ULTIME NOTIZIE Ticino7
Newsletter
5 gior

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
5 gior

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
5 gior

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
6 gior

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
6 gior

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
6 gior

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
1 sett

Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado

C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
Ticino7
1 sett

Disavventure latine. Messico: diari da Oaxaca

Nella città che canta l’amore tra un quarantenne e una ventenne, io stesso finirò intrappolato in quelle parole
Ticino7
1 sett

Loretta Bubola, la parola è ‘cambiamento’

La sua missione: mettersi al servizio degli altri ma, in primis, togliersi di dosso strati che non la fanno esprimere per quella che è la sua essenza
Ticino7
1 sett

Il peggio non è passato, ma è comunque ‘Un sabato italiano’

Nella ‘Roma felliniana’ del 1983 usciva l’italian standard di Sergio Caputo, il ‘Re delle tronche’. Ne approfittiamo per fare un po’ di musica...
Ticino7
1 sett

Che musica ascoltano i ‘vampiri’?

Era il 1983, l’anno dell’Ep ‘4AD’, sei testimonianze dell’evoluzione dei Bauhaus (e una piccola nota su ‘Bela Lugosi’s Dead’, che piaceva tanto a Bowie)
Ticino7
1 sett

Permette un ballo?

La danza giova a muscoli e articolazioni, stimola la circolazione sanguigna, migliora l’equilibrio, previene la depressione. Lo diceva anche David Bowie
Ticino7
1 sett

Di tutto un pop: Ballando con Bowie (40 anni di ‘Let’s Dance’)

Galeotta fu Montreux, galeotti furono i Queen, Nile Rodgers e quell’album che fece del visionario Bowie una popstar mondiale
Ticino7
2 sett

I figli unici e il peso dello ‘stile genitoriale’

Gli psicologi (e non solo loro) s’interrogano da sempre su questa condizione, che le contingenze hanno reso nuovamente d’attualità
Ticino7
2 sett

Avere è bello ma desiderare è meglio

Siamo noi che governiamo i desideri o sono i desideri che ci manipolano a loro piacimento?
Ticino7
2 sett

Incapace di solitudine (l’altro Gianni Brera)

Il narratore, quello de ‘Il corpo della ragassa’, ‘Naso bugiardo’, ‘Il mio vescovo e le animalesse’ e altre storie non calcistiche
Ticino7
2 sett

Mirko Cotti Piccinelli tra Sashimi e community

Social Media Manager per laRegione, sogna di cambiare il nostro cantone, “che a molti dei miei coetanei e non solo – dice – va sempre più stretto”.
Ticino7
2 sett

E ti amo Rino

Rino Gaetano non compare nella lista dei figli unici che hanno fatto la storia, perché fu il fratello di Giuseppe e Anna. Al suo posto c’è una canzone
Ticino7
3 sett

Giallo con roselline. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Maramore non aveva resistito al passo lungo della donna e l’aveva fermata vicino a un bar, le aveva accennato, erano entrati, avevano parlato...”
Ticino7
3 sett

Andreas Gysin e l’arte “cibernetica”

Mentre il nuovo anno è dietro l’angolo, il percorso dell’artista e designer ticinese racconta di un futuro che è già qua (per chi non se n’è accorto)
Ticino7
3 sett

In attesa della Rondine

Vive soprattutto nelle campagne e in Svizzera si stima una popolazione di 100-150mila coppie. Una cifra fortemente diminuita negli ultimi vent’anni
Ticino7
3 sett

Sentitamente ringraziamo. E felice anno nuovo!

“Ciò che ci sta alle spalle e ciò che ci sta di fronte, sono ben poca cosa rispetto a ciò che è dentro di noi” (Ralph W. Emerson, 1803-1882)
Ticino7
4 sett

Buoni propositi per l’anno che verrà?

Come funzionano le abitudini e come poterle cambiare. Evitando di cadere nel tranello delle ‘grandi ed eroiche aspettative’
Ticino7
1 mese

Friedrichstrasse. Sei note berlinesi

“La serenità è ridurre la distanza tra il fuori e il dentro, per esempio tra il fuori e il dentro di noi. La serenità è nel non coprire”
Ticino7
1 mese

Quattro tiri con Remo Semmler (tutti a canestro)

È stato uno dei fondatori del Gruppo Paraplegici Ticino ed è al timone dei cestisti dei Ticino Bulls. Ha la capa tosta e ama le sfide, leggere per credere
Ticino7
1 mese

L’insospettabile Merlo acquaiolo

È possibile vederlo anche in città, purché vi siano fiumi o ruscelli che possano garantirgli un luogo per la nidificazione e puliti per trovare nutrimento
Ticino7
1 mese

Incanto e disincanto: versi (inediti) di Alberto Nessi

“(...) Si accorgerà della mia assenza / questo carpino bianco, senza foglie / nella stagione dell’abbandono?”
Ticino7
1 mese

Dai che passa, l’importante è non mollare

Anche sotto Natale, la società si divide: chi all’eccitazione delle feste non resiste, chi fa buon viso e mangia... e poi quelli che bene bene non stanno
Ticino7
1 mese

Amrita Hospital: perché le cure sono un diritto per tutti

Viaggio alla scoperta di una struttura sanitaria privata dove sostenibilità, tecnologia e spiritualità si intrecciano. Qui i più poveri non pagano
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine. Messico: respirare in Città

Con circa 22 milioni di abitanti, è la 12esima metropoli più popolosa del mondo. Forse basterebbe questo per capire cosa stiamo per raccontare...
13.11.2021 - 16:27
Aggiornamento: 15.11.2021 - 15:07

Disavventure Latine 8. Senza tejo, tornerò

Il caffè in Colombia è pessimo. Attenzione, non il caffè prodotto in Colombia, ma quello che bevono: “Il migliore rende troppo per non venderlo..."

disavventure-latine-8-senza-tejo-tornero
© R. Scarcella
+6

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

Volevo vedere il Canale di Panama perché da bambino sfogliavo quei libroni con le grandi opere dell’uomo. E poi volevo attraversare un confine. Un confine vero. Perché ormai in Europa, anche quando ci sono, è come se non ci fossero. Niente timbri, niente suspense, niente di niente. Ti giri e all’orizzonte vedi l’Ikea da tutte e due le parti. E non sai più se stai tornando a casa o se stai andando via. In America Latina, come altrove, le frontiere sono mondi a parte: faccendieri, cambiavalute, procacciatori di ogni genere di bene materiale e immateriale. Tra Panama e Colombia è un mondo ulteriormente a parte. Sempre se non scegli la via facile, l’aereo, o quella difficilissima, avventurarsi tra le boscaglie e i guerriglieri del Darien, al cui confronto i faccendieri di confine hanno la pericolosità dei puffi. Insomma, volevo entrare in Colombia in un modo un po’ avventuroso, ma possibilmente vivo. Ci sono arrivato via mare, su una barchetta grande quanto un divano, ma non altrettanto comoda. Da lì mi aspettavano la Cartagena di García Márquez, la Medellín di Escobar e la Bogotá di due tipi loschi col coltello. Ma ancora non lo sapevo.


© R. Scarcella

Armenia, Salento, Grecia, Albania, Olanda, Alsazia, Il Cairo, Siviglia, Palermo, Marsiglia. Entrare nella zona del caffè e guardare i cartelli stradali è un giro del mondo. È come se qualcuno avesse deciso di staccare dei nomi a caso dall’atlante e poi li avesse appiccicati tutti in questo pezzo di Colombia che tutti chiamano “zona cafetera”. Scegliere di arrivarci in autobus, da Medellín, è un atto di fede, un controsenso accentuato dai nomi delle compagnie, che si chiamano perlopiù Rápido ed Expreso: ancora devo capire se per loro è una forma di autoconvincimento o di autoironia. Viaggiare in bus per la Colombia è una sfida alla tua pazienza: sai che tutto quel che stai facendo si potrebbe fare molto più velocemente non solo in Europa, ma anche in quasi tutti gli altri Paesi latinoamericani, eppure più accumuli ritardi più è facile che accadano cose, anche piccole, ma irripetibili, che poi è quel che vogliamo quando viaggiamo. Nella prima delle due pause finisco in un posto che sembra uno zoo in cui hanno dimenticato di chiudere le gabbie, spuntano uccelli colorati e animali terrestri dappertutto. Alcuni li riconosco, altri paiono talmente bizzarri che mi chiedo se è la stanchezza o se ho scoperto una specie nuova senza saperlo. Immagino che i colombiani sappiano. Loro, bambini esclusi, non fanno molto caso agli animali e comprano in un bar che domina una foresta fittissima litri di bevande ipercolorate e iperzuccherate. Il gusto? Prendete una bottiglia di Fanta piena per metà, aggiungete un flacone di sciroppo per la tosse per bambini, quelli aromatizzati alla ciliegia, e nello spazio che manca all’orlo riempite di zucchero. Più o meno così. La seconda pausa è uno scheletro di un autogrill nel nulla che sembra sfidare le leggi della fisica, come si dice (erroneamente) dei calabroni, che volano anche se non dovrebbero. Ecco, quell’autogrill sta in piedi a dispetto di ogni evidenza: dentro ci sono un self-service, un panettiere che sforna all’istante dolci già stantii e un venditore di uova, galline e polli, vivi. Un passeggero del mio bus tratta e io uso tutte le mie energie mentali per non farglielo comprare: già non mi funziona lo schermo con film e giochi con cui potrei passare un po’ di tempo, mi manca solo un pollo vivo con cui condividere le ultime tre ore di viaggio. Tant’è che non lo compra illudendomi di avere un qualche potere telepatico.


© R. Scarcella

Il ‘pistolero’ solitario

Quando arrivo ormai è buio e ho giusto il tempo di mangiare un boccone, la notte nasconde una cosa evidente il mattino dopo. Salento è piena di colori: le porte, le finestre, le insegne. Toni accesi, quasi accecanti, proprio come disegneresti il Sudamerica. Nella piazza del paese ci sono decine di piccole jeep colorate, si chiamano Willy ed è il servizio taxi: ti portano nei due posti dove è proprio il caso di andare, la valle del Cocora e le fincas, le fattorie dove viene prodotto uno dei caffè più noti e pregiati al mondo. Lì sentirò con le mie orecchie una cosa che spiega molto bene capitalismo e colonialismo. La finca dove vado io si chiama Don Elias e a un certo punto compare lui, il vecchio Don Elias, che è proprio come te lo aspetti: poche parole, molto orgoglio, baffi da spaghetti western e un cappello da cowboy. Lì, mi confermano quel che mi avevano detto da giorni le papille gustative: il caffè in Colombia è pessimo. Attenzione: non il caffè prodotto in Colombia, ma quello che bevono. “Il migliore rende troppo per non venderlo. E così i produttori ne tengono qualche chilo per sé e per gli amici, il resto va tutto fuori dalla Colombia”. La seconda tappa è un giro nella valle del Cocora: l’ideale sarebbe con il sole, invece piove: non sempre, non forte. C’è anche la nebbia, che alla vista perlopiù toglie e in alcuni momenti dà, regalando panorami inattesi. Vedrò dei colibrì il cui battito d’ali è talmente rapido che sembrano fatti apposta per non essere fotografati e cavalli sospesi, avvolti nella foschia. A fondovalle, dopo ore di camminata nel fango, troverò un ristorante male in arnese: fanno frullati di frutta espressi e hanno la trota più buona del mondo.

Mira, tira, colpisci: boom

Quando torno con un Willy rosso fiammante a Salento è ora di una doccia e poi di entrare in quel bar che per me ha un’attrazione magnetica sin da quando sono arrivato: il Café Danubio. Ha un bancone arancione e verde che sembra pronto per una scazzottata di Bud Spencer, dentro si gioca a carte e a biliardo: indossano abiti tradizionali e il tutto sembra un concentrato di Colombia rurale a mio uso e consumo. Ordino una birra e scendo al piano di sotto: lì scopro il tejo, vero sport di questo angolo di mondo. Un uomo sta giocando con due donne, li osservo, mi invitano a prenderne parte con tre sorrisi larghissimi. Funziona così: una corsia simile a quella del bowling e in fondo un bersaglio di fango con, quasi al centro, due petardi che se colpiti esplodono: fanno fumo e rumore, valgono punti extra. Sennò come in tutti i giochi di precisione il punto lo prende chi si avvicina di più. L’oggetto da lanciare somiglia a un disco da hockey su ghiaccio, ma è molto più pesante. Sembra facile, non lo è. Proseguirà così la serata, tra birre, rum e partite di tejo di dubbia qualità con sconosciuti. Il giorno dopo ho un altro lentissimo Expreso in direzione Manizales. Voglio godermi Salento un’ultima volta. Molti negozi sono ancora chiusi, cammino e tutto sembra fermo: potrei giurare che la lancetta dei secondi va più lenta qui. La città intanto si sveglia e si riempie di gente. Da un patio spunta una canzone a un volume troppo alto per i protratti silenzi di Salento, ci metto un po’, ma la riconosco: è la versione spagnola di ‘Tornerò’, una canzone italiana degli anni Settanta che non so quando mi sia entrata in testa e soprattutto non so come sia finita tra piantagioni di caffè e partite di tejo. Nemmeno me lo chiedo, visto che qui, in poco spazio, hanno saputo stiparci i nomi di mezzo mondo. C’è davvero posto per tutti e tutto, anche per canzoni del passato che sembrano leggerti nel pensiero: ‘Tornerò’.


© R. Scarcella


© R. Scarcella


© R. Scarcella
Don Elias


© R. Scarcella


© R. Scarcella


© R. Scarcella

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved