l-oggetto-della-settimana-e-l-anfibio-inteso-come-calzatura
© da "Skinhead" di Nick Knight, Omnibus Press, 1982
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 gior

Naomi Brunschwig: dal Messico ai gioielli

È cresciuta in un rustico nei boschi della Val Colla. Nei suoi geni è rimasto tutto l’amore per l’oggetto decorativo e per la creazione artigianale
Ticino7
5 gior

La Ficcanaso e quello che non possiamo permetterci

“Oh che belle, ma lei che lavoro fa?”. La cortese signora del negozio parlava delle mie scarpe: eh, certe cose fanno ancora la "differenza"...
GALLERY
Ticino7
5 gior

Clarence, Martin e il capitolo della “Black History”

Ogni anno, il mese dedicato alla storia e al ruolo degli Afroamericani è febbraio. Ma il mio fu a giugno. Era il 2016, a Louisville, in Kentucky.
Ticino7
5 gior

Cosa significa davvero avere una malattia rara

Tra casse malati che non rimborsano i farmaci, sofferenza fisica e mentale, gente che non capisce. Alcune testimonianze
Ticino7
5 gior

Non pensare al Carnevale, non pensare all’elefante

A Bellinzona le fotografie dei vecchi carnevali cercano di lenire il nostro senso di vuoto. Ma che fatica
Ticino7
1 sett

Parchi per bambini: a che gioco giochiamo?

ʻIl gioco sa innalzarsi a vette di bellezza e di santità che la serietà non raggiungeʼ. Per questo progettare spazi stimolanti e originali è fondamentale
Ticino7
1 sett

Jole Agostinetti. Una signora da "palco"

Per decenni è stata nella sala del Gran Consiglio. Ora saluta l’amministrazione cantonale, che non perde solo una segretaria ma un punto di riferimento
Ticino7
1 sett

Le lettere di Clooney e le stanze di ‘Clubhouse’

Chi vive in una relazione di copia lo sa: ogni tanto è meglio laciar perdere. E se hai qualcosa da dire, scrivilo (per il bene di tutti e a futura memoria)
Ticino7
26.01.2021 - 16:160
Aggiornamento : 29.01.2021 - 10:26

L'oggetto della settimana è l'anfibio (inteso come calzatura)

La società che oggi è proprietaria del marchio vuole sbarcare in Borsa. In pratica l'unico luogo in cui ancora non si erano visti i Dr. Martens...

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Sono partiti come scarpe ortopediche pensate in Germania dopo il Secondo conflitto mondiale, sono cresciuti come simbolo del proletariato britannico, poi delle sottoculture giovanili – alcune anche violente e xenofobe; leggasi Naziskin, da non confondere con gli Original Skinheads – e stanno per sbarcare in Borsa. Dalle stalle alle stelle, insomma, visto che oggi si vendono nelle boutique a non meno di due centoni. Sono i classici “Dr. Martens 1460”, di loro parliamo. Lo scarponcino da 8 e più buchi – più alti sono più i richiami al feticismo e al militarismo si rafforzano... – che indossano tutti e che sta bene con tutto, sostiene chi di moda se ne intende. Una storia che ricorda i jeans “501” della Levi’s, con cui i Martens fanno un’accoppiata perfetta, si sa. In origine prodotti dall’inglese R. Griggs & Co. di Wollaston sin dalla prima metà del Novecento, oggi il marchio Martens è di proprietà di Permira, società finanziaria specializzata in private equity e fondi speculativi con un capitale totale impegnato di 44 miliardi di euro. Tanta roba. Insomma, chi li acquista sappia dunque che sta facendo ricco un gruppo multinazionale e che i Martens sono (naturalmente) prodotti nell’Asia più lontana e a costi ridicoli. Con buona pace delle culture musicali alternative e anti-sistema (mod, ska, punk, post-punk, metal ecc.), della difesa dei diritti dei lavoratori, della sostenibilità e del rifiuto all’omologazione globale.
Ah, ricordatevi: già dalla fine degli anni Settanta il colore delle stringhe fa la differenza. Per esempio, meglio evitare quelle bianche (leggasi colore della pelle & razza ariana), a meno di non avere simpatie di estrema destra. Fate voi.


© da "Skinhead" di Nick Knight, Omnibus Press, 1982
Uno skinhead e alcuni mod dividono una panchina nella periferia inglese (1967).


© da "Skinhead" di Nick Knight, Omnibus Press, 1982

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved