ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Benvenuti a Küstendorf

È a una dozzina di minuti di auto da Kremna, in Serbia. Io Kusturica in giro non l’ho visto, ma pare che ci viva davvero
Ticino7
1 gior

Cartoline da Barcellona

Arriva un giorno in cui alcune città di mare crescendo se ne allontanano. Come se non ci fosse più.
Ticino7
2 gior

Cesare Veglio, o semplicemente Maestro Cesare

Ha poco più di 30 anni, ha cominciato nel 2012 alle scuole elementari di Acquarossa, poi è stato chiamato a Olivone e ora è tornato al paese d’origine...
Ticino7
2 gior

Moda e inclusività (stiamo lavorando per voi)

Proposte sempre meno discriminanti, senza paletti di taglia, gender, cultura o età. Il mondo del fashion è davvero più fluido e democratico?
Ticino7
2 gior

L’amore ai tempi delle neuroscienze

Molti i progressi in questo ambito, e quanto è stato scoperto è interessante, anche se resta irrisolta la questione principale: cos’è l’amore?
Ticino7
2 gior

Amore amore, amore un Festival

Per introdurre l’edizione odierna, nella quale camminano a braccetto sentimento e neuroscienze, un amoroso aneddoto dagli ‘squallidi’ risvolti
Ticino7
1 sett

Sportivamente parlando

L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
1 sett

Generazione ‘Aftersun’

Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
1 sett

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
1 sett

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
1 sett

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
2 sett

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
2 sett

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
2 sett

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
2 sett

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
22.10.2022 - 07:00
Aggiornamento: 25.10.2022 - 12:08

Se i cambiamenti ambientali opprimono e fanno star male

‘È la fine del mondo che conosciamo... (è ora che me ne stia per un po’ da solo...)’. Perché se il mondo cambia, o ti adatti o le cose si fanno dure

a cura di Red.Ticino7
se-i-cambiamenti-ambientali-opprimono-e-fanno-star-male
© Global Report on Internal Displacement 2019 (campo di Al-Areesha, Siria)

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Siete tristi per lo ‘sfacelo ambientale’ in corso? Avvertite uno straziante senso di perdita? Vi sentite impotenti dinanzi al declino del mondo così come lo conosciamo (o ci viene presentato, dipende da che parte state)? Tranquilli, esiste una parola per descrivere lo stato d’animo che alberga nella vostra testa: si chiama solastalgia. Dal latino solacium (conforto) e la radice greca –algia (dolore), è un neologismo creato quasi vent’anni fa dal filosofo Glenn Albrecht.
Come avrete intuito è un sentimento di nostalgia che si prova per un luogo, nonostante vi si continui a risiedere; uno stato emotivo che appare quando il proprio ambiente viene alterato da mutamenti repentini che fuggono al nostro controllo, e in modi che crediamo molto negativi. I sintomi vanno dal sentimento di dolore ai disturbi alimentari, dalla depressione al senso di perdita, e poi problemi col sonno e aumento dell’aggressività. Disagi a volte cronici e che possono indebolire il sistema immunitario. Inevitabili le complicazioni a livello interpersonale e le conseguenze "sulla coesione dei nuclei familiari e delle comunità", dicono gli esperti. Che, essendo casa e ambiente fondamentali nelle relazioni sociali, se vengono danneggiati anche queste ultime ne risentono. Credete sia roba di questo millennio, frutto di una società ipermedicalizzata e spesso fobica? Mica tanto, come potrete constatare sfogliando le pagine dell’ultimo Ticino7, su carta e online tutti i sabati.

*******

Forte! Inizia con un terremoto
Uccelli e serpenti, e aerei
E Lenny Bruce non ha paura.

Nell’occhio del ciclone, ascolta le tue preoccupazioni
Il mondo pensa (solo) ai suoi bisogni
Non dimenticare i tuoi propri bisogni
Metti la marcia superiore, velocità, grugnito (di protesta), forza
La scala inizia a scricchiolare
Con la paura dell’altezza, giù, in alto
Cortocircuito, rappresentazione dei sette giochi
E un governo da prendere in affitto e un sito da combattimento
Lasciarla, senza precipitarsi in preda al panico
Mentre le Furie alitano sul collo.

Redazione per redazione, i giornalisti sono depistati, licenziati, censurati, tagliati
Guarda verso il basso, popolo, gruppi di gente comune
Ma ci riuscirà, ti servirà
Il mondo soddisfa i suoi bisogni, ascolta il tuo cuore che sanguina
Dimmelo con il rapimento con cui ascolti reverente la destra
Tu vetriolico, patriottico, sempre pronto a infiammarti e a dettare la retta via
Sentendoti piuttosto nevrotico.

È la fine del mondo come l’abbiamo conosciuto
È la fine del mondo come l’abbiamo conosciuto
È la fine del mondo come l’abbiamo conosciuto
Ed io mi sento bene.

Sei in punto, ora della TV, non farti intrappolare nella torre avversaria
Taglia e brucia, torna indietro, ascolta le tue preoccupazioni
Chiuso nella sua uniforme, incendio di libri, salasso di sangue
Esasperare ogni diverbio, incendiare le macchine
Accendi una candela, inventa un motivo, scendi di un gradino, di un gradino
Schiaccia (qualcosa) sotto il tallone
Questo significa non aver paura, essere un cavaliere o un rinnegato e stare alla larga
Un torneo, un torneo di bugie
Dammi delle soluzioni, dammi delle alternative e io lascio perdere.

È la fine del mondo che conosciamo... (è ora che me ne stia per un po’ da solo...)
È la fine del mondo che conosciamo... (è ora che me ne stia per un po’ da solo...)
È la fine del mondo che conosciamo... (è ora che me ne stia per un po’ da solo...)

L’altra notte ho sognato coltelli, la deriva dei continenti che divide montagne sedute una accanto all’altra.
Leonard Bernstein, Leonid Breznev, Lenny Bruce e Lester Bangs
La torta di compleanno, torta al formaggio, torta di gelatina, boom!
Tu simbiotico, patriottico, forte del tuo sapere, giusto? Giusto!

È la fine del mondo che conosciamo... (è ora che me ne stia per un po’ da solo...)
È la fine del mondo che conosciamo... (è ora che me ne stia per un po’ da solo...)
È la fine del mondo che conosciamo... (è ora che me ne stia per un po’ da solo...)
...

Dal brano "It’s The End Of The World As We Know It (And I Feel Fine)", R.E.M. (nell’album Document, 1987)

© Regiopress, All rights reserved