PIGOSSI L./STEFANI L.
0
BENCIC B./GOLUBIC V.
1
2 set
(5-7 : 2-4)
SIEGEMUND L./KRAWIETZ K.
0
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
0
1 set
(1-5)
ah-ecco-cosa-attira-le-zanzare
+2
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

La nostalgia canaglia di noi vecchi dentro

Ritorna sempre tutto. Nietzsche e la peperonata, la storia come tragedia e come farsa, Ulisse e Marty McFly
Ticino7
2 gior

Provare a essere città

In anni diversi e senza un Umberto Eco a sdoganarli, i murales hanno fatto più o meno lo stesso percorso dei fumetti
Ticino7
4 gior

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera comune è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore.
Ticino7
4 gior

Nonsense. Quando il significato va cercato altrove

"Abbasso le mappe con rotte, con tappe, / Con terre color verde scuro! / Ci piace la nostra che solo ci mostra / Un nulla vuotissimo e puro!". Sì, ma lo Squarlo dov'è?
Ticino7
4 gior

Monsieur Hulot e la comicità in punta di piedi

Nel 1971 il signore col cappello in testa e la pipa in bocca faceva la sua ultima apparizione al cinema. E la sua dissacrante ironia diventava immortale
Ticino7
5 gior

Massimo Pedrazzini: di immagini e di obiettivi

Dall'apprendistato a Locarno ai grandi palchi, dai maestri del jazz a Francesco: 40 anni sempre con la macchina pronta, perché la passione non si spegne
Ticino7
5 gior

Se non sono lettere saran cerotti

Le buone parole scaldano il cuore: magari son bugie, ma aiutano a coltivare le illusioni
Ticino7
1 sett

Gli spaghetti spezzati e la pistola sulla pasta

Poco prima della partita Belgio-Italia una conduttrice televisiva ha osato spezzare degli spaghetti per sfidare l’Italia. Ma c'è dell'altro
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, il terrazzo e il batticuore

“No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi”. Chi non ricorda lo slogan dei tempi in cui affidarsi ad un tour operator era pressoché l’unico modo per prenotare una vacanza?
Ticino7
1 sett

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina
Ticino7
1 sett

Un amore ticinese nella lotta dei Saharawi

Storia di una relazione e di un popolo perseguitato e condannato alla cattività nei campi per rifugiati.
Ticino7
2 sett

Oregiefregie Band: live in Mendrisio!

Sono ormai rodati e hanno anche un Nissan verde per stipare strumenti e attrezzatura, oltre a loro stessi. Roba da matti
GALLERY
Ticino7
2 sett

United Roads of America. In Alaska, dove finisce il viaggio

L’ultimo contributo di Emiliano Bos dalle vene dell’America, prima del suo rientro in Europa. Cronache dai confini del mondo.
Ticino7
2 sett

Gioventù bruciata. Al mercato della nostalgia

“La giovinezza finisce quando il tuo calciatore preferito ha meno anni di te”. Lo scriveva David Trueba in Quattro amici.
Ticino7
2 sett

Come funzionano i bitcoin. E molto altro

La “Distributed Ledger Technology”, o Blockchain, spiegata come si deve. Per capirne rischi e opportunità
Ticino7
3 sett

It Takes Two: insieme si (video)gioca meglio

Il terzo titolo di un autore irriverente, fuori dagli schemi e capace di portare al successo idee uniche, cifra di una realtà creativa sempre più importante
Ticino7
3 sett

United Roads of America. I contadini che resistono

Siamo nel Far West. Lontani da un governo-padrone che “si è spinto troppo oltre: ci ruba l’acqua destinata all’irrigazione". Perché qui o vivi o muori
Ticino7
3 sett

Le dolci note di Isabel Longato

Ama circondarsi di persone con cui coltivare relazioni sane e comunicare con gli occhi. E poi c'è la musica, e tutto quello che è in grado di donare
Ticino7
3 sett

I panchinari delle colonne sonore horror italiane

Dieci film per dieci raccolte di brani che raccontano, in musica, massacri, demoni, terrore, cannibalismo e altri brividi lungo la schiena (se avete il coraggio)
Ticino7
3 sett

I robot non sono (solo) macchine

‘Siamo programmati per fare qualsiasi cosa / E quello che vuoi sarà fatto". Ma nell'ultimo romanzo di Kazuo Ishiguro le cose sono più complesse, diciamo
Ticino7
3 sett

Note dolenti sulla paura (e altri strani rumori)

Pare che il peggio non arrivi così, all’improvviso: di solito basta drizzare le orecchie e ascoltare. Ma con attenzione, eh...
Ticino7
1 mese

United Roads of America. L’oleodotto no (e la miniera?)

Non si può pensare di salvare il pianeta “devastando le montagne e inquinando l’acqua". Ma gli interessi economici e strategici in gioco sono enormi, certo
Ticino7
19.06.2021 - 15:120

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Ok. Ci risiamo. Arriva l’estate ed ecco ricomparire le zanzare, più fastidiose e più affamate che mai. Soprattutto ‘dispettose’, perché sembrano prediligere alcune persone e lasciare invece incolumi altre. Ma veramente accade questo? Ed è vera la storia che
le zanzare scelgono le loro vittime in base al sapore del sangue... seguendo il famoso detto “se ti hanno punto è perché hai il sangue buono”? In verità il luogo ideale per le nostre vampire è una bella discoteca all’aperto, frequentata da marcantoni cultori della birra e donne in gravidanza, tutti sudati e lanciati in danze sfrenate. Volete sapere il perché?

Informarsi è meglio!

In questi casi, prima di spararla grossa, meglio osservare e conoscere il proprio nemico. Nel nostro caso ad aiutarci è Graziano Ciocca, biologo e divulgatore, con il suo Bufale bestiali (De Agostini, 2021), un vero e proprio vademecum per districarci tra miti, panzane e storie vere del mondo animale. Scopriamo così una prima cosa: non tutte le zanzare che ci ronzano attorno hanno bisogno di succhiare il sangue. A farlo sono le femmine adulte che scelgono questo particolare tipo di nutrimento per coprire il fabbisogno energetico necessario per procreare. I maschi adulti succhiano il nettare e sono, per esempio, fondamentali per l’impollinazione delle piante di cacao nei Paesi caldi. Insomma, senza di loro niente cioccolato. Quindi l’equazione zanzare uguale puntura non è corretta, anche se già le femmine di zanzara i loro danni li fanno dato che questo insetto provoca circa 750mila morti l’anno diffondendo, soprattutto nei Paesi tropicali, la malaria, la febbre gialla e la Dengue. Da noi, almeno, si accontentano di far crescere pomfi e provocare prurito, rendendo più difficoltose le notti estive.

Che cosa le attrae?

Arriviamo ora a capire come le femmine scelgono i loro bersagli. Prima di tutto non è vero che ad attirarle è la luce. Come avrete più volte sperimentato colpiscono benissimo al buio, anche in zone all’aperto dove non c’è l’ombra di un lampione. Ad attrarle non è neppure il sapore del sangue. Insomma, non è che assaggiano tutti, presenti e poi si accaniscono sulla persona che dimostra di proporre la “bevanda migliore”. Non sarebbe un metodo efficiente anche perché il rischio
di venire schiacciate dall’aggredito non è basso. Da studi fatti si è capito che ad attrarle è la nostra respirazione, l’anidride carbonica (CO2) che espiriamo, un gas che riescono a captare a 35 metri di distanza. Va bene, questa è un’indicazione importante, ma tutti respiriamo e solo alcuni sembrano bersagli ideali per queste vampire volanti.


© Ti-Press

SETTE VITTIME IDEALI

Sempre in base a prove fatte in laboratorio, eccovi la lista delle sette vittime ideali delle zanzare.

1. Le donne in stato interessante 
Le signore in dolce attesa respirano per due ed emettono più anidride carbonica della media. Inoltre, hanno una temperatura corporea più alta rispetto al resto della popolazione. E alle zanzare il caldo piace.

2. Persone vestite di nero
Da esperimenti fatti è emerso come le zanzare siano attratte dai colori scuri, seguiti dal rosso e dal blu.

3. Persone belle grandi
Più la corporatura è massiccia e più si emette anidride carbonica.

4. Bevitori (di birra)
Le persone che bevono alcolici, in particolare birra, attraggono le zanzare probabilmente perché emettono odori particolari nel processo di metabolizzazione dell’alcol.

5. Persone con odore attira-zanzare
L’odore della pelle, dopo il CO2 emesso con la respirazione, è la cosa che viene captata maggiormente dalle ‘vampire volanti’. Nella nostra pelle sono state isolate ben 350 sostanze diverse e alcune piacciono particolarmente alle zanzare.

6. Le belle compagnie
Essere in gruppo significa accendere l’attenzione di questi insetti perché più persone emettono maggiori quantità di anidride carbonica. Poi, una volta calate nel gruppo, infieriranno su quelle che più rispondono ai requisiti descritti ai cinque punti precedenti.

7. Persone in movimento
Se vi muovete emettete più CO2 e diventate vittime predestinate. È però vero che le zanzare tendono a memorizzare gli odori una volta vicine e se vi dimenate per scacciarle vi individueranno come una preda difficile, lasciandovi in pace. Almeno per un poco. 

 


© Ti-Press

TRUCCHI PER DIFENDERSI

Acquisite tutte queste informazioni, la cosa migliore per non attirare l’attenzione sembra quella di smettere di muoversi, riprodursi, produrre calore e respirare. Una soluzione impossibile. Meglio invece puntare sulle zanzariere, il metodo più efficace per tenere lontane le zanzare. Quando si è fuori casa l’unica è usare in abbondanza sostanze repellenti, cosa che non significa mangiare aglio o altri cibi “puzzolenti” per rendere indigesto il proprio odore. Stick, spray, zampironi e anche oli essenziali fanno il loro dovere, anche se il record di repulsività lo detiene il dietiltoluamide (DEET), una sostanza comune negli antizanzare messa a punto dall’esercito americano nel 1944 proprio per proteggere i soldati impegnati in battaglia nelle giungle del Pacifico. Alcuni esperti sostengono poi che sia efficacissimo l’estratto di erba gatta, mentre in molti laboratori si sta studiando come riprodurre l’odore delle notonette, delle cimici d’acqua che sono le naturali predatrici delle larve di zanzare. L’icaridina (KBR 3023) è uno dei più recenti principi attivi immessi sul mercato. Ha scarso assorbimento cutaneo, caratteristica che consente l’applicazione anche a bambini con più di due anni (escluse le formulazioni spray). Può avere efficacia dalle 3 alle 10 ore in proporzione alla quantità applicata sulla cute. Ha effetto repellente contro zanzare, mosche, tabanidi, simulidi e zecche. Fra gli estratti vegetali (eucalipto, citronella, geranio, lavanda, piretro, bergamotto, timo ecc.), il principio attivo più efficace è il paramatandiolo (Citrodiol) ricavato dall’eucalipto. Deve essere usato ad elevate concentrazioni per assicurare una protezione prolungata, con possibili odori sgradevoli anche alle persone. È efficace per pochi minuti, quindi deve essere ripetutamente applicato. Trova concrete applicazioni per la protezione di bambini inferiori ai 2 anni di età. Poi ci sono gli ultrasuoni, i sistemi di cattura con emissioni di CO2 e mille altre diavolerie: alcuni funzionano egregiamente, altri con molte riserve.

Guarda tutte le 6 immagini
© Regiopress, All rights reserved