ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Benvenuti a Küstendorf

È a una dozzina di minuti di auto da Kremna, in Serbia. Io Kusturica in giro non l’ho visto, ma pare che ci viva davvero
Ticino7
2 gior

Cartoline da Barcellona

Arriva un giorno in cui alcune città di mare crescendo se ne allontanano. Come se non ci fosse più.
Ticino7
2 gior

Cesare Veglio, o semplicemente Maestro Cesare

Ha poco più di 30 anni, ha cominciato nel 2012 alle scuole elementari di Acquarossa, poi è stato chiamato a Olivone e ora è tornato al paese d’origine...
Ticino7
2 gior

Moda e inclusività (stiamo lavorando per voi)

Proposte sempre meno discriminanti, senza paletti di taglia, gender, cultura o età. Il mondo del fashion è davvero più fluido e democratico?
Ticino7
2 gior

L’amore ai tempi delle neuroscienze

Molti i progressi in questo ambito, e quanto è stato scoperto è interessante, anche se resta irrisolta la questione principale: cos’è l’amore?
Ticino7
2 gior

Amore amore, amore un Festival

Per introdurre l’edizione odierna, nella quale camminano a braccetto sentimento e neuroscienze, un amoroso aneddoto dagli ‘squallidi’ risvolti
Ticino7
1 sett

Sportivamente parlando

L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
1 sett

Generazione ‘Aftersun’

Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
1 sett

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
1 sett

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
1 sett

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
2 sett

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
2 sett

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
2 sett

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
2 sett

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
2 sett

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
2 sett

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
15.10.2022 - 16:02

Naturalmente... vino! La filosofia dietro al ‘bio’

Cresce la nicchia dei vini naturali in Svizzera, ma mai come in Francia e Italia. Tra coltivazione biodinamica e marketing, come stanno le cose?

di Marco Jeitziner
naturalmente-vino-la-filosofia-dietro-al-bio
© Ti-Press

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

È una nicchia ancora poco conosciuta quella dei vini cosiddetti naturali, biologici o biodinamici. Si stima una produzione di solo il 2% in Svizzera. È solo del 2021 l’Associazione Svizzera Vini Natura (ASVN) con sede in Romandia. Uno dei suoi scopi, si legge nel sito internet, è di "dimostrare che è possibile coltivare vini vivi di alta qualità senza l’aggiunta di fattori produttivi", per esempio i famosi solfiti, cui alcune persone sono allergiche.

‘Scelta filosofica’

Ma cosa sono i vini naturali? Mario Testa e Michel Van Roon, fondatori del marchio Raw-Excellence presso uno spaccio di vini naturali a Lugano, e il collaboratore alle vendite Tiziano Dozio, ci spiegano l’abc di questo prodotto. "È un termine convenzionale che non riporta a nessun disciplinare (per quello esistono le certificazioni)", spiegano, serve a "distinguere vini prodotti in maniera artigianale e sostenibile" da quelli industriali o "con forti interventi da parte dell’uomo nei processi". Le condizioni sono che "deve provenire da uve di proprietà del vignaiolo, coltivate in agricoltura biologica o biodinamica". Il biologico "deve essere coltivato su terreni lontani da fonti di contaminazione, come autostrade e fabbriche, senza l’utilizzo di prodotti chimici di sintesi come fertilizzanti, diserbanti e insetticidi". E la biodinamica? "È nata molto prima dell’agricoltura biologica, negli anni Venti a opera del filosofo e studioso tedesco Rudolf Steiner", secondo principi molto chiari ("biodiversità, rotazione delle colture, osservazione delle fasi lunari, dei cicli planetari nella semina e nella coltivazione, divieto di utilizzare prodotti chimici" eccetera). In Svizzera dal 1997 solo la Federazione Demeter certifica il biodinamico.


© Ti-Press

Impossibile, anzi no

Stando alla Federviti ticinese, si leggeva lo scorso agosto, a causa della "alta umidità dell’aria" e delle "condizioni ambientali irregolari" del Ticino, coltivare una vigna biologica "risulta problematico", anzi, "un discorso totalmente sostenibile non è mai possibile". I nostri interlocutori la pensano diversamente. Per loro, "i processi di vinificazione devono solo accompagnare l’uva a divenire vino e non essere invasivi", ovvero "solo fermentazioni spontanee con lieviti indigeni, nessuna aggiunta di chimica - se non una quantità minima di solforosa all’imbottigliamento - nessuna filtrazione, nessuna chiarifica", perché tende a impoverire le proprietà alimentari e di gusto. Secondo i nostri adepti del vino naturale "in altre parti del mondo esistono territori simili a livello climatico al Ticino, dove ci sono produttori che fanno questo tipo di agricoltura". Se è vero che il vino naturale costa in media il 20% in più, per Pascale Deneulin, docente all’Alta scuola di viticoltura ed enologia di Changins, "diventerà un settore che si posizionerà a fianco dei vini più tradizionali", riporta rts.ch. L’anno scorso si è tenuta la prima fiera di vini naturali in Svizzera e c’erano anche vinificatori ticinesi. Il prodotto "ha maggiormente preso piede nella Svizzera interna e francese (soprattutto nelle grandi/medie città), mentre il Ticino fatica", ci spiegano, anche se la vicina Milano è "una delle roccaforti del vino naturale in Italia". Una questione culturale, di numeri o solo di curiosità?


© Ti-Press

NEL MARKETING MANCA UN’IDENTITÀ UNITARIA

Il buon vino svizzero sconta il federalismo e il plurilinguismo? Sembra di sì. Ne parliamo con Gianluca Miozzari, diplomato in Internationale Weinwirtschaft (B.Sc) presso l’Università di Geisenheim (Germania) e consulente nella promozione a Lugano. Come mercato, premette, "siamo piccoli, per non dire piccolissimi". Quindi anche la vendita ne risente: "La Svizzera ha prodotto nel 2020 83 milioni di litri, di cui circa un milione è stato esportato". E questi sono "numeri quasi insignificanti rispetto ai grandi mercati vitivinicoli mondiali". Ma i motivi? Diversi: "Non esiste una nomea del vino svizzero nel mondo, non vengono stanziati molti fondi per la promozione all’estero, la produzione soddisfa a malapena la domanda interna svizzera, alti costi di produzione, prezzi finali delle bottiglie molto alti, infine non vi è una estrema necessità dei produttori di esportare, per cui non investono in tal senso". Non c’è un vero marketing nazionale a causa, spiega l’esperto, della "mancanza di un’identità unitaria". Malgrado gli sforzi (Swiss Wine, Ticinowine eccetera) "probabilmente il vino svizzero non si è mai comunicato nel modo corretto". Austria e Germania invece fanno meglio. Il primo paese era un "piccolo produttore", afferma Miozzari, ma "negli ultimi anni si sta facendo conoscere in tutto il mondo". Il secondo "si sta affermando tra le potenze mondiali del settore", anche perché le nuove generazioni berrebbero "principalmente vini autoctoni". Certo, poi conta il prezzo finale. Eppure i vini elvetici si vendono. Di solito, dice Miozzari, "sono quelli Premium che si posizionano nelle fasce di prezzo più alte", attirano l’attenzione "soprattutto da parte dei bevitori appassionati ed esperti del settore", senza dimenticare "i Pinot Noir grigionesi e vallesani, i grandi bianchi del canton Vaud e il nostro amato Merlot ticinese".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved