PIGOSSI L./STEFANI L.
0
BENCIC B./GOLUBIC V.
1
2 set
(5-7 : 0-1)
SIEGEMUND L./KRAWIETZ K.
0
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
0
1 set
(0-1)
marisa-casellini-e-la-responsabilita-dell-arte
© Nadine Casellini
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

La nostalgia canaglia di noi vecchi dentro

Ritorna sempre tutto. Nietzsche e la peperonata, la storia come tragedia e come farsa, Ulisse e Marty McFly
Ticino7
2 gior

Provare a essere città

In anni diversi e senza un Umberto Eco a sdoganarli, i murales hanno fatto più o meno lo stesso percorso dei fumetti
Ticino7
4 gior

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera comune è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore.
Ticino7
4 gior

Nonsense. Quando il significato va cercato altrove

"Abbasso le mappe con rotte, con tappe, / Con terre color verde scuro! / Ci piace la nostra che solo ci mostra / Un nulla vuotissimo e puro!". Sì, ma lo Squarlo dov'è?
Ticino7
4 gior

Monsieur Hulot e la comicità in punta di piedi

Nel 1971 il signore col cappello in testa e la pipa in bocca faceva la sua ultima apparizione al cinema. E la sua dissacrante ironia diventava immortale
Ticino7
5 gior

Massimo Pedrazzini: di immagini e di obiettivi

Dall'apprendistato a Locarno ai grandi palchi, dai maestri del jazz a Francesco: 40 anni sempre con la macchina pronta, perché la passione non si spegne
Ticino7
5 gior

Se non sono lettere saran cerotti

Le buone parole scaldano il cuore: magari son bugie, ma aiutano a coltivare le illusioni
Ticino7
1 sett

Gli spaghetti spezzati e la pistola sulla pasta

Poco prima della partita Belgio-Italia una conduttrice televisiva ha osato spezzare degli spaghetti per sfidare l’Italia. Ma c'è dell'altro
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, il terrazzo e il batticuore

“No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi”. Chi non ricorda lo slogan dei tempi in cui affidarsi ad un tour operator era pressoché l’unico modo per prenotare una vacanza?
Ticino7
1 sett

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina
Ticino7
1 sett

Un amore ticinese nella lotta dei Saharawi

Storia di una relazione e di un popolo perseguitato e condannato alla cattività nei campi per rifugiati.
Ticino7
2 sett

Oregiefregie Band: live in Mendrisio!

Sono ormai rodati e hanno anche un Nissan verde per stipare strumenti e attrezzatura, oltre a loro stessi. Roba da matti
GALLERY
Ticino7
2 sett

United Roads of America. In Alaska, dove finisce il viaggio

L’ultimo contributo di Emiliano Bos dalle vene dell’America, prima del suo rientro in Europa. Cronache dai confini del mondo.
Ticino7
2 sett

Gioventù bruciata. Al mercato della nostalgia

“La giovinezza finisce quando il tuo calciatore preferito ha meno anni di te”. Lo scriveva David Trueba in Quattro amici.
Ticino7
2 sett

Come funzionano i bitcoin. E molto altro

La “Distributed Ledger Technology”, o Blockchain, spiegata come si deve. Per capirne rischi e opportunità
Ticino7
3 sett

It Takes Two: insieme si (video)gioca meglio

Il terzo titolo di un autore irriverente, fuori dagli schemi e capace di portare al successo idee uniche, cifra di una realtà creativa sempre più importante
Ticino7
3 sett

United Roads of America. I contadini che resistono

Siamo nel Far West. Lontani da un governo-padrone che “si è spinto troppo oltre: ci ruba l’acqua destinata all’irrigazione". Perché qui o vivi o muori
Ticino7
3 sett

Le dolci note di Isabel Longato

Ama circondarsi di persone con cui coltivare relazioni sane e comunicare con gli occhi. E poi c'è la musica, e tutto quello che è in grado di donare
Ticino7
3 sett

I panchinari delle colonne sonore horror italiane

Dieci film per dieci raccolte di brani che raccontano, in musica, massacri, demoni, terrore, cannibalismo e altri brividi lungo la schiena (se avete il coraggio)
Ticino7
3 sett

I robot non sono (solo) macchine

‘Siamo programmati per fare qualsiasi cosa / E quello che vuoi sarà fatto". Ma nell'ultimo romanzo di Kazuo Ishiguro le cose sono più complesse, diciamo
Ticino7
3 sett

Note dolenti sulla paura (e altri strani rumori)

Pare che il peggio non arrivi così, all’improvviso: di solito basta drizzare le orecchie e ascoltare. Ma con attenzione, eh...
Ticino7
1 mese

United Roads of America. L’oleodotto no (e la miniera?)

Non si può pensare di salvare il pianeta “devastando le montagne e inquinando l’acqua". Ma gli interessi economici e strategici in gioco sono enormi, certo
Ticino7
1 mese

Elogio della 'zianza'. Ovvero la rivincita della prossimità familiare

Non sono né troppo vicini né troppo distanti, non vivono nemmeno il coinvolgimento affettivo e la responsabilità di un genitore nei confronti di figli. Chi sono?
Ticino7
26.06.2021 - 12:080

Marisa Casellini e la responsabilità dell'arte

“Come stai?”. La mia chiacchierata inizia dalla domanda più semplice e complessa. La risposta sarà tutto meno che banale; d’altronde la creatività a lei non manca

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Nata a Mendrisio nel 1951, si è diplomata in pittura nel 1988 presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, allieva di Luciano Fabro. Continua gli studi coi Corsi di stampa calcografica proposti da Pierre Lindner. Il suo percorso artistico è colorato di collaborazioni, mostre e pubblicazioni. Membro di associazioni artistiche, cofondatrice del gruppo ‘Ugualeuno’, è socia di Visarte. Dal 2008 è membro della Sottocommissione Arti visive del canton Ticino. Ha collaborato con Officinaarte di Magliaso, AARDT, USI e diversi istituti scolastici. Le sue opere si trovano in musei, centri culturali, collezioni pubbliche e private in Svizzera e all’estero.

“Come sto? Al presente sto bene, ovviamente si tratta di uno stato transitorio. Da un momento all’altro le cose possono cambiare, questo vale per tutti, qui e altrove. Il ‘presente’ è una materia di studio per i filosofi ma anche per gli artisti: è un soggetto di riflessione per ogni essere umano, specie in questi mesi di pandemia mondiale, dove forzatamente si rimane con sé stessi. Nonostante le importanti ricerche e gli sviluppi scientifici del secolo attuale, siamo stati portati a confrontarci con la grande fragilità della natura e dell’uomo. Il mondo necessita di pulizia, occorre togliere là dove c’è troppo e lasciare alla natura il proprio posto”, riflette Marisa Casellini. “Certamente anche l’arte ha una grande responsabilità e deve fare la propria parte per evitare il propagarsi della confusione e della superficialità. Credo che molti sentano il desiderio di un cambio radicale nella conduzione del pianeta, il desiderio di passare dall’attuale controllo dei grandi signori della finanza che tirano le redini del mondo ad avere un riscatto reale e sincero con un ritorno a una sensibilità reale, a dei valori profondi, a una vera umanità per superare la grande superficialità che impera”.


© Nadine Casellini

Bruciare, bruciare

Per cambiare servono azioni rivoluzionarie e soluzioni creative. L’etimologia della parola creare è da ricondursi alla radice sanscrita far (fare), kar-tr è il creatore cioè colui che fa dal nulla. In greco kraino significa fare, compiere, realizzare… Parlando di creatività Marisa ricorda la lezione di Harald Szeemann all’Accademia di Architettura di Mendrisio dove Niki de Saint Phalle, invitata speciale, disse: “La creatività è una malattia, uno ce l’ha o non ce l’ha, per chi la contrae di certo è incurabile, non si guarisce più, lo diceva Tinguely, marito di Niki (e noto scultore svizzero, nda)”. Tutto muta e, nel tempo, anche l’idea di creatività di Marisa Casellini si è trasformata. Se prima pensavo a un mondo creativo esclusivo, ora riconosco l’essenza della creatività in un modo di essere. Penso si possa fare tutto in modo creativo, perciò una mamma (il mestiere più difficile del mondo) può curare bimbi in modo creativo, fare le pulizie, preparare pranzi e cene, cucire, leggere e scrivere ecc. A fare la differenza è il modo di ‘essere’ al mondo. Ho conosciuto artisti professionisti dell’arte con scarsa creatività che, con attitudini manageriali, suppliscono la mancanza, arrivando a un riconoscimento a mio giudizio discutibile”. Marisa viene dalla storica Accademia d’arte di Brera a Milano e i suoi anni di formazione, che termina nel 1988, sono marcati a fuoco dal Maestro e artista Luciano Fabro, con cui nel tempo intesse una relazione di ammirazione e amicizia. “I discorsi con Fabro erano molto complessi, in aula c’erano spesso giornalisti anche esteri i quali seguivano le lezioni e lo intervistavano. È stato esponente dell’Arte Povera e suscitava molto interesse. Gli allievi dovevano essere sempre pronti, INCUTEVA UN CERTO TIMORE. La sua parola preferita e ricorrente era BRUCIARE, BRUCIARE, lo ripeteva con enfasi come dire, ricomincia daccapo. Per quanto riguarda il disegno, bisognava secondo lui, farlo duecento volte e poi presentare la duecentesima”.


© Nadine Casellini

La noia, cos’è?

L’arte è sulla bocca di tutti oggi ma, a pensarci bene, rimane un soggetto sfuggente. “Io lavoro senza intenzioni particolari ma per passione e ossessione. Attualmente realizzo piccoli progetti con attenzione alle piccole cose, sempre in dubbio sul fare o non fare: l’arte del fare è anche il non fare. Mi chiedo se ricominciare daccapo “con la mano sinistra” – citando Fabro a proposito di serietà/capacità – o passare il testimone, ossia dedicarmi solo ai giovani e ai bambini, con loro ho lavorato in passato, collaborando con diverse scuole. Se prima avevo l’esigenza di perfezione e di approvazione ora non mi interessa né l’una né l’altra. Faccio ciò che trovo sia giusto fare, purché il mio fare non inquini, non invada spazi già troppo danneggiati da elementi scandalosamente abbaglianti. Le sue giornate scorrono al ritmo delle nipotine, Leila e Rhea di 5 e 3 anni che considera le sue maestre: “Amo immergerle in un mondo di materiali e lasciarmi sorprendere dalle loro proposte”, racconta. All’inizio della pandemia, con le nipoti e in accordo con Barbara Fontana, responsabile Cultura del Comune di Melano, ha organizzato la mostra per bimbi delle Elementari Orientiamo le vele. Il titolo della mostra è stato “rubato” al celebre filosofo Seneca e ha offerto lo spunto per parlare ai bambini della pandemia (la mostra è visibile sul sito del comune). “Non lavoro tutti i giorni in atelier ma tutti i giorni mi occupo di arte, in un modo o nell’altro. La noia non so cosa sia, anzi mi manca il tempo, mi accorgo di essere diventata più lenta e meno forte anche dal punto di vista fisico” , riflette. Le idee nascono tra casa e l’ampio atelier che si trova di fronte a casa sua, un locale di circa 90 mq ubicato in una ex filanda di inizio secolo scorso. Pittura, matite colorate, cotoni e tessuti, si alternano a seconda delle esigenze. Nel corso del 2020-21, realizza una serie di piccoli oggetti in cera dipinta di azzurro-blu e una croce con il Cristo a cera, prova a ricordare la Via Crucis con i tanti Cristi dal titolo Via Crucis - Siamo tutti sotto lo stesso cielo, in croce?


© Nadine Casellini

Vita, gioie e tragedie

Marisa Casellini crede nell’arte con un perché, con una responsabilità e una verità: “L’arte deve prendere le distanze da comportamenti inadeguati e distruttivi: dichiaratamente! Proporre al pubblico, mostrare, significa ‘insegnare’ e ‘dire’ con le maiuscole, essere al servizio di... Se la comunicazione non è del tutto sincera, viene meno il dovere morale nei confronti del fruitore, creando confusione, deviazione, anche nei confronti di sé stessi. Prima di essere artista occorrere essere individuo presumibilmente pensante e responsabile, poi eventualmente artista”. La prima lezione del maestro Luciano Fabro, impressa per sempre nel cuore e nelle mani creatrici di Marisa, è "essere sé stessi": “Il che è già molto, sosteneva Fabro, troppo per qualcuno”. La seconda lezione di Fabro era “la gioia di vivere nella tragedia della vita”.


© Nadine Casellini

© Nadine Casellini
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved