senegal-una-rete-d-acqua-per-la-vita
© Associazione CEU
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 gior

Naomi Brunschwig: dal Messico ai gioielli

È cresciuta in un rustico nei boschi della Val Colla. Nei suoi geni è rimasto tutto l’amore per l’oggetto decorativo e per la creazione artigianale
Ticino7
5 gior

La Ficcanaso e quello che non possiamo permetterci

“Oh che belle, ma lei che lavoro fa?”. La cortese signora del negozio parlava delle mie scarpe: eh, certe cose fanno ancora la "differenza"...
GALLERY
Ticino7
5 gior

Clarence, Martin e il capitolo della “Black History”

Ogni anno, il mese dedicato alla storia e al ruolo degli Afroamericani è febbraio. Ma il mio fu a giugno. Era il 2016, a Louisville, in Kentucky.
Ticino7
5 gior

Cosa significa davvero avere una malattia rara

Tra casse malati che non rimborsano i farmaci, sofferenza fisica e mentale, gente che non capisce. Alcune testimonianze
Ticino7
5 gior

Non pensare al Carnevale, non pensare all’elefante

A Bellinzona le fotografie dei vecchi carnevali cercano di lenire il nostro senso di vuoto. Ma che fatica
Ticino7
1 sett

Parchi per bambini: a che gioco giochiamo?

ʻIl gioco sa innalzarsi a vette di bellezza e di santità che la serietà non raggiungeʼ. Per questo progettare spazi stimolanti e originali è fondamentale
Ticino7
1 sett

Jole Agostinetti. Una signora da "palco"

Per decenni è stata nella sala del Gran Consiglio. Ora saluta l’amministrazione cantonale, che non perde solo una segretaria ma un punto di riferimento
Ticino7
1 sett

Le lettere di Clooney e le stanze di ‘Clubhouse’

Chi vive in una relazione di copia lo sa: ogni tanto è meglio laciar perdere. E se hai qualcosa da dire, scrivilo (per il bene di tutti e a futura memoria)
Ticino7
1 sett

L’effetto farfalla (al dente)

Quando si scambia il massacro di un popolo per un villaggio vacanze, tutto è possibile. E per lavarsi la coscienza basta una spolverata di parmigiano
Ticino7
1 sett

Un tipaccio con le frecce spuntate

Girano voci che causa pandemia questʼanno Cupido colpirà molto meno. E forse è meglio così, visti i tempi.
Ticino7
2 sett

Che dite, ma esiste davvero il Punto G?

No, e secondo la sessuologa Isabel Londoño questa è una buona notizia. Per sfatare questo e altri "miti" legati al piacere femminile leggete un po' qui...
Ticino7
2 sett

Brasile. Surfate l’onda!

Mentre in Europa il Covid-19 continua a far tremare, le spiagge di Rio de Janeiro sono letteralmente prese d’assalto da cacciatori di ben altre onde
Ticino7
2 sett

Lodovico Brioschi e il commercio online

Dal Ticino all'Inghilterra, da Londra al Brasile, una storia d'intraprendenza e scelte coraggiose. E sul mercato digitale ha le idee molto chiare...
Ticino7
2 sett

Ne ho abbastanza delle bambine ribelli

Meglio crescere con lo stereotipo del lupo cattivo e della principessa addormentata o essere svezzati a manuali di valori giusti e buoni sentimenti?
Ticino7
2 sett

Storie di zucche che brillano di luce propria

Come nella fiaba di Cenerentola abbiamo un castello, una ragazza (Letizia Cislini Ferrari) e una zucca. Che però qui non si trasforma in carrozza
Ticino7
2 sett

Il sesso è tra noi (e non se lo sono inventato "i ragazzi")

I giovani sono la rappresentazione del mondo creato loro dagli adulti. E di che ci meravigliamo, dunque?
Ticino7
3 sett

Educare Kamala Harris

La nuova vice americana è nata nel 1964. E in un mondo dove sono tutti in giro con gli scarponcini ortopedici, lei mantiene un "profilo" assai più basso...
Ticino7
3 sett

L'arte di vivere per Marta Margnetti

Abitare, vivere e creare nell’era della pandemia. In attesa che una nuova normalità ridefinisca le nostre vite (e porti nuove forze nelle nostre scelte)
Ticino7
3 sett

1984: un anno da non dimenticare

Tra Orwell e Bowie, nella trappola del tempo incontri sempre chi non ti aspetti. Scherzi del destino o di "qualcuno" che dall'alto ti osserva impietoso?
Ticino7
3 sett

Il ‘romanzo’ della filologa Carla Rossi

Ha fondato a Lugano "Receptio", un centro di ricerca dove vivono curiosità e libri antichi. Si definisce ʻtransnazionaleʼ, un po' come la scrittura...
Ticino7
3 sett

L'acqua e altre gocce di civiltà

‘Lo Spirito di Dio aleggiava sulla superficie delle acque’, si legge nella Genesi: e quando lʼacqua non cʼè?
Ticino7
1 mese

L'oggetto della settimana è l'anfibio (inteso come calzatura)

La società che oggi è proprietaria del marchio vuole sbarcare in Borsa. In pratica l'unico luogo in cui ancora non si erano visti i Dr. Martens...
Ticino7
1 mese

I taccuini di Gabriele Genini, creatore dʼimmagini e di sogni

Classe 1981, vive tra la Toscana e la Svizzera. Originario di Osogna, utilizza le immagini per raccontare il fascino dei suoi viaggi tra Europa e Asia
Ticino7
30.01.2021 - 14:300

Senegal. Una rete d'acqua per la vita

L’Ong luganese Associazione Cooperazione Essere Umani ha portato l'acqua dove non c'era. Due suoi membri raccontano la genesi e l’impatto del progetto

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

“Siamo fatti d’acqua”, scriveva l’autore uruguaiano Eduardo Galeano, “sono fatte d’acqua le cellule che ci pensano, le lacrime che ci piangono e la memoria che ci ricorda”. Si tratta di una fonte di vita che necessita di essere costantemente alimentata: farlo alle nostre latitudini è un gesto semplice e sicuro, ma non dappertutto è così. Ogni anno nel mondo, stima l’Oms, le malattie gastroenteriche causano 1,5 milioni di morti – 361mila sono i bambini sotto i 5 anni – di cui oltre la metà vengono attribuite all’uso di acqua contaminata. La Ong luganese Associazione Cooperazione Essere Umani (CEU), che lo scorso novembre è stata insignita del premio Giovanni Cansani per il suo impegno ultra quarantennale in Casamance, regione rurale nel sud del Senegal (vedi più in basso, ndr), attualmente si sta occupando di un progetto di distribuzione di acqua potabile volto a intervenire su questa grave problematica. Con due membri dell’organizzazione, il medico Jean-Pierre Vermes e l’architetto Vanja Tritten, siamo entrati nel cuore della questione.


© Associazione CEU

Un particolare rischio per i bambini

“Il problema maggiore che abbiamo riscontrato nel dipartimento di Bignona dove operiamo – introduce il dottor Vermes – riguarda la contaminazione infettiva dell’acqua dovuta a batteri, virus o altri parassiti. Le deiezioni delle mandrie di animali e quelle umane, dato che manca un sistema di fognature, contaminano la falda freatica superficiale che alimenta i pozzi artesiani da cui la popolazione si rifornisce. La conseguenza principale è la forte incidenza di disturbi debilitanti come la diarrea.
La sua causa è un’infiammazione dell’intestino che viene leso dai batteri patogeni e che richiama molta acqua al proprio interno, in seguito espulsa con la conseguente perdita di sali minerali ed elementi indispensabili al buon funzionamento dell’organismo. Se la condizione persiste per giorni il rischio è un grave stato di disidratazione: visto che il nostro organismo è fatto per il 70% di acqua all’interno e all’esterno delle cellule, quando questa manca in modo importante può sopraggiungere la morte. Per i bambini, che ne hanno un tenore minore rispetto agli adulti, l’effetto è molto più deleterio e letale”.


© Associazione CEU

L’intervento e l’indagine

Appurata la presenza nel sottosuolo locale di una grande quantità d’acqua di ottima qualità, la CEU ha deciso
di promuovere la realizzazione di un foro di 150 metri di profondità, collegato tramite una pompa solare a un grande serbatoio sospeso, da cui parte una rete di distribuzione idrica. Attualmente questa raggiunge un totale di circa 2’000 persone residenti in cinque villaggi, e l’intento è di estenderla ad altri quattro che contano mille persone circa. “Nella primavera del 2019 – spiega il dottor Vermes – mentre mi trovavo in Casamance ho pensato di mettere in piedi uno studio per valutare l’effetto del progetto sulle diarree. Abbiamo coinvolto tutti i 3’000 abitanti dei 9 villaggi in questione: ogni ménage – sorta di economia domestica – ha ricevuto una scheda su cui segnare durante tre mesi quando qualcuno aveva un attacco di diarrea. A scadenza settimanale un agent de santé passava dalle famiglie a verificare la corretta compilazione dei fogli. Alla fine sono stati raccolti i dati e abbiamo proceduto all’analisi statistica”.

Numeri che invogliano a proseguire

I risultati sono molto incoraggianti. Nei cinque villaggi con accesso all’acqua potabile sono state 4 su 10 le famiglie che hanno presentato uno o più casi di diarrea, mentre nei quattro villaggi dove ancora l’acqua viene attinta dai pozzi sono state 7 su 10 ad averne sofferto. Ancora più marcato è l’effetto sui bambini al di sotto dei 5 anni, nei quali si è riscontrata una riduzione significativa dei casi di ben il 77,1%. “Questi benefici per la salute – commenta l’architetto Tritten – sono un primo indicatore della validità del progetto. Un altro vantaggio osservato è il fatto che i rubinetti installati presso i domicili sgravano dalla mansione del trasporto d’acqua dai pozzi affidata soprattutto a donne, ragazze e bambine. Viene risparmiato molto tempo per altre attività, e le allieve, ci dicono dal posto, sono più presenti a scuola. Alla luce di questi argomenti ci auguriamo di trovare i fondi per il previsto allacciamento degli altri quattro villaggi”.


© Associazione CEU

Difficoltà e gioie di una piccola Ong

Il comune denominatore di tutti gli interventi della Ong luganese è il contributo allo sviluppo socio-economico dell’area con un particolare occhio di riguardo alla salute. I primi progetti della CEU sono stati proprio di tipo sanitario, poi col tempo le attività si sono espanse ad altri ambiti come quello agricolo, scolastico e idrico, sempre però seguendo richieste concrete da parte della popolazione locale, coinvolta attivamente in un’ottica di cooperazione e non assistenziale. “Fino a una decina d’anni fa – spiega Tritten – lavoravamo con un occidentale sul posto, poi abbiamo deciso di cambiare paradigma e far capo alle forze del luogo. Il progetto idrico è nato anche con questa componente di autonomizzazione del partner locale. In corso d’opera però ci siamo resi conto che non era possibile farlo al 100% e ora stiamo ripensando a come implementare questo aspetto. Il problema è che nell’équipe mancano persone con le necessarie competenze di tipo gestionale. Per noi è difficile trovarne perché i giovani laureati senegalesi vanno verso Ong più grandi o agenzie dell’Onu che hanno maggiore disponibilità economica. Bisogna tener conto che l’aiuto allo sviluppo è anche un business e le Ong possono entrare in competizione tra loro. Per noi che siamo una piccola realtà la difficoltà principale è proprio lavorare con le forze che abbiamo a disposizione. Ma andiamo avanti spinti dai risultati concreti e dall’accoglienza piena di gratitudine che ci riserva la gente sul posto, che sono certamente la soddisfazione più grande”.

UNA REGIONE RIGOGLIOSA MA MINATA

La Casamance è un’area geografica verdeggiante nel sud del Senegal situata tra la lingua di terra del Gambia e la Guinea Bissau. Ampie risaie, coltivazioni di verdure, palme da olio, arachidi e anacardi, alberi di manghi e agrumi costituiscono la base dell’agricoltura, attività principale della zona. Molti terreni però sono inagibili poiché disseminati di mine antiuomo. La regione è stata teatro per anni di un conflitto tra il movimento indipendentista locale sorto nel 1982 e il governo centrale di Dakar. Gli scontri sono stati alimentati da forti tensioni tra l’etnia Diola maggioritaria al sud e spesso discriminata, e quella Wolof dominante nel resto nel Paese. Nel tempo si sono alternati episodi di violenza a lunghi periodi di calma. Dopo l’accordo di pace firmato nel 2004, tranne che per qualche sporadico caso, gli attacchi armati sono cessati, ma quella della Casamance resta una questione ancora tutta da risolvere.

Per maggiori informazioni o per contribuire: info@ceu.c; IBAN: CH 39 0900 0000 6900 1146 6

© Associazione CEU
Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved