i-palchi-di-ursula-rampoldi
© Ti-Press / Francesca Agosta
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
8 ore

Guardatevi dal tatagattamortismo

Mai dare il numero di telefono della propria fedele babysitter ad amiche e conoscenti. Piuttosto sacrificate (col suo accordo) l'uomo di casa, se necessario
Ticino7
13 ore

In quel posto. Storie e vicende di gabinetti, pubblici e privati

Secondo alcuni studi, una persona in salute dovrebbe espellere almeno 150 grammi di feci al giorno. Dove e come queste vengono fatte oggi è un segreto, una volta...
Ticino7
15 ore

Nella penna e sulle pagine di Roberto Genazzini

“Per Rialto” dice un cartello appeso in casa, e una freccia segnala di andare verso sinistra. Non potrebbe essere altrimenti: se ami Gandria, ami anche Venezia
Ticino7
17 ore

Greg, la Schiappa più famosa del mondo

Perché le avventure del personaggio creato da Jeff Kinney piacciono tanto? Lo chiediamo a Rossella Bernascone, traduttrice dei famosi ‘Diari’ di Gregory Heffley
Ticino7
21 ore

Fare per crescere, sin da bambini

Autostima e manualità si coltivano sin da piccoli. Anche se la materia parrebbe non essere la più consona
Ticino7
5 gior

United Roads of America. Sulla via delle stragi

Non c'è (quasi) settimana che non ne avvenga una, piccola o grande che sia. E il metro di misura, ahinoi, è sempre drammaticamente lo stesso: la conta dei morti
Ticino7
1 sett

Gli animali sono emotivi. Elogio all'empatia fra specie

È il "migliore amico dell'uomo", perché è fedele, certo. Ma anche perché è in grado di manifestare le proprie emozioni. Ma oltre ai cani c'è dell'altro...
Ticino7
1 sett

I miti del jazz. Hank Mobley, il tenore invisibile

La storia della musica nasconde innumerevoli paradossi. Come le vicende e i mancati riconoscimenti (in vita) di questo talentuoso sassofonista dimostrano
Ticino7
1 sett

Disavventure Latine 3. Al Banco(cco)mat

Avete mai viaggiato su una piccola imbarcazione, trasportati dalle onde? La prima cosa che vorreste evitare è di non bagnarvi troppo. Ma dove è meglio sedersi?
Ticino7
1 sett

Sulla tela di Antonio Lüönd

"Chi sono, da dove vengo, perché sono qui? Attraverso la pittura ho sempre sentito una spinta interna che mi portasse delle risposte. E ancora le sto cercando”
Ticino7
1 sett

È tutto pieno, grazie

‘Meno traffico e più verde’. Parole sante, ma a questo punto servirebbe il mago Fantasios.
Ticino7
2 sett

United Roads of America. West Virginia, elegia dei bianchi poveri

La Contea di McDowell è la più povera dello Stato. Qui il reddito è un quarto della media nazionale. C’è poco da sorridere, mancano persino i denti
Ticino7
2 sett

Claudio Rivellini. 'Vi racconto il mio Covid'

È stato fra i primi ricoverati alla clinica Gavazzeni di Bergamo, nella zona in Italia più colpita dalla pandemia. Quando del virus quasi nulla si sapeva
Ticino7
2 sett

Informazione: e il giornalismo di qualità dove va?

Si stava meglio quando si stava peggio, ovvero l'altro ieri. Perché l'aria che tira adesso profuma di tempesta (soprattutto per chi si occupa di cultura)
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine 2. I nazisti dei Caraibi

Il viaggio verso la Colombia continua: da Panama e il suo Canale ci spostiamo sulla costa. Fra gente che dovrebbe esserci ma non c'è e infausti vessilli...
Ticino7
2 sett

Le notizie, i pesi e le misure

Sapere che cosa pensano i lettori è vitale per un giornale. Anche se a volte è poco edificante, diciamolo
Ticino7
3 sett

Sordità. Sentire, ma su un’altra frequenza

C'è chi lo è dalla nascita e chi lo è diventato dopo incidenti o terapie errate. Ma come vivono i sordi, come comunicano e quali problemi devo affrontare?
Ticino7
3 sett

Cammina che ti passa (e fa benissimo)

Lo confermano studi e ricerche: basta rispettare i propri limiti fisici e dotarsi di un paio di calzature adatte. Il resto vien da sé, passo dopo passo...
Ticino7
3 sett

L'ansia di non saper gestire l’ansia

Non siamo fatti per stare chiusi tra 4 mura. Il rischio (fra le molte altre "controindicazioni") è di ritrovarsi con un'ospite indesiderata. Proprio in casa
Ticino7
3 sett

Pietro Vaccaro non ci sente, ma le sue pizze...

Classe 1953, nella vita si è sempre contraddistinto per caparbietà e una simpatia contagiosa. Ristoratore per passione, la sua vitalità è molto contagiosa...
Ticino7
27.02.2021 - 12:390

I palchi di Ursula Rampoldi

Il suo è un mestiere fatto di carne, ossa ed emozioni, per dirla con le parole di uno dei suoi utenti. E una buona dose di umanità

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Classe 1976, è un’animatrice socioculturale che lavora a stretto contatto con persone affette da dipendenze e da patologie psichiche. Vive ad Arzo con il marito infermiere e due figli. Appassionata di teatro e video, gestisce diversi atelier di creazione. I corti e i documentari da lei realizzati con gli utenti hanno avuto riconoscimenti e sono stati ospitati all’interno di festival e rassegne. Da anni collabora con il Festival di narrazione di Arzo.

Ci sono mestieri che non sono per tutti. E ci sono abilità che non si possono insegnare perché hanno a che fare con qualcosa di innato: o lo si possiede già o è meglio lasciar perdere. Si potrebbe quasi parlare di un sesto senso. Un po’ come quello del piccolo Cole, protagonista del film The Sixth Sense di M. Night Shyamalan, in grado di vedere e parlare con i morti. Ursula Rampoldi non è certo in contatto con il soprannaturale, anche se il suo lavoro la porta quotidianamente ad addentrarsi nel mondo misterioso, complesso e spesso invisibile delle dipendenze e della salute mentale. “Non parliamo di vocazione, per favore!”, dice ridendo, “faccio quello che mi piace fare. Negli anni ho solo assecondato il mio desiderio di lavorare nella relazione di aiuto. In fondo mi sento una privilegiata”.Dopo la formazione terminata con la laurea in Lavoro sociale presso la SUPSI, Ursula comincia il suo percorso in una struttura dedicata al servizio per le tossicodipendenze per poi diventare animatrice socioculturale presso il Club ’74 di Mendrisio, in cui lavora da 15 anni. Attualmente si muove anche tra i club socioterapeutici di Chiasso e Lugano sulla scia di quel processo di democratizzazione della psichiatria inaugurato negli anni Sessanta dallo psichiatra Jean Oury. 


© Ti-Press / Francesca Agosta

Lo specchio della mente

Aprire le porte, ridare dignità, cittadinanza e parola a persone affette da disagio mentale: sono queste le basi di un lavoro che conduce a confrontarsi con le manifestazioni estreme dell’animo umano e in cui è dunque fondamentale saper governare la propria emotività. D’altra parte la follia è un inquietante specchio in cui sono riflesse, nel bene e nel male, tutte le potenzialità della nostra mente. “Lavoriamo su progetti socioculturali – racconta Ursula – e ogni club ha diversi atelier: cucina, falegnameria, teatro, gruppi di parola, la gestione del bar. Ogni proposta nasce anche in base a ciò che gli utenti desiderano sperimentare. Tutte le attività mirano a creare un senso di comunità che li porti ad avere una visibilità e un ruolo anche nel mondo esterno”. 
Perché, che lo si ammetta o no, una barriera invisibile ma coriacea esiste. Ed è fatta soprattutto di pregiudizi e della poca conoscenza che la maggior parte di noi ha verso chi abita una quotidianità molto diversa dalla nostra, ben più faticosa e turbolenta. E, come di solito accade, ciò che esula dal senso comune rischia di venire escluso e dimenticato. Trovare il modo di abbattere questa separazione creando un punto di contatto è ciò che i club del territorio tentano di fare tutti i giorni, usando anche l’arte come mezzo. Uno degli strumenti privilegiati da Ursula è infatti il video, perché permette di raggiungere un vasto pubblico e di dare valore al lavoro. Una passione, questa, nata dalla collaborazione con il movimento internazionale di cineasti Kino. Molti sono i corti e i documentari prodotti dal Club ’74 che sono arrivati a partecipare a Festival e rassegne.
“Una delle mie soddisfazioni più grandi è stata la proiezione del corto realizzato con Olmo Cerri Le nostre storie meravigliose al Festival internazionale di cinema giovane Castellinaria. Avevamo fatto un buon lavoro ed eravamo davvero riusciti a raggiungere un pubblico diverso”. Non si tratta di contenuti autoreferenziali, ogni progetto sviluppa infatti un tema preciso come accade in Una fiamma di candela - La famiglia: questa fragile risorsa, documentario realizzato in occasione del “Mese delle dipendenze 2011” e incentrato su interviste ai familiari di alcolisti e a professionisti del settore. Nonostante lavori con l’arte, Ursula non si reputa un’artista: il video è prima di tutto uno strumento eccezionale per fare squadra. Per esempio, durante il lockdown si è rivelato utilissimo a mantenere un contatto. 


© Ti-Press / Francesca Agosta

Emozioni in gioco

“Fin dall’inizio ci siamo attivati per affrontare insieme la difficoltà dell’isolamento, particolarmente pesante per chi già soffre la solitudine. E così ci siamo rimboccati le maniche spostando le attività sulle piattaforme online”. Nei mesi di confinamento l’atelier è riuscito a realizzare alcuni corti registrati in videoconferenza e poi proposti per la campagna Più veloci del virus. La cosa ha funzionato e la connessione anche. “Ma, soprattutto abbiamo fatto grandi chiacchierate, lezioni di ginnastica e anche di cucina. Ogni sabato sera eseguivamo insieme un piatto proposto a turno da uno di noi. Abbiamo preparato pizze, gnocchi, crostate, sfogliatelle, trecce e tanti altri manicaretti che abbiamo raccolto nel nostro ricettacolo e pubblicato con tanto di foto e ricetta sul blog dei Club. Altro che MasterChef!”.
Anche il teatro ha molta importanza nelle attività di Ursula che nel tempo libero partecipa all’organizzazione del Festival di Narrazione di Arzo. “Il teatro è un mezzo potentissimo perché mette in gioco l’emozione e può toccare diverse fragilità. Ad Arzo, come nel mio lavoro, mi piace il tipo di partecipazione che si crea in quei giorni. Gli artisti si esibiscono per lo più nei cortili di case private e questa apertura delle porte rispecchia esattamente quello che cerco di fare ogni giorno. Negli anni con i club abbiamo avviato diversi atelier teatrali affidandoci a registi esterni e condividendo con i partecipanti l’emozione e l’ansia del palcoscenico”.
Quello di Ursula è un mestiere fatto di carne, ossa ed emozioni, per dirla con Patrick, uno degli utenti, che descrive il centro diurno come un essere umano a tutti gli effetti, un’entità che brilla di luce propria. Una frase che riassume alla perfezione un percorso dove al centro c’è un’umanità palpitante, presente e finalmente visibile.

© Ti-Press / Francesca Agosta
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved