ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 gior

Sportivamente parlando

L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
4 gior

Generazione ‘Aftersun’

Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
4 gior

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
5 gior

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
5 gior

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
1 sett

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
1 sett

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
1 sett

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
1 sett

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
1 sett

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
1 sett

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
2 sett

Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado

C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
Ticino7
2 sett

Disavventure latine. Messico: diari da Oaxaca

Nella città che canta l’amore tra un quarantenne e una ventenne, io stesso finirò intrappolato in quelle parole
Ticino7
2 sett

Loretta Bubola, la parola è ‘cambiamento’

La sua missione: mettersi al servizio degli altri ma, in primis, togliersi di dosso strati che non la fanno esprimere per quella che è la sua essenza
Ticino7
2 sett

Il peggio non è passato, ma è comunque ‘Un sabato italiano’

Nella ‘Roma felliniana’ del 1983 usciva l’italian standard di Sergio Caputo, il ‘Re delle tronche’. Ne approfittiamo per fare un po’ di musica...
Ticino7
2 sett

Che musica ascoltano i ‘vampiri’?

Era il 1983, l’anno dell’Ep ‘4AD’, sei testimonianze dell’evoluzione dei Bauhaus (e una piccola nota su ‘Bela Lugosi’s Dead’, che piaceva tanto a Bowie)
Ticino7
2 sett

Permette un ballo?

La danza giova a muscoli e articolazioni, stimola la circolazione sanguigna, migliora l’equilibrio, previene la depressione. Lo diceva anche David Bowie
Ticino7
2 sett

Di tutto un pop: Ballando con Bowie (40 anni di ‘Let’s Dance’)

Galeotta fu Montreux, galeotti furono i Queen, Nile Rodgers e quell’album che fece del visionario Bowie una popstar mondiale
Ticino7
3 sett

I figli unici e il peso dello ‘stile genitoriale’

Gli psicologi (e non solo loro) s’interrogano da sempre su questa condizione, che le contingenze hanno reso nuovamente d’attualità
Ticino7
3 sett

Avere è bello ma desiderare è meglio

Siamo noi che governiamo i desideri o sono i desideri che ci manipolano a loro piacimento?
Ticino7
3 sett

Incapace di solitudine (l’altro Gianni Brera)

Il narratore, quello de ‘Il corpo della ragassa’, ‘Naso bugiardo’, ‘Il mio vescovo e le animalesse’ e altre storie non calcistiche
Ticino7
3 sett

Mirko Cotti Piccinelli tra Sashimi e community

Social Media Manager per laRegione, sogna di cambiare il nostro cantone, “che a molti dei miei coetanei e non solo – dice – va sempre più stretto”.
Ticino7
3 sett

E ti amo Rino

Rino Gaetano non compare nella lista dei figli unici che hanno fatto la storia, perché fu il fratello di Giuseppe e Anna. Al suo posto c’è una canzone
Ticino7
1 mese

Giallo con roselline. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Maramore non aveva resistito al passo lungo della donna e l’aveva fermata vicino a un bar, le aveva accennato, erano entrati, avevano parlato...”
Ticino7
1 mese

Andreas Gysin e l’arte “cibernetica”

Mentre il nuovo anno è dietro l’angolo, il percorso dell’artista e designer ticinese racconta di un futuro che è già qua (per chi non se n’è accorto)
Ticino7
1 mese

In attesa della Rondine

Vive soprattutto nelle campagne e in Svizzera si stima una popolazione di 100-150mila coppie. Una cifra fortemente diminuita negli ultimi vent’anni
Ticino7
1 mese

Sentitamente ringraziamo. E felice anno nuovo!

“Ciò che ci sta alle spalle e ciò che ci sta di fronte, sono ben poca cosa rispetto a ciò che è dentro di noi” (Ralph W. Emerson, 1803-1882)
Ticino7
1 mese

Buoni propositi per l’anno che verrà?

Come funzionano le abitudini e come poterle cambiare. Evitando di cadere nel tranello delle ‘grandi ed eroiche aspettative’
Ticino7
1 mese

Friedrichstrasse. Sei note berlinesi

“La serenità è ridurre la distanza tra il fuori e il dentro, per esempio tra il fuori e il dentro di noi. La serenità è nel non coprire”
06.06.2020 - 17:30
Aggiornamento: 08.06.2020 - 09:16

La fine del possesso

Gli abbonamenti sono diventati molto popolari e, nel bene e nel male, hanno stravolto la nostra società. Uno schiaffo allo spreco e al consumismo?

di Stefano Castelanelli
la-fine-del-possesso

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Fino a pochi anni fa molti di noi custodivano gelosamente la propria collezione di musica in vinile e cd. Era esposta in bella vista in un qualche angolo illuminato della sala. Poi è arrivato Daniel Ek, un giovane imprenditore svedese che aveva fatto i soldi fin da giovane sviluppando siti web. Appassionato di musica e tecnologia, Ek ha avuto la bella idea di creare una piattaforma web per poter ascoltare la musica online. Insieme a un collega ha lavorato alla sua visione giorno e notte per due anni e nel 2008 è nato il sito di streaming musicale Spotify. La piattaforma permette di ascoltare la musica da qualsiasi dispositivo connesso alla rete. Nel giro di pochi anni, Spotify ha raggiunto un successo planetario e la musica si è spostata nel cloud. Giradischi, cassette e cd sono diventati di colpo obsoleti. Oggi la piattaforma di streaming conta 124 milioni di abbonati e 271 milioni di utenti attivi in 79 Paesi. Nel 2018 Spotify è stata persino quotata in Borsa. Con una valutazione di 30 miliardi di dollari è diventata la quinta azienda tecnologica con la quotazione più alta di sempre. La storia di Spotify dimostra come la subscription economy – che in italiano si può tradurre con economia dell’abbonamento – abbia stravolto la nostra società. Senza che ce ne siamo accorti, siamo passati dalla comunità del consumo a quella dell’abbonamento.

Tutto su misura

Oggi esiste un abbonamento per ogni cosa. Prendiamo i film: in passato per guardare un film o una serie tv dovevamo comprare o affittare un dvd. Oggi invece possiamo comodamente sottoscrivere un abbonamento a un servizio di streaming video come Netflix e avere accesso a un’infinità di film e serie tv. L’ascesa di Netflix non ha solo reso obsoleti i dvd ma ha messo in crisi l’intera industria cinematografica. Le cifre parlano da sole: nel 2019 Netflix ha investito ben 15 miliardi di dollari nella produzione cinematografica. Una cifra che equivale alla metà dei ricavi globali al box office delle 6 major cinematografiche combinate.
Non solo per i prodotti digitali come la musica e i film, anche per i prodotti di uso quotidiano come i vestiti, i cosmetici e il cibo possiamo oggi sottoscrivere un abbonamento e riceverli comodamente a casa. Blacksocks, per esempio, spedisce regolarmente a domicilio anche in Ticino nuovi capi di biancheria intima, camice e t-shirt. Mentre Outfittery e Birchbox possono sorprendere i ticinesi ogni mese con un pacco a sorpresa di vestiti (il primo) e di cosmetici (il secondo) consigliati appositamente per noi da consulenti di shopping. Purtroppo, questi servizi non sono ancora offerti in italiano. Esistono invece diversi siti che offrono abbonamenti per ricevere prodotti alimentari freschi direttamente dai contadini. Per esempio Rustik (con sede a Massagno) offre diversi pacchi in abbonamento che variano dalla verdura, alla frutta, ai formaggi, fino ai salumi e alla carne. Fare shopping non è mai stato così facile, basta sottoscrivere un abbonamento e i prodotti arrivano regolarmente a casa.

Mobili e auto

Ma la subscription economy non si è fermata ai prodotti di uso comune. Ha invaso anche settori dove il possesso è sempre stato molto importante come i mobili o le automobili. Da giugno 2019, per esempio, Ikea offre in Svizzera mobili in affitto; l’offerta riguarda inizialmente solo i clienti commerciali che possono sottoscrivere un abbonamento e ricevere un set di mobili per l’ufficio. In Olanda invece il gigante svedese ha lanciato un progetto pilota per offrire agli studenti un pacchetto di mobili che include letto, scrivania, tavolo e sedie per circa 30 franchi al mese. Dopo una fase pilota Ikea è intenzionata a espandere l’offerta a tutti i 30 paesi in cui è presente. Anche l’azienda di mobili Beliani di Zugo ha introdotto lo scorso agosto in Svizzera un sistema per offrire tutto il suo assortimento di 5’000 mobili in abbonamento. 
Nella mobilità invece gli abbonamenti per i trasporti pubblici hanno una lunga tradizione. L’abbonamento generale è stato introdotto in Svizzera nel lontano 1898. Negli anni Duemila, con l’avvento della mobilità condivisa (shared mobility) l’offerta si è allargata ed è stato possibile avere accesso a un’intera flotta di automobili, biciclette e persino monopattini elettrici in abbonamento. Ma l’offerta è evoluta ancora e oggi è persino possibile affittare un’automobile e non doversi più preoccupare di nient’altro. Varie assicurazioni e case automobilistiche offrono infatti abbonamenti all-inclusive anche in Ticino e, come dice il termine, includono tutto: dall’assicurazione auto, alle tasse e vignetta dell’autostrada, fino ai servizi di manutenzione, cambio gomme e riparazione. I clienti devono solo scegliere l’automobile e guidare.

Da produttori a gestori

La subscription economy è particolarmente adatta ai prodotti informatici. Nell’ambito informatico si parla generalmente di Software as a Service (SaaS) per indicare i programmi informatici che vengono offerti direttamente in rete e non, come un tempo, tramite un cd d’installazione. Oggi, per usare un software si deve sempre più spesso sottoscrivere un abbonamento. Tutte le maggiori aziende sfruttano il modello dell’abbonamento: dal pacchetto Office di Microsoft ai programmi grafici di Adobe, fino al cloud computing di Amazon o al programma per la gestione dei clienti Salesforce, che è stato il primo nel lontano 1999 a introdurre il concetto del SaaS. Come detto, la subscription economy non si limita ai prodotti digitali, ma ha invaso anche l’economia dei prodotti fisici. Così, analogamente al Software as a Service, da alcuni anni si è fatto largo il concetto di Everything as a Service (XaaS). E per Everything si intende ogni prodotto finito, dai macchinari industriali agli apparecchi agricoli, fino ai veicoli commerciali. Le aziende si stanno trasformando da produttori di beni a gestori di prodotti che vengono dati in affitto a terzi tramite un abbonamento.

Il segreto del successo

L’abbonamento non è di per sé una novità. Già nel lontano 1500 in Europa i produttori di mappe avevano introdotto la possibilità di sottoscrivere un abbonamento per riceverne regolarmente una versione aggiornata che includeva sempre nuovi territori conquistati. Oggi però, come dimostrano tutti gli esempi precedenti, gli abbonamenti sono presenti in ogni settore e non si limitano ai prodotti digitali come musica, film e software ma includono anche una grande varietà di prodotti finiti. Ma qual è il segreto di questo grande successo?
La popolarità della subscription economy è dovuta principalmente a un cambiamento dei consumatori. Se in passato lo status di una persona era definito da ciò che possedeva, oggi è diverso. Il possesso ha perso il fascino che deteneva in passato a causa dei costi iniziali elevati, dei problemi di manutenzione e della frustrazione della perdita di valore dei prodotti. I consumatori non sono più interessati a ostentare ciò che posseggono, ma preferiscono fare esperienze uniche. Soprattutto i giovani, ma anche un numero crescente di adulti crede che lo status di una persona sia definito da ciò che uno fa, non da ciò che uno possiede. Inoltre, coccolati dalla praticità dello shopping online e alla costante ricerca di nuove esperienze da condividere sui social media, oggi i consumatori pretendono un’esperienza di shopping comoda e stimolante. E gli abbonamenti – con la loro selezione di prodotti predefiniti, curati o a sorpresa – possono soddisfare questa nuova domanda. Oltre al cambiamento dei consumatori, l’abbonamento nasconde anche dei vantaggi pratici ed economici sia per i consumatori sia per le aziende. Queste ultime possono garantire ai clienti l’accesso a tutti i prodotti, e inoltre hanno la possibilità di spalmare gli investimenti su un arco temporale più lungo e avvalersi di maggiori economie di scala, a tutto vantaggio dei margini di profitto.

Soluzione (quasi) perfetta

La subscription economy sembra quindi essere la soluzione perfetta che rende tutti felici. Ma è davvero così? A prima vista il modello dell’abbonamento sembrerebbe anche diminuire l’impatto ambientale e promuovere l’economia circolare, poiché favorisce l’accesso ai prodotti rispetto al possesso. In questo modo, i prodotti vengono usati di più, si diminuisce la montagna di beni inutili che ognuno di noi possiede, e le aziende possono più facilmente introdurre sistemi di riciclo dei materiali. Ma come per ogni cosa c’è sempre l’altro lato della medaglia. Se ti siedi a un tavolo per cena e hai pagato per un menu all-you-can-eat (a volontà), tendi a mangiare molto di più solo perché vuoi sfruttare i soldi spesi. E lo stesso vale per i consumatori che sono spinti a consumare di più solo perché hanno già pagato per il prodotto. Più consumo, più inquinamento. Quindi, va bene sottoscrivere abbonamenti, ma dobbiamo cercare di consumare solo i prodotti e servizi che ci interessano veramente per limitare il nostro impatto ambientale.

CHE COS'È LA SUBSCRIPTION ECONOMY

Il termine abbonamento (in inglese subscription) indica un accordo tra l’azienda e il cliente per l’acquisto ricorrente di beni o servizi. Pertanto, la subscription economy (economia dell’abbonamento) indica il consumo di beni e servizi in abbonamento, che oggi includono i prodotti digitali (musica, film, software), i prodotti dell’informazione (giornali, riviste) e i prodotti finiti (cibo, vestiti, automobili, mobili, attrezzature da lavoro). Secondo uno studio dell’Università di San Gallo esistono tre modelli di abbonamento con una crescente sorpresa per i clienti: 
abbonamenti predefiniti che spediscono articoli scelti dai consumatori; 
abbonamenti curati che spediscono prodotti di una determinata categoria selezionati in base alle preferenze
dei consumatori;
abbonamenti a sorpresa che spediscono pacchi con contenuti che non sono stati scelti dai consumatori.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved