marisa-casellini-e-la-responsabilita-dell-arte
© Nadine Casellini
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
2 gior

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
3 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
3 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
3 gior

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
1 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
1 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
2 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
2 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
3 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
3 sett

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
3 sett

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
Ticino7
3 sett

Non è solo una ‘stupida felicità’

‘Questa è la ballata dell’uomo felice, felice di nome, di fatto, si può dire di mestiere, uno che la felicità l’ha imparata a dovere...’
Ticino7
4 sett

Chiara Zocchetti e l’iconografia della decadenza

Oltre al lavoro legato alla cronaca, si dedica a progetti personali come reportage e la fotografia d’architettura. E poi ci sono i luoghi abbandonati...
Ticino7
1 mese

Paolo Tognina, tra fede e nuove sfide

Pastore e giornalista, volto noto della RSI, dal primo luglio si occuperà tempo pieno della comunità riformata di Poschiavo. Conosciamolo meglio
Ticino7
1 mese

Metti una sera al ‘caffè dei gatti’...

Creati alla fine degli anni Novanta, i neko café oggi sono diffusi in tutto il mondo. Nati per trovare casa ai gatti, sono anche un luogo di ‘cat-therapy’
Ticino7
1 mese

L’invasione russa. Storie e fragilità

La violenza si alimenta di un passato mai elaborato. Ne è convinta la scrittrice Serena Vitale, che sul grande gigante russo ha scritto pagine importanti
Ticino7
1 mese

Il tempo (è) perduto

Per sapere chi siamo è bene capire cosa siamo stati (anche perché del futuro pare ci sia poco da fidarsi)
26.06.2021 - 12:08

Marisa Casellini e la responsabilità dell'arte

“Come stai?”. La mia chiacchierata inizia dalla domanda più semplice e complessa. La risposta sarà tutto meno che banale; d’altronde la creatività a lei non manca

di Keri Gonzato

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Nata a Mendrisio nel 1951, si è diplomata in pittura nel 1988 presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, allieva di Luciano Fabro. Continua gli studi coi Corsi di stampa calcografica proposti da Pierre Lindner. Il suo percorso artistico è colorato di collaborazioni, mostre e pubblicazioni. Membro di associazioni artistiche, cofondatrice del gruppo ‘Ugualeuno’, è socia di Visarte. Dal 2008 è membro della Sottocommissione Arti visive del canton Ticino. Ha collaborato con Officinaarte di Magliaso, AARDT, USI e diversi istituti scolastici. Le sue opere si trovano in musei, centri culturali, collezioni pubbliche e private in Svizzera e all’estero.

“Come sto? Al presente sto bene, ovviamente si tratta di uno stato transitorio. Da un momento all’altro le cose possono cambiare, questo vale per tutti, qui e altrove. Il ‘presente’ è una materia di studio per i filosofi ma anche per gli artisti: è un soggetto di riflessione per ogni essere umano, specie in questi mesi di pandemia mondiale, dove forzatamente si rimane con sé stessi. Nonostante le importanti ricerche e gli sviluppi scientifici del secolo attuale, siamo stati portati a confrontarci con la grande fragilità della natura e dell’uomo. Il mondo necessita di pulizia, occorre togliere là dove c’è troppo e lasciare alla natura il proprio posto”, riflette Marisa Casellini. “Certamente anche l’arte ha una grande responsabilità e deve fare la propria parte per evitare il propagarsi della confusione e della superficialità. Credo che molti sentano il desiderio di un cambio radicale nella conduzione del pianeta, il desiderio di passare dall’attuale controllo dei grandi signori della finanza che tirano le redini del mondo ad avere un riscatto reale e sincero con un ritorno a una sensibilità reale, a dei valori profondi, a una vera umanità per superare la grande superficialità che impera”.


© Nadine Casellini

Bruciare, bruciare

Per cambiare servono azioni rivoluzionarie e soluzioni creative. L’etimologia della parola creare è da ricondursi alla radice sanscrita far (fare), kar-tr è il creatore cioè colui che fa dal nulla. In greco kraino significa fare, compiere, realizzare… Parlando di creatività Marisa ricorda la lezione di Harald Szeemann all’Accademia di Architettura di Mendrisio dove Niki de Saint Phalle, invitata speciale, disse: “La creatività è una malattia, uno ce l’ha o non ce l’ha, per chi la contrae di certo è incurabile, non si guarisce più, lo diceva Tinguely, marito di Niki (e noto scultore svizzero, nda)”. Tutto muta e, nel tempo, anche l’idea di creatività di Marisa Casellini si è trasformata. Se prima pensavo a un mondo creativo esclusivo, ora riconosco l’essenza della creatività in un modo di essere. Penso si possa fare tutto in modo creativo, perciò una mamma (il mestiere più difficile del mondo) può curare bimbi in modo creativo, fare le pulizie, preparare pranzi e cene, cucire, leggere e scrivere ecc. A fare la differenza è il modo di ‘essere’ al mondo. Ho conosciuto artisti professionisti dell’arte con scarsa creatività che, con attitudini manageriali, suppliscono la mancanza, arrivando a un riconoscimento a mio giudizio discutibile”. Marisa viene dalla storica Accademia d’arte di Brera a Milano e i suoi anni di formazione, che termina nel 1988, sono marcati a fuoco dal Maestro e artista Luciano Fabro, con cui nel tempo intesse una relazione di ammirazione e amicizia. “I discorsi con Fabro erano molto complessi, in aula c’erano spesso giornalisti anche esteri i quali seguivano le lezioni e lo intervistavano. È stato esponente dell’Arte Povera e suscitava molto interesse. Gli allievi dovevano essere sempre pronti, INCUTEVA UN CERTO TIMORE. La sua parola preferita e ricorrente era BRUCIARE, BRUCIARE, lo ripeteva con enfasi come dire, ricomincia daccapo. Per quanto riguarda il disegno, bisognava secondo lui, farlo duecento volte e poi presentare la duecentesima”.


© Nadine Casellini

La noia, cos’è?

L’arte è sulla bocca di tutti oggi ma, a pensarci bene, rimane un soggetto sfuggente. “Io lavoro senza intenzioni particolari ma per passione e ossessione. Attualmente realizzo piccoli progetti con attenzione alle piccole cose, sempre in dubbio sul fare o non fare: l’arte del fare è anche il non fare. Mi chiedo se ricominciare daccapo “con la mano sinistra” – citando Fabro a proposito di serietà/capacità – o passare il testimone, ossia dedicarmi solo ai giovani e ai bambini, con loro ho lavorato in passato, collaborando con diverse scuole. Se prima avevo l’esigenza di perfezione e di approvazione ora non mi interessa né l’una né l’altra. Faccio ciò che trovo sia giusto fare, purché il mio fare non inquini, non invada spazi già troppo danneggiati da elementi scandalosamente abbaglianti. Le sue giornate scorrono al ritmo delle nipotine, Leila e Rhea di 5 e 3 anni che considera le sue maestre: “Amo immergerle in un mondo di materiali e lasciarmi sorprendere dalle loro proposte”, racconta. All’inizio della pandemia, con le nipoti e in accordo con Barbara Fontana, responsabile Cultura del Comune di Melano, ha organizzato la mostra per bimbi delle Elementari Orientiamo le vele. Il titolo della mostra è stato “rubato” al celebre filosofo Seneca e ha offerto lo spunto per parlare ai bambini della pandemia (la mostra è visibile sul sito del comune). “Non lavoro tutti i giorni in atelier ma tutti i giorni mi occupo di arte, in un modo o nell’altro. La noia non so cosa sia, anzi mi manca il tempo, mi accorgo di essere diventata più lenta e meno forte anche dal punto di vista fisico” , riflette. Le idee nascono tra casa e l’ampio atelier che si trova di fronte a casa sua, un locale di circa 90 mq ubicato in una ex filanda di inizio secolo scorso. Pittura, matite colorate, cotoni e tessuti, si alternano a seconda delle esigenze. Nel corso del 2020-21, realizza una serie di piccoli oggetti in cera dipinta di azzurro-blu e una croce con il Cristo a cera, prova a ricordare la Via Crucis con i tanti Cristi dal titolo Via Crucis - Siamo tutti sotto lo stesso cielo, in croce?


© Nadine Casellini

Vita, gioie e tragedie

Marisa Casellini crede nell’arte con un perché, con una responsabilità e una verità: “L’arte deve prendere le distanze da comportamenti inadeguati e distruttivi: dichiaratamente! Proporre al pubblico, mostrare, significa ‘insegnare’ e ‘dire’ con le maiuscole, essere al servizio di... Se la comunicazione non è del tutto sincera, viene meno il dovere morale nei confronti del fruitore, creando confusione, deviazione, anche nei confronti di sé stessi. Prima di essere artista occorrere essere individuo presumibilmente pensante e responsabile, poi eventualmente artista”. La prima lezione del maestro Luciano Fabro, impressa per sempre nel cuore e nelle mani creatrici di Marisa, è "essere sé stessi": “Il che è già molto, sosteneva Fabro, troppo per qualcuno”. La seconda lezione di Fabro era “la gioia di vivere nella tragedia della vita”.


© Nadine Casellini

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte essere fare marisa casellini mondo visarte-ticino
© Nadine Casellini
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved