la-narrazione-emotiva-di-luca-chieregato
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 gior

Francesco Aiello. Lo spirito, oltre il corpo

‘Il nostro corpo recepisce le vibrazioni meglio di qualsiasi altra cosa. Siamo degli esseri vibranti e ogni vibrazione ha un influsso sul nostro corpo’
Ticino7
6 gior

Vai col campeggio! (con alcune regole e tanto buon senso)

Dall’invenzione di questa modalità turistica al successo delle strutture ticinesi: cosa c’è dietro al boom della “tenda”?
Ticino7
6 gior

Viaggia che ti passa

Muoversi, anche a zonzo, aiuta ad allargare i propri orizzonti. Ma sempre con coscienza e rispetto
Ticino7
1 sett

Sara Bonora: una donna e molti ruoli

"Quando ho saputo che aspettavamo un bebè (...) ho provato una gioia infinita, anzi, assurda”. Una genitorialità ‘diversa’ la sua, tutta da raccontare
Ticino7
1 sett

Tragedia in 5’000 battute (a vostro uso e consumo)

Come parlano i giornalisti? Con gli stessi stereotipi con cui scrivono, come dimostra l’illuminante dialogo tra due note penne della stampa locale
Ticino7
1 sett

Genitori elicottero. Troppe parole, poche virtù?

“Stai attento! È pericoloso! Non ti sporcare! Ti fai male!”. Mamme e papà troppo protettivi e apprensivi coi figli causerebbero più danni che benefici
Ticino7
1 sett

Essere genitori e i facili maestri

A educare i figli degli altri sono tutti buoni. È coi propri che le cose si complicano (provare per credere)
Ticino7
2 sett

Nei ritmi e nello spirito di Diego Calasso

‘La capoeira è uno sport, una danza, una musica da suonare e cantare. È l’arte di esprimersi in assenza di pensiero’ (che a volte annebbia la mente)
Ticino7
2 sett

Disavventure latine. Messico: tequila & fonduta

Dopo qualche mese di pausa, Roberto si è rimesso in viaggio. Siamo sempre in America Centrale, ma questa volta più a nord di Panama e la Colombia...
Ticino7
2 sett

España 82: l’anno della rivalsa

Viste le ultime vicende, non parlate di Mondiali agli italiani. È solo un vivere di ricordi. E infatti il 13 giugno del 1982 iniziavano quelli di Spagna
Ticino7
3 sett

‘Placherò il mio cuore’. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Sono vigliacchi, hanno riempito l’universo di frastuoni ma si sgomentano al ramingo ululato, il mio solo, naturale e condannato verbo”
Ticino7
3 sett

Un risotto ‘milanese’... o forse no

Il classico piatto di riso giallo è un marchio di fabbrica della cucina meneghina e ticinese. Presente nei menù di molti grotti, ma chi l’ha “inventato”?
Ticino7
3 sett

Michela Rodesino e il piacere dell’ospitalità

Metti una sera, spalla a spalla, in compagnia di perfetti sconosciuti a banchettare in cima a un albero. Il telefonino? Meglio lasciarlo a casa...
Ticino7
3 sett

Nero = bruciato (è una questione di salute)

Non vogliamo rovinarvi la festa, ma occhio a non esagerare quando grigliate carni e verdure
Ticino7
1 mese

Gli spiritelli di Igor Mamlenkov

“Come barista guadagnavo moltissimo, ma dalla vita volevo qualcosa di più e non erano soldi”. Quello che ha fatto prima e farà dopo è tutto da leggere...
Ticino7
1 mese

Il mondo (segreto) dei segnatori

Parole magiche, gesti tramandati oralmente, in famiglia, durante la notte di Natale, pratiche antiche di guarigione. Un fenomeno ancora presente in Ticino
Ticino7
1 mese

Flavio Sala: vita, video e miracoli

Giù dal palcoscenico, per molti anni ha inseguito una passione e un sogno, divenuto oggi una professione aggiuntiva: ridare vita ai ricordi (di tutti)
Ticino7
1 mese

Problemi/soluzioni (elogio dell’altro sguardo)

Il punto di vista è fondamentale. E con occhi diversi anche il buio potrebbe apparire meno cupo
Ticino7
1 mese

Dalla biopolitica alla psicopolitica. La filosofia ci salverà?

‘Nel cuore della relazione di potere, e a provocarla costantemente, c’è la resistenza della volontà e l’intransigenza della libertà’ (Michel Foucault)
Ticino7
1 mese

Brillante come un ramarro

Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
23.04.2022 - 19:00
di Natascia Bandecchi

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Nato a Milano l’8 agosto del 1976, è papà di una ragazza di 14 anni. Ha una personalità profondamente malinconica, che trasforma in continuazione grazie al suo lavoro artistico di cantastorie. "Luca, dove posso portarti a cena fuori questa sera?", questo il suo invito preferito. Non gli piace stare a casa e cucinare – pensate voi come si è sentito stando rinchiuso a casa durante il lockdown – e ama indissolubilmente la carbonara. La dimestichezza con la solitudine a tratti gli può creare delle difficoltà nella relazione con il prossimo, perché nella misura in cui stai bene con te stesso, è un po’ come se ti bastassi da solo. Non sopporta le conversazioni inutili in cui ci si trova incastrati ad abbozzare discorsi pieni di retorica e per niente autentici.

I cantastorie erano dei narratori ambulanti che, a partire dal Medioevo, raccontavano storie di vita vissuta, cronache e leggende, trasformandole in patrimonio comune. Un po’ come fanno ancora oggi gli anziani griot in Africa. Nel passato questi cantastorie africani erano i consiglieri del re e venivano consultati prima di ogni decisione importante. Oggi il ruolo dei griot è cambiato ma, in loro, è depositato un sapere che viene tramandato di generazione in generazione. Luca Chieregato è un moderno cantastorie che ama essere al centro dell’attenzione. "Ho sempre avuto l’animo da capobanda caciarone ma a una sola condizione: o guardato da tutti oppure nascosto. Da questo punto di vista il palcoscenico è un bellissimo luogo dove nascondersi". Per anni Luca ha fatto l’attore di teatro vestendo panni che mai erano i suoi: "Facendo il cantastorie è tutto più complicato perché, oltre al ruolo che rivesto, vi sono parti di quel personaggio che mi assomigliano molto e che si possono confondere con me".

Mondo immaginifico

Contrariamente a quanto si possa pensare, Luca non maneggia storie da piccolo. Inizia in adolescenza a immergersi nel mondo immaginifico dei racconti: "Ho un ricordo di me, sdraiato nel corridoio di casa, avevo otto anni e indossavo delle braghe corte: leggevo voracemente la favola Jack e il fagiolo magico". In casa di Luca non c’erano libri: "I miei genitori non leggevano, tutta la libreria l’ho riempita io, volume dopo volume". Più in là negli anni, la sorella di Luca è stata la miccia che ha acceso la sua curiosità verso una letteratura slegata da quella proposta a scuola, tipo i classici manzoniani o le poesie del Carducci da sapere a memoria... "Il primo libro di cui mi innamorai fu Il bar sotto il mare di Stefano Benni. Anche se, confesso, lo comprai più per la copertina accattivante che per altre ragioni profonde".
Luca nella sua prolifica vita da griot occidentale ha portato le sue storie per strada, nelle aziende, persino al telefono. Dopo anni ha coronato il suo sogno pubblicando Di che storia hai bisogno? per Mondadori: "Provo emozioni diverse, lo sto vivendo come uno specchio di tanto lavoro fatto. Per me simboleggia una sorta di riconoscimento per tutto quello che ho seminato. Se penso agli ultimi dieci anni passati, sono grato di quello che ho vissuto, nonostante la partenza sia stata difficoltosa perché ha coinciso col divorzio da Barbara (la mia ex moglie)". L’intuizione di Luca nell’andare a raccontare storie per strada l’ha salvato in quel periodo, cambiando la prospettiva sulla sua carriera artistica ma anche su quella umana. "È un po’ come se, performando per strada, la mia richiesta si fosse condensata unicamente in una parola: amatemi!".


© Ti-Press / Pablo Gianinazzi

Bellezza

Il primo libro è formato da 11 stanze suddivise in parole per lui importanti: vertigine, lotta, ferita, amore, rivoluzione eccetera. In totale sono 55 storie. Tutte veicolano un messaggio di amore e crescita, ma il denominatore comune di tutte sfocia in: ‘Accorgiti di essere una meraviglia’. Non a caso la prima storia si intitola "Per vedere la bellezza" ed è una citazione tratta da un libro di Julio Cortázar (Storie di cronopios e di famas) in cui lui inserisce istruzioni un po’ bizzarre: per cantare, per piangere, per salire le scale. "Parafrasando Cortázar mi sono chiesto: ‘Che si fa per vedere la bellezza?’. Facile dire ‘la bellezza salverà il mondo’, ma dove si trova? Come si fa per scorgerla, per esempio, quando si fa la spesa o mentre ci si lava i denti?".

Sfida

La sua raccolta è piena di storie che si possono leggere tutte d’un fiato, oppure si può aprire a caso il libro e lasciarsi trasportare da quello che si trova. Basta fidarsi di ciò che si sente, di solito funziona. "La prova vera di questa mia prima avventura editoriale sarà quella di superare la sfida di non esserci per interpretare le mie storie. Io sarò a casa mia mentre qualcuno a Cagliari, Locarno o Benevento leggerà il libro. Sarà una scoperta e non nego che, questo non sapere, mi genera un po’ di ansia ma ne vale la pena perché le storie per me servono a dare cittadinanza emotiva a tutti quei territori che sentiamo, ma spesso non sappiamo esprimere con parole nostre".

"Accadono cose che sembrano pagine strappate,
come risposte tolte, stolte.
A volte manca il tassello tra prima e dopo,
conosci il risultato ma non sai lo scopo.
A volte manca l’inizio,
la vita ha questo vizio,
e quando arrivi tutto è già cominciato,
che peccato, non è colpa mia, ero altrove, ero via.
A volte la pagina mancante è quella della fine,
che cosa spiacevole,
la frase che nei gialli svela il colpevole.
Il cuore è sfinito, la mente è stanca…
Cosa diceva, la pagina che manca?
Non lo sai e forse non lo saprai mai.
La vita non è un libro, e se lo è
ha pagine impazzite, mancanti:
capita a tutti quanti.
Ogni tanto va così, arrivi lì e al posto delle parole
giuste trovi un buio di luna, un buco blu. La penna ha ancora
inchiostro ma non scrive più".

Da "Il mistero delle pagine strappate" in Di che storia hai bisogno? (Mondadori, 2022).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cantastorie felicità luca chieregato
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved