Ambrì
2
Langnau
6
2. tempo
(2-1 : 0-5)
Lakers
5
Zurigo
3
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 0-1)
La Chaux de Fonds
6
Ticino Rockets
0
2. tempo
(1-0 : 5-0)
Kloten
5
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 1-1)
Visp
2
Zugo Academy
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
Olten
5
Winterthur
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 3-0)
Turgovia
0
Sierre
1
2. tempo
(0-1 : 0-0)
bindu-de-stoppani-e-le-immagini-che-s-corrono
© Amanda Thomas
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Ricorrenze storiche. Era il 25 dicembre...

Secondo la tradizione è il giorno della nascita di Gesù. Una data, però, legata anche ad altri eventi che hanno fatto storia. Scopriamone alcuni
Ticino7
3 gior

Mastro Geppetto e Matteo Oliva

Non è San Giuseppe e nemmeno il personaggio uscito da un classico della letteratura per ragazzi. Ma i segreti del legno, lui, li conosce benone...
Ticino7
3 gior

‘Canto di Natale’. Un racconto di Giorgio Genetelli

‘E mi addormento come in un letargo, Dicembre, alle tue porte, / lungo i tuoi giorni con la mente spargo tristi semi di morte’ (Francesco Guccini)
Ticino7
3 gior

Letterina (sotto l’albero) dal fronte

È partita come ‘influenza’, è diventata un tunnel fonte di scontri e di divisioni. Per fortuna è quasi Natale...
Ticino7
1 sett

Un mistero chiamato Phil Collins

Le ultime immagini che lo ritraggono (anche sul palco) mostrano tutte le difficoltà legate alla sua salute. Eppure rimane un genio del pop/rock mondiale
Ticino7
1 sett

La strategia del ‘revenge dress’ (metti il caso che...)

Giugno 1994: Carlo ammette l’infedeltà nei confronti della moglie Diana. Lei, di tutto punto, tira fuori dall’armadio l’abito della rivincita. Che colpo!
Ticino7
1 sett

Traffico e rumore. Quelli coi tubi in testa

Da Berna presto un giro di vite contro i veicoli rumorosi e gli stili di guida molesti. E in Ticino che si fa per arginare il fenomeno dei “tamarri”?
Ticino7
1 sett

Angélique Beldner: una questione di pelle?

Il percorso, a ritroso ma non solo, di una donna a cui oggi – nel 2021, in Svizzera – non è permesso essere come tante
Ticino7
1 sett

Quando l’emancipazione partì in bicicletta

Solo poco più di un secolo fa andare in bicicletta era considerato uno sport non adatto alle donne. Anzi, pericoloso...
Ticino7
1 sett

‘Gas a martello’ (tanto son tamarro)

Sono spesso giovani e vogliono trasgredire. Ok, ma certe cose oggi è meglio farle in un circuito automobilistico
Ticino7
2 sett

Ciò che il mondo separa, la poesia unisce

I versi di Francesca Matteoni e la grafica di Luca Mengoni per una raccolta poetica (curata da Fabio Pusterla) che racconta quello che sente il cuore
Ticino7
2 sett

Tra lui e lei: attraversamenti di genere e di vestiti

Uomini e donne non sono semplicemente “maschili” o “femminili”: sono molto di più. E allora si spiegano i fisici scolpiti, i toraci depilati e molto altro
Ticino7
2 sett

Radersi tra salute e consapevolezza, a ‘Movember’

Avete tempo sino alla fine del mese. Ma le buone cause, si sa, non hanno date e scadenze. Soprattutto quando parliamo di benessere, malattie e prevenzione
Ticino7
2 sett

L’ultima libertà dell’ultima cena

Nel nome del vostro bene e di quello dei vostri ospiti, mettete un bel cartello sulla porta di casa, con scritto: "Qui è vietato parlare di Covid’
Ticino7
3 sett

Dio salvi i punkinari! E le loro chitarre

C’è chi ha scritto che è morto nel 1977, altri pensano sia un modo di vivere e vedere il mondo che tiene ancora botta. Noi preferiamo parlare di musica
Ticino7
3 sett

Gli antivaccinisti al tempo del vaiolo (correva l’anno 1931)

“Il pro e il contro nella scienza sono (...) pesati e sempre soggetti a controllo. I controlli poi sono infiniti in una scienza pratica come la medicina”
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 8. Senza tejo, tornerò

Il caffè in Colombia è pessimo. Attenzione, non il caffè prodotto in Colombia, ma quello che bevono: “Il migliore rende troppo per non venderlo..."
Ticino7
3 sett

Patrizia Varini preferisce il viola

Nella sua esistenza fatta di lavoro, passioni, hobby e viaggi i colori non mancano. Ma ce n’è uno che brilla e vibra sopra tutti gli altri...
Ticino7
3 sett

L’omosessualità di ieri (ma vista oggi)

Vale per tutto, pure con i film: per giudicare quanto siano ‘intelligenti’ andrebbero rivisti. Ma decenni dopo
Ticino7
4 sett

1821-2021: buon compleanno, maestro!

L’11 novembre si celebra il bicentenario della nascita dello scrittore e pensatore russo Fedor Dostoevskij, fra i capisaldi della letteratura mondiale
Ticino7
20.11.2021 - 18:100
Aggiornamento : 22.11.2021 - 09:38

Bindu De Stoppani e le immagini che (s)corrono

Sceneggiatrice, regista e showrunner, cioè chi ‘fa correre’ l’intero processo di produzione di un telefilm. Ma ci sa fare anche con gli “affari di cuore”

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

È nel pieno dei suoi quarant’anni (e qualcosa) ed è nata sotto il segno del sagittario, con ascendente capricorno. In poche parole: fuoco che la fa ardere con un pizzico di pragmatismo che la fa stare con i piedi per terra. A proposito di astrologia, è sbarcata su Netflix la serie da lei creata e condiretta ‘Guida astrologica per cuori infranti’. È sposata con Alex e ha due figli. È una persona da piedi nudi sulla spiaggia anziché scarponi in vetta, anche se il suo ultimo film ‘40enni in salita’ si svolge in Val di Blenio. Chi lo vedrà – o l’ha già visto – noterà che la montagna, come tutte le storie che racconta Bindu, è in realtà un simbolo. Non sopporta le persone che vogliono a tutti i costi categorizzare il prossimo con delle etichette. Tra le cose che le fanno paura primeggia la solitudine.

Una delle meravigliose esperienze che può vivere un essere umano è l’incontro con l’altro. Un momento in cui si sceglie di raccontarsi, di affidare a chi ti ascolta un pezzetto di te, nella totale fiducia. Così ha fatto Bindu de Stoppani con me. Il suo sguardo è profondo, mi ricorda gli abissi del mare, non tanto per i colori ma più per la sua intensità. Nel suo nome si trovano tracce significative che riguardano proprio il grande blu. “In realtà Bindu è il mio secondo nome. Il mio primo nome è Prem. Insieme significano ‘goccia d’amore’. Dentro una goccia, pur essendo solo una goccia, si può capire tutto l’oceano”.

Grande intensità

Bindu è nata e cresciuta per i primi anni della sua vita a poco più di 120 chilometri da Mumbai, in India. Ha sempre viaggiato molto. Proprio per questo sentirsi le ali sotto i piedi, una delle sensazioni che le affiorano mentre parla della sua infanzia è l’essersi sentita sempre libera. “Mi sentivo anche wild e, nella mia selvaticità, sentivo di essere una bambina con grande intensità: i miei occhi potevano esprimere un grande pensiero oppure enorme scetticismo. Non permettevo alle persone di entrare nel mio cuore troppo facilmente, però sono sempre stata una bimba molto innocente: volevo vedere il meglio delle persone”.
Oggi Bindu è una donna affermata ma conserva ancora quell’innocenza mischiata a un pizzico di circospezione. “Credo nella positività delle cose, sono entusiasta e grata del percorso professionale che ho avuto. L’intensità l’ho sempre mantenuta perché mi piace non rimanere in superficie ma andare nella ‘pancia delle cose’. Gli attori con cui lavoro sono spesso sorpresi da questo mio fare, perché sono alta un metro e cinquantotto, ho la faccia di una dodicenne con qualche ruga ma, come si sa, l’apparenza inganna: richiedo tanta professionalità, onestà e ricerca interiore da chi lavora con me”.


© Amanda Thomas

Seria ma… à pois

Bindu si è diplomata al Drama Centre London, una tra le più rinomate scuole di recitazione del Regno Unito. “La chiamavano Trauma Centre London perché era un percorso molto traumatico per chi la frequentava, soprattutto per le donne confrontate con più difficoltà rispetto ai colleghi uomini. Ho sempre preso il mio mestiere sul serio e non mi piace chi non rispetta questo lavoro sottovalutandolo”. Le chiedo se significa che si prende troppo sul serio anche nella vita, oppure se ci sono sfumature giocose nel suo essere... “Mi piace molto l’autoironia e non è un caso che abbia scelto l’Inghilterra come Paese in cui vivere. Gli inglesi sono bravissimi a prendersi in giro. Mio marito ha un senso dell’umorismo very british e mi fa schiattare dalle risate. Ho però la tendenza a essere seria, infatti i miei figli mi ricordano spesso di mollare un po’ ma stempero questa attitudine con l’abbigliamento tra camicie a pois, un fiore nei capelli e delle scarpe rosso fuoco con il tacco - le sta indossando ora mentre parliamo - perché mi piace spezzare le aspettative di chi mi incontra”.

Disorientare

Think outside the box è un’espressione idiomatica che invita a pensare fuori dagli schemi e cioè a non conformarsi, cercando sempre di connettersi con un sentire personale per ottenere una propria opinione. “La mia prima agente voleva che io cambiassi nome, voleva fossi più inglese, più definita. Mi sorprese questa richiesta e scelsi l’autenticità del mio essere mantenendo il mio nome. Mi piace disorientare, non sopporto essere messa in una scatola”.
“Il Ticino è il mio paese materno, mia mamma vive ancora qui. Quando ero qui c’erano mia nonna e la mia prozia. Era una casa totalmente al femminile. Mia mamma era single, non ha mai vissuto con mio padre e sono stata allevata da tre meravigliose donne. Il Ticino, dal punto di vista personale è sinonimo di dolcezza e calma. È un posto in cui arrivavo e dove riabbracciavo la mia famiglia e in cui trovavo sicurezza”. Anche dal lato professionale Bindu è molto grata al Ticino che ha sempre creduto in lei, dandole fiducia nel realizzare le sue prime creazioni cinematografiche, sia nei panni di attrice che di regista.


© Lucia Iorio

Angolo

Chi più, chi meno, siamo stati folgorati, e forse pure forgiati da frasi emblematiche, che hanno attraversato la nostra vita. Io – per esempio – ho la mia frase mantra, instillata dal mio babbo, e cioè: volere è potere. Bindu ride con gli occhi mentre parla: “L’unica frase che mi viene in mente è quella che esclama Patrick Swayze in Dirty Dancing: ‘Nessuno può mettere Baby in un angolo’. Vorrei che nessuno sottovalutasse nessun altro. Penso sia importante fare il proprio lavoro (esteso anche alla vita) senza pensare sette passi in avanti, ma vivendo l’adesso”.

© Amanda Thomas
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved