VAN Canucks
1
PIT Penguins
4
3. tempo
(0-0 : 1-3 : 0-1)
la-paragonite-perche-quello-che-abbiamo-non-ci-basta-mai
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
17 ore

Mastro Geppetto e Matteo Oliva

Non è San Giuseppe e nemmeno il personaggio uscito da un classico della letteratura per ragazzi. Ma i segreti del legno, lui, li conosce benone...
Ticino7
20 ore

‘Canto di Natale’. Un racconto di Giorgio Genetelli

‘E mi addormento come in un letargo, Dicembre, alle tue porte, / lungo i tuoi giorni con la mente spargo tristi semi di morte’ (Francesco Guccini)
Ticino7
23 ore

Letterina (sotto l’albero) dal fronte

È partita come ‘influenza’, è diventata un tunnel fonte di scontri e di divisioni. Per fortuna è quasi Natale...
Ticino7
5 gior

Un mistero chiamato Phil Collins

Le ultime immagini che lo ritraggono (anche sul palco) mostrano tutte le difficoltà legate alla sua salute. Eppure rimane un genio del pop/rock mondiale
Ticino7
1 sett

La strategia del ‘revenge dress’ (metti il caso che...)

Giugno 1994: Carlo ammette l’infedeltà nei confronti della moglie Diana. Lei, di tutto punto, tira fuori dall’armadio l’abito della rivincita. Che colpo!
Ticino7
1 sett

Traffico e rumore. Quelli coi tubi in testa

Da Berna presto un giro di vite contro i veicoli rumorosi e gli stili di guida molesti. E in Ticino che si fa per arginare il fenomeno dei “tamarri”?
Ticino7
1 sett

Angélique Beldner: una questione di pelle?

Il percorso, a ritroso ma non solo, di una donna a cui oggi – nel 2021, in Svizzera – non è permesso essere come tante
Ticino7
1 sett

Quando l’emancipazione partì in bicicletta

Solo poco più di un secolo fa andare in bicicletta era considerato uno sport non adatto alle donne. Anzi, pericoloso...
Ticino7
1 sett

‘Gas a martello’ (tanto son tamarro)

Sono spesso giovani e vogliono trasgredire. Ok, ma certe cose oggi è meglio farle in un circuito automobilistico
Ticino7
2 sett

Bindu De Stoppani e le immagini che (s)corrono

Sceneggiatrice, regista e showrunner, cioè chi ‘fa correre’ l’intero processo di produzione di un telefilm. Ma ci sa fare anche con gli “affari di cuore”
Ticino7
2 sett

Ciò che il mondo separa, la poesia unisce

I versi di Francesca Matteoni e la grafica di Luca Mengoni per una raccolta poetica (curata da Fabio Pusterla) che racconta quello che sente il cuore
Ticino7
2 sett

Tra lui e lei: attraversamenti di genere e di vestiti

Uomini e donne non sono semplicemente “maschili” o “femminili”: sono molto di più. E allora si spiegano i fisici scolpiti, i toraci depilati e molto altro
Ticino7
2 sett

Radersi tra salute e consapevolezza, a ‘Movember’

Avete tempo sino alla fine del mese. Ma le buone cause, si sa, non hanno date e scadenze. Soprattutto quando parliamo di benessere, malattie e prevenzione
Ticino7
2 sett

L’ultima libertà dell’ultima cena

Nel nome del vostro bene e di quello dei vostri ospiti, mettete un bel cartello sulla porta di casa, con scritto: "Qui è vietato parlare di Covid’
Ticino7
3 sett

Dio salvi i punkinari! E le loro chitarre

C’è chi ha scritto che è morto nel 1977, altri pensano sia un modo di vivere e vedere il mondo che tiene ancora botta. Noi preferiamo parlare di musica
Ticino7
3 sett

Gli antivaccinisti al tempo del vaiolo (correva l’anno 1931)

“Il pro e il contro nella scienza sono (...) pesati e sempre soggetti a controllo. I controlli poi sono infiniti in una scienza pratica come la medicina”
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 8. Senza tejo, tornerò

Il caffè in Colombia è pessimo. Attenzione, non il caffè prodotto in Colombia, ma quello che bevono: “Il migliore rende troppo per non venderlo..."
Ticino7
3 sett

Patrizia Varini preferisce il viola

Nella sua esistenza fatta di lavoro, passioni, hobby e viaggi i colori non mancano. Ma ce n’è uno che brilla e vibra sopra tutti gli altri...
Ticino7
23.10.2021 - 11:310

La ‘paragonite’: perché quello che abbiamo non ci basta mai?

‘Chi non è soddisfatto di ciò che ha, non sarebbe soddisfatto neppure se avesse ciò che desidera’ (Socrate)

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

“L’attesa del piacere è essa stessa piacere”, recita un famoso spot pubblicitario riprendendo un aforisma del filosofo tedesco Gotthold Lessing risalente al Settecento. Ma sono convinto che se lo scrittore illuminista fosse vissuto ai nostri tempi avrebbe riadattato la sua massima in: “L’attesa del piacere… è molto meglio del piacere stesso!”.

Oggi viviamo il paradosso dell’abbondanza: più aumenta la possibilità di scegliere, meno soddisfazione proviamo dalla scelta fatta perché siamo immediatamente assaliti dalla febbre della “paragonite” (ma qui non parliamo di silicati, cioè della paragonite nota a chimici e fisici, ndr), dal dubbio amletico di poter esserci sbagliati e dalla conseguente recriminazione per ciò che poteva essere… e che non è stato. Se la pizzeria sotto casa invece di proporci 175 tipi di pizze con 16 possibili impasti diversi avesse un menù meno incasinato, verosimilmente anche noi eviteremmo di maledirci per non aver scelto quella fumante prosciutto e funghi appena arrivata al tavolo a fianco...

Troppa scelta

Le società sviluppate ci spingono verso forme di consumismo sempre più estremo e, come se non fosse soddisfatta dei danni socioculturali che provoca, vogliono anche convincerci del fatto che soddisfazione e felicità dipendano prevalentemente dai beni materiali che possediamo. Abbiamo probabilmente sbagliato a considerare la semplicità con cui affrontavano la vita i nostri nonni e genitori come scontata e banale ordinarietà sottovalutandone la straordinaria leggerezza, con il risultato che siamo finiti per diventare schiavi del demone della felicità utopistica basata sul “forse sarebbe stato meglio se...” piuttosto di riuscire a goderci il “fantastico! Mi è appena capitato che…”. Socrate, filosofo greco che saggiamente ha evitato di lasciare scritti per evitare (sicure) erronee interpretazioni da parte dei posteri, in uno dei suoi famosi dialoghi affermò: “Chi non è soddisfatto di ciò che ha, non sarebbe soddisfatto neppure se avesse ciò che desidera”. Ora, senza addentrarci troppo in pipponi psico-filosofici vale la pena provare a domandarsi: ma se all’improvviso avessimo tutto ciò che desideriamo, ci sentiremmo realmente più soddisfatti? Probabilmente no, perché neanche lo sappiamo che cosa davvero desideriamo!

Rincorrendo la felicità infinita

Siamo effettivamente consapevoli del fatto che dietro il sogno di una relazione perfetta, del lavoro più gratificante, degli amici fraterni che non ci abbandoneranno mai o degli oggetti tecnologici più innovativi, c’è la realtà fatta spesso di seccature, vuoti, incomprensioni, confronti, convenzioni e protocolli da seguire? Sogniamo di rispecchiarci nei film, nelle canzoni, in poesie e nei romanzi perché dentro quei luoghi non esistono tempi morti dimenticandoci, però, che i tempi morti rappresentano l’80% della vita. La vacanza che sogniamo quando arriva è sempre marginale perché stiamo già fantasticando su dove trascorrere la prossima, il nuovo ristorante ci soddisfa però quello che consigliava il collega sarebbe stato meglio, e il party al quale siamo invitati chissà perché è sempre più divertente quando è vissuto nella nostra testa.
Bramiamo una felicità infinita, ma di infinito c’è solo quel senso di appagamento che inseguiamo come un sogno senza confini (e proprio per questo irrealizzabile) che ci induce a commettere l’imperdonabile errore di trasformare qualcosa o qualcuno che può rappresentare un arricchimento della nostra vita, in una dipendenza della nostra vita.

La sindrome della lamentela

Viviamo con senso di superiorità tutto quello che ci capita per cui sembra sempre ci voglia “ben altro” per soddisfarci, e anche quando miracolosamente riusciamo a realizzare qualcosa, la nostra tensione non riesce mai a tramutarsi in serena quiete ma finisce per evolversi in una nuova conquista “verso l’infinito e oltre!”, come direbbe il militare/esploratore spaziale Buzz in Toy Story. Per nostra sfortuna la continua disperata ricerca di nuovi stimoli genera automaticamente insoddisfazione e frustrazione sia per l’innata ipersensibilità che abbiamo verso tutte le forme di fallimento, sia per la nostra odiosa e ripetitiva tendenza alla lamentosità. Impariamo ad accettare che l’universo non è stato creato per il nostro appagamento ed evitiamo quindi di aspettarci che lo faccia. Ma se non è il mondo che può renderci felici, se non possiamo scaricare questa responsabilità su un’altra persona né tanto meno possiamo aggrapparci a qualche oggetto acquistato online, da chi mai può dipendere la nostra felicità… se non da noi stessi? Non è che forse fatichiamo a essere felici perché abbiamo paura di esserlo?

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved