francesco-aiello-lo-spirito-oltre-il-corpo
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 gior

Tutto quello che avreste voluto sapere sulla mucca

Il primo addomesticamento risale al 6000 a.C. A livello mondiale, la popolazione è stimata a 1,4 miliardi di capi circa. Quanto al nome...
Ticino7
4 gior

Ciao noia sociale (lascia che ti offra da bere)

Impegniamoci a trasformare la noia in curiosità, perché la curiosità arricchisce, ci spinge a cercare nuovi impulsi, a domandare, a scoprire, a inventare.
Ticino7
5 gior

Danzando con Camilla Stanga

Classe 1996, una passione diventata mestiere. Il suo posto è il palco, ma anche il dietro le quinte del Festival di Narrazione di Arzo
Ticino7
5 gior

Tutto il resto è noia (ma un po’ ce la cerchiamo)

L’assenza di stimoli interessanti nelle nostre vite dipende anche dal nostro scarso impegno a trovarne
Ticino7
1 sett

Live in Ticino. Voci da ‘strani’ concerti del secolo scorso

Una musica ‘fatta apposta per causare la sovreccitazione di cervelli ancora in formazione (...) meno resistenti a vibrazioni ritmate’? Ok, è solo r’n’roll
Ticino7
1 sett

Musica per adulti. Genitore avvisato, ragazzi salvati?

Sesso, droghe, alcool, occultismo, morte, violenze. Il mondo delle arti ne è pieno, e la musica pop e rock li cavalca da sempre. Poi 37 anni fa...
Ticino7
1 sett

Spartiti proibiti (alcuni sì, altri meno)

Sono peggio le droghe visionarie dei Greatful Dead o la sessualità cantata da Jane Birkin?
Ticino7
2 sett

Francesca Cavallo. Essere forti abbastanza

Imprenditrice, scrittrice, attivista, vive a Roma con Dopamina, una gatta. Ha appena pubblicato “Ho un fuoco nel cassetto”, un libro (anche) sulla libertà
Ticino7
2 sett

Locarno souvenir (cartoline dal Festival)

“Quando vai a cena con il diavolo, portati un cucchiaio molto lungo…”. Dal Presidentissimo a Ken Loach, ricordi e aneddoti da Piazza Grande (e dintorni)
Ticino7
2 sett

Bella sì, ma non vuota dentro

“La pelle è lo specchio della tua anima”, mi dicevano. Per questo mi sono rivolta a chi se ne intende (in attesa di fare poi due conti, anche economici)
Ticino7
2 sett

Come trovare una ‘gallina dalle uova d’oro’

Le storie migliori sono quelle di tutti i giorni. E il cinema lo sa bene
Ticino7
3 sett

Pallone e ‘coming out’. L’esempio di Jake Daniels

Certe cose sono dure a morire. Prendete il mondo del calcio professionistico e l’omosessualità, un binomio che a moltissimi fa storcere parecchio il naso
Ticino7
3 sett

Turismo alpino e sicurezza. Ma una volta eravamo ‘più bravi’?

E così, oggi, le montagne sarebbero frequentate da gente sprovveduta e incurante del pericolo... Ma il problema forse è un altro
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine. Messico: Francesca fugge dalla muerte

Continua il viaggio e non mancano le sorprese. Come in quel bar dove, già pronto a rinfrescarmi con una birretta, mi dicono che “No, oggi non si beve”...
Ticino7
3 sett

Bambini di genere

A lui piaceva il calcio, ma ai compagni non andava giù che a scuola preferisse giocare con le bimbe. Un bel problema...
Ticino7
1 mese

Nomadismo digitale. L’ultima frontiera della società liquida

Per tutti sono giovani professionisti senza fissa dimora che viaggiano per il mondo continuando a lavorare grazie alla connessione internet. Tutto qui?
Ticino7
1 mese

Il talento, la rete e le speranze di Fabiana Mottis

La pallavolo è uno sport “di famiglia” a casa sua. Ma per raggiungere certi livelli sono la costanza, l’impegno e la dedizione a fare la differenza
26.06.2022 - 07:00
Aggiornamento: 15:52
di Natascia Bandecchi

Francesco Aiello. Lo spirito, oltre il corpo

‘Il nostro corpo recepisce le vibrazioni meglio di qualsiasi altra cosa. Siamo degli esseri vibranti e ogni vibrazione ha un influsso sul nostro corpo’

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

È nato e cresciuto ammirando il mare. Amore per l’acqua che si porta addosso quotidianamente. Una volta ha nuotato in mare aperto per dieci ore sino all’Isola di Vulcano, nella sua amata Sicilia. Appassionato di tutti gli aspetti dell’esistenza, soprattutto quando si può cogliere la bellezza del creato. Nella vita si occupa di aiutare le persone a ritrovare il loro benessere attraverso diverse tecniche. È formato in massaggio medicale e riequilibrio posturale. Lavora con il suono – suona il didgeridoo come un aborigeno australiano – e altre tecniche fisiche ed energetiche. Nel suo curriculum vitae dal 1998 al 2009 c’è anche la voce: artista di strada e "maneggiatore" di sfere di fuoco, all’epoca i dreadlocks gli crebbero fino al fondoschiena.

Pensando a Francesco mi connetto istantaneamente al profumo di olio di rosa. Lo incontro al Lido di Lugano, pioviggina, il cielo è grigio, la temperatura sarà intorno ai 12 gradi. Lui ha appena finito di allenarsi in piscina (quella olimpionica esterna). Io, nonostante un passato da nuotatrice ma "freddolosa inside", mi chiedo come possa stare in acqua con questo clima tutt’altro che tropicale. Capelli bagnati freschi di shampoo e questo profumo di rosa inebriante. "In realtà è per coprire l’odore di cloro", dice lui sorridendo. La passione per l’acqua di Francesco non ha confini e radici nella sua terra d’origine: la Sicilia. "Il mio paese si chiama Isola delle Femmine. Anche se dal nome si può pensare sia un’isola, in realtà si trova sulla terraferma. Poco distante dal paese c’è però quest’isola dalle leggende pittoresche: una è che lì venivano rinchiuse dagli arabi le femmine adultere e l’altra è che lì vivessero solo abitanti donne che concedevano solo a fortunati prescelti di attraccare dalle loro parti per concedersi in incontri sensuali e goderecci". Francesco proviene da generazioni di pescatori. "Anche io ho fatto il pescatore professionale per un po’. Sono sempre rimasto estasiato da cotanta meraviglia. L’amore per l’acqua non è mai venuta meno, nemmeno da quando vivo qui tra i monti svizzeri". Tanti chiedono a Francesco come faccia a vivere lontano dal mare, la sua risposta serafica? "Perché ce l’ho nel cuore".

Lunga distanza

Francesco ha iniziato a nuotare lunghe distanze in mare dal 2013, anno in cui il suo babbo – abile pescatore specializzato in pesca di polpi – è venuto a mancare. Un po’ come se attraverso il contatto con l’acqua lo potesse ricontattare in ogni momento. Da allora, tra gare e allenamenti, ha macinato 7’000 chilometri (più della distanza tra Lugano e New York per intenderci). "Ogni tanto mi chiedevo chi me lo facesse fare di nuotare fino a 4-5 ore poi, un giorno, mi sono dato la risposta: era per assorbire il più possibile l’energia del mare e sopravvivere alla sua essenza quando ero lontano da lui".


© Ti-Press

Forze e risorse

Francesco è un osservatore. Si scorge l’attenzione – mai invadente – del suo sguardo profondo. "Mi piace cogliere le sfumature dell’essere umano ed esplorare vari punti di vista. Questa attitudine mi ha agevolato quando ho iniziato ad allenarmi in acqua". Francesco ha sempre praticato sport per raggiungere i suoi limiti e superarli. "Non ho mai considerato l’allenamento fisico un sacrificio. Ogni volta che mi trovo in una situazione di difficoltà ascolto le mie forze e le risorse per superare questi momenti, se posso farlo. Bisogna avere anche l’umiltà di comprendere quando è il caso di mollare la presa". I percorsi mentali, continua Francesco, a volte sono tortuosi ma spesso, optando per trame più semplici, si possono risolvere situazioni che sembrano complicate. "Quello che vivo in acqua è un po’ come fosse un allenamento per vivere la vita".

Esseri vibranti

Dallo sciabordio delle onde del mare, suono tanto rilassante che ci riconnette a momenti di vita prenatale, al suono inteso come melodia che delizia le nostre orecchie, il passo è breve. "Quando ero ragazzo i miei amici giocavano a calcio ma io preferivo stare davanti al mare in silenzio, ascoltando la sua melodia". A proposito di suono: Francesco propone alcuni lavori, tra cui il massaggio sonoro, una terapia che utilizza le vibrazioni che incontrano il corpo e altri piani più sottili del nostro essere... "Il nostro corpo recepisce le vibrazioni meglio di qualsiasi altra cosa. Siamo degli esseri vibranti e quindi ogni vibrazione ha un influsso sul nostro corpo".


© Ti-Press

Mugena

Dalle rive del mar Tirreno alla natura bucolica dell’Alto Malcantone. Francesco vive e lavora a Mugena. Cosa, o forse è meglio dire chi, l’ha portato qui? "All’epoca facevo l’artista di strada, mi ero trasferito a Milano dopo un periodo a Dubai: lavoravo per una compagnia artistica che era di proprietà di un facoltoso sceicco. Accettai una proposta di lavoro per un’esibizione a Lugano: suonavo il didgeridoo sui trampoli. Un’amica mi accompagnò e ci ospitò una sua amica. Beh, quella sua amica, oggi è mia moglie Claudia. Oltre a essermi innamorato profondamente di lei ho amato istantaneamente l’Alto Malcantone: sopra gli 800 metri i pensieri assumono altre forme e si è in grado di percepire informazioni ‘più alte’".


© Ti-Press

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dreadlocks francesco aiello isola isola delle femmine mare
© Regiopress, All rights reserved