione che si incontra cammin facendo, accedendo al Ballenberg dalla sua entrata a ovest. Nel cortile della villa signorile di Burgdorf (datata 1872) una tavolata è imbandita con prodotti esclusivamente di quella regione, per un aperitivo di benvenuto. E scambiando quattro chiacchiere con le persone che lo stanno allestendo traspare tutto l’entusiasmo per questa prima edizione della Festa delle feste: "Questo è solo l’inizio, vedrete con i vostri occhi, ce n’è per tutti. In una manciata di ore farete letteralmente il giro della Svizzera provando con tutti e cinque i sensi la vera essenza di un Paese variegato come il nostro". E non sono parole di circostanza, visto che, percorso ancora qualche metro, dal sentiero davanti agli occhi si palesa una sorta di babele folcloristica.


© Moreno Invernizzi

Immancabili mucche…

Girato l’angolo di una casa contadina con laboratorio di ceramica di Unterseen (Oberland bernese) risalente al 1800-1850, appena lasciati alle spalle gli sventolatori di biandiere del Canton Vallese, eccoti catapultato in una sorta di arena all’aperto, dove va in scena la ‘bataille de reines’ , il combattimento delle regine, la caratteristica sfida tra mucche, in particolare della razza d’Hérens, assai diffusa oltre San Gottardo, nelle regioni dell’arco alpino. Mentre poco oltre, su un altro spiazzo, nemmeno troppo distante da un paio di galline che scorrazzano liberamente tra i visitatori, si vedono salire al cielo sbuffi di segatura. È quella sollevata dai lottatori che nell’area riservata alle tradizioni della Svizzera centrale, e Berna in particolare, stanno dando una dimostrazione pratica dell’Hosenlupf, la famosa lotta svizzera fra contendenti in pantaloni di juta (sì, ci sono anche quelli, ovviamente!).

All’ombra di una casa d’abitazione trapiantata nell’Oberland bernese da Cugnasco, un’altra di Malvaglia e una torba di Campo Vallemaggia, la protagonista è la castagna, celebrata dalla ‘vetrina’ dedicata al Canton Grigioni.

In mezzo a tutta questa babele - un po’ discosto a dire il vero vista la sua collocazione fisica all’interno del Ballenberg – non poteva naturalmente mancare il Ticino. Che nella corte della masseria di Novazzano e nelle sue adiacenze mette in campo i suoi fiori all’occhiello, risotto con luganighetta e torta di pane in primis. Con vino o birra (anche di castagne) per accompagnare il tutto.


© Moreno Invernizzi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved