laRegione
amami-come-si-amano-i-tovaglioli-dell-ikea
© Ikea
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
34 min

Per capire il Kosovo

Il paese che esiste per alcuni, ma non per altri. Dove i ponti diventano muri e la storia non si dimentica
Ticino7
7 ore

La pandemia e le strategie asettiche

La mascherina è fondamentale per proteggersi e proteggere gli altri. In molti, invece, pare si stiano dimenticando delle loro manine
Ticino7
6 gior

This War of Mine: quando i videogiochi entrano a scuola

I 'serious games' possono essere utilizzati per studiare temi importanti come la storia e la guerra. Sta succedendo in Polonia con un gioco davvero originale
Ticino7
6 gior

Erminio Ferrari e il valzer per un amico

Pubblichiamo un racconto dall'ultimo libro del giornalista e scrittore morto in montagna mercoledì scorso: una storia di amicizia, cime, musica e tutto il resto
Ticino7
6 gior

710 Ashbury Street: il ‘gruppo locale’ dei Grateful Dead

Considerati la band psichedelica per definizione, i Grateful Dead sono stati un fenomeno artistico centrale nella storia della controcultura americana.
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, la Ferragni e la seconda gravidanza

La già lunga lista di “cose che dobbiamo imparare da Chiara Ferragni”, si è arricchita, qualche giorno fa, di un nuovo importantissimo capitolo
Ticino7
1 sett

Depilazione: cosa ci dice un pelo

Farlo o non farlo. Per alcune è diventato un dilemma. Per altre una questione di moda, di rivendicazioni e a volte di semplice pigrizia.
Ticino7
1 sett

Sport e disturbi psichici. Ombre accanto al ghiaccio

Negli sport di squadra il tasso di burnout e abuso di alcol tocca il 5% dei giocatori, per ansia e depressione si arriva al 45. E in Ticino?
Ticino7
05.09.2020 - 14:450

Amami come si amano i tovaglioli dell'Ikea

Tornate sempre a casa con una montagna di roba che forse serve-forse non serve proprio? Beh dai, di sicuro ci sarà qualcosa di cui discutere...

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Li ho sbirciati amarsi davanti alla serie LACK, sapendo che sarebbero arrivati alle mani alla sezione piante, sbuffando all’idea di mettersi in casa quell’arbusto verde e contorto con poche foglie (“ma secondo te è vero o finto?”). Li ho visti guadagnarsi il reparto magazzino, quello in cui ogni oggetto è catalogato con un numero e riposto in un corridoio, con sollievo e preoccupazione. Una volta usciti sembrano domandarsi tra gli scatoloni che contengono mondi di BILLY, EKTORP e MALM: cosa faremo? Polpette, hot dog e biscotti allo zenzero prima di arrivare a casa a montare queste gigantesche sorprese dell’uovo Kinder con cui ci si diletta dopo i venti?
Anche a un metro di distanza, l’Ikea è un osservatorio privilegiato delle nostre vite. Andate per fare un giro, senza maschi che vi ricordino lo scopo con cui siete entrati né bambini che si buttino sui letti di quegli angoli idilliaci e ordinati, grandi come il vostro bagno eppure perfettamente attrezzati (“ma allora sono io che non sono abbastanza ordinata? Allora, con quel portascarpe pieghevole a ripiani tutto cambierà? Chi ha bisogno di un’agenzia immobiliare quando ci sono i contenitori a scomparti STUK?”). La condizione ideale, quella in cui nessuno ci disturba, risulta una bomba ad orologeria. Dov’è David Foster Wallace quando serve, vi domandate osservando la coppia che ritiene il tavolino LACK perfettamente intonato allo stile di casa propria, certamente molto più del set LINDVED il quale ha tuttavia il pregio di poter essere collocato anche in balcone. Si fermano, discutono, decidono. Con quella meticolosità che soltanto chi mette su casa per la prima volta e si ama con la tenacia dell’inizio può avere. Voi, entrate per fare un giro, al terzo set avete già fotografato cinque scrivanie ideali per il salotto. Una volta a casa prenderete le misure. E non tornerete mai. Nel frattempo, infilate nel carrello portascarpe, accessori da cucina, teglie da forno. Andare all’Ikea da soli è come andare a fare la spesa affamati. Senza nessuno con cui litigare e battagliare sul “ci serve-non ci serve-fa comodo” siete disorientate, in balia degli espositori e dei pensieri. Tornate a casa con una palette di tovaglioli di carta che raggiunge il costo della scrivania che non siete riuscite a comprare. Di sicuro, a casa, avrete qualcosa di cui discutere.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved