dazio-grande-nel-segno-della-vitalita
© Ti-Press
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
41 min

Nuove correnti. Noi, il futuro e le auto elettriche

Politica e pianeta lo chiedono. Ma speriamo di arrivarci preparati e con le batterie ben cariche alla grande rivoluzione della mobilità
Ticino7
19 ore

2011: dieci anni da ‘El Camino’ dei The Black Keys

Sono solo in due, e con un’intelligenza musicale sopra la norma. La dimostrazione che gli americani il rock non solo lo hanno inventato, ma lo sanno pure suonare
Ticino7
1 gior

2001: vent’anni da ‘Origin of Symmetry’ dei Muse

Eclettico, estroverso, originale. Meno radiofonico di quello che seguì, è un album fondamentale per capire la musica del gruppo e rileggere i vagiti musicali del nuovo millennio
Ticino7
2 gior

1991: trent’anni da ‘Achtung Baby’ degli U2

Forse il capolavoro della band irlandese (al pari di “The Joshua Tree”). L’elettronica entra pesantemente nel suono del gruppo e il tour che seguirà sarà memorabile
Ticino7
3 gior

1981: quarant’anni da ‘The Garden’ di John Foxx

Un disco dove convivono elettronica e romanticismo, tecnologie moderne e misticismo antico, in un geniale incontro fra spiritualità e tradizione. Se non è arte questa...
Ticino7
4 gior

1971: cinquant’anni da ‘Tago Mago’ dei Can

Senza di loro molta della musica – non solo del circuito indipendente – oggi non esisterebbe. O certo sarebbe molto diversa. Un gruppo seminale per un album epocale
Ticino7
5 gior

Il fantacalcio, i gonfiabili degli adulti

Se non ne fai parte non puoi capire che cosa si prova a smazzare giocatori e a costruire squadre immaginarie. Ma potresti rimanerne affascinata, chissà...
Ticino7
5 gior

Che meraviglia il gufo reale

Vola di notte silenzioso. È un uccello maestoso, quando è giorno non sta sveglio, per lui il buio è molto meglio. Della notte è il re! Il suo nome sai qual è?
Ticino7
6 gior

Dentro i cassetti di Georgina Bernardi

Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate
Ticino7
6 gior

Metti un giorno con Martino Rossi

“Non è vero, come molti sostengono, che Robin Hood ‘ruba ai ricchi per dare ai poveri’. È vero invece che ’riprende ai ricchi ciò che essi hanno rubato ai poveri’”
Ticino7
1 sett

Diritti allo stomaco (nel nome del vax)

Nella guerra al Covid sono ammessi anche i ‘colpi bassi’. Da consumarsi davanti a un bel piatto caldo, però
Ticino7
1 sett

Sorelle di sogni. C’era una volta (e anche oggi)

L’ultimo romanzo breve di Daniele Dell’Agnola è un confronto generazionale, attraverso i ricordi, gli incontri ma anche le rinunce di due donne della Bregaglia
Ticino7
1 sett

La vocazione di Sandro Bonetti

Cosa vuoi fare da grande? ‘Il medico, come il mio papà’. Figlio di un gastroenterologo, sin da ragazzo Sandro non aveva molti dubbi su cosa fare nella vita
Ticino7
1 sett

Cosa diresti al te stesso di dieci anni fa?

Lo dico subito, a scanso di equivoci: io mi sarei detta di stare più tranquilla ed essere positiva. Ma anche di criticare meno e crederci di più. E voi?
Ticino7
1 sett

Bellessere. Volersi bene senza età

Non esistono limiti anagrafici per aver cura del proprio aspetto. Iniziando da una buona dose di sorrisi, voglia di vivere e ottimismo.
Ticino7
1 sett

Lì dove costano meno: la via del turismo farmaceutico

Poiché le medicine in Svizzera costano molto di più, anche i ticinesi fanno shopping oltre confine. Ma cosa nasconde questo importante fenomeno?
Ticino7
2 sett

Sono strani tempi, come sempre

Se devi guardare da qualche parte, meglio farlo ‘in avanti’. Dal passato arrivano (spesso) solo fantasmi
Ticino7
2 sett

Alla scoperta del pettirosso

Il suo arrivo già da metà settembre è annunciato dallo sfrecciare di una macchia rossa tra i cespugli e dal tipico ‘tic tic’ che ne contraddistingue il verso
Ticino7
2 sett

Donazione d’organi: parliamone

Mesi di attesa in cui il ritmo della quotidianità è scandito da costanti visite mediche. Poi finalmente la tanto attesa chiamata. È il futuro che chiama
Ticino7
2 sett

Media e qualità. AAA pagine culturali cercansi

Hanno destato non poche perplessità i risultati emersi da un recente studio sulla qualità del giornalismo culturale commissionato da ‘ch-intercultur’. Perché?
Ticino7
2 sett

Piotr Nikiforoff, dalla Russia con talento

Da Mosca a Vernate: questa la sorprendente traiettoria dell'affermato violinista dell’Orchestra della Svizzera italiana. Un amore per la musica nato anche grazie alla tv
Ticino7
3 sett

I media e il metodo (tanto per capire)

A che servono le ricerche se non a fare chiarezza e a dare una dimensione (obiettiva) alle cose? Sì, poi a volte...
Ticino7
3 sett

Emmanuel Carrère e le ombre oltre la vita

Qui parliamo dell'ultimo libro dell'autore parigino. E non di avvocati, ex mogli e gossip di varia natura che altri vendono ai propri lettori come "recensione". Amen
Ticino7
3 sett

Di arte e di educazione. Per una scuola a colori

Secondo alcuni l’arte avrebbe oggi un ruolo troppo marginale e il suo potenziale nelle istituzioni scolastiche rimarrebbe in gran parte inesplorato. Parliamone...
Ticino7
3 sett

Shainy Attakaran: bianco, nero e passione

“Sarà l’influenza del mio nome, ma nella vita ho imparato a vedere la luce in ogni cosa”
Ticino7
21.08.2021 - 10:190

Dazio Grande: nel segno della vitalità

Da dogana a spazio di cultura e convivialità, la storia del polo culturale leventinese continua e si rilancia. Tra mostre ed eventi senza limiti d'età

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

All’imbocco della Gola del Piottino, percorrendo la Valle Leventina da nord, si trova un edificio che per secoli ha rappresentato la porta settentrionale del Sud delle Alpi nonché un crocevia di incontro e di sosta per commercianti e viaggiatori. A partire dal suo restauro avvenuto una ventina di anni fa, il Dazio Grande di Rodi-Fiesso è tornato a vivere grazie a un fiorire di iniziative culturali e conviviali, affermandosi quale punto di riferimento per la comunità locale così come per una folta schiera di affezionati provenienti da ogni dove.

Una storia lunga 460 anni

“Nel 1500 per andare dal Canton Uri a Bellinzona si impiegavano circa due giorni – racconta Tiziana Mona, membro del Consiglio di Fondazione Dazio Grande e responsabile delle attività culturali –. I trasporti avvenivano a dorso di mulo e ci si spostava con i carri. L’edificio del Dazio Grande, costruito nel 1561 e gestito dagli urani che avevano il dominio su tutta la Leventina, serviva come dogana per riscuotere i dazi sulla merce in transito ma anche come luogo di riposo prima di affrontare la via per il San Gottardo o continuare verso sud”. Circa 30 anni dopo l’indipendenza del Canton Ticino avvenuta nel 1803, la riscossione dei dazi è stata spostata ad Airolo, lasciando all’edificio il ruolo di stazione postale fino agli inizi del ’900. Venuta meno anche tale funzione, ne cominciò il deperimento, per ovviare al quale nel 1989 è sorta la Fondazione Dazio Grande.

Restauro reinterpretativo

“Gli interventi promossi erano volti a salvare e restaurare l’edificio, reinterpretando le sue funzioni originarie di luogo di incontro e di ristoro”, illustra Mona. La struttura attualmente ospita una locanda e cinque camere in cui è possibile alloggiare. “Dopo diversi tipi di esperienze passate, l’anno scorso, data la situazione pandemica, siamo stati noi della Fondazione a occuparci delle stanze e del ristorante con dei cuochi ospiti, tenendo aperto solo dal venerdì alla domenica. Quest’anno invece abbiamo trovato una soluzione ottimale grazie a un accordo con la Gottardo Catering, società dell’Hockey Club Ambrì Piotta che ha rilevato la gestione di camere e ristorante. Si tratta di un grande salto di qualità, sia per l’ottima offerta culinaria che valorizza i prodotti locali, sia per l’apertura assicurata 6 giorni su 7 che consente anche a chi è di passaggio di entrare ad ogni momento per bere e mangiare qualcosa, visitare le nostre esposizioni o il Museo”.

Dalla mulattiera all’AlpTransit

Nell’antica scuderia al pian terreno si trova una sezione distaccata del Museo etnografico di Leventina con un’esposizione permanente sulla storia della ‘Via delle Genti’ che ripercorre lo sviluppo del traffico commerciale attraverso il San Gottardo, dall’antica mulattiera alla trasversale alpina di AlpTransit. “Tra i visitatori ci sono anche molte scolaresche. Solo da maggio e metà giugno scorsi abbiamo accolto almeno 30 classi. Si tratta di un museo allestito 20 anni fa, che mantiene il suo stile tradizionale con oggetti, cartelloni, modelli della valle e delle gallerie elicoidali, e questo ai bambini piace molto: sono affascinati dai vecchi zoccoli di legno, dalle gerle, dai carichi dei muli”. Nei piani dei curatori, a breve-medio termine, c’è l’intenzione di aggiornare l’ultima parte su AlpTransit, “sperando di trovare i fondi”, commenta la responsabile culturale. Quello finanziario è infatti un tasto dolente in quanto la Fondazione deve ancora finire di rimborsare al Cantone il prestito Lim (Legge investimenti nelle regioni di montagna) di cui ha beneficiato per il restauro dello stabile. “Questa è un po’ la nostra palla al piede. Ma stiamo lavorando per un maggior coinvolgimento dei Comuni della Media e Alta Leventina e siamo fiduciosi che grazie al riconoscimento unanime del ruolo del Dazio Grande per la realtà locale riusciremo a superare i restanti problemi economici”.


© Dazio Grande

Valorizzare gli artisti del territorio

Intanto il ventaglio di offerte continua a dispiegarsi. “Nelle due splendide mansarde adibite a sale espositive quest’anno abbiamo già presentato due mostre. La prima era dedicata alle fotografie in bianco e nero di Vincenzo Vicari, molto legato a Prato Leventina, paese di origine della moglie Nini Danzi, lei stessa eccellente fotografa. Fra le immagini da loro colte sulla vita quotidiana del luogo ve n’erano poi alcune con Giorgio Orelli la cui mamma era di qua. La seconda esposizione ha invece visto come protagonista il pittore Edy Mottini di Airolo, con una scelta di impressioni colte in svariati angoli della valle, da quelli più noti a quelli più reconditi. Mentre proprio oggi, 21 agosto, si inaugura la terza mostra (vedi più in basso, ndr)”.

Musica, letteratura e partite a carte

Per concludere l’esplorazione degli spazi del Dazio Grande, resta il luogo che nell’ultimo periodo ne è stato il cuore pulsante, ovvero il giardino sul retro. “Oltre a servire per il ristorante, soprattutto dallo scorso anno è il posto prediletto per organizzare eventi. Quando la morsa del virus si è allentata è proprio grazie a questo spazio all’aperto che siamo potuti ripartire con alcune attività contraddistinte dalla grande emozione di ritrovarci. Abbiamo per esempio proposto 4 o 5 aperitivi in musica con artisti ticinesi a cui hanno partecipato fino a 100 persone, e tale formula la stiamo riproponendo anche quest’anno, optando per gli spazi interni solo in caso di maltempo”. Scorrendo il programma si trovano attività per tutti i gusti: presentazioni di libri, letture, concerti, sedute di yoga, escursioni storiche e naturalistiche nella Gola del Piottino, corsi di incisione, atelier creativi per bambini. Insomma, un’offerta ricca e variegata capace di coinvolgere un pubblico trasversale sempre più ampio. “Tutti coloro che approdano qui per la prima volta rimangono conquistati dalla bellezza dell’edificio e del giardino, e dall’atmosfera che vi si respira. Non è raro trovare chi arriva semplicemente per trascorrere qualche ora in compagnia. Per l’Alta Valle – conclude Mona – il Dazio Grande è una presenza significativa in cui la comunità si identifica molto”.


© Dazio Grande
Giancarlo Bisi

MOSTRE & EVENTI

Sabato 21 agosto alle ore 17, viene inaugurata la terza mostra dell’anno al Dazio Grande dal titolo ‘Doppi, dittici e specchi’
Giancarlo Bisi, operatore sanitario all’ospedale di Faido, ma anche appassionato incisore e pittore, nel 2017 a Deggio ha creato ‘Latteliédutriciclo’, un atelier di pittura e incisione che ha ricavato da due vecchie stalle. Dall’incontro con Giulia Cantarutti, artista toscana, ceramista e insegnante di incisione, si sono aggiunti l’atelier di stampa calcografica e dal 2020 i corsi estivi di incisione. La collaborazione con la ‘Butéa da Quint’ dell’orafa Giulia Taragnoli e l’amicizia che ne è nata, sono diventate l’occasione per portare al Dazio Grande una mostra delle opere del terzetto, con una riflessione e una rappresentazione in forma di dittici sul lavoro di ognuno di loro in rapporto agli altri. Così gli alberi di Giancarlo o gli uccelli di Giulia Cantarutti interagiscono con i gioielli di Giulia Taragnoli, nuvole e vasi di ceramica si specchiano e si completano, e ad ognuno rimane uno spazio proprio per interpretare il titolo dato all’esposizione. Per informazioni: daziogrande.ch.


© Dazio Grande
Giulia Cantarutti


© Dazio Grande
Giulia Taragnoli

© Dazio Grande
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved