sotto-lo-sguardo-vigile-di-selene-alcini
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 ore

I social, la savana e i leoni da tastiera

Il meccanismo è sempre lo stesso: qualcuno la spara grossa e scrive cose che altrove forse mai direbbe. Ma odio chiama odio, e il piatto è servito...
Ticino7
5 ore

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera comune è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore.
Ticino7
1 gior

Piccola storia dei certificati lasciapassare

Vaccinati o non vaccinati, oggi il problema è garantire a tutti la libertà di potersi muovere (non solo per bazzicare una spiaggia). Un tema vecchio come il mondo
Ticino7
2 gior

Tra chiacchiere, chiappe e vaccini

In un compleanno estivo che raduna compagni di scuola o parenti, si parla solo di quello. E solo uno stolto può pensare che il campo non sia minato
Ticino7
2 gior

La cultura (vista da Martina Gamboni)

Gira, visita e racconta il territorio a modo suo. Animo contagioso e aperto, la potete incontrare a 'Cultura a spasso Ticino', una comunità che vive di passioni
Ticino7
2 gior

Nei social il silenzio paga

Non volete alimentare il fuoco dell’odio? Evitate di gettare nuova benzina, semplice
Ticino7
6 gior

La nostalgia canaglia di noi vecchi dentro

Ritorna sempre tutto. Nietzsche e la peperonata, la storia come tragedia e come farsa, Ulisse e Marty McFly
Ticino7
6 gior

Provare a essere città

In anni diversi e senza un Umberto Eco a sdoganarli, i murales hanno fatto più o meno lo stesso percorso dei fumetti
Ticino7
1 sett

Nonsense. Quando il significato va cercato altrove

"Abbasso le mappe con rotte, con tappe, / Con terre color verde scuro! / Ci piace la nostra che solo ci mostra / Un nulla vuotissimo e puro!". Sì, ma lo Squarlo dov'è?
Ticino7
1 sett

Monsieur Hulot e la comicità in punta di piedi

Nel 1971 il signore col cappello in testa e la pipa in bocca faceva la sua ultima apparizione al cinema. E la sua dissacrante ironia diventava immortale
Ticino7
1 sett

Massimo Pedrazzini: di immagini e di obiettivi

Dall'apprendistato a Locarno ai grandi palchi, dai maestri del jazz a Francesco: 40 anni sempre con la macchina pronta, perché la passione non si spegne
Ticino7
1 sett

Se non sono lettere saran cerotti

Le buone parole scaldano il cuore: magari son bugie, ma aiutano a coltivare le illusioni
Ticino7
2 sett

Gli spaghetti spezzati e la pistola sulla pasta

Poco prima della partita Belgio-Italia una conduttrice televisiva ha osato spezzare degli spaghetti per sfidare l’Italia. Ma c'è dell'altro
Ticino7
2 sett

La Ficcanaso, il terrazzo e il batticuore

“No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi”. Chi non ricorda lo slogan dei tempi in cui affidarsi ad un tour operator era pressoché l’unico modo per prenotare una vacanza?
Ticino7
2 sett

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina
Ticino7
2 sett

Un amore ticinese nella lotta dei Saharawi

Storia di una relazione e di un popolo perseguitato e condannato alla cattività nei campi per rifugiati.
Ticino7
3 sett

Oregiefregie Band: live in Mendrisio!

Sono ormai rodati e hanno anche un Nissan verde per stipare strumenti e attrezzatura, oltre a loro stessi. Roba da matti
Ticino7
21.11.2020 - 17:350

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Nata l’11 aprile 1988, a 18 anni conquista il suo agognato diploma di estetista e va a vivere da sola. Una personalità indipendente che sa cosa vuole e come raggiungere gli obiettivi che si prefigge nella vita. Come a 26 anni, quando molla il mondo sbrilluccicoso da estetista e indossa la divisa da agente di custodia in carcere. Ama il suo ʻzoo casalingoʼ (carpe e pesci tropicali compresi), restaura mobili antichi, adora i tatuaggi – il suo corpo è una mappa di storie di vita vissuta – e i piercing. I pizzi & merletti li ha appesi al chiodo, ma l’anima rimane profondamente ‘dark’, tra musica punk, metal, techno e abbigliamento rigorosamente nero. Senza dimenticare che ha posato come modella tatuata, partecipato a videoclip musicali e animato locali discotecari...

Alla voce “alternativo” l’autorevole enciclopedia Treccani dice anche: “Stile di vita che si contrappone polemicamente ai modelli ufficiali, condivisi e dominanti”. Che Selene sia fuori dal mucchio lo si capisce all’istante, non tanto perché è tatuata come se non ci fosse un domani o perché sprizza energia da tutti i pori quando parla di quello che fa e di come lo fa. Dietro all’extension delle ciglia e le unghie – che manco Morticia Addams – c’è una donna decisa e pragmatica. “Ho fatto parte di un mondo un po’ alternativo da quando avevo 14 anni: dallo skatepark ai concerti punk e metal, poi, crescendo, mi sono spostata nel rarefatto mondo new-wave/dark”. La passione per l’estetica è scoppiata prestissimo: “Mia mamma non si truccava mai, non andava dall’estetista, pochissimo dal parrucchiere e non si capacitava di come io, già a tre anni, dicessi che da grande sarei diventata un’estetista. Adoravo i trucchi, i glitter, la moda. Ancora oggi mia mamma si chiede da chi abbia preso”. Quando Selene usciva con il nonno – bimba furba – mirava unicamente a farsi comprare un rossetto, altro che bambole o merendine. “Il bisogno di prendermi cura del mio aspetto perdura ancora oggi. Adoro connettermi con la mia parte femminile. Sono un’esteta in generale”. La sua casa parla di lei: arredamento di color bianco candido che si mischia con tonalità nere e rosse, tutto equilibrato nella sua visione d’insieme e mai pacchiano.

Se bella vuoi apparire…

Prima di cambiare rotta e virare su un altro mestiere, diametralmente opposto al mondo della bellezza, Selene ha lavorato in vari centri estetici. “Non ho cambiato lavoro perché il mondo dell’estetica non mi piacesse più, avevo bisogno di rapporti umani più profondi. È naturale cercare un po’ di leggerezza quando si va dall’estetista, ma dopo 10 anni per me, che ero quella che ascoltava, gli argomenti erano troppo frivoli; temi importanti a tratti ma non fondamentali”. Selene è sempre stata molto socievole ed estroversa, ma c’era qualcosa che le mancava, voleva occuparsi di questioni più intime, vere, umane. “La vita casualmente mi ha fatto scoprire il mestiere dell’agente di custodia e mi si è aperto un mondo”. Per i detenuti è molto importante, oltre alla divisa, avere davanti una persona estroversa e soprattutto empatica: “Spesso per loro non è facile esprimersi visto che vivono in una situazione di isolamento nella quale i contatti con l’esterno sono limitati. L’attitudine dell’agente di custodia è fondamentale, è necessario essere fermi senza mai dimenticare che si lavora con esseri umani”.

A favore dei più deboli

Agente penitenziario donna in un ambiente pieno di uomini, tra colleghi e detenuti, un ambiente in cui può essere utile corazzarsi un po’ , soprattutto se un po’ sensibile. “Mi ricordo che, prima di cominciare a lavorare al carcere giudiziario della Farera, a Cadro, mi chiesero se ero pronta a gestire prevalentemente uomini. Non ho mai fatto differenze nemmeno nella mia vita quotidiana”. Selene non è timorosa ed ha un senso della giustizia molto marcato. “Mi sono sempre indignata davanti alle prevaricazioni e alle ingiustizie… e ogni tanto mi sono messa anche in pericolo per questa propensione nel mettermi dalla parte dei più deboli. I miei amici – e pure mio marito – mi devono tenere per il bavero prima che io mi butti nella mischia per pacificare situazioni apparentemente bellicose”. La paura non è nel vocabolario di Selene, quando si tratta di giustizia. “Sono sempre stata una ragazza appariscente e di conseguenza sono sempre stata pronta al confronto e a difendermi… con la testa e le parole”.

Dal visibile all’invisibile

Il Ticino è uno dei pochi cantoni in Svizzera che ha una scuola interna per formare agenti di custodia. “Dopo questa formazione ho cominciato la scuola federale a Friborgo e lì ho scelto, come lavoro di diploma, la carcerazione delle persone transgender. È un universo che ho sempre frequentato naturalmente. In carcere però ho scoperto che non era così, anzi, che era totalmente tabù, vuoi perché le persone transgender sono poche, vuoi perché non si conosce il tema”. Selene ha scelto questo argomento con lo scopo di creare una sorta di vademecum che possa chiarire quali sono i bisogni di persone transgender in detenzione, e sopra ogni cosa fornire gli strumenti agli agenti di custodia che si relazionano con loro. “Il progetto finale è di tradurlo nelle lingue nazionali e distribuirlo alle varie strutture carcerarie in Svizzera, per colmare un vuoto e finalmente rendere visibili persone invisibili”.

 

© Ti-Press
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved